Vivere relazioni sane: i segnali di riconoscimento positivi e negativi 0
in Crescita personale

Vivere relazioni sane: i segnali di riconoscimento positivi e negativi

Noi siamo esseri sociali. Non possiamo fare a meno degli altri. Al di fuori della relazione, non c’è vita. Se nessuno si occupasse di noi alla nascita, la nostra vita sarebbe di breve durata; è attraverso il rapporto che nutriamo il nostro essere. L’altro è lo specchio che ci permette di prendere coscienza della nostra esistenza. È un dato di fatto: persino uno specchio deformante è meglio di nessuno specchio.
Le nostre relazioni sono utili, perché ci forniscono i segnali di riconoscimento indispensabili alla vita. Senza relazioni, senza segnali di riconoscimento, l’individuo non può sopravvivere. È un dato di fatto: meglio avere rapporti cattivi che non averli affatto, meglio segnali di riconoscimento apportatori di sofferenza che nessun segnale in assoluto.
Le relazioni rappresentano dunque un’occasione per scambiarsi segnali di riconoscimento. Ne esistono di quattro tipi: positivi, negativi, condizionati, incondizionati.

 

Segnali incondizionati positivi, esempi

  • Ti apprezzo.
  • Sei intelligente.
  • Sei una persona affidabile.
  • Sei un’ottima cuoca.

Segnali condizionati positivi, esempi

  • Hai svolto un ottimo lavoro.
  • Il tuo disegno è splendido.
  • Il tuo dolce è squisito.

Segnali incondizionati negativi, esempi

  • Non ti amo.
  • Sei stupido.
  • Non vali niente.
  • Sei un buono a nulla.

Segnali condizionati negativi, esempi

  • Hai svolto male il compito.
  • Il tuo testo è banale e hai fatto otto errori.
  • La conclusione di questo resoconto è priva d’interesse.

 

I segnali di riconoscimento incondizionati negativi sono distruttivi per chi li riceve, per chi li genera e per il rapporto. Il professore che dice all’alunno: “Sei pigro e buono a nulla… rifà questo compito” commette un triplice errore, facendo sentire l’alunno un fallito, condannandosi ad arenarsi nella sua missione d’insegnante, mettendo in pericolo la relazione, perché c’è da scommetterci che l’alunno respingerà in blocco la materia e l’insegnante.

 

Per vivere relazioni sane, applichiamo tre grandi regole d’igiene relazionale:

1. Scambiarsi il positivo
I segnali positivi di riconoscimento che ci scambiamo sono per il rapporto quello che la legna è per il fuoco del camino: fonte di calore e di benessere. I segnali positivi di riconoscimento permettono di costruire la relazione. Scambiarsi il positivo vuol dire offrire con generosità stimoli positivi sinceri e ricevere con semplicità gli stimoli positivi che ci vengono indirizzati, invece di ignorarli o di schermirsi come se non avessero alcuna importanza. Esempio:

  • Stimolo positivo: “Che bel vestito, ti sta benissimo!”.
  • Espressione di diniego: “Oh, l’ho comprato in saldo”.

2. Scambiarsi segnali di riconoscimento negativi ma condizionati
Affinché un rapporto rimanga sano e genuino, è necessario condividere ciò che è insoddisfacente, ciò che viene avvertito come negativo. È importante che l’espressione sia costruttiva nella forma. Ad esempio: “Secondo me, la conclusione del tuo tema è debole. Troppo breve e non aggiunge nulla al lavoro”. Inoltre, questo segnale di riconoscimento negativo condizionato si dimostrerà ancora più costruttivo se accompagnato da un suggerimento: “A mio parere la conclusione risulterebbe più interessante se riassumesse i punti chiave e suggerisse nuove ipotesi per portare avanti questo studio”. Dare e ricevere stimoli negativi condizionati rende autentica una relazione sincera e fidata.

