Imparare a dire no 0
in Psiche ed emozioni

Imparare a dire no

“Faccio un’incredibile fatica a dire di no, ho sempre l’impressione che deluderò gli altri, che non mi ameranno più o, peggio, che mi porteranno rancore”.

“Dicendo di no è come se disobbedissi. Soprattutto a mio nonno, che in famiglia dettava legge. D’altra parte, non ho mai sentito mio padre dirgli di no. Stava bene attento ad assecondarlo in ogni circostanza. Io e i miei fratelli ci siamo ben presto accorti che nostro padre era degno figlio di tanto padre”.

“Non so dire di no, dico di sì a tutto, sono un vero e proprio camaleonte che si adatta alle idee e alle opinioni altrui. Questa cosa mi sta bene. Così facendo, non sono costretto a coinvolgermi personalmente”. Questa persona non si coinvolge e, in questo modo, non afferma le sue differenze e le sue ricchezze. Corre pertanto il rischio di non venire riconosciuta per quello che è: un essere unico!

“Non rifiuto niente. Accetto tutti gli inviti e tutte le proposte che mi sono rivolte. Non si sa mai, che un giorno non incontri l’uomo della mia vita! Non voglio correre il rischio di non incontrare colui che mi aspetta, che aspetta solo me! Sono sicura che è da qualche parte, che è vicinissimo. Se rifiuto di uscire, di farmi invitare, rischio di lasciarmelo sfuggire! Sì, il prezzo da pagare qualche volta è alto. Dato che non so dire di no, spesso vengo sfruttata o addirittura subisco abusi. Ma non riesco a non ricominciare, non si sa mai che…”.

Molte persone si dolgono del fatto di non sapersi affermare, di non saper dire di no e di tutte le conseguenze negative che ciò comporta nella loro vita. Chi è vittima di questa problematica, solitamente, è invischiato in un circolo vizioso imperniato su tre chiavi: dubbio, paura e senso di colpa. Sono autorizzato a pretendere o a rifiutare quella cosa? Se mi oppongo, non rischio forse di ferire questa persona e di perderne l’amicizia? Che egoista sarei, se non tenessi conto delle richieste altrui!
Questo mimetismo viene in apparenza vissuto come non problematico o persino come un modo per agevolare le relazioni. Tuttavia, a lungo andare si rivela sterile sia per chi lo mette in pratica sia per chi lo riceve: la realtà è che non si può non dire mai di no. Ad un certo punto, bisognerà pur stabilire dei limiti. Nel frattempo, infatti, se non diciamo di no agli altri, diciamo di no a noi stessi, al rispetto verso la nostra persona, verso i nostri bisogni, i nostri desideri, i nostri limiti.

Osando dire di no, ho imparato a dire dei veri sì

Questa frase si può scrivere, leggere e affermare anche nell’altro senso: ho imparato a dire dei veri sì osando dire di no. Imparando a dire no, i nostri sì diventeranno ancora più preziosi: saranno finalmente dei veri sì!

Letture per saperne di più:

 

 

 

 

 

 

 

Disponibili anche in EBOOK! Affermare se stessi e osare dire no, I segreti dell’autostima, L’arte di dare e di ricevere

Redazione

Summary
Imparare a dire no
Article Name
Imparare a dire no
Description
"Faccio un’incredibile fatica a dire di no, ho sempre l’impressione che deluderò gli altri, che non mi ameranno più o, peggio, che mi porteranno rancore". "Dicendo di no è come se disobbedissi. Soprattutto a mio nonno, che in famiglia dettava legge. D’altra parte, non ho mai sentito mio padre di...
Author
Publisher Name
Edizioni il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

La mente subconscia e il potere del cambiamento

La dipendenza affettiva: quando l’amore fa soffrire

Esercizio pratico di felinità: sorridi!

Come combattere la depressione stagionale

In ordine di nascita: il primogenito

Stress? Impara a coccolarti e ritrova la tua serenità mentale

Ecco perché ingrassiamo quando siamo stressati

Saper riconoscere le proprie emozioni

Insonnia e meditazione

Intervista a Nirodh Fortini

Viaggi nel tempo: realtà o illusione?

Perché incontro sempre l’uomo sbagliato?

Il Toxoplasma, parassita che influenza il comportamento di uomini e topi

Simboli dei sogni: LE PARTI DEL CORPO

La mente è il corpo

Le nostre convinzioni possono guarirci?

La forza delle emozioni

L’arte della fusione con l’altro

Il significato psicosomatico delle malattie

Le principali piante medicinali per attacchi di panico

Liberarsi dalle ripetizioni familiari negative

Mindfulness in famiglia: meno crisi e più serenità!

L’adolescenza, un’identità in rivoluzione

Control freak: le personalità controllanti

Divieto di scarico!

Trasforma otto emozioni letali in emozioni sane – recensione su La mente mente

I sogni ricorrenti: cosa sono e il loro significato

Il senso di colpa

Esercizio di sofrologia: dalla contrazione alla decontrazione

Gli autosabotatori

IL CANTO ARMONICO di ROBERTO LANERI

Simboli dei sogni: LA VITA E LA MORTE

Che “emisfero” siamo?

Esercizio di meditazione per superare un lutto

Slow life: apprezzare il cammino, oltre che la meta

Innamorarsi sempre delle stesse persone: i copioni inconsci

Esercizio di respirazione per armonizzare gli emisferi cerebrali

Il segreto delle guarigioni eccezionali

Un autosabotatore: il silenzio

Dimmi come mangi e ti dirò chi sei

Anche l’occhio vuole la sua parte

Simboli dei sogni: GLI ANIMALI

Quando ci mettiamo in gabbia da soli…

Scopri chi sei con gli archetipi della tua personalità

L’ansia e la mente catastrofica

San Patrizio: il trifoglio, il verde, il folletto e l’arcobaleno

Come esprimere la collera in maniera costruttiva

Attenti ai manipolatori!

I pensieri ci fanno ammalare?

L’interpretazione dei sogni

Riconoscere la violenza psicologica

Amore e dipendenza affettiva

Avere successo in amore: elogio della vulnerabilità

Canto armonico, intervista e video di Roberto Laneri

I sogni ci comunicano informazioni preziose

Concentrarsi sul presente: una vera e propria terapia di Mindfulness

Come si manifesta la depressione

Come funziona l’intuizione

La paura

Cos’è lo stress e come ridurlo

I fantasmi di un amore passato

Il perfezionismo: dal desiderio di far bene all’ossessione

Il lutto: perdita ed elaborazione

Mindfulness per super mamme in cinque minuti

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.