Il debito pubblico in Italia 0
in Andrea Bizzocchi Disinformazione e attualità

Il debito pubblico in Italia

Il debito pubblico italiano, ossia il debito che lo Stato italiano accumula nei confronti di banche, stati esteri, imprese e chiunque avanzi credito in genere per aver acquistato titolo di stato, si forma nel tentativo di colmare il disavanzo tra entrate e uscite (disavanzo = più uscite che entrate). Nel 2011, il debito pubblico italiano ammontava alla stratosferica cifra di 1.897 miliardi di euro. Per di più, gli strumenti che l’Italia ha in mano per ripagare questo debito non si dimostrano tra i più efficaci, giacché se da un lato lo Stato aumenta la pressione fiscale riducendo la spesa pubblica (a danno dei cittadini), dall’altro può decidere di contrarre un altro debito per coprire il primo, dando così avvio a un circolo vizioso da cui è sempre più difficile sfuggire.

Ma come si è formato il debito pubblico?

Al tempo del boom economico degli anni ‘60, il debito pubblico italiano era molto basso. Già duranti gli anni ‘70 tuttavia inizia a salire, per poi subire un’impennata negli anni ‘80, anni che si profilano come caratterizzati dalla cosiddetta esplosione del debito pubblico. Ad accendere la miccia è nel 1981 la fine dell’intervento della Banca d’Italia per l’acquisto dei titoli di Stato rimasti invenduti. A partire da quell’anno dunque la Banca d’Italia smette di acquistare i titoli, i quali passano in mano alla speculazione privata, sia italiana sia estera. La questione di fondo rimane dunque imperniata attorno agli interessi. Interessi che si creano allorché l’Italia si vede costretta a vendere a banche private i propri titoli di Stato. Chiaramente, c’è una grossa differenza tra il pagare interessi a terzi e pagarli alla Banca d’Italia, cioè a se stessi. Di fatto l’85% del debito pubblico italiano è detenuto da istituti finanziari italiani ma soprattutto esteri.

In tempi di crisi, è facile e lecito addebitare alla classe politica – di qualunque schieramento – il tracollo del Paese. L’atteggiamento poco coraggioso, arroccato a proteggere i propri interessi, di un certo modo di far politica contribuisce a questa sensazione poco confortante, nella quale una certa parte di verità è presente. Non va però dimenticato che oggigiorno la politica è nelle mani dell’economia, cioè risponde alle oligarchie finanziarie che emettono denaro e controllano i settori più importanti per la vita del cittadino: alimentazione, energia, medicina, istruzione, informazione. Diventare consapevoli di questo fatto e trasformarsi in cittadini informati è il primo importante passo per dare un valido contributo alla risoluzione di qualunque crisi.

Tratto da: Andrea Bizzocchi, E io non pago!

Redazione

Summary
Il debito pubblico in Italia
Article Name
Il debito pubblico in Italia
Description
Il debito pubblico italiano, ossia il debito che lo Stato italiano accumula nei confronti di banche, stati esteri, imprese e chiunque avanzi credito in genere per aver acquistato titolo di stato, si forma nel tentativo di colmare il disavanzo tra entrate e uscite (disavanzo = più uscite che entrat...
Author
Publisher Name
Edizioni il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

Una società malata di morte non può amare la Vita

I pesticidi in frutta e verdura d’importazione

Il Toxoplasma, parassita che influenza il comportamento di uomini e topi

La dittatura della finanza

Il controllo dell’umanità (e cosa possiamo fare) – parte 1

Euroballe – recensione su Archivio storico

Ritorno alla realtà

La logica del dominio – Da dove viene e come superarla?

Gianluca Ferrara, Derubati di sovranità, le interviste

Siamo alla frutta (ridendo ma non troppo)

Come nasce una stella?

Grazie alla crisi possiamo riprenderci la nostra vita

Il click dentro

CONTRO IL LAVORO

Quando l’uomo andrà su Marte troverà vita?

L’acrilammide, un veleno nascosto

Scelte alimentari autorizzate

Esperimenti scientifici non autorizzati – recensione su Mangialibri

Alcuni casi di avvistamenti UFO documentati

Storica decisione dello IARC: le carni rosse lavorate sono cancerogene come l’amianto

Il debito pubblico, gli interessi, le bugie e Matteo Renzi

Le “foreste” di Marte: Vedere per credere…

Derubati di sovranità, la recensione di Giovanni Acquati

Presentazione di Derubati di sovranità, il video

Smettere di lavorare: il booktrailer

Esci, se ne hai il coraggio

Altro che “Je suis Paris”

Un villaggio di case sugli alberi in Piemonte è in continua espansione

Derubati di sovranità, di Gianluca Ferrara

Grecia: sequestro casa e stipendio per chi non paga le tasse… l’Italia è la prossima?

Analisi breve per capire come la finanza estrapola ricchezza dalla società (e come difendersi da essa)

Scoperte mediche non autorizzate: il booktrailer

La malattia e la salute sono la stessa cosa

Charlie Hebdo: un attentato false flag e l’insopportabile retorica della libertà

La “bontà” degli USA e la propaganda

I “sopra” e i “sotto”

L’attitudine distruttiva della civiltà

Scie chimiche: cosa sono?

Se l’economia reale (cioè la gente) perde, è sempre perché la finanza vince

Il controllo dell’umanità (e cosa possiamo fare) – parte 2

“Smettere” di lavorare e assumersi la responsabilità della propria Vita – parte 2

Marco Pizzuti – intervista a Esserciweb

Esperimenti scientifici non autorizzati – recensione su Da Sapere

Andrea Bizzocchi parla di signoraggio

“Smettere” di lavorare e assumersi la responsabilità della propria Vita – parte 1

La Fabbrica della “Salute” (si fa per dire)

Gli inganni dell’industria alimentare: l’olio di palma

Il nostro futuro tra democrazie, referendum e debiti pubblici

Nove comandamenti per vivere in un mondo difficile

Andrea Bizzocchi: video-intervista in redazione!

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.