3. Rifiutarsi di scambiare segnali di riconoscimento negativi e incondizionati
Questo significa rifiutare ogni giudizio sul valore della propria persona, stabilire dei limiti, rispettarsi e farsi rispettare. Significa negare a se stessi il diritto di esprimere un giudizio sul valore dell’altra persona. Significa imparare a esprimere ciò che non ci garba e a suggerire delle alternative. Un giudizio severo su un fatto o su un comportamento può rivelarsi corretto, un giudizio sul valore della persona è sempre esecrabile.

 

Tratto da:

 

 

 

Disponibile anche in EBOOK!

 

 

 

Redazione

Summary
Vivere relazioni sane: i segnali di riconoscimento positivi e negativi
Article Name
Vivere relazioni sane: i segnali di riconoscimento positivi e negativi
Description
Noi siamo esseri sociali. Non possiamo fare a meno degli altri. Al di fuori della relazione, non c’è vita. Se nessuno si occupasse di noi alla nascita, la nostra vita sarebbe di breve durata; è attraverso il rapporto che nutriamo il nostro essere. L’altro è lo specchio che ci permette di prendere ...
Author
Publisher Name
Edizioni il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

Il senso di colpa

Il potere dei numeri

Il primo animale a cui non fare del male è l’uomo…

Costruire la propria autostima

La paura

Il lato positivo – recensione su Nuove pagine

Costellazioni familiari sistemiche: presentazione con Daniele Ronchi

Sconfiggi la rassegnazione: videolezione con Rosario Alfano

L’empowerment: come riacquistare il controllo sulla propria vita

L’arte del riciclo

Il piccolo libro della vita

Il lato positivo – recensione su L’angolo del personal coaching

Esercizio di consapevolezza con don Miguel Ruiz

Ecco i vincitori del giveaway de Il gioco dell’eroe

L’amicizia

La libertà personale

L’inganno della crescita – Luca Mercalli

Il risparmio è una condizione mentale: piccole strategie per risparmiare in modo “indolore”

Giveaway: Il gioco dell’eroe

Istruzioni mancanti sulla vita – recensione su La mente mente

Aspettative: utili o dannose?

Il Ki delle nove stelle ti dice chi sei

Intervista a Gary Quinn

Senso di appartenenza e libertà individuale

Una riflessione sul tempo: il passato

Il manifesto dell’abbondanza di Joe Vitale

Nati per spendere?

Armonizza i tuoi spazi mentali con il feng shui interiore

L’amicizia tossica

Aiutare gli adolescenti a sviluppare fiducia in se stessi

La mente subconscia e il potere del cambiamento

Guarire l’ambiente, passo dopo passo

Essere donna: riscoprire il vero potere femminile

Vivere relazioni sane

Intervista a Nirodh Fortini

Carlo Scirocchi: L’evoluzione come terapia

Quando ci mettiamo in gabbia da soli…

Gianluca Magi – Chi ti ha insegnato che nulla si può cambiare, voleva solo un altro schiavo

Il codice segreto del tuo nome – recensione su La mente mente

Alzarsi un’ora prima al mattino per essere più felici. Sì, ma come si fa?

Una riflessione sul tempo: il presente

Mollo tutto e vado all’estero: intervista a Francesco Narmenni

Gli autosabotatori

La leadership nel mondo degli indiani lakota

La forza delle emozioni

Esci, se ne hai il coraggio

Cambio vita: mi trasferisco all’estero!

Un autosabotatore: il silenzio

Riconquistare la saggezza di vivere un giorno alla volta

Gli errori sono nostri amici

Amare ciò che è

Negoziare con gli altri: tutti i significati della parola NO

Liberarsi dalle ripetizioni familiari negative

Seminario AMARE CIÒ CHE È, The Work di Byron Katie

Esercizio di PNL: Creiamo la nostra ancora di fiducia

L’arte di dare e ricevere

Una riflessione sul tempo: il futuro

EBooklife: tutti gli ebook per il tuo benessere, e molto altro!

Intervista a Emanuele Tessarolo, autore di Mental Aikido

Space clearing: anno nuovo, casa nuova!

L’addomesticamento secondo don Miguel Ruiz

Slow life: apprezzare il cammino, oltre che la meta

Scopri chi sei con gli archetipi della tua personalità

Smettere di lavorare: il booktrailer

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.