Una giornata del cavolo (riccio, però) 0
in Dieta e alimentazione

Una giornata del cavolo (riccio, però)

Articolo pubblicato su L’altra medicina

Certo, in italiano la ‘Giornata del cavolo’ non suona bene ma negli USA l’hanno da poco istituita: è il “National Kale Day”. Un cavolo, sì, ma nello specifico quello che noi chiamiamo cavolo riccio. Perché? Che cos’ha di particolare?

Tutte le Brassicaceae o Crocifere possono contare su notevoli proprietà nutrizionali. Ma questa pianta, in particolare, con le sue tante varietà, è considerata da alcuni un vero e proprio superfood, sebbene non arrivi da paesi esotici (la pianta sembra originaria del sud-Europa, ma variamente modificata nel tempo). 
Da noi è ben conosciuta la varietà toscana, il cavolo nero (quello della ‘ribollita’): per gli americani è il “dino-kale” perché, secondo loro, ricorderebbe la pelle rugosa di un dinosauro. Un po’ di storia:
http://www.vegolosi.it/news/kale-storia-della-verdura-piu-mangiata-dai-newyorchesi/

Ma veniamo alle caratteristiche nutrizionali. Perché questa Brassicacea, imparentata ai broccoli e alle rape, è ora così portata dai media e di moda nei locali che si ispirano alla ‘cucina naturale”? Ricapitoliamo:

Ottima fonte di calcio, più biodisponibile rispetto alla sorgente-latte. A differenza degli spinaci, anche loro ricchi di calcio, il cavolo riccio non contiene ossalati che ne limitano l’assorbimento (consiglio: per migliorare l’assorbimento usate qualche goccia di limone). Buono il contributo anche in termini di ferro e persino in proteine (i soliti esagerati la chiamano la ‘bistecca-pianta’).
Contiene sulforafani e kaempferolo, dotati di proprietà preventive sui tumori. A questi composti, su cui si concentra tuttora la ricerca, aggiungete un’ampia gamma di carotenoidi. 
– Una sola tazza di cavolo riccio supera ampiamente le dosi giornaliere raccomandate di vitamina C (134%), vitamina A (200%) e vitamina K (600%). Ricco anche in fibre, folati e altre vitamine del gruppo B. Tutto questo con un ridotto apporto calorico.

Un capitolo a parte riguarda gli effetti che stanno emergendo sulla funzione cerebrale.

Uno dei promotori del National Kale Day è Drew Ramsey, psichiatra della Columbia University, che sottolinea le potenzialità antidepressive di questa verdura. L’effetto sarebbe dovuto alla presenza di più composti che lavorano in sinergia e cioè:

– Acido alfa linolenico (ALA) che nel cervello viene convertito in EPA e DHA: elevati apporti di ALA si associano ad un ridotto rischio di ansia e depressione. Promettente anche nel contesto della prevenzione cardiovascolare.

– Il sulforafano, stimolando l’azione detox di alcuni enzimi, riduce l’infiammazione cerebrale. Si è visto che migliora le proprietà mnemoniche e di apprendimento nelle persone che hanno subìto danni cerebrali.

– Anche la ricchezza in folati di questa crocifera concorre in più modi alla salute del cervello. I folati, infatti, agevolano la produzione di EPA e DHA, stimolano la produzione della difensina-1 (molecola protettiva sulle cellule cerebrali) e aumentano le concentrazioni del neurotrasmettitore acetilcolina, coinvolto nei processi cognitivi e mnemonici.

Articolo pubblicato su L’altra medicina

 

 

 

Redazione

Summary
Una giornata del cavolo (riccio, però)
Article Name
Una giornata del cavolo (riccio, però)
Description
Articolo pubblicato su L'altra medicina Certo, in italiano la 'Giornata del cavolo' non suona bene ma negli USA l'hanno da poco istituita: è il "National Kale Day". Un cavolo, sì, ma nello specifico quello che noi chiamiamo cavolo riccio. Perché? Che cos'ha di particolare? Tutte le Brassicaceae ...
Author
Publisher Name
Edizioni il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

Ricette: La zucchina

Ricette: la banana

Ricette: gli asparagi

Vegan senza glutine: Maria Alessandra Tosatti e Francesca Gregori a SANA 2016

Ricette: La pera

Il tè di gelsomino e la circolazione del Qi

La dieta metabolica: come e perché

Ricette: La melanzana

Le alghe, verdure di mare amiche della linea

I benefici delle verdure fermentate: preparare i crauti

Carenza di minerali, una delle cause principali dell’acidosi

Ricette: il finocchio

L’allattamento al seno può contribuire allo sviluppo emotivo e sociale del bambino

Consigli per la salute, di Luigi Torchio: un aiuto dalla fitoterapia per dimagrire

L’eccezionale ricchezza nutritiva del lievito di birra

Ricette: l’arancia

Bicarbonato di sodio: carta di identità

Ricette: funghi curativi

Una giornata “fruttaliana”

La chia, un piccolo seme dalle grandi virtù

Perché mio figlio ha bisogno di una dieta vegetale e integrale? Conferenza di Nicla Signorelli

Sesso, desiderio e alimentazione: 6 stimolanti naturali

Ciò che non sai sul cibo e che potrebbe salvarti la vita: Stefano Momentè a SANA 2015

Gli antiossidanti: protezione naturale grazie a frutta e verdura

Ricette: la mela

Ricette: L’ananas

Ricette: la rucola

Le intolleranze alimentari, conferenza di Alessandro Targhetta

La salute a tavola: i superalimenti

Il latte fa male?

