Storia di Pasqua 0
in Maestri e insegnamenti Spirito

Storia di Pasqua

C’era una volta un ragazzo che ogni giorno soleva pregare e meditare sotto un albero, un grosso faggio che si trovava in un parco e che era visibile già da lontano, perché davanti ad esso c’era un grande prato. Il prato era attraversato da un sentiero battuto da molte persone, però quasi nessuno vedeva il ragazzo che stava là seduto ad occhi chiusi e con le mani giunte.

I suoi genitori sapevano dove si trovava e cosa faceva. Essi assecondavano di tutto cuore questa sua occupazione, giacché il ragazzo assolveva ogni dovere domestico e scolastico con soddisfazione di tutti e loro sentivano che il fatto che stesse seduto sotto il faggio faceva bene sia a lui sia a loro.

Un giorno (il ragazzo aveva ormai quattordici anni) un assassino si diresse verso di lui. Era autunno, le foglie erano cadute, era umido e si stava facendo notte. L’assassino si avvicinò al ragazzo e voleva pugnalarlo. Allora il ragazzo aprì gli occhi e lo guardò, molto tranquillamente, poi con immenso amore: «Ah, eccoti qua, padre!», disse e il suo volto si riempì di gioia e d’amore. «Vieni, siediti accanto a me», proseguì. «Sono anni che ti aspetto. Dove sei stato tutto questo tempo? Cos’è successo? Chi ti ha offeso?». Queste parole e l’aspetto luminoso del ragazzo colpirono profondamente l’assassino. Si sedette alla sua destra e cominciò a raccontare di sé. Raccontò e raccontò. Era notte già da parecchio tempo, ma egli sedeva ancora là. Ora stringeva la mano del ragazzo e raccontava piangendo.

Poi l’uomo tacque. Tacque a lungo, fintantoché non prese nuovamente la mano del ragazzo, la strinse tra le sue, s’inchinò e andò per la sua via. E la luce lo accompagnò.

Il tempo passava e il ragazzo sedeva ancora sotto il faggio, pregando e meditando. Le molte persone che passavano non lo vedevano. La sua energia, però, era là e loro l’“attraversavano”.

Un bel giorno venne da lui una donna malata. Giunse piuttosto per caso. Era così debole che dovette sedersi e solo quando fu seduta si accorse del giovane che stava lì. Il ragazzo aveva ormai sedici anni.

Egli aprì gli occhi, le prese entrambe le mani e disse: «Madre, come sei commossa! Quante cose ti hanno turbata. Hai dato così tanto. Come sei benedetta!» Lacrime di commozione gli rigavano le guance. Allora pianse anche la donna. Erano lacrime di molte preoccupazioni, dolori e tanto, tanto travaglio. Anche lei, ad un tratto, percepì dentro di sé una luce che non aveva mai conosciuto prima.

Tacque a lungo. Poi abbracciò il giovane e anche lei andò a casa risanata.

Quando il ragazzo ebbe raggiunto l’età di diciotto anni ed era ormai già un giovanotto, un ricco padre di famiglia giunse in quell’angolo sotto il faggio. Aveva appena perso la moglie, che aveva amato più d’ogni altra cosa al mondo. Lei era stata la sua vera ricchezza; ora, però, non gli restava che il denaro.

Il giovane lo guardò con tutto il suo amore e ad un tratto nel cuore del padre di famiglia, in quel cuore che pochi istanti prima pareva spezzarsi dal dolore, entrò tanta felicità.

«Ah, fratello», disse il nostro giovane, «che bello, sei arrivato! Sono anni che ti aspetto. Quanta felicità porti nella mia vita! Ti sono molto riconoscente per essere entrato nella mia vita. Che regalo mi fai!». Con queste parole si alzò ed abbracciò di tutto cuore il padre di famiglia.

Da quel momento le loro strade si unirono.

Con il denaro del padre di famiglia fondarono un istituto di carità per bambini e giovani bisognosi.

Furono moltissimi i giovani in difficoltà che vi trovarono asilo, protezione e comprensione, perché quell’uomo ricco cambiò completamente la sua vita e, a fianco del giovane, dedicò ogni sua attività ai poveri. Fu così che, grazie all’amore del giovane, la morte di sua moglie divenne per lui fonte di grande gioia.

Il giorno in cui il padre di famiglia incontrò il giovane sotto l’albero era la domenica di Pasqua.

In quel giorno egli incontrò il Cristo, l’amore del suo cuore, la fonte di ogni gioia. Ne fu così toccato che quell’amore, quella luce non lo abbandonarono mai più.

Oggi è il giorno di Pasqua.

Ogni giorno è Pasqua.

Trova il Cristo nel tuo cuore. Lascia sbocciare l’amore.

Procedi nel tempo, nel tuo tempo, con il messaggio della Pasqua.

Tieni presente che Pasqua è sempre all’inizio della primavera, all’inizio del tuo risveglio, del tuo sbocciare.

Tu sei questa primavera,  tu sei questo risveglio, poiché tu sei quest’amore, poiché tu sei lo stesso Cristo.

Tu ti sei già sacrificato innumerevoli volte per te e per il mondo.

Va’ nel mondo e sii una benedizione, poiché tu sei la luce del mondo.

