“Smettere” di lavorare e assumersi la responsabilità della propria Vita – parte 1 0
in Andrea Bizzocchi Disinformazione e attualità

“Smettere” di lavorare e assumersi la responsabilità della propria Vita – parte 1

IL MIO AUGURIO PER UN 2015 PIÙ IN SINTONIA CON LA VITA CHE VOGLIAMO DAVVERO.

“Smettere” di lavorare e assumersi la responsabilità della propria Vita

Nonostante i tempi difficili in cui viviamo, o forse proprio per questo, i margini di miglioramento nelle nostre Vite sono enormi, e soprattutto dipendono esclusivamente da noi e dalla nostra voglia di metterci in gioco. Assumersi la piena responsabilità della propria Vita è il punto di partenza fondamentale e ineludibile per raggiungere la nostra felicità.

 

Non siamo felici. Non importa che lo ammettiamo o meno. Le cose stanno così e lo sappiamo benissimo. E la colpa di questa infelicità diffusa non è affatto della crisi che anzi ha fatto del bene perché ha aperto molti occhi. Del resto che non siamo felici nel mondo difficile in cui ci troviamo a vivere è anche normale. Questo mondo, con le sue regole, i suoi ritmi, le sue esigenze, è così brutto che essere infelici è del tutto normale. Proprio per questo urge cambiare e siamo noi in prima persona a doverlo fare assumendocene la piena responsabilità.

L’altro giorno mi è venuto in mente che la nostra famiglia (siamo in quattro) non ha un lavoro da più di dieci anni. Per scelta. E abbiamo una Vita bellissima. Una Vita piena di cose belle, rapporti, aiuto, condivisione, semplicità, viaggi. E tutto questo perché più di dieci anni fa ci siamo rifiutati di continuare ad essere schiavi del meccanismo “produci, consuma, crepa”. Non è stato tutto rose e fiori, ci sono stati momenti difficili, paure e limiti da affrontare, litigi e lacrime; la Vita del resto non è una passeggiata su un prato fiorito, ma proprio per questo bisogna fare lo sforzo di viverla il più possibile a modo nostro.

Per noi tutto è cambiato quando abbiamo deciso di lasciare il “lavoro”. Mi rendo conto che di questi tempi parlare di abbandonare il lavoro appare come una provocazione, ma non lo è affatto. È anzi una cosa molto seria. Quando parlo di abbandonare il lavoro intendo essenzialmente abbandonare il “lavoro salariato” e più in generale la dipendenza dal sistema.  Lasciare volontariamente il lavoro per inventarsi un’altra vita, mi pare anzi la cosa più sensata che potremmo fare nel mondo che viviamo, e questo a maggior ragione proprio perché viviamo questi tempi di cosiddetta “crisi”, tempi in cui il lavoro (quello classico), non c’è più o comunque sempre meno.

Anzitutto una premessa doverosa per inquadrare la questione: il lavoro salariato, crisi o non crisi, è una forma di schiavitù impacchettata con i fiocchi come fosse un regalo di Natale, ma pacchetto o non pacchetto, fiocchi o non fiocchi, rimane una schiavitù che ci costringe a fare “cose” (cioè lavori) perlopiù insane sia da un punto di vista fisico che psicologico che esistenziale, e questo per tutta la Vita, e questo al solo fine di guadagnare quei quattro soldi che ci permettono di andare in un centro commerciale per avvelenare corpo e mente. Ma anche questo è oramai superato, perché oramai anche il lavoro non c’è più. Questa non è una tragedia, ma piuttosto una straordinaria opportunità per vedere le cose da un’altra prospettiva e iniziare così a cambiare la propria Vita.

