Apprezzare la solitudine 0
in Mente Vita di coppia

Apprezzare la solitudine

Per stare meglio con il partner bisogna imparare a… stare meglio da soli! Questo è sicuramente un elemento chiave alla base di una relazione equilibrata che spesso viene sottovalutato.

La solitudine, infatti, dovrebbe rappresentare un momento privilegiato in cui si può stare bene con se stessi e non uno stato da cui fuggire. Le persone che trovano difficoltà a stare sole spesso vivono problemi anche all’interno del rapporto di coppia, ed è solo imparando a stare sole con se stesse che riescono a risolvere questo malessere, poiché star bene con se stessi è essenziale per la felicità della coppia.
Molti trovano che il tempo non passi mai, quando non sono in compagnia della persona amata. In assenza di quest’ultima, non hanno imparato a trovare la vita divertente. È una grande lacuna! Scoprendo il piacere di stare soli, possiamo trasformare completamente la nostra vita amorosa: la capacità di essere felici in ogni momento della propria esistenza apre la porta a un notevole rinnovamento della vita emotiva.
Il partner non deve costituire il canale attraverso il quale passa il nostro apprezzamento dell’esistenza. Al contrario, se ognuno è appagato di sé, allora entrambi i partner hanno veramente qualcosa da dare all’altro. È solo a partire da questo momento che può emergere ciò che si potrebbe chiamare uno scambio vero.
Per non far dipendere la nostra felicità dalla persona che amiamo, dobbiamo evitare l’inattività. Del resto, le persone più felici sono spesso quelle che fanno sempre in modo di avere qualcosa di interessante da fare: un buon libro a portata di mano, una mostra da visitare, una email da scrivere, ecc. Il problema dell’inattività è che, a lungo andare, determina una forte insoddisfazione che sottrae energia alla coppia. Ne risulta un rapporto instabile e fragile. Come uscirne? Il principio è semplice: più la nostra vita personale è ricca, più si arricchirà anche la nostra vita di coppia.
Se smettete di evolvere, renderete la vostra relazione stagnante. Le persone che non si entusiasmano per nulla fanno presto a diventare noiose per il partner. Tutto si comunica, l’apatia come l’entusiasmo, e dobbiamo chiederci quale atmosfera abbiamo voglia di vivere in due.
Dobbiamo smettere di considerare la coppia come l’unica entità in grado di procurarci soddisfazione. L’atteggiamento giusto è quello opposto: tocca a noi nutrire la coppia. Se le due persone che la costituiscono riescono ad applicare questo principio, formeranno insieme un’entità salda ed equilibrata.

Letture per approfondire:

 

 

 

Dire basta alla dipendenza affettiva è disponibile anche in EBOOK!

 

Summary
Apprezzare la solitudine
Article Name
Apprezzare la solitudine
Description
Per stare meglio con il partner bisogna imparare a… stare meglio da soli! Questo è sicuramente un elemento chiave alla base di una relazione equilibrata che spesso viene sottovalutato. La solitudine, infatti, dovrebbe rappresentare un momento privilegiato in cui si può stare bene con se stessi e no...
Author
Publisher Name
Edizioni il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

L’amore fa soffrire?

A(mare) senza naufragare

Con gli occhi dell’amore, trovi il rapporto perfetto

Come ravvivare il fuoco della passione

30 anni con Edizioni Il Punto d’Incontro

Mollo tutto e vado all’estero: intervista a Francesco Narmenni

L’arte della fusione con l’altro

Giveaway: Pronto soccorso cinematografico per cuori infranti

Accettarsi l’un l’altro, il segreto di un solido rapporto di coppia

Ecco i vincitori del giveaway di Pronto soccorso cinematografico per cuori infranti

Il manifesto dell’abbondanza di Joe Vitale

Che cos’è la mindfulness?

Il sesso e gli odori

Fine di una relazione: la rabbia

Affascinanti si nasce o si diventa?

I sogni ricorrenti: cosa sono e il loro significato

La comunicazione uomo-donna

Sesso, desiderio e alimentazione: 6 stimolanti naturali

Cenerentola (favola moderna)

Il rilassamento del corpo parte dal viso

La coppia che scoppia

Innamorarsi sempre delle stesse persone: i copioni inconsci

Come far durare un amore nel tempo

Isopraxismo: il collante della coppia

Gli archetipi descrivono chi sei

Scarpe che parlano

Siete allodole o gufi?

Uomini e donne non collimano…?

La dipendenza affettiva: quando l’amore fa soffrire

L’uomo che non credeva nell’amore, di don Miguel Ruiz

Il corpo e l’arte della seduzione

Amore e dipendenza affettiva

La forza delle emozioni

L’interazione cervello-intestino: cosa dicono le più recenti ricerche

Lo spazio interpersonale e la seduzione

Il passo fondamentale: l’intenzione

Il viso e l’arte della seduzione

Esercizio pratico di felinità: sorridi!

Uomini ir(resistibili)

Cambio vita: mi trasferisco all’estero!

Gli abiti e l’arte della seduzione

Il cibo dell’amore: alimenti afrodisiaci

Slow life: apprezzare il cammino, oltre che la meta

La comunicazione, il cemento della coppia

Fame emotiva: riconoscerla vuol dire evitarla

Fare pace con il passato

La fisica del successo, di Natalie Reid

Cos’è lo stress e come ridurlo

Perché incontro sempre l’uomo sbagliato?

Le principali piante medicinali per attacchi di panico

Vivere relazioni sane

Il narcisista: se lo conosci, lo eviti

Mindfulness per super mamme in cinque minuti

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.