Control freak: le personalità controllanti 1
in Psiche ed emozioni

Control freak: le personalità controllanti

Perché alcuni sono ossessionati dal bisogno di controllo? Perché sono profondamente convinti di dover dettar legge su tutto? Perché pensano che il loro ordine del giorno debba prevalere su quello altrui? Perché insistono tanto affinché tutto sia sempre fatto a modo loro anche quando gli si dimostra che il nostro metodo è efficace quanto il loro, se non di più?

La risposta è semplicissima: questo smisurato bisogno di controllo è quasi sempre provocato dall’ansia, stato emotivo primario di tensione nervosa spesso cronica, il cui processo si ricollega al trattamento delle informazioni.

Ma come si attiva il meccanismo che porta alcuni a diventare dei veri e propri control freak, personalità controllanti? Prendiamo il caso di un bambino in costante contatto con una figura parentale ansiosa. Il bambino apprenderà ripetutamente che il più piccolo gesto rischia di scatenare negli altri reazioni catastrofiche. Poiché dipende completamente da questa figura parentale per la propria alimentazione fisica ed emotiva, per il bambino  questi continui “assalti” si dimostreranno decisamente spaventosi.

Di conseguenza, svilupperà meccanismi di autodifesa per proteggersi da qualunque situazione. In ragione delle esperienze vissute si aspetterà, qualsiasi cosa faccia, di essere oggetto di collera, critiche o manifestazioni d’ansia. Crescerà quindi timoroso ed entrerà a far parte di quella schiera di persone timidissime, sempre pronte a scusarsi, sempre in tensione. In alternativa, potrà trasformarsi in una di quelle persone ultracompetenti che sanno sempre tutto, così da non dover mai rivivere l’ansia che avvertiva quando gli veniva detto che non faceva il suo dovere.

Questi diversi modi di adattarsi conducono a un bisogno di assumere il controllo e possono dimostrarsi positivi o, al contrario, creare un isolamento in funzione di diversi fattori, tra i quali l’intelligenza, la flessibilità di altre difese ecc. La persona dominata dal bisogno di controllo non vorrà comunque in alcun caso perdere l’influenza che ha sulla propria vita e sul proprio ambiente. Il solo pensiero di una qualche perdita di controllo la farà tremare di paura e provocherà un senso di disagio, di ansia.

Di fatto, la personalità controllante si protegge dall’ansia mantenendosi il più lontano possibile da quel bambino sperduto, incerto e perplesso che era o da quel trauma di cui porta i segni.

Sul lavoro, le personalità controllanti rischiano di inquietarsi all’idea di dover far fronte a un fallimento. Nei rapporti personali, siano questi di tipo affettivo, amicale o familiare, possono inquietarsi se i loro bisogni rischiano di non essere appagati.

Per impedire a quest’ansia di opprimerle, di schiacciarle o, peggio, di manifestarsi anche solo un po’, i control freak tenteranno di controllare le persone e gli eventi che le circondano. Avranno dunque grosse difficoltà a negoziare e a scendere a compromessi, perché saranno completamente incapaci di tollerare l’imperfezione. Va da sé che si tratta di individui con i quali è difficile vivere, complicato lavorare e arduo socializzare.

 

Tratto da:

 

 

 

 

Redazione

Summary
Control freak: le personalità controllanti
Article Name
Control freak: le personalità controllanti
Description
Perché alcuni sono ossessionati dal bisogno di controllo? Perché sono profondamente convinti di dover dettar legge su tutto? Perché pensano che il loro ordine del giorno debba prevalere su quello altrui? Perché insistono tanto affinché tutto sia sempre fatto a modo loro anche quando gli si dimostr...
Author
Publisher Name
Edizioni il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

Scopri chi sei con gli archetipi della tua personalità

Esercizio di respirazione per armonizzare gli emisferi cerebrali

Canto armonico, intervista e video di Roberto Laneri

Saper riconoscere le proprie emozioni

Simboli dei sogni: LA VITA E LA MORTE

Perché incontro sempre l’uomo sbagliato?

L’ansia e la mente catastrofica

Slow life: apprezzare il cammino, oltre che la meta

Insonnia e meditazione

Ecco perché ingrassiamo quando siamo stressati

Come esprimere la collera in maniera costruttiva

Non solo corpo: i mudra per comunicare con efficacia

In ordine di nascita: il primogenito

Il segreto delle guarigioni eccezionali

La mente subconscia e il potere del cambiamento

I sogni ricorrenti: cosa sono e il loro significato

Riconoscere la violenza psicologica

I pensieri guidano i tuoi stati d’animo? “Mettili in riga” con la mindfulness!

Le nostre convinzioni possono guarirci?

Divieto di scarico!

La mente è il corpo

Le principali piante medicinali per attacchi di panico

Imparare a dire no

Anche l’occhio vuole la sua parte

Concentrarsi sul presente: una vera e propria terapia di Mindfulness

Gli autosabotatori

Dimmi come mangi e ti dirò chi sei

Esercizio di sofrologia: dalla contrazione alla decontrazione

Il significato psicosomatico delle malattie

I fantasmi di un amore passato

Viaggi nel tempo: realtà o illusione?

Trasforma otto emozioni letali in emozioni sane – recensione su La mente mente

Mindfulness in famiglia: meno crisi e più serenità!

I pensieri ci fanno ammalare?

San Patrizio: il trifoglio, il verde, il folletto e l’arcobaleno

Innamorarsi sempre delle stesse persone: i copioni inconsci

L’arte della fusione con l’altro

L’adolescenza, un’identità in rivoluzione

Amore e dipendenza affettiva

La dipendenza affettiva: quando l’amore fa soffrire

Come si manifesta la depressione

L’interpretazione dei sogni

La forza delle emozioni

Simboli dei sogni: LE PARTI DEL CORPO

Come combattere la depressione stagionale

Un autosabotatore: il silenzio

Attenti ai manipolatori!

Avere successo in amore: elogio della vulnerabilità

IL CANTO ARMONICO di ROBERTO LANERI

Intervista a Nirodh Fortini

Quando ci mettiamo in gabbia da soli…

Il perfezionismo: dal desiderio di far bene all’ossessione

Mindfulness per super mamme in cinque minuti

Messaggio alle donne: siete voi il tesoro che state cercando

Il senso di colpa

Esercizio pratico di felinità: sorridi!

I sogni ci comunicano informazioni preziose

La schiena e i suoi significati psicosomatici

Che “emisfero” siamo?

La paura

Il Toxoplasma, parassita che influenza il comportamento di uomini e topi

Simboli dei sogni: GLI ANIMALI

Il lutto: perdita ed elaborazione

Come funziona l’intuizione

Cos’è lo stress e come ridurlo

Stress? Impara a coccolarti e ritrova la tua serenità mentale

Metti un freno alla velocità

Liberarsi dalle ripetizioni familiari negative

Esercizio di meditazione per superare un lutto

L’intestino ci rende felici: perché una flora batterica sana fa bene anche all’umore

Loading Facebook Comments ...

1 Commenti

  1. Il Toxoplasma, parassita che influenza il comportamento di uomini e topi - Liberi di Leggere

    […] da deficit di attenzione e iperattività o alterazioni dell’umore (ti potrebbe anche interessare: Control freak: le personalità controllanti). Il topo può vivere due o tre anni, mentre gli esseri umani possono trasportare il parassita per […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.