Fine di una relazione: la rabbia 0
in Mente Vita di coppia

Fine di una relazione: la rabbia

Cosa porta la fine di una relazione? Tristezza, sconforto, dubbi, ma anche rabbia. Una donna lasciata non può fare a meno di provare rabbia. Ci sarà quella che prima entrerà in uno stato di apatia e solo dopo un po’ ne uscirà per iniziare a provare rabbia. Ci sarà, invece, quella che partirà subito con la rabbia, senza passare prima dall’apatia.

Provare rabbia, comunque, è un passaggio forzato! O in un secondo momento o da subito, questo sentimento nascerà in qualsiasi creatura femminile abbandonata dal proprio compagno. Cosa fare con questa emozione? Ci sono diverse scuole di pensiero terapeutiche a proposito. C’è chi suggerisce di controllarla, chi propone di combatterla e chi consiglia di rimpiazzarla con il perdono.
La rabbia è un impulso biologico insopprimibile. Fa parte dell’istinto di conservazione. Protegge chi la prova, per evitare che ricada in una sofferenza o in un pericolo già vissuti. In altre parole, una volta che è nata, cercare di bloccarla, combatterla o sostituirla col perdono non è sano. Bisogna soltanto sfogarla, buttarla fuori.
Esistono alcuni esercizi che permettono al tuo organismo di sputare fuori la rabbia senza usare modalità distruttive, senza farti diventare un’assassina o un soggetto socialmente pericoloso. Puoi fare tutto da sola. Devi solo trovare i posti adatti, ritagliarti dei momenti e lasciarti veramente andare, senza alcuna paura o censura. Ecco un suggerimento: la lettera che nessuno vorrebbe ricevere.
Scrivi una lettera in cui dici al tuo ex tutto quello che pensi. Traduci senza censure il tuo pensiero in parole. Digli:

  • cos’è per te;
  • cosa non è stato capace di darti;
  • tutti i suoi difetti;
  • cosa speri che gli succeda;
  • cosa ha perso lasciandoti;
  • le brutte cose che hai fatto o detto alle sue spalle;
  • tutte le bugie che gli hai detto.

Imbusta la lettera e completa il tutto segnando il suo indirizzo. Poi decidi cosa farne. Potresti:

  • imbucarla subito;
  • immaginare soltanto di leggerla al tuo ex;
  • decidere di tenerla in un cassetto, pronta per essere spedita non appena ne senti il bisogno;
  • bruciarla, immaginando che con essa vada in fumo anche il tuo risentimento;
  • andare sopra una montagna, stracciarla in tanti pezzettini e lasciare che il vento se li porti via.

Appena praticherai una qualsiasi di queste opzioni, ti sentirai subito più leggera. Appurato che la rabbia va fatta uscire, è altrettanto importante che esca il prima possibile. Non c’è tempo da perdere! Più resta dentro e più rischia di produrre “guasti” fisici, psichici e relazionali.

Letture per approfondire:

Summary
Fine di una relazione: la rabbia
Article Name
Fine di una relazione: la rabbia
Description
Cosa porta la fine di una relazione? Tristezza, sconforto, dubbi, ma anche rabbia. Una donna lasciata non può fare a meno di provare rabbia. Ci sarà quella che prima entrerà in uno stato di apatia e solo dopo un po’ ne uscirà per iniziare a provare rabbia. Ci sarà, invece, quella che partirà subito...
Author
Publisher Name
Edizioni il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

Il passo fondamentale: l’intenzione

Il viso e l’arte della seduzione

Il manifesto dell’abbondanza di Joe Vitale

Vivere relazioni sane

L’uomo che non credeva nell’amore, di don Miguel Ruiz

Fame emotiva: riconoscerla vuol dire evitarla

Il sesso e gli odori

Mindfulness per super mamme in cinque minuti

Le principali piante medicinali per attacchi di panico

Cambio vita: mi trasferisco all’estero!

Ecco i vincitori del giveaway di Pronto soccorso cinematografico per cuori infranti

Con gli occhi dell’amore, trovi il rapporto perfetto

Il narcisista: se lo conosci, lo eviti

Il corpo e l’arte della seduzione

Gli abiti e l’arte della seduzione

L’arte della fusione con l’altro

Siete allodole o gufi?

L’amore fa soffrire?

Giveaway: Pronto soccorso cinematografico per cuori infranti

Come far durare un amore nel tempo

Sesso, desiderio e alimentazione: 6 stimolanti naturali

Innamorarsi sempre delle stesse persone: i copioni inconsci

30 anni con Edizioni Il Punto d’Incontro

Apprezzare la solitudine

Slow life: apprezzare il cammino, oltre che la meta

Come ravvivare il fuoco della passione

La fisica del successo, di Natalie Reid

La forza delle emozioni

Il cibo dell’amore: alimenti afrodisiaci

Uomini ir(resistibili)

Affascinanti si nasce o si diventa?

Uomini e donne non collimano…?

I sogni ricorrenti: cosa sono e il loro significato

Perché incontro sempre l’uomo sbagliato?

Isopraxismo: il collante della coppia

Accettarsi l’un l’altro, il segreto di un solido rapporto di coppia

La comunicazione uomo-donna

Cenerentola (favola moderna)

Esercizio pratico di felinità: sorridi!

La coppia che scoppia

Mollo tutto e vado all’estero: intervista a Francesco Narmenni

La comunicazione, il cemento della coppia

La dipendenza affettiva: quando l’amore fa soffrire

Lo spazio interpersonale e la seduzione

Fare pace con il passato

Gli archetipi descrivono chi sei

Scarpe che parlano

A(mare) senza naufragare

L’interazione cervello-intestino: cosa dicono le più recenti ricerche

Cos’è lo stress e come ridurlo

Amore e dipendenza affettiva

Che cos’è la mindfulness?

Il rilassamento del corpo parte dal viso

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.