Il perfezionismo: dal desiderio di far bene all’ossessione 0
in Psiche ed emozioni

Il perfezionismo: dal desiderio di far bene all’ossessione

“La perfezione non è di questo mondo”, si usa dire. E allora, esiste? Il perfezionismo viene descritto come “un’eccessiva ricerca della perfezione in ogni cosa”. Il desiderio di non trovare alcun difetto è però di per sé un’astrazione. Il meccanismo diventa ossessivo ed è seguito da critiche rivolte a se stessi e/o agli altri allorché l’ideale non viene raggiunto.

Essere un perfezionista”, comunque, può anche essere una grande dote, quello che ci permette di dare il meglio di noi stessi e di far fruttare al meglio le nostre capacità. Ecco due brevi elenchi per distinguere il perfezionismo sano da quello malsano…

Il perfezionista sano dice: “Voglio il meglio di bene”

  • Sa prendere decisioni importanti e punta a livelli elevati ma precisi.
  • Competente e molto coscienzioso, lavora con metodo, attenzione e prudenza, senza mai lesinare tempo e sforzi.
  • Dato che mira a un risultato visto come massimo, può correre dei rischi. Per questo ha occhio per i dettagli, dedica molto tempo alla ricerca, accumula informazioni e analizza in maniera sistematica le situazioni.
  • Sa mostrarsi creativo, ma è consapevole dei limiti (i suoi e quelli degli altri) e accetta l’idea di “insuccesso”.
  • Cercando di fare meglio, riesce a trarre soddisfazione dai risultati conseguiti, perché il suo realismo gli permette di capire che “la perfezione non è di questo mondo”.
  • È in grado di imparare e di apprezzare gli sforzi compiuti, le capacità, i punti di forza. Così facendo, acquisisce poco a poco fiducia, sicurezza e autostima.
  • Poiché dà valore alla qualità, è apprezzato per il suo rifiuto della mediocrità o per il suo livello di esigenza, il quale riflette attenzione e precisione.

Il perfezionista patologico dice: “Voglio il meglio del meglio”

  • Giacché vuole raggiungere la vetta a ogni costo e rifiuta qualunque posto che non sia il primo, si odia se non primeggia e vive nell’ansia, nella paura, nella mancanza di gioia e di controllo. Stabilisce e persegue obiettivi e ideali rigidi, non realistici o impossibili da raggiungere, con i quali si raffronta e nei quali si identifica.
  • Evita le nuove esperienze: troppi rischi dovuti a un eccessivo numero di possibilità d’errore.
  • Ricerca l’approvazione, vuole piacere, gradisce che ci si interessi a lui; tuttavia, agendo in modalità “tutto o niente”, drammatizza le conseguenze di qualunque errore e vive nella critica o nell’autocritica costante ed eccessiva.
  • Eterno insoddisfatto anche se fa qualcosa di eccellente, reagisce con notevole scetticismo o collera ai complimenti (e non sa farne).
  • Poiché vede gli altri come aggressori, è particolarmente sulla difensiva nei confronti delle critiche.
  • Il suo universo dev’essere senza difetti, pertanto fa un uso eccessivo della parola “dovere”; vuole sempre il meglio ed esige dagli altri lo stesso assoluto impegno. Questo lo rende spesso odioso, perché il suo atteggiamento negativo gli fa vedere solo i difetti, ciò che non va.

Letture per saperne di più:

 

 

 

Summary
Il perfezionismo: dal desiderio di far bene all’ossessione
Article Name
Il perfezionismo: dal desiderio di far bene all’ossessione
Description
"La perfezione non è di questo mondo", si usa dire. E allora, esiste? Il perfezionismo viene descritto come "un’eccessiva ricerca della perfezione in ogni cosa". Il desiderio di non trovare alcun difetto è però di per sé un’astrazione. Il meccanismo diventa ossessivo ed è seguito da critiche ri...
Author
Publisher Name
Edizioni il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

Esercizio di respirazione per armonizzare gli emisferi cerebrali

Attenti ai manipolatori!

Cos’è lo stress e come ridurlo

Perché incontro sempre l’uomo sbagliato?

Dimmi come mangi e ti dirò chi sei

Ecco perché ingrassiamo quando siamo stressati

Insonnia e meditazione

Riconoscere la violenza psicologica

Liberarsi dalle ripetizioni familiari negative

L’adolescenza, un’identità in rivoluzione

I fantasmi di un amore passato

Avere successo in amore: elogio della vulnerabilità

I sogni ci comunicano informazioni preziose

Come funziona l’intuizione

La paura

In ordine di nascita: il primogenito

Scopri chi sei con gli archetipi della tua personalità

Il senso di colpa

Intervista a Nirodh Fortini

Mindfulness per super mamme in cinque minuti

L’ansia e la mente catastrofica

Saper riconoscere le proprie emozioni

Esercizio di sofrologia: dalla contrazione alla decontrazione

Che “emisfero” siamo?

Esercizio pratico di felinità: sorridi!

La forza delle emozioni

L’interpretazione dei sogni

Imparare a dire no

Stress? Impara a coccolarti e ritrova la tua serenità mentale

Come si manifesta la depressione

Divieto di scarico!

Amore e dipendenza affettiva

Control freak: le personalità controllanti

Il segreto delle guarigioni eccezionali

Concentrarsi sul presente: una vera e propria terapia di Mindfulness

I sogni ricorrenti: cosa sono e il loro significato

Come combattere la depressione stagionale

Trasforma otto emozioni letali in emozioni sane – recensione su La mente mente

La mente è il corpo

Come esprimere la collera in maniera costruttiva

Un autosabotatore: il silenzio

Gli autosabotatori

Slow life: apprezzare il cammino, oltre che la meta

Quando ci mettiamo in gabbia da soli…

Simboli dei sogni: LE PARTI DEL CORPO

La mente subconscia e il potere del cambiamento

Le principali piante medicinali per attacchi di panico

La dipendenza affettiva: quando l’amore fa soffrire

L’arte della fusione con l’altro

Il significato psicosomatico delle malattie

Le nostre convinzioni possono guarirci?

Anche l’occhio vuole la sua parte

Simboli dei sogni: LA VITA E LA MORTE

Canto armonico, intervista e video di Roberto Laneri

Esercizio di meditazione per superare un lutto

Viaggi nel tempo: realtà o illusione?

Simboli dei sogni: GLI ANIMALI

San Patrizio: il trifoglio, il verde, il folletto e l’arcobaleno

Innamorarsi sempre delle stesse persone: i copioni inconsci

I pensieri ci fanno ammalare?

Il lutto: perdita ed elaborazione

IL CANTO ARMONICO di ROBERTO LANERI

Loading Facebook Comments ...

1 Commenti

  1. Davide Powercoach Rampoldi

    Mi piace, davvero.
    Ben fatto, begli esempi, molto “caldo”.
    Da coach capita spesso di lavorarci sopra, con risultati sempre molto positivi.

    Ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.