L’amicizia 0
in Crescita personale

L’amicizia

L’amicizia ha questo di speciale: ognuno la spiega o la definisce a modo proprio. Contrariamente a quello d’amore, l’amicizia sembra essere un rapporto semplice e compreso da ambo le parti, il che non sempre risponde a verità. Eppure, non esistono manuali pratici ad aiutarci in caso di rapporto d’amicizia complicato o che provoca sofferenza.
L’amicizia si può definire come un rapporto nel quale essere se stessi, senza falsi pudori. Un rapporto in cui accettare le critiche, purché siano costruttive e non si basino sui valori. Un rapporto caratterizzato dal piacere, a volte dal conflitto, ma per la maggior parte dall’accettazione della nostra individualità.
Esiste attualmente una leggenda sociale, quella dell’amicizia eterna. Questo mito è diffuso quasi quanto quello dell’amore eterno e la rottura di un legame d’amicizia può esercitare conseguenze nefaste quanto quelle di una rottura affettiva. La cosa interessante è che l’amicizia costante ed eterna non può esistere, perché tale concetto non prende in considerazione il cambiamento, il fatto che la vita non è statica e che nel corso dell’esistenza o delle proprie esperienze una persona può cambiare non tanto carattere, quanto punto di vista e modo di reagire.
Poche amicizie sono immutabili e a tempo pieno; l’importante è che siano sincere e ci facciano star bene. Il bisogno di farle durare per sempre non deve diventare un’ossessione, perché, nel momento in cui compaiono ossessioni, nel legame si insinua qualcosa di malsano e di falso: voglio che tu mi rimanga amico, pertanto cambierò il mio comportamento per compiacerti e conservare questo legame. Si altera così l’intero rapporto.
Un altro mito è quello dell’amicizia “totale”. Accettando senza problemi di non far parte in ogni momento della vita altrui ne consegue che nemmeno l’altro fa parte continuamente della nostra vita, il che permette una libertà maggiore ma anche una maggior accettazione e comprensione reciproche!
A distinguere l’amicizia da un semplice rapporto è il grado di familiarità nel legame tra due persone. All’inizio esistono punti in comune, affinità, gentilezza, cameratismo. Affinché tuttavia l’altro diventi un amico, deve sussistere una certa condivisione di pensieri, una somiglianza di punti di vista e quasi una gerarchia di valori condivisi. Sono necessarie complicità, fiducia, intimità, mutua comprensione di ciò cui facciamo riferimento. L’amicizia implica condivisione, solidarietà, disponibilità reciproca. È l’incontro intimo di due individualità. Tutto questo permette un arricchimento del rapporto e un miglioramento personale di ciascun partner. È più semplice ravvisare punti di riferimento in comune con qualcuno della stessa origine e dello stesso ambiente; tuttavia, anche l’apertura mentale nei confronti della diversità può essere fonte d’amicizia e di piaceri condivisi.
D’altro canto, nel rapporto l’aspetto della qualità è più importante della quantità di tempo che gli viene dedicato. Possiamo infatti rivedere un amico dopo anni “ritrovandoci” come se fosse ieri. Al contrario, possiamo vedere una persona ogni giorno ma mantenere il rapporto a livello superficiale.
In alcuni casi il rapporto si adatta e progredisce con il tempo, in altri non evolve e si sgretola non appena sopraggiunge un cambiamento di situazione. Qualche volta il rapporto si spegne da solo, senza fragore. In altre occasioni si conclude con frastuono e angoscia.
Un rapporto d’amicizia può altresì adattarsi ai cambiamenti di situazione delle due persone, all’evoluzione personale dell’una e dell’altra. L’amicizia può sopravvivere ai rovesci di fortuna, al conseguimento di una promozione, alla malattia, al matrimonio, ai figli, al divorzio e al lutto. Può tuttavia anche non sopravvivere agli eventi della vita (questo però non significa che sia meno autentica o meno profonda)… Cosa possiamo fare quando all’improvviso ci rendiamo conto che un’amicizia vacilla e che al posto di calore, complicità e solidarietà, in genere attesi in un rapporto sano, avvertiamo disagio, tensione, frustrazione? In altre parole, cosa accade e cosa possiamo fare se anziché un rapporto sano ci troviamo a vivere un’amicizia tossica?

