Le punture d’insetto

Le punture d’insetto

Con l’estate non arrivano solo le belle giornate e le vacanze… il caldo e l’umidità portano spesso alla proliferazione di insetti e parassiti di ogni tipo, dalle fastidiose zanzare, alle temute zecche. Vediamo allora qualche rimedio naturale per allontanare questi fastidiosi ospiti e lenire i fastidiosi effetti delle loro punture…


Repellente per insetti

L’olio di menta è utilizzato fin dall’antichità per allontanare insetti e animali molesti. È attivo contro mosche, zanzare, moscerini, blatte, scarafaggi, formiche e altri. Diffuso nell’ambiente o spruzzato sulle superfici si dimostra superiore ai consueti insetticidi, ha un delizioso aroma e non contiene sostanze pericolose per la salute. Per preparare uno spray insetticida basta riempire un flacone munito di erogatore spray con 90% acqua, 8% alcool e 2% di olio essenziale. Altri oli essenziali insetto repellenti sono basilico, citronella, eucalipto, geranio (è possibile anche versare alcune gocce di olio essenziale direttamente sui vestiti, ma attenzione alle macchie, applicare sulla parte interna!).

Centopiedi, forfecchie e pesciolini d’argento. Questi insetti possono essere dissuasi collocando alcune gocce di olio essenziale di menta piperita, gaultheria, eucalipto o citronella nelle zone dove si accumula umidità, ad esempio scantinati umidi, garage e armadietti che racchiudono tubature.
Formiche. Le formiche verranno scoraggiate se passerete sui mobili della cucina una spugna umida con sei, otto gocce di olio essenziale di menta piperita o di citronella. Versate inoltre dalle tre alle cinque gocce degli stessi oli essenziali sui davanzali, sulle fessure delle porte, sul punto di contatto tra muro e ripiani da lavoro e negli angoli del mobile sotto il lavello.
Scarafaggi. Purtroppo gli scarafaggi sono molto tenaci. È possibile spargere una miscela di zucchero e borace nei punti oscuri, laddove gli scarafaggi amano rintanarsi. Tuttavia questo metodo non è consigliabile se avete bambini piccoli o animali domestici. È preferibile rivolgersi a un disinfestatore.

Punture d’insetto

Moltissimi sono gli insetti che possono rivelarsi fastidiosi o pericolosi per l’uomo: imenotteri (api, vespe, calabroni, formiche), aracnidi (ragni, scorpioni, scolopendre, zecche e acari), ditteri (zanzare e mosche), sinofatteri (pulci), phthiraptera (pidocchi). Una puntura o morsicatura di insetti provoca dolore, prurito, arrossamento e gonfiore della zona di penetrazione del veleno. Infine non deve essere sottovalutato il rischio di infezione alla pelle, spesso provocato dal grattamento. Come comportarsi in presenza di una morsicatura o puntura di insetto:

• Se è presente il pungiglione deve essere estratto con attenzione, preferibilmente con delle pinzette.
• In caso di morso di zecca, non staccarle a forza perché il rostro dell’insetto, spezzandosi, rimarrebbe nei tessuti e potrebbe provocare infezioni. Applicare sulla zecca alcune gocce di olio essenziale di Timo che ne provocherà il distacco.
• Lavare la zona coinvolta e disinfettarla con alcune gocce di olio essenziale di lavanda spica o albero del tè.
• Applicare una compressa con acqua fredda in cui siano state diluite alcune gocce di olio essenziale di lavanda spica per rallentare l’assorbimento del veleno ed alleviare il dolore.
• Il prurito e la reazione infiammatoria possono essere controllati con l’applicazione di oli vegetali (jojoba, calophylla, calendula), gel di aloe o burro di karitè, arricchiti con oli essenziali di copaiba e lavanda spica.

Letture per approfondire:

0 comments

Leave your reply

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Related Posts