Il bucato della nonna 0
in Casa naturale

Il bucato della nonna

Ai tempi delle nostre nonne il bucato casalingo richiedeva una complessa operazione fatta di ammollo in acqua fredda, lavaggio con sapone naturale e “olio di gomito”. In sostanza, a far sparire le macchie (e di macchie ce n’erano molte più di oggi!) ci pensava l’azione combinata di sapone e forza muscolare. Si procedeva poi all’asciugatura, rigorosamente al sole, per sfruttarne l’azione sbiancante.

Oggigiorno, la tecnologia ci offre un grande aiuto e i tempi dedicati al bucato si sono dunque ristretti. A ciò si è aggiunta la chimica, con i suoi detersivi che promettono di lavare uno “più bianco dell’altro”. Tuttavia, queste promesse si portano dietro una scia di sostanze potenzialmente irritanti per la pelle e dannose per l’ambiente, quali fosfati, candeggianti, sbiancanti ottici, enzimi e tensioattivi.

Ma il bianco splendente del bucato è davvero una “conquista” moderna? Per la verità no. Le nostre nonne avevano già scoperto come ottenere un bucato davvero bianco con le sostanze che avevano a disposizione: acqua, sapone naturale, cenere, soda e, naturalmente, l’amico sole.

Certo, pretendere di fare un balzo indietro nel tempo e tornare a rimboccarsi le maniche strofinando di buona lena è impensabile. Possiamo però adottare alcuni accorgimenti che ci permetteranno di essere soddisfatti (sì, sono inclusi anche i maschietti!) del nostro bucato, proteggere la nostra pelle e dare una mano all’ambiente.

Se il “fai da te” non fa decisamente per voi, la cosa migliore è senz’altro quella di rivolgersi a marche di detersivi che presentino il marchio Ecolabel.  Se però tra gli alambicchi vi sentite a vostro agio, alcune ricette proposte qui vi renderanno orgogliosi del vostro impegno. Non vanno poi trascurati temperatura di lavaggio (lavando a temperature più basse si risparmia energia elettrica), pretrattamento (ottimo in questo caso il sapone di Marsiglia) e asciugatura all’aria, se le condizioni climatiche lo consentono. Nessuna profumazione industriale infatti potrà mai eguagliare il “buon profumo di pulito” che emanano i capi stesi al sole e all’aria pura!

Per approfondire:

Summary
Il bucato della nonna
Article Name
Il bucato della nonna
Description
Ai tempi delle nostre nonne il bucato casalingo richiedeva una complessa operazione fatta di ammollo in acqua fredda, lavaggio con sapone naturale e "olio di gomito". In sostanza, a far sparire le macchie (e di macchie ce n’erano molte più di oggi!) ci pensava l’azione combinata di sapone e forz...
Author
Publisher Name
Edizioni il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

Il bicarbonato di sodio per la pulizia della casa

22 marzo 2015: Giornata mondiale dell’acqua

Pulizie domestiche: addio ai detersivi!

Pulizie naturali: IL BAGNO

Ingredienti pericolosi – recensione su Nuove pagine

Profumiamo il Natale!

Space clearing: ripulire la casa, ripulire la mente

Giveaway: Come liberarsi dal superfluo e vivere felici

Modi naturali di eliminare le macchie

Le piante utili al giardiniere

Ecco i vincitori del giveaway di Come liberarsi dal superfluo e vivere felici

Liberarsi dal superfluo – parte II

La dispensa verde: Stefania Rossini a SANA 2016

Giveaway: Apartment therapy, per una casa più bella e più sana

Fai ordine nella tua vita quando ti trasferisci

Pulire la casa con il limone

Pulizie naturali: LA CUCINA

Ecco le vincitrici del giveaway di Apartment therapy!

Disintossicarsi da metalli pesanti, tossine e inquinanti

Creare un “giardino magico”

Insetti indesiderati in casa: metodi naturali per tenerli lontani

Bucce d’arancia: rifiuti o risorse?

Liberarsi dal superfluo – parte III

Il risparmio è una condizione mentale: piccole strategie per risparmiare in modo “indolore”

Guerra al calcare!

Liberarsi dal superfluo

Pulizie naturali: il bucato

Un’alleata contro il disordine: la Zona di Transito

Il nemico numero uno del giardiniere: l’afide

Attività per bambini da fare al coperto

Stop alle pulci: rimedi naturali per cani e gatti

Space clearing: anno nuovo, casa nuova!

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.