Goji, la bacca dalle straordinarie proprietà terapeutiche 0
in Dieta e alimentazione

Goji, la bacca dalle straordinarie proprietà terapeutiche

Nella medicina erboristica cinese tre piante hanno un’importanza straordinaria: il ginseng, il tè verde e le bacche di goji. I cinesi attribuiscono a qushutterstock_562246096esta bacca uno spettro più ampio di effetti positivi rispetto a qualsiasi altro tesoro della loro ricca tradizione di medicinali naturali.

Già nel 1980 gli scienziati cinesi avevano scoperto che la bacca di goji è una vera e propria capsula multivitaminica e multiminerale sotto forma di gustoso frutto. Un risultato che nel frattempo è sempre più confermato anche dalle ricerche occidentali. Ma la piccola bacca rossa non possiede soltanto incredibili quantità di vitamine e minerali d’importanza vitale in forma naturale. Anche la sua buccia contiene infatti molte sostanze vegetali secondarie desiderabili, oltre all’intero spettro di amminoacidi essenziali, una vera rarità tra i frutti! Il goji è dunque considerato dagli esperti il numero uno tra i superalimenti – ossia cibi stracolmi di sostanze nutritive utili alla nostra salute – perché abbina al notevole spettro di sostanze nutritive la loro quantità e composizione.

Le molte proprietà delle bacche di goji

shutterstock_300481256Il goji è l’alimento antiradicali liberi per eccellenza. Se da migliaia di anni la si consuma tradizionalmente per mantenere il corpo giovane ed elastico, oggi un numero crescente di ricerche evidenzia che la bacca di goji possiede un potenziale davvero straordinario nel ritardare il processo d’invecchiamento, grazie alla ricchezza di antiossidanti. Questi rivestono una parte fondamentale per la salute e la bellezza del corpo, giacché contrastano i radicali liberi prima che attacchino il nostro DNA e possano fare danni anche profondi. Ciò significa non solo una pelle più liscia e radiosa, ma anche e soprattutto un ottimo scudo contro le malattie degenerative legate all’ossidazione.

La bacca di goji è in grado di rivelarsi importante anche come aiuto per contrastare le lesioni nelle pareti arteriose. Attualmente per valutare se le nostre pareti arteriose sono infiammate da lesioni o anche da batteri, viene sempre più utilizzato il cosiddetto test CRP (proteina C-reattiva). In Germania sono stati eseguiti studi approfonditi per stabilire il ruolo di un determinato carotenoide chiamato beta-criptoxantina nell’abbassare questo marcatore d’infiammazione. I partecipanti all’esperimento hanno consumato per quattro settimane otto porzioni di frutta e di verdura particolarmente ricche di questo carotenoide, dimostrando una riduzione del 68,3% della proteina C-reattiva. La bacca di goji è una fonte particolarmente ricca della preziosa beta-criptoxantina. Ne contiene infatti una delle percentuali più alte tra tutti gli alimenti.

Il goji può contribuire visibilmente anche alla fluidificazione del sangue. Nel piccolo frutto rosso è stata infatti scoperta una sostanza che riduce la viscosità delle piastrine e quindi previene la formazione di trombi. Questa sostanza, presente anche nel cioccolato e nel peperone, può rallentare visibilmente la formazione di adesivo cellulare (P-selectina), mantenendo quindi fluido il sangue. Attenzione, ciò presuppone una possibile interazione con farmaci: chi assume un anticoagulante farebbe meglio a consultare il proprio medico prima di consumare regolarmente grandi quantità di bacche di goji.shutterstock_157598048

La bacca di goji è in grado di aumentare notevolmente le difese immunitarie, grazie al contenuto di polisaccaridi e di carotenoidi. Per quanto riguarda questi ultimi, di recente i ricercatori tedeschi hanno identificato un gran numero di carotenoidi in grado di stimolare l’immunità senza generare infiammazioni, elemento di particolare importanza per le persone afflitte da artrite. In aggiunta, il goji è ricco di zinco, il cui ruolo è preponderante nello sviluppo delle difese immunitarie, ulteriormente potenziate se le bacche vengono consumate con semi di girasole o di lino lasciati in ammollo per una notte.