Continua

Per approfondire:

Redazione

Summary
L’amicizia
Article Name
L’amicizia
Description
L’amicizia ha questo di speciale: ognuno la spiega o la definisce a modo proprio. Contrariamente a quello d’amore, l’amicizia sembra essere un rapporto semplice e compreso da ambo le parti, il che non sempre risponde a verità. Eppure, non esistono manuali pratici ad aiutarci in caso di rapporto d’...
Author
Publisher Name
Edizioni il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

Istruzioni mancanti sulla vita – recensione su La mente mente

Gli errori sono nostri amici

Negoziare con gli altri: tutti i significati della parola NO

Il Ki delle nove stelle ti dice chi sei

Seminario AMARE CIÒ CHE È, The Work di Byron Katie

Aiutare gli adolescenti a sviluppare fiducia in se stessi

Amare ciò che è

Vivere relazioni sane: i segnali di riconoscimento positivi e negativi

L’inganno della crescita – Luca Mercalli

Il potere dei numeri

Gli autosabotatori

Essere donna: riscoprire il vero potere femminile

Intervista a Emanuele Tessarolo, autore di Mental Aikido

Il primo animale a cui non fare del male è l’uomo…

Il risparmio è una condizione mentale: piccole strategie per risparmiare in modo “indolore”

Una riflessione sul tempo: il presente

Senso di appartenenza e libertà individuale

Esci, se ne hai il coraggio

Alzarsi un’ora prima al mattino per essere più felici. Sì, ma come si fa?

La paura

Gianluca Magi – Chi ti ha insegnato che nulla si può cambiare, voleva solo un altro schiavo

Aspettative: utili o dannose?

Carlo Scirocchi: L’evoluzione come terapia

Giveaway: Il gioco dell’eroe

Liberarsi dalle ripetizioni familiari negative

Sconfiggi la rassegnazione: videolezione con Rosario Alfano

EBooklife: tutti gli ebook per il tuo benessere, e molto altro!

Space clearing: anno nuovo, casa nuova!

L’addomesticamento secondo don Miguel Ruiz

La libertà personale

Quando ci mettiamo in gabbia da soli…

La leadership nel mondo degli indiani lakota

Cambio vita: mi trasferisco all’estero!

Esercizio di PNL: Creiamo la nostra ancora di fiducia

L’arte di dare e ricevere

Il senso di colpa

Una riflessione sul tempo: il passato

Vivere relazioni sane

Mollo tutto e vado all’estero: intervista a Francesco Narmenni

Una riflessione sul tempo: il futuro

Costruire la propria autostima

Smettere di lavorare: il booktrailer

Armonizza i tuoi spazi mentali con il feng shui interiore

L’empowerment: come riacquistare il controllo sulla propria vita

Scopri chi sei con gli archetipi della tua personalità

L’arte del riciclo

Intervista a Nirodh Fortini

Guarire l’ambiente, passo dopo passo

La mente subconscia e il potere del cambiamento

Il piccolo libro della vita

Ecco i vincitori del giveaway de Il gioco dell’eroe

Intervista a Gary Quinn

Nati per spendere?

Il codice segreto del tuo nome – recensione su La mente mente

L’amicizia tossica

Un autosabotatore: il silenzio

Slow life: apprezzare il cammino, oltre che la meta

La forza delle emozioni

Il lato positivo – recensione su Nuove pagine

Il manifesto dell’abbondanza di Joe Vitale

Riconquistare la saggezza di vivere un giorno alla volta

Esercizio di consapevolezza con don Miguel Ruiz

Il lato positivo – recensione su L’angolo del personal coaching

Costellazioni familiari sistemiche: presentazione con Daniele Ronchi

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.