Come funziona l’intuizione

Come funziona l’intuizione

Presentimento, fiuto, sesto senso, feeling, vocina interiore, istinto, intelligenza intuitiva; indipendentemente dal nome attribuito all’intuizione, ce ne serviamo senza esserne per forza di cose consapevoli. Il suo campo d’applicazione molto vasto ci consente di scoprire il significato di una difficoltà, avvertire in anticipo che un evento accadrà, percepire il vero stato fisico o psicologico di una persona, capire immediatamente una situazione, fare la scelta giusta, essere ispirati, anticipare un pericolo… e soprattutto, grazie ai suoi saggi consigli, dirigerci verso una felicità maggiore!

L’intuizione ci collega direttamente al nostro emisfero destro del cervello. Questo emisfero è lo specialista dell’immaginario, della nostra capacità di sintesi e ci offre accesso al mondo delle emozioni, ai nostri cinque sensi e ai dati immagazzinati nell’inconscio. Nel momento in cui ci poniamo delle domande, parte il processo intuitivo. Nel corso dei giorni accumuliamo e memorizziamo una quantità di informazioni senza esserne davvero consapevoli. Tutto ciò si decanta nell’inconscio e, in un dato momento, in una frazione di secondo ne emerge un’intuizione.

Per seguire la propria intuizione occorre essere in grado di individuarla quando si esprime. L’intuizione infatti ha lo scopo di fornirci una risposta, un’illuminazione, e di orientarci in una situazione. Si manifesta in molti modi specifici sfruttando tre dei nostri canali sensoriali. Ognuno possiede una modalità percettiva privilegiata che è interessante individuare, per amplificarla e soprattutto per riuscire a sollecitarla ulteriormente.

  1. La prima è la modalità uditiva. Sussurra parole nella nostra testa; è la vocina. Questa modalità ci aiuta soprattutto negli aspetti pratici della vita, nei quali ci offre direttive ben precise. La nostra mente è attraversata da molte idee e dunque per capire che si tratti proprio d’intuizione è opportuno seguirne i messaggi, così da verificare o meno la risposta nei fatti. Per esempio, all’improvviso ti viene da pensare: “Va’ in quel luogo!” e quando ci vai incontri una persona che volevi proprio vedere. “Chiama quella persona” e durante la conversazione lei ti dà un’informazione di cui avevi bisogno. Se non accade nulla di speciale, vuol dire che non eravamo in presenza di un’intuizione.
  2. Il secondo canale, quello cinestesico, ci guida attraverso le impressioni, sensazioni fisiche che vanno da quella gradevole a quella sgