La dittatura della finanza

La dittatura della finanza

Articolo pubblicato su www.andreabizzocchi.it

Se per vivere abbiamo bisogno di denaro, è abbastanza ovvio che le nostre vite siano dipendenti e controllate da chi il denaro lo emette e lo gestisce. E fin qui siamo tutti d’accordo. Le soluzioni sarebbero dunque due: non dipendere dal denaro o comunque cercare di ridurre la nostra dipendenza (coosa che un numero crescente di persone sta facendo, anche se per ovvi motivi non vanno a  finire su giornali e telegiornali) oppure in qualche modo non subire il denaro e chi lo gestisce ma cercare, per quanto è possibile, di gestirlo. Il problema, in entrambi i casi, è che chi gestisce il denaro non si fa estromettere facilmente. Questo per dire che a mio modo di vedere non è possibile trovare soluzioni “mondiali” ma solo personali o a livello locale e di piccola comunità. Per adesso possiamo fare questo, in futuro si vedrà. Bisogna aver fiducia, non tanto in un generico e fumoso “essere umano” (“aver fiducia nell’essere umano” si dice) quanto in noi stessi e in chi ci è vicino. Ciò che possiamo fare oggi sono solo delle piccole “isole” di salvezza. Capisco che sono isole circondate da immondizia (in tutti i sensi) ma più isole si riesce a creare più speranze ci sono per tutti.

 

Continua a leggere sul sito di Andrea Bizzocchi…

 

 

Ti potrebbero interessare anche:

Le “foreste” di Marte: Vedere per credere…
“Smettere” di lavorare e assumersi la responsabilità della propria Vita - parte 2
Charlie Hebdo: un attentato false flag e l'insopportabile retorica della libertà
CONTRO IL LAVORO
Scie chimiche: cosa sono?
Loading Facebook Comments ...

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi richiesti sono segnati con*

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.