Fame emotiva: riconoscerla vuol dire evitarla 0
in Mente

Fame emotiva: riconoscerla vuol dire evitarla

A volte ci lanciamo a capofitto su un particolare alimento – di solito molto grasso o ricco di zuccheri – convinti di obbedire a uno stimolo fisico, quello della fame. In realtà, una volta soddisfatto questo “stimolo”, ci rendiamo conto di aver obbedito non tanto allo stomaco quanto a qualcos’altro. Abbiamo “sfamato” un’emozione.
Fame emotiva e fame fisica possono sembrare identiche, ragion per cui è importante imparare a riconoscere le caratteristiche che le distinguono. La prossima volta che avvertirete un’improvvisa e forte sensazione di appetito, prendete in considerazione i seguenti punti, per stabilire se avete veramente fame o se invece le emozioni vi stanno “giocando un brutto tiro”.

 

Fame fisica
  • È graduale. Lo stomaco borbotta. Un’ora dopo, brontola più forte. La fame fisica invia segnali sempre più chiari che è ora di mangiare.
  • È rivolta a vari alimenti. Con la fame fisica possiamo desiderare qualcosa di particolare, ma si tratta di preferenze flessibili. Siamo aperti a scelte alternative.
  • Risiede nello stomaco. La fame fisica è riconoscibile dalle sensazioni che avvertiamo nello stomaco, come crampi, brontolii, senso di vuoto e perfino dolore.
  • È paziente. La fame fisica preferirebbe che mangiassimo al più presto, ma non impone di farlo subito.
  • È causata da un bisogno fisico. La fame fisica si fa sentire perché sono passate quattro o cinque ore dall’ultimo pasto. Quando siamo eccessivamente affamati, possiamo sperimentare capogiri o cali energetici.
  • Comporta scelte deliberate e consapevolezza del mangiare. Con la fame fisica siamo consapevoli del cibo sulla forchetta, in bocca e nello stomaco. Scegliamo coscientemente se finire il tramezzino o accontentarci della metà.
  • Cessa una volta soddisfatta. La fame fisica deriva dal desiderio di alimentare e nutrire il corpo. Appena realizzato questo scopo, smettiamo di mangiare.
  • Si fonda sul mangiare come necessità. Quando l’intenzione dietro il mangiare è basata sulla fame fisica, non ci sono sensi di colpa o di vergogna. Sappiamo che alimentarsi, come respirare ossigeno, è una componente essenziale della vita.

 

Fame emotiva
  • È improvvisa. Un momento prima non stiamo pensando al cibo, un momento dopo moriamo di fame. L’appetito passa rapidamente da 0 a 100 km/h.
  • Riguarda un cibo specifico. Desideriamo un certo tipo di alimento, come cioccolato, pasta o cheeseburger. Sentiamo di dover mangiare quel particolare cibo. Nulla può sostituirlo!
  • È “al di sopra del collo”. Un desiderio di origine emotiva ha inizio nella bocca e nella mente. La bocca vuole assaporare quella pizza o quella ciambella, la mente pensa soltanto al cibo desiderato.
  • È insistente. La fame emotiva spinge a mangiare ORA! Avvertiamo il desiderio di alleviare immediatamente la sofferenza emotiva con del cibo.
  • È associata a emozioni sgradevoli. Il superiore ci ha rimproverato. Nostro figlio ha problemi a scuola. Il partner è di cattivo umore. La fame emotiva ha luogo in concomitanza con una situazione irritante.
  • Porta a mangiare in maniera automatica o distratta. Possiamo avere l’impressione che sia la mano di qualcun altro a infilarci in bocca cucchiaiate di gelato (“mangiare automatico”) oppure non accorgerci di avere appena vuotato una scatola di biscotti (“mangiare distratto”).
  • Non cessa, nemmeno quando il corpo è sazio. L’intemperanza emotiva nel mangiare nasce dal desiderio di mettere a tacere emozioni dolorose. Ci rimpinziamo per soffocarle e ci serviamo una seconda e una terza porzione anche se lo stomaco è talmente pieno da farci male.
  • Suscita sensi di colpa. Il paradosso dell’intemperanza emotiva è che mangiamo per sentirci meglio e poi rimproveriamo noi stessi per aver consumato biscotti, focacce o cheeseburger, promettendo di fare ammenda (“Farò esercizio fisico, mi metterò a dieta, salterò i pasti e così via… da domani!”).

Tratto da:

 

 

 

 

V. anche: La dipendenza alimentare, una fame compulsiva

 

 

Redazione

Summary
Fame emotiva: riconoscerla vuol dire evitarla
Article Name
Fame emotiva: riconoscerla vuol dire evitarla
Description
A volte ci lanciamo a capofitto su un particolare alimento – di solito molto grasso o ricco di zuccheri – convinti di obbedire a uno stimolo fisico, quello della fame. In realtà, una volta soddisfatto questo "stimolo", ci rendiamo conto di aver obbedito non tanto allo stomaco quanto a qualcos’al...
Author
Publisher Name
Edizioni il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

I sogni ricorrenti: cosa sono e il loro significato

La forza delle emozioni

Esercizio pratico di felinità: sorridi!

30 anni con Edizioni Il Punto d’Incontro

Siete allodole o gufi?

L’arte della fusione con l’altro

Il narcisista: se lo conosci, lo eviti

Gli archetipi descrivono chi sei

La coppia che scoppia

L’interazione cervello-intestino: cosa dicono le più recenti ricerche

Cambio vita: mi trasferisco all’estero!

Isopraxismo: il collante della coppia

Affascinanti si nasce o si diventa?

Che cos’è la mindfulness?

Mollo tutto e vado all’estero: intervista a Francesco Narmenni

L’amore fa soffrire?

Il passo fondamentale: l’intenzione

Fine di una relazione: la rabbia

Scarpe che parlano

Le principali piante medicinali per attacchi di panico

Fare pace con il passato

Pensieri da ricordare per crescere un bambino felice

Apprezzare la solitudine

Cos’è lo stress e come ridurlo

La comunicazione, il cemento della coppia

Mindfulness per super mamme in cinque minuti

Il rilassamento del corpo parte dal viso

Mindfulness in famiglia: meno crisi e più serenità!

Il sesso e gli odori

Slow life: apprezzare il cammino, oltre che la meta

Rituali quotidiani per catturare l’attenzione dei bambini

Il corpo e l’arte della seduzione

La fisica del successo, di Natalie Reid

Il manifesto dell’abbondanza di Joe Vitale

Loading Facebook Comments ...

1 Commenti

  1. Perdere peso, una questione di energia - Liberi di Leggere

    […] una grande forza. Non c’è da meravigliarsi se poi ci sentiamo sempre sfiniti e stanchi. Gli attacchi di fame potrebbero quindi essere un tentativo di procurarci nutrimento, messo in atto perché avvertiamo […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.