La birra, protagonista del Saint Patrick’s Day

Ricette: la colazione vegan

Ricette: il radicchio

Frutta e semi oleaginosi, un concentrato di energia

Carciofo crudo tutti i giorni per combattere la stanchezza e depurare

Gli inganni dell’industria alimentare: l’olio di palma

Ricette: lo zenzero

Il colesterolo: amico o nemico?

Ricette: le fragole

I germogli: perché consumarli e che benefici hanno

La cura delle mele: rivitalizzare e disintossicare

Alimenti fermentati per conservare i valori nutrizionali del cibo

Cos’è e come si manifesta la sindrome del colon irritabile

La betulla: un prezioso alleato per la depurazione primaverile

Caffè: amico o nemico?

Ricette: i fagioli

La quinoa, superalimento con una marcia in più

Ricette: la barbabietola

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (terza parte)

La dipendenza alimentare, una fame compulsiva

Ricette: la patata

…E dopo i cenoni, mi depuro!

Bambini e alimentazione veg: imparare ad apprezzare nuovi sapori

Vegan e senza glutine: è possibile?

Ricette: il sesamo

L’indice glicemico ti rivela gli zuccheri nascosti

Soia Edamame: buona, salutare e rigorosamente italiana

Ricette: il miglio

Regole e consigli per essicare al meglio frutta e verdura

Ricette: la carota

Frullati VS centrifugati: proprietà e differenze

Ricette: La noce

Cellulite addio: un occhio all’alimentazione

L’intolleranza al glutine nei bambini

L’aglio, alleato della nostra salute

Come conservare la nostra salute

Ricette: l’aglio

Lo zucchero, un dolce veleno

Intervista al dottor Luigi Torchio

Il magico mondo delle spezie

Come far mangiare le verdure ai bambini

Proteine vegetali, proteggono l’apparato cardiovascolare

Ricette: il sedano

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (prima parte)

L’importanza della vitamina B12 per adulti e bambini veg

Ricette vegetariane per la dieta Dukan

Ricette: il peperone

La crusca di avena – recensione su EcoCoaching

Che cos’è l’equilibrio acido-base?

La curcuma, una spezia-farmaco?

Ricette: l’uva

Formaggi vegan fatti in casa

Regole generali per un’alimentazione contro i funghi

La clorofilla: un’alleata per la salute

Il reishi: storia e proprietà del fungo curativo per eccellenza

Ricette senza glutine: focaccia alle olive

Raw food: il crudismo, delizioso amico della linea

Goji, la bacca dalle straordinarie proprietà terapeutiche

Dieta vegana: salvaguardi la salute, riduci l’inquinamento, rispetti la natura e gli animali

Troppi antibiotici nel nostro corpo: mangi carne e ingerisci antibiotici

Ricette: il basilico

Ricette: la cipolla

Vegetarianismo: Carne insostituibile? Gli italiani non la pensano così!

In forma per l’estate, senza dieta!

Ricette: il pomodoro

Scelte alimentari autorizzate

Ricette: le mandorle

Ricette: il prezzemolo

Diventare vegani: a ciascuno la sua ricetta!

Ricette: La castagna

I formaggi vegan: presentazione e show cooking

La crusca d’avena e i suoi benefici per la salute

Zenzero – recensione su EcoCoaching

Ricette: gli spinaci

Le diete iperproteiche: servono o no?

Gluten Sensitivity: la sindrome da sensibilità al glutine

Il digiuno, un incontro con se stessi

Alimenti acidificanti, alcalinizzanti e acidi

Ricette: il porro

Ricette: l’orzo

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (quarta parte)

Ricette: i ceci

Come preparare il latte di riso in casa

La medicina naturale: dieta sana e igiene di vita

I pesticidi in frutta e verdura d’importazione

Intervista a Pierre Dukan – parte II

Ricette: moringa, il superalimento degli dei

Ricette: la menta

Ancora uno… e poi basta – recensione su L’angolo del personal coaching

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (seconda parte)

Intestino sempre in forma

Ricette: il carciofo

Ricette: Il miele

Intolleranze alimentari: il ruolo di frumento e latticini

L’acrilammide, un veleno nascosto

Disintossicazione d’autunno

L’importanza dei metodi di cottura

Le otto cure rivitalizzanti – recensione su Bottega Scriptamanent

Dieta alcalinizzante è sinonimo di salute

Dimagrire con l’intestino

Salute e longevità: i segreti dei “popoli centenari”

Storica decisione dello IARC: le carni rosse lavorate sono cancerogene come l’amianto

Siamo tutti disidratati?

Ricette: il melograno

Il cioccolato: gusto e salute

Frullati estivi per un pieno di energia

Intervista a Pierre Pellizzari

La quinoa: ricette dolci

Il sale marino, elisir di lunga vita

La medicina nel piatto: le proprietà dello zenzero

Intervista a Pierre Dukan – parte I

Ricette: l’albicocca

Ricette: il mais

Ricette: le fave

Ricette: i piselli

Come prepararsi al digiuno

Ricette: il cavolfiore

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.