Il goji ha inoltre un valore glicemico molto basso. Il cosiddetto indice glicemico mostra l’aumento degli zuccheri nel sangue dopo il consumo di alimenti contenenti carboidrati in confronto al glucosio (zucchero d’uva). Alcuni carboidrati rispetto ad altri vengono scomposti più rapidamente e trasportati nel sangue. Con un valore pari a 29, la bacca di goji si posiziona decisamente nel settore inferiore, nonostante possieda un tenore di zuccheri veramente elevato. La sua quota di zuccheri è tuttavia ampiamente composta da polisaccaridi che, rispetto al glucosio, fanno salire molto meno la glicemia. Questo non significa che le bacche di goji costituiscano un rimedio miracoloso per far scendere improvvisamente la bilancia. Chi vuole dimagrire, per riuscirci deve modificare le proprie abitudini di vita e alimentari. Le bacche possono però dare la loro parte di contributo procurando all’organismo una sensazione di piacevole soddisfazione con la loro ricchezza e varietà di sostanze vitali. A chi ricerca una piccola consolazione dolce, la bacca di goji fornisce uno spuntino veramente sano e gustoso dal valore glicemico basso tra un pasto e l’altro. Insomma, una vera e propria super bacca!
Consigli di lettura: Shalila Sharamon e Bodo J. Baginski,
Goji, la bacca dalle straordinarie virtù terapeutiche

 

 

Redazione

Summary
Goji, la bacca dalle straordinarie virtù terapeutiche
Article Name
Goji, la bacca dalle straordinarie virtù terapeutiche
Description
Nella medicina erboristica cinese tre piante hanno un’importanza straordinaria: il ginseng, il tè verde e le bacche di goji. I cinesi attribuiscono a questa bacca uno spettro più ampio di effetti positivi rispetto a qualsiasi altro tesoro della loro ricca tradizione di medicinali naturali. Già nel...
Author
Publisher Name
Edizioni il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

Disintossicazione d’autunno

Vegan e senza glutine: è possibile?

La quinoa, superalimento con una marcia in più

Ricette: la carota

Alimenti fermentati per conservare i valori nutrizionali del cibo

Raw food: il crudismo, delizioso amico della linea

Ricette: l’aglio

L’eccezionale ricchezza nutritiva del lievito di birra

Dieta alcalinizzante è sinonimo di salute

Il reishi: storia e proprietà del fungo curativo per eccellenza

La cura delle mele: rivitalizzare e disintossicare

I formaggi vegan: presentazione e show cooking

Intervista a Pierre Dukan – parte II

Intestino sempre in forma

Ricette: la colazione vegan

La salute a tavola: i superalimenti

Ricette senza glutine: focaccia alle olive

Frullati VS centrifugati: proprietà e differenze

Come preparare il latte di riso in casa

L’aglio, alleato della nostra salute

Cos’è e come si manifesta la sindrome del colon irritabile

La clorofilla: un’alleata per la salute

Ricette: moringa, il superalimento degli dei

Ricette vegetariane per la dieta Dukan

Intervista a Pierre Dukan – parte I

Dimagrire con l’intestino

Perché mio figlio ha bisogno di una dieta vegetale e integrale? Conferenza di Nicla Signorelli

Bicarbonato di sodio: carta di identità

Intervista al dottor Luigi Torchio

Ricette: il cavolfiore

Regole e consigli per essicare al meglio frutta e verdura

Come far mangiare le verdure ai bambini

L’allattamento al seno può contribuire allo sviluppo emotivo e sociale del bambino

Il colesterolo: amico o nemico?

La crusca d’avena e i suoi benefici per la salute

Tutte le virtù della moringa

Ricette: il radicchio

L’importanza della vitamina B12 per adulti e bambini veg

I carciofi, ottimi in cucina e per depurarsi

Ricette: il finocchio

Frullati estivi per un pieno di energia

Ricette: il carciofo

Ricette: la cipolla

La quinoa: ricette dolci

I pesticidi in frutta e verdura d’importazione

Ricette: La pera

Troppi antibiotici nel nostro corpo: mangi carne e ingerisci antibiotici

Ricette: funghi curativi

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (seconda parte)

Ricette: il sesamo

Diventare vegani: a ciascuno la sua ricetta!

Ricette: La noce

Ancora uno… e poi basta – recensione su L’angolo del personal coaching

Il tè di gelsomino e la circolazione del Qi

Le otto cure rivitalizzanti – recensione su Bottega Scriptamanent

La medicina naturale: dieta sana e igiene di vita

Ricette: la banana

Ricette: Il miele

L’indice glicemico ti rivela gli zuccheri nascosti

In forma per l’estate, senza dieta!

