Ho’oponopono: i sette principi sciamanici secondo la filosofia Huna 0
in Ho-oponopono

Ho’oponopono: i sette principi sciamanici secondo la filosofia Huna

La filosofia Huna è la saggezza hawaiana da cui deriva Ho’oponopono.

 

Primo principio:
IKE – Il mondo è come pensi che sia
A seconda del nostro punto di vista, una bottiglia può essere mezza piena o mezza vuota. A seconda dei nostri progetti, la pioggia può essere una benedizione per il raccolto o una catastrofe per un picnic. A seconda del nostro atteggiamento, un problema può essere un ostacolo o una sfida. Questi sono modi chiari, ovvi e comprensibili in cui il nostro pensiero influisce sull’esperienza. Sappiamo che pensieri di paura, preoccupazione, rabbia e risentimento possono renderci malati e diminuire la nostra efficienza, mentre pensieri di fiducia, determinazione, amore e perdono possono farci star bene e potenziare le nostre attività. Inoltre, pensieri positivi attraggono persone ed eventi positivi e pensieri negativi attraggono persone ed eventi negativi.

 

Secondo principio:
KALA – Non ci sono limiti
In un primo momento questa affermazione può sembrare assurda, dal momento che siamo consapevoli di limiti presenti ovunque: il nostro corpo non può crescere oltre un certo limite, riusciamo a vedere solo fino a una certa distanza, la nostra capacità di udire è limitata, la terra è di una determinata grandezza e il nostro conto in banca è quello che è. Eppure, non ci sono limiti. L’universo è infinito e non può essere che infinito. Ma allora, come possiamo spiegarci i limiti che incontriamo nella nostra esperienza? Un modo per farlo è riconoscere due tipi di limitazioni, le limitazioni creative e le limitazioni filtrate. La limitazione creativa presuppone di stabilire intenzionalmente dei limiti all’interno di un universo infinito al fine di creare esperienze particolari. Senza tali apparenti limitazioni, non potremmo sperimentare la dimensione dell’infinito. Le limitazioni creative ci permettono di migliorare le nostre abilità creative attuando una focalizzazione su una certa gamma e tipologia di esperienza. In contrasto con le limitazioni creative, una limitazione filtrata è imposta da idee e convinzioni che inibiscono la creatività invece di esaltarla, come le convinzioni che generano sentimenti di impotenza e disperazione o di vendetta e crudeltà. Ogni limitazione filtrata genera un tipo di concentrazione privo della potenzialità di compiere un’azione positiva.

 

Terzo principio:
MAKIA – L’energia fluisce dove va l’attenzione
Fra le tecniche sciamaniche più potenti e usate vi è la meditazione, poiché entrambe fanno uso del terzo principio. Meditare significa molte cose diverse per la gente, ma letteralmente significa pensare profondamente e continuamente. State meditando ogni volta che impegnate la vostra attenzione in maniera concentrata e prolungata su qualcosa. Secondo la filosofia Huna questo tipo di attenzione ha l’effetto di incanalare l’energia dell’universo e di causare il manifestarsi dell’equivalente fisico di tale concentrazione.

 

Quarto principio:
MANAWA – Adesso è il momento del potere
Alcune tradizioni orientali sostengono che le circostanze presenti di un individuo sono l’effetto di decisioni e di azioni di vite passate. Questo si chiama karma, una parola sanscrita generalmente tradotta come “causa ed effetto” o “ricompensa e debito”, ma che realmente significa “azione e reazione”. Secondo queste tradizioni, non è generalmente possibile cambiare il proprio karma. Tutto ciò che è possibile è raccogliere ciò che si è seminato. La tradizione sciamanica invece dice che il passato non ha dato all’individuo quello che egli possiede oggi, né lo ha reso quello che egli è oggi. Sono bensì le convinzioni, le decisioni e le azioni di adesso che creano quello che un individuo possiede e lo rendono ciò che è. Nella misura in cui cambiamo noi stessi nel momento presente, cioè i nostri pensieri e il nostro comportamento, così cambiamo il mondo.

 

Quinto principio:
ALOHA – Amare è essere felici con
In hawaiano il significato della parola amore è molto chiaro. “Amore” in hawaiano è Aloha. La radice alo significa “essere con, condividere un’esperienza qui e ora”. Oha invece significa “affetto, gioia”. Perciò la traduzione completa di Aloha diventa “amare è essere felici con”. Questo significa che l’amore esiste nella misura in cui si è felici con l’oggetto del proprio amore. In qualsiasi relazione con persone, luoghi o cose, la parte felice viene dall’amore e la parte infelice viene dalla paura, dalla rabbia e dal dubbio. Le mani non cominciano a sudare perché si è innamorati, ma perché si ha paura. Essere innamorati non ferisce, è la rabbia che ferisce.

 

Sesto principio:
MANA – Tutto il potere viene da dentro
La filosofia Huna insegna che tutto il potere alla base della nostra esperienza proviene dal nostro corpo, dalla nostra mente e dal nostro spirito. Seguendo un filo logico, se non esistono limiti l’Universo, o la fonte della vita, è infinito e se lo è significa che tutto il suo potere si trova in ogni suo punto, incluso il punto che definiamo come noi stessi. Niente accade mai senza la nostra partecipazione, in quanto qualsiasi evento di cui facciamo esperienza è stato attratto dalle nostre convinzioni, i nostri desideri, le nostre paure e le nostre aspettative. Poi noi possiamo reagire in modo abituale o rispondere in modo consapevole. Nessuno ci può rendere infelici. Possiamo però renderci infelici da noi, perché gli altri non agiscono nel modo che desideriamo o nel modo che pensiamo dovrebbero agire. Il potere è in noi e questo significa che è in noi anche per modificare gli eventi.

 

Settimo principio:
PONO – L’efficacia è la misura della verità
Inizialmente molte persone hanno problemi con questo principio, perché lo interpretano come “il fine giustifica i mezzi”. In realtà questo principio afferma esattamente il contrario e cioè che i mezzi determinano il fine. Mezzi violenti produrranno risultati violenti e mezzi pacifici produrranno risultati pacifici. Raggiungere il successo attraverso la mancanza di scrupoli produrrà una condizione in cui il prossimo agirà senza scrupoli verso di noi, ma se si ottiene successo aiutando gli altri, si favorirà una situazione in cui gli altri ci tenderanno la mano.

 

Tratto da:

 

 

 

 

 

 

Redazione

Summary
Ho’oponopono: i sette principi sciamanici secondo la filosofia Huna
Article Name
Ho’oponopono: i sette principi sciamanici secondo la filosofia Huna
Description
La filosofia Huna è la saggezza hawaiana da cui deriva Ho’oponopono. Primo principio: IKE - Il mondo è come pensi che sia A seconda del nostro punto di vista, una bottiglia può essere mezza piena o mezza vuota. A seconda dei nostri progetti, la pioggia può essere una benedizione per il raccolto o ...
Author
Publisher Name
Edizioni il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

Ho-oponopono occidentale: Giovanna Garbuio condivide con noi recensioni e testimonianze

Non siamo nati per soffrire

Il Punto Zero di Ho’oponopono

Ho-oponopono: Tutto è Uno, l’Uno è Amore, Tutto è Amore

Mi dispiace, perdonami, grazie, ti amo

Ho-oponopono: i problemi come opportunità di crescita

Wallpaper: Ho’oponopono

Il viaggio di Maui sulla Terra

Lo spirito di Aloha, amore puro

L’abbraccio virtuale dei lettori a Giovanna Garbuio di Josaya

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.