Ad esempio non è affatto vero che non c’è più “lavoro”, ma semplicemente che stanno volontariamente eliminando posti di lavoro, che è tutt’altra cosa. Il “lavoro” non è un “posto di lavoro”, ma piuttosto fare cose che servono per vivere. E basta guardarsi attorno per vedere che ci sono un sacco di cose che possiamo fare per vivere. Ad esempio ricominciare a essere più autosufficienti e ricreare relazioni e rapporti umani, che sono le due cose davvero fondamentali per la nostra esistenza. Nessuno ci pensa mai e nessun media lo dice, ma il meccanismo economico in tutti questi anni non ha fatto altro che toglierci progressivamente la possibilità di provvedere a noi stessi, sia da un punto di vista pratico che, non meno importante, da un punto di vista relazionale/spirituale. In soldoni, questo sistema ci ha tolto ciò che ci è essenziale per vivere, sostituendolo con uno stipendio con cui comprare quel qualcosa che ci è essenziale per vivere, salvo poi, e siamo all’oggi, toglierci lavoro e stipendio; per questo oggi ci troviamo in braghe di tela. È questa l’essenza di quell’economia che adoriamo e che invochiamo a gran voce quando vogliamo la “ripresa economica”, dimostrando così di non aver capito nulla né della crisi né tantomeno della Vita.

In ogni caso non è questo il punto focale della questione. Poiché il lavoro salariato e quindi la disoccupazione sono un’invenzione moderna (prima c’erano i mestieri che sono tutt’altra cosa. Il lavorare si confondeva con il vivere e soprattutto la disoccupazione non esisteva), il fulcro dell’intera questione non è come trovare lavoro ma come vivere (e meglio) senza. Cosa serve per fare questo, ovvero per apportare miglioramenti concreti alla nostra Vita? Proverò a riassumere brevemente per punti…

Leggi la seconda parte

Ti potrebbero interessare anche questi:

Il controllo dell’umanità (e cosa possiamo fare) – parte 1

Andrea Bizzocchi parla di signoraggio

La dittatura della finanza

Esperimenti scientifici non autorizzati – recensione su Mangialibri

Marco Pizzuti – intervista a Esserciweb

La Fabbrica della “Salute” (si fa per dire)

Le “foreste” di Marte: Vedere per credere…

Grazie alla crisi possiamo riprenderci la nostra vita

Derubati di sovranità, di Gianluca Ferrara

Ritorno alla realtà

Derubati di sovranità, la recensione di Giovanni Acquati

Il click dentro

Andrea Bizzocchi: video-intervista in redazione!

Un villaggio di case sugli alberi in Piemonte è in continua espansione

Scelte alimentari autorizzate

L’acrilammide, un veleno nascosto

Il debito pubblico, gli interessi, le bugie e Matteo Renzi

Gli inganni dell’industria alimentare: l’olio di palma

Presentazione di Derubati di sovranità, il video

Una società malata di morte non può amare la Vita

Siamo alla frutta (ridendo ma non troppo)

La malattia e la salute sono la stessa cosa

Storica decisione dello IARC: le carni rosse lavorate sono cancerogene come l’amianto

Euroballe – recensione su Archivio storico

Se l’economia reale (cioè la gente) perde, è sempre perché la finanza vince

Charlie Hebdo: un attentato false flag e l’insopportabile retorica della libertà

Esperimenti scientifici non autorizzati – recensione su Da Sapere

Scoperte mediche non autorizzate: il booktrailer

I “sopra” e i “sotto”

Smettere di lavorare: il booktrailer

Gianluca Ferrara, Derubati di sovranità, le interviste

Il debito pubblico in Italia

Scie chimiche: cosa sono?

Grecia: sequestro casa e stipendio per chi non paga le tasse… l’Italia è la prossima?

Il controllo dell’umanità (e cosa possiamo fare) – parte 2

L’attitudine distruttiva della civiltà

La “bontà” degli USA e la propaganda

“Smettere” di lavorare e assumersi la responsabilità della propria Vita – parte 2

CONTRO IL LAVORO

La logica del dominio – Da dove viene e come superarla?

Altro che “Je suis Paris”

Esci, se ne hai il coraggio

I pesticidi in frutta e verdura d’importazione

Il nostro futuro tra democrazie, referendum e debiti pubblici

Nove comandamenti per vivere in un mondo difficile

Analisi breve per capire come la finanza estrapola ricchezza dalla società (e come difendersi da essa)

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.