Bucce d’arancia: rifiuti o risorse?

Bucce d’arancia: rifiuti o risorse?

Dopo aver fatto il pieno di vitamine con una buona spremuta, non buttate le bucce d’arancia (ma anche degli altri agrumi, soprattutto se biologici!), perché potete riciclarle in molti modi diversi. Potete innanzi tutto farle essiccare (magari private di tutte le pellicine bianche, poste su una carta assorbente vicino al termosifone, ma non direttamente in forno o al sole), macinarle e aggiungerle a , tisane, torte, macedonie, oppure inserirle nei sacchetti profumati per armadi.
Se invece vi sentite più portati al fai-da-te, ecco tre preparazioni un po’ più complesse, una per il corpo e due per la cura della casa, da fare con le bucce d’arancia:

Polvere esfoliante per il corpo arancia e mandorle

– 6 grosse arance non trattate
– 200 g mandorle

Con un coltello ben affilato o un pelapatate, sbucciate le arance. Distendete le scorze sulla placca e fatele essiccare per varie ore a 50°C con lo sportello del forno leggermente socchiuso, muovendole di tanto in tanto con un cucchiaio di legno.
Quando le scorze sono ben disidratate, estraetele dal forno e lasciatele raffreddare. Macinatele finemente nel macinacaffè. Macinate poi altrettanto finemente le mandorle. Mescolate la polvere di mandorle a quella d’arancia e conservate la miscela così ottenuta in un vaso, chiudendo ermeticamente. Per utilizzarla, prelevate la quantità di polvere necessaria e incorporatela a un po’ di yogurt o di olio vegetale. Usate questa pasta per esfoliare delicatamente il corpo o il viso, effettuando movimenti circolari. Sciacquate con acqua tiepida.

Polvere detergente sbiancante per lavandini (e sanitari)

– 1 tazza bicarbonato di sodio
– 2 cucchiaini cremor tartaro
– 1/8 tazza borace
– ¼ tazza scorza grattugiata di arancia (oppure limone o pompelmo)

L’unione di borace e scorza d’agrume uccide i germi e rimuove le macchie. Mescolate tutti gli ingredienti in un contenitore di plastica, preferibilmente con coperchio forato. Agitate bene. Spargetene una piccola quantità nel lavandino e strofinate con una spugna o un panno umidi. Sciacquate bene con semplice acqua.

Pot-pourri “Delizia all’arancia”

– 2 tazze scorza d’arancia tagliata a striscioline
– 1 tazza fiori di calendula
– 1 tazza mela a cubetti, essiccata
– ½ tazza chiodi di garofano interi
– ½ tazza cannella a pezzetti
– ½ tazza radice di calamo
– 10 gocce olio essenziale di arancio dolce

Mettete tutti gli ingredienti in un vaso di vetro e mescolate con un cucchiaio fino a che non si sono ben miscelati. Mettete il coperchio e ponete il vaso in un punto lontano da correnti, luce solare diretta e temperature estreme. Scuotete delicatamente il vaso una volta al giorno per quattro, sei settimane o fino a quando non vi sembra che la fragranza si sia pienamente sviluppata.

Tratto da:

 

 

 

Summary
BUCCE D’ARANCIA: RIFIUTI O RISORSE?
Article Name
BUCCE D’ARANCIA: RIFIUTI O RISORSE?
Description
Dopo aver fatto il pieno di vitamine con una buona spremuta, non buttate le bucce d’arancia (ma anche degli altri agrumi, soprattutto se biologici!), perché potete riciclarle in molti modi diversi. Potete innanzi tutto farle essiccare (magari private di tutte le pellicine bianche, poste su una car...
Author
Publisher Name
Edizioni il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche:

Liberarsi dal superfluo
Siamo tutti disidratati?
Guerra al calcare!
Le fusa del gatto, una frequenza guaritrice?
I difetti della vista: guarire si può, con la ginnastica oculare
Loading Facebook Comments ...

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi richiesti sono segnati con*

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.