 

Tratto da:

 

Summary
Storia di Pasqua
Article Name
Storia di Pasqua
Description
C’era una volta un ragazzo che ogni giorno soleva pregare e meditare sotto un albero, un grosso faggio che si trovava in un parco e che era visibile già da lontano, perché davanti ad esso c’era un grande prato. Il prato era attraversato da un sentiero battuto da molte persone, però quasi nessuno v...
Author
Publisher Name
Edizioni il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

Il sentiero dell’amore, il sentiero della paura

Don Miguel Ruiz: la mia vita è una preghiera continua

Lo Zodiaco: il Sagittario

Le erbe purificanti degli Indiani d’America

Karma e reincarnazione

Sii ciò che sei, Ramana Maharshi – 1988 | 30 anni di Edizioni Il Punto d’Incontro

Esercizio di consapevolezza con don Miguel Ruiz

Capodanno cinese 2017: l’anno del Gallo

Parole magiche per isolare e fermare la negatività

Felicità – Racconto sufi

Videointervista a Gloria Germani, autrice di Tiziano Terzani: la forza della verità

Lasciar cadere le maschere

Il cuore dell’universo – meditazione

Lo Zodiaco: il Toro

I poteri dell’Arcangelo Gabriel e la sua invocazione

Tiziano Terzani, un saggio dei nostri tempi

L’amore in 10 frasi

Lo Zodiaco: il Cancro

Don Miguel Ruiz – L’umanità è malata

Tiziano Terzani e “il trucco della candela”: la meditazione come via di conoscenza e di vera libertà

Lo Zodiaco: la Vergine

Esiste la vita dopo la morte?

Lo Zodiaco: la Bilancia

Don Miguel Ruiz: video della conferenza stampa a Milano 7/10/2012

L’addomesticamento secondo don Miguel Ruiz

Messaggio per tutto il mondo…

Se il fallimento fosse una possibilità? | Pema Chödrön

Tao Te Ching – capitolo I

Scienza e meditazione

Una leggenda pellerossa

La profondità e bellezza della Ribhu Gita

Lo Zodiaco: i Gemelli

Intervista a don Miguel Ruiz e a don José Ruiz

Sai che gli alberi parlano? 1992 | 30 anni di Edizioni il Punto d’Incontro

L’amore è l’opposto della paura

Il ritorno del guerriero di pace di Dan Millman

Ecco i vincitori del giveaway di Amare ciò che è

Lo Zodiaco: i Pesci

Annamalai Swami: tutta la felicità viene dal Sé

I cinque livelli dell’attaccamento – recensione su La mente mente

I cinque livelli dell’attaccamento – recensione su Nuove pagine

Koan zen: la cultura interiore di Ta-t’zu

Il libro della vita di Jiddu Krishnamurti

Trasformare le esperienze in saggezza | La via del guerriero di pace

Apri il tuo scrigno

Non siamo nati per soffrire

Tecniche di visualizzazione: proteggersi dalle energie negative

Canto della Notte dei Navajo

Come attrarre la fortuna: la numerologia e il numero dell’Io

Amare ciò che è

I chakra e i tre livelli di guarigione dell’uomo

Come l’ape ebbe il suo pungiglione (leggenda Cherokee)

Intervista a Don Miguel Ruiz: “L’arte tolteca della vita e della morte”

I defunti, anime amorevoli che non ci lasciano mai

Numerologia: i numeri come chiavi del Codice dell’Anima

I pensieri sono amici

Storia zen: nessun attaccamento alla polvere

L’uomo che non credeva nell’amore, di don Miguel Ruiz

Don Miguel Ruiz: preghiera per la Verità

Il potere vibratorio della voce

Con gli occhi dell’amore, trovi il rapporto perfetto

Quando i defunti si manifestano

I 36 stratagemmi

Camminare verso la Pace

Ecco i vincitori del giveaway del Calendario pellerossa 2015

Tao Te Ching: il libro della Via

Tiziano Terzani: la forza della verità – Presentazione

Lo Zodiaco: lo Scorpione

La pratica della meditazione e la rivoluzione della coscienza

La meditazione – Racconto indiano

Lo Zodiaco: l’Ariete

Perché si festeggia la Pasqua?

Gli obiettivi dell’io

La padronanza dell’amore

Il sesto senso

Il significato del Solstizio d’Inverno

I cinque livelli dell’attaccamento, Don Miguel Ruiz Jr

Conosci te stesso con i segreti dei tarocchi

Giveaway: Calendario pellerossa 2015

Lo Zodiaco: il Capricorno

Ebooklife.it: l’energia che fluisce libera porta armonia

Nisargadatta Maharaj: l’illuminazione non esiste

La saggezza dimenticata dei “nonni”

Cos’è la meditazione trascendentale?

Conversazioni con Ramana Maharshi, dal diario di Annamalai Swami

Che cos’è la felicità?

Wallpaper: il reale non può essere distrutto

Preghiera della vecchiaia – Wintu

Giveaway: Amare ciò che è

Prima della coscienza, Nisargadatta Maharaji | 30 anni con Edizioni Il Punto d’Incontro

Il saggio e la morte

Lo Zodiaco: l’Acquario

Il bambino e il mago – recensione su La mente mente

Fantasmi

Preghiera per l’Amore di don Miguel Ruiz

La libertà personale

Il viaggio di Maui sulla Terra

La Grazia del Guru 1986-2016 | 30 anni di Edizioni Il Punto d’Incontro

L’amore incondizionato per noi stessi | don Miguel Ruiz Jr.

La Bhagavad Gita: un tesoro che trascende il tempo e lo spazio

I tarocchi: significato psicologico dell’Amante, arcano VI

Ananda Moyi Ma

Le esperienze di premorte

Tantra yoga: sessualità e liberazione

Lo Zodiaco: il Leone

Che tipo di messaggero sei?

Lo sciamano: guida e guaritore | Nicolás Pauccar Calcina

La via – Racconto zen

Il sesso illuminato: respirare l’energia sessuale in un cerchio completo

Sai Baba, il santo di Shirdi

Aiutare le anime ad andare verso la luce

La nostra destinazione è qui e ora

La mia vita con i maestri himalayani, di Swami Rama

Lascia che ogni rapporto si sviluppi nel suo modo unico

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.