L’addomesticamento secondo don Miguel Ruiz

L’addomesticamento secondo don Miguel Ruiz

Tutte le sofferenze e i drammi della vita sono la conseguenza di ciò che avete imparato. Tutto ciò che imparate è vivo, l’immagine che avete di voi stessi è viva e vive nella vostra mente. Questa immagine non è voi, ma utilizza tutto ciò che percepisce per giustificare la propria esistenza. Non è voi, ma vi sta mangiando vivi e sta distruggendo la vostra felicità.

Al momento della nascita, la vostra mente era totalmente innocente, non avevate nessun tipo di concetto. A uno, due o tre anni non vedete voi stessi. L’unico modo per vedervi è guardare la vostra immagine in uno specchio e lo specchio sono gli esseri umani che vi circondano, che vi dicono ciò che loro credono che voi siate.

Quello che vostra madre vi dice che siete non corrisponde esattamente a quello che vi dice vostro padre, i vostri fratelli, la televisione, la chiesa o la società. Ogni adulto nella vostra vita proietta su di voi una diversa immagine di voi, e nessuna di queste immagini è quella vera. Così, ciò che credete di essere è un’immagine distorta di voi stessi che vi arriva dagli altri, da specchi che deformano sempre l’immagine. E voi, dato che non potete vedervi, credete a quello che vi dicono e vi dichiarate d’accordo con loro. Appena stabilito questo accordo, l’immagine viene programmata nella vostra memoria e credete che quell’immagine sia ciò che siete.

Recepite tutte le immagini distorte che gli altri creano per voi e a un certo punto le mettete insieme e cercate di ricavarne un senso. Create un’altra immagine di voi, un’immagine globale, e la proiettate a vostra volta sul mondo esterno, poi la praticate fino a padroneggiarla perfettamente.

I Toltechi lo chiamano il sogno della prima attenzione, perché è la prima volta in cui usate l’attenzione per creare tutta una realtà. Poiché tutta la vostra attenzione viene agganciata dall’esterno, proiettate tutto un mondo esterno. Iniziate a cercare voi stessi all’esterno perché non credete più a voi stessi. Cercate quello che pensate di non avere: giustizia, bellezza, felicità e amore, quando invece è già tutto dentro di voi.

In voi tuttavia continua a esserci qualcosa che reclama la libertà e che vi dice: “Io non sono davvero questo, io non voglio davvero questo”. L’intera visione della vostra realtà si basa su ciò che credete di essere, ma ciò che credete di essere è soltanto un concetto. È conoscenza, ma conoscenza non significa verità. La conoscenza è solo ciò che sapete.

 

Qui trovate un esercizio per padroneggiare la consapevolezza e iniziare a smantellare “l’addomesticamento”
Tratto da:

 

 

 

 

Summary
L'addomesticamento secondo don Miguel Ruiz
Article Name
L'addomesticamento secondo don Miguel Ruiz
Description
Tutte le sofferenze e i drammi della vita sono la conseguenza di ciò che avete imparato. Tutto ciò che imparate è vivo, l’immagine che avete di voi stessi è viva e vive nella vostra mente. Questa immagine non è voi, ma utilizza tutto ciò che percepisce per giustificare la propria esistenza. Non è ...
Author
Publisher Name
Edizioni il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche:

La leadership nel mondo degli indiani lakota
Un autosabotatore: il silenzio
Che tipo di messaggero sei?
Esci, se ne hai il coraggio
Cos'è la meditazione trascendentale?
Loading Facebook Comments ...

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi richiesti sono segnati con*

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.