Ricette: la rucola

Proteine vegetali, proteggono l’apparato cardiovascolare

Ricette: l’albicocca

Salute e longevità: i segreti dei “popoli centenari”

Ricette: la mela

Consigli per la salute, di Luigi Torchio: un aiuto dalla fitoterapia per dimagrire

Ricette: l’uva

Lo zucchero, un dolce veleno

…E dopo i cenoni, mi depuro!

Ricette: La zucchina

Il cioccolato: gusto e salute

La chia, un piccolo seme dalle grandi virtù

Dieta vegana: salvaguardi la salute, riduci l’inquinamento, rispetti la natura e gli animali

Come prepararsi al digiuno

Gli inganni dell’industria alimentare: l’olio di palma

Ricette: le fave

Ricette: il porro

Ricette: la patata

Scelte alimentari autorizzate

Soia Edamame: buona, salutare e rigorosamente italiana

Ricette: lo zenzero

Ricette: il miglio

Ricette: i fagioli

Zenzero – recensione su EcoCoaching

Il digiuno, un incontro con se stessi

Ricette: le mandorle

Il magico mondo delle spezie

La dieta metabolica: come e perché

La curcuma, una spezia-farmaco?

Ricette: il sedano

Carciofo crudo tutti i giorni per combattere la stanchezza e depurare

Bambini e alimentazione veg: imparare ad apprezzare nuovi sapori

Ricette: la barbabietola

La dipendenza alimentare, una fame compulsiva

La birra, protagonista del Saint Patrick’s Day

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (quarta parte)

Una giornata “fruttaliana”

Ricette: La melanzana

Il sale marino, elisir di lunga vita

Ricette: La castagna

Il latte fa male?

Formaggi vegan fatti in casa

L’acrilammide, un veleno nascosto

L’importanza dei metodi di cottura

La medicina nel piatto: le proprietà dello zenzero

Cellulite addio: un occhio all’alimentazione

Ricette: i ceci

Vegetarianismo: Carne insostituibile? Gli italiani non la pensano così!

Come conservare la nostra salute

Regole generali per un’alimentazione contro i funghi

Ricette: i piselli

Intervista a Pierre Pellizzari

Intolleranze alimentari: il ruolo di frumento e latticini

Ricette: il melograno

Le diete iperproteiche: servono o no?

Le alghe, verdure di mare amiche della linea

L’intolleranza al glutine nei bambini

Gli antiossidanti: protezione naturale grazie a frutta e verdura

Ricette: il peperone

L’intestino ci rende felici: perché una flora batterica sana fa bene anche all’umore

I benefici delle verdure fermentate: preparare i crauti

Le intolleranze alimentari, conferenza di Alessandro Targhetta

Ricette: le fragole

Carenza di minerali, una delle cause principali dell’acidosi

Ricette: gli asparagi

La crusca di avena – recensione su EcoCoaching

Storica decisione dello IARC: le carni rosse lavorate sono cancerogene come l’amianto

Caffè: amico o nemico?

Sesso, desiderio e alimentazione: 6 stimolanti naturali

Che cos’è l’equilibrio acido-base?

Frutta e semi oleaginosi, un concentrato di energia

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (terza parte)

Vegan senza glutine: Maria Alessandra Tosatti e Francesca Gregori a SANA 2016

Siamo tutti disidratati?

Alimenti acidificanti, alcalinizzanti e acidi

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (prima parte)

Ricette: la menta

Ricette: il mais

I germogli: perché consumarli e che benefici hanno

Ricette: gli spinaci

Ricette: L’ananas

Ricette: il basilico

Una giornata del cavolo (riccio, però)

Gluten Sensitivity: la sindrome da sensibilità al glutine

La betulla: un prezioso alleato per la depurazione primaverile

Ricette: il pomodoro

Ricette: l’orzo

Ricette: il prezzemolo

Ciò che non sai sul cibo e che potrebbe salvarti la vita: Stefano Momentè a SANA 2015

Ricette: l’arancia

Loading Facebook Comments ...

1 Commenti

  1. La salute a tavola: i superalimenti | Liberi di Leggere

    […] di vivere meglio, più in forma e con più energia. Sono i super foods, i superalimenti come goji, açaí, tè verde, curcuma, zenzero, ma anche cioccolato, semi di chia, quinoa, alghe, lievito di […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.