Canto della Notte dei Navajo 3
in Maestri e insegnamenti Spirito

Canto della Notte dei Navajo

Il “canto della notte” Navajo, con la sua cosmogonia, affascina a causa degli elementi simbolici e dei pregi artistici presenti nei suoi versi. Scopo della preghiera è la creazione rinnovata del concetto di salute, armonia e bellezza. Il termine Navajo “Hózhó”, di solito tradotto letteralmente come “bellezza”, significa molto di più: benedizione, realizzazione, appagamento, felicità. In una parola, insomma, significa tutto ciò che è bello, buono e ciò che è bene; anche il fatto di essere conglobato all’interno di un universo intatto.

PREGHIERA AL DIO DEI GUFI
Gufo!
Un sacrificio ho pronto per te.
Fumo per te faccio salire.
Ai miei piedi dai nuova forza.
Alle mie gambe dai nuova forza.
Al mio corpo dai nuova forza.
Al mio spirito dai nuova forza.
Alla mia voce dai nuova forza.
Allontana oggi da me il tuo incantesimo.
Te lo sei portato via,
lontano da qui.
E di nuovo sono guarito.
Di nuovo il mio spirito è puro.
Col mio spirito purificato potrò andare avanti.
Col mio spirito purificato potrò camminare.
E vagherò, senza più lamentarmi.
Senza dolore potrò proseguire.
Libero e leggero potrò muovere i miei passi.
Col cuore pieno di vita e passione camminerò.
Felice andrò per la mia strada.
Felice invocherò in gran quantità le nuvole nere.
Felice bramerò la pioggia che ristora.
Felice desidererò vedere le piante sbocciare.
Felice agognerò polline in abbondanza.
Felice bramerò l’abbondante rugiada.
Nella bellezza desidero vagare.
Sia la bellezza di fronte a me.
Sia la bellezza dietro di me.
Sia la bellezza sotto di me.
Sia la bellezza sopra di me.
Che la bellezza possa io vedere tutt’intorno, sul mio cammino.
Nella bellezza tutto si compie.
Nella bellezza tutto si compie.

Dal Canto della Notte dei Navajo

I Navajo o Diné (lett. Uomini), come loro stessi si autodefiniscono, appartengono linguisticamente alla famiglia degli Atapaschi. Originariamente erano stanziati nelle regioni settentrionali del Nord America, dove conducevano vita nomade. A poco a poco si spostarono nelle regioni del sud-ovest, dove ancora oggi vivono, nella più grande riserva di tutti gli Stati Uniti, estesa in una zona che abbraccia parte dell’Arizona, del Nuovo Messico e dell’Utah. Dagli indiani Pueblo i Navajo hanno appreso l’arte della tessitura dei tappeti, mentre dagli spagnoli hanno imparato a forgiare l’argento.
Da sempre, lo scopo primo della loro religione è quello di entrare in perfetta sintonia con l’universo e le potenze sovrannaturali. Ogni malattia deve essere interpretata come un simbolo distruttore, che spezza l’armonia. Tutte le manifestazioni di fenomeni che riguardano il corpo e lo spirito, al contrario, sono indistruttibili. La convinzione fondamentale della filosofia dei Navajo è il fatto che i pensieri e le parole influenzano molto sensibilmente il contesto fisico. In definitiva, secondo loro gli dei hanno dato vita al mondo attraverso il pensiero e le canzoni.
Nelle regioni aride e semidesertiche del sud-ovest, la pioggia è vista come un grande tesoro. Il polline (soprattutto del mais) trova grande impiego nei riti delle cerimonie Navajo, perché significa simbolicamente pace, prosperità, forza generatrice e dispensatrice di vita. La formula finale di una preghiera: “Nella bellezza tutto si compie” corrisponde all’“Amen” cristiano.

Letture per approfondire:

 

 

 

Redazione

Summary
Canto della Notte dei Navajo
Article Name
Canto della Notte dei Navajo
Description
Il "canto della notte" Navajo, con la sua cosmogonia, affascina a causa degli elementi simbolici e dei pregi artistici presenti nei suoi versi. Scopo della preghiera è la creazione rinnovata del concetto di salute, armonia e bellezza. Il termine Navajo "Hózhó", di solito tradotto letteralmente ...
Author
Publisher Name
Edizioni il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

Il viaggio di Maui sulla Terra

Esercizio di meditazione per superare un lutto

Preghiera per l’Amore di don Miguel Ruiz

L’amore incondizionato per noi stessi | don Miguel Ruiz Jr.

L’uomo che non credeva nell’amore, di don Miguel Ruiz

Lo Zodiaco: il Leone

Annamalai Swami: tutta la felicità viene dal Sé

Sai Baba, il santo di Shirdi

I cinque livelli dell’attaccamento – recensione su La mente mente

Ecco i vincitori del giveaway del Calendario pellerossa 2015

Koan zen: la cultura interiore di Ta-t’zu

Come attrarre la fortuna: la numerologia e il numero dell’Io

Tao Te Ching – capitolo I

Lo Zodiaco: i Pesci

Gli obiettivi dell’io

La pratica della meditazione e la rivoluzione della coscienza

La meditazione della gentilezza amorevole (Metta bhavana)

I chakra e i tre livelli di guarigione dell’uomo

Conversazioni con Ramana Maharshi, dal diario di Annamalai Swami

Lo Zodiaco: il Cancro

Intervista a don Miguel Ruiz e a don José Ruiz

Numerologia: i numeri come chiavi del Codice dell’Anima

Il potere vibratorio della voce

Aiutare le anime ad andare verso la luce

Tantra yoga: sessualità e liberazione

Videointervista a Gloria Germani, autrice di Tiziano Terzani: la forza della verità

Le esperienze di premorte

Durgā: l’invincibile distruttrice dei demoni

Parole magiche per isolare e fermare la negatività

Una leggenda pellerossa

Esercizio di consapevolezza con don Miguel Ruiz

Il libro della vita di Jiddu Krishnamurti

La via – Racconto zen

Racconto: La brama del monaco che divenne un pidocchio

Che cos’è la felicità?

