Il passo fondamentale: l’intenzione 0
in Coaching, PNL ed EFT Mente

Il passo fondamentale: l’intenzione

Spesso, confrontandoci con esempi di persone di successo, quando vediamo qualcuno riuscire in maniera particolare in qualche campo della vita, non solo nel lavoro o con il successo economico, ma in generale, non facciamo altro che paragonarci con quella persona per trovare in noi tutte le cose che ci “mancano” per emularla. E quali sono gli elementi che invariabilmente riconosciamo di non avere? Quali sono le basi fondamentali che ci mancano e che “sicuramente” ci impediscono di diventare come le persone di successo che conosciamo?

Solitamente quelle che ci vengono in mente sono le motivazioni più sbagliate: pensiamo di non avere abbastanza soldi per partire… pensiamo di non avere gli agganci giusti… pensiamo di non avere alle spalle una famiglia ricca, con un passato negli affari e una serie di conoscenze…
Oppure pensiamo che noi non avremo mai un’idea così buona da portarci al successo… di non avere il carattere adatto, l’intelligenza, la scaltrezza e l’intraprendenza necessarie… magari ci viene persino in mente che certe cose non capitano a persone come noi, ma sempre agli altri.

Si potrebbe continuare ancora molto con questo elenco, ma sarebbe di poca utilità elencare ancora una volta le incessanti scuse che sicuramente tutti noi in un momento o nell’altro della nostra vita non abbiamo fatto altro che ripeterci. Quello che invece è più utile sottolineare è che questi pensieri, fondamentalmente, sono tutti SBAGLIATI. Non ci sono scuse: sono tutti falsi, dal primo all’ultimo, senza eccezioni.

L’unico motivo reale per cui non riusciamo non è la mancanza di soldi, di conoscenze o di idee… ma la mancanza dell’INTENZIONE. Da sola, una profonda volontà, può permetterci di raggiungere qualunque obiettivo, qualunque sia la nostra situazione di partenza. Perché? Perché con il giusto atteggiamento capiamo che le opportunità nella vita sono tutto intorno a noi, sempre a portata di mano… una volta capito questo, non ci resta che coglierle! Con il giusto atteggiamento riusciamo anche ad affrontare in maniera diversa gli ostacoli che inevitabilmente attraversano il nostro cammino, prendendoli come opportunità, non solo come problemi.

Qual è il vostro atteggiamento verso la vita? Vi siete mai fermati a pensarci? Forse è giunto il momento di farlo e di partire da un nuovo inizio: imparare a costruire un atteggiamento migliore. Ecco ora in breve alcuni consigli tratti dal best seller di Shiv Khera Le chiavi del successo:

  1. Cambiate obiettivo: cercate il positivo! Spesso siamo così concentrati sui difetti che finiamo per vedere solo quelli, perché assorbono tutta la nostra attenzione.
  2. Abituatevi ad agire subito: non rimandate a domani, non procrastinate; un lavoro finito infonde energia, un lavoro lasciato a metà ne toglie!
  3. Sviluppate un atteggiamento di gratitudine
  4. Tenetevi lontani dalle influenze negative
  5. Iniziate ogni giorno con qualcosa di positivo: stabilirete l’umore giusto per tutta la giornata.

“Forse se fallisci rimarrai deluso, ma se non provi sarai destinato a fallire”.

 

 

 

 

Summary
Il passo fondamentale: l’intenzione
Article Name
Il passo fondamentale: l’intenzione
Description
Spesso, confrontandoci con esempi di persone di successo, quando vediamo qualcuno riuscire in maniera particolare in qualche campo della vita, non solo nel lavoro o con il successo economico, ma in generale, non facciamo altro che paragonarci con quella persona per trovare in noi tutte le cose che ...
Author
Publisher Name
Edizioni il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

La coppia che scoppia

Cambio vita: mi trasferisco all’estero!

Le principali piante medicinali per attacchi di panico

Il corpo e l’arte della seduzione

Potere alla parola

Rosario Alfano e Rocco Americo ci parlano di comunicazione non verbale

Affascinanti si nasce o si diventa?

Istruzioni mancanti sulla vita – recensione su La mente mente

La comunicazione, il cemento della coppia

Siete allodole o gufi?

Esercizio pratico di felinità: sorridi!

Slow life: apprezzare il cammino, oltre che la meta

Fare pace con il passato

L’intuizione: una chiave del successo

Sconfiggi la rassegnazione: videolezione con Rosario Alfano

I sogni ricorrenti: cosa sono e il loro significato

Fine di una relazione: la rabbia

Esercizio di PNL: Creiamo la nostra ancora di fiducia

Migliorare la comunicazione imparando ad ascoltare

Il risparmio è una condizione mentale: piccole strategie per risparmiare in modo “indolore”

Mindfulness per super mamme in cinque minuti

L’interazione cervello-intestino: cosa dicono le più recenti ricerche

La comunicazione nel mondo del lavoro

Lavorare sulle frequenze del cervello: i benefici del Neuro-Tuning

Gli archetipi descrivono chi sei

Il sesso e gli odori

Seminario AMARE CIÒ CHE È, The Work di Byron Katie

La leadership nel mondo degli indiani lakota

Fiducia, autostima e PNL

Come funziona l’intuizione

L’arte della fusione con l’altro

30 anni con Edizioni Il Punto d’Incontro

Fame emotiva: riconoscerla vuol dire evitarla

Ecco i vincitori del giveaway di Allena il tuo cervello all’eccellenza con la PNL

Il manifesto dell’abbondanza di Joe Vitale

Giveaway: Allena il tuo cervello all’eccellenza con la PNL

La forza delle emozioni

Il narcisista: se lo conosci, lo eviti

Mollo tutto e vado all’estero: intervista a Francesco Narmenni

Negoziare con gli altri: tutti i significati della parola NO

Intervista a Emanuele Tessarolo, autore di Mental Aikido

Il rilassamento del corpo parte dal viso

Che cos’è la mindfulness?

La stretta di mano: un biglietto da visita non verbale

L’amore fa soffrire?

Apprezzare la solitudine

No alle critiche negative

Isopraxismo: il collante della coppia

Scarpe che parlano

Costruire la propria autostima

Cos’è lo stress e come ridurlo

L’ABC dell’EFT

Sai comunicare in modo creativo?

Rilascia il freno a mano: perché le affermazioni positive non sempre funzionano

Costruirsi una buona clientela con la PNL

Introduzione alla PNL

La fisica del successo, di Natalie Reid

Loading Facebook Comments ...

1 Commenti

  1. Tuttavia, trovo che il pensiero negativo sia una scappatoia semplice ed “economica” per moltissime persone. Se si dà la colpa a fattori esterni e non a sé stessi per il proprio mancato successo, uno può continuare a sentirsi bravissimo in tutto ma perseguitato dalla sfortuna.

    Il cervello è automaticamente portato ad attribuire le vittorie alla propria abilità e i fallimenti a delle circostanze esterne sfortunate, lo fa meccanicamente e inconsciamente: è un meccanismo di difesa che agisce con il pilota automatico.

    In realtà, tutti hanno fortuna e sfortuna più o meno in egual misura. La vera differenza la fa la propria attitudine e, perché no, la propria abilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.