Il sentiero dell’amore, il sentiero della paura

Il monaco che voleva solamente contemplare Buddha

Ananda Moyi Ma

Wallpaper: il reale non può essere distrutto

Tiziano Terzani: la forza della verità – Presentazione

Nisargadatta Maharaj: l’illuminazione non esiste

Lo Zodiaco: lo Scorpione

Sii ciò che sei, Ramana Maharshi – 1988 | 30 anni di Edizioni Il Punto d’Incontro

Il bambino e il mago – recensione su La mente mente

Lo Zodiaco: l’Acquario

Non siamo nati per soffrire

Tecniche di visualizzazione: proteggersi dalle energie negative

Preghiera della vecchiaia – Wintu

Don Miguel Ruiz: preghiera per la Verità

Lo Zodiaco: il Toro

Il cuore dell’universo – meditazione

La profondità e bellezza della Ribhu Gita

Trasformare le esperienze in saggezza | La via del guerriero di pace

Don Miguel Ruiz: video della conferenza stampa a Milano 7/10/2012

L’amore in 10 frasi

La libertà personale

Il sesto senso

Fai sempre del tuo meglio | don Miguel Ruiz

Sai che gli alberi parlano? 1992 | 30 anni di Edizioni il Punto d’Incontro

Se il fallimento fosse una possibilità? | Pema Chödrön

Giveaway: Calendario pellerossa 2015

Lo Zodiaco: i Gemelli

Ebooklife.it: l’energia che fluisce libera porta armonia

Perché si festeggia la Pasqua?

I cinque livelli dell’attaccamento, Don Miguel Ruiz Jr

I tarocchi: significato psicologico dell’Amante, arcano VI

Quando i defunti si manifestano

Il significato del Solstizio d’Inverno

Messaggio per tutto il mondo…

Il saggio e la morte

Camminare verso la Pace

I pensieri sono amici

Karma e reincarnazione

Lo Zodiaco: il Sagittario

Esiste la vita dopo la morte?

I poteri dell’Arcangelo Gabriel e la sua invocazione

Lo Zodiaco: l’Ariete

Don Miguel Ruiz: la mia vita è una preghiera continua

La meditazione – Racconto indiano

Felicità – Racconto sufi

I simboli di guarigione di Serge Kahili

Cos’è la meditazione trascendentale?

Don Miguel Ruiz – L’umanità è malata

Giveaway: Amare ciò che è

Scienza e meditazione

Lo Zodiaco: la Vergine

Capodanno cinese 2018: l’anno del Cane

Le erbe purificanti degli Indiani d’America

Prima della coscienza, Nisargadatta Maharaji | 30 anni con Edizioni Il Punto d’Incontro

Lasciar cadere le maschere

Lascia che ogni rapporto si sviluppi nel suo modo unico

La mente limpida è come l’acqua | Byron Katie

Tiziano Terzani, un saggio dei nostri tempi

Lo Zodiaco: la Bilancia

Amare ciò che è

Il sesso illuminato: respirare l’energia sessuale in un cerchio completo

I defunti, anime amorevoli che non ci lasciano mai

Conosci te stesso con i segreti dei tarocchi

I 36 stratagemmi

Ecco i vincitori del giveaway di Amare ciò che è

Apri il tuo scrigno

Il ritorno del guerriero di pace di Dan Millman

La mia vita con i maestri himalayani, di Swami Rama

La padronanza dell’amore

L’amore è l’opposto della paura

Tao Te Ching: il libro della Via

Lo Zodiaco: il Capricorno

Capodanno cinese 2017: l’anno del Gallo

Storia zen: nessun attaccamento alla polvere

Tiziano Terzani e “il trucco della candela”: la meditazione come via di conoscenza e di vera libertà

Racconto: un monaco riconosce l’illusione della vita

Storia di Pasqua

Fantasmi

L’addomesticamento secondo don Miguel Ruiz

La saggezza dimenticata dei “nonni”

La Bhagavad Gita: un tesoro che trascende il tempo e lo spazio

I cinque livelli dell’attaccamento – recensione su Nuove pagine

Intervista a Don Miguel Ruiz: “L’arte tolteca della vita e della morte”

Come l’ape ebbe il suo pungiglione (leggenda Cherokee)

Lo sciamano: guida e guaritore | Nicolás Pauccar Calcina

La Grazia del Guru 1986-2016 | 30 anni di Edizioni Il Punto d’Incontro

La nostra destinazione è qui e ora

Con gli occhi dell’amore, trovi il rapporto perfetto

Che tipo di messaggero sei?

Abbiamo menti complesse | Dialogo con Jiddu Krishnamurti

Loading Facebook Comments ...

1 Commenti

  1. Preghiera agli animali morti e ai ruscelli | Les Miroirs

    […] agli elementi naturali della mia vita, ispirandomi al Canto della Notte dei Navajo. Qui il Canto. Qui la mia invocazione pubblicata nella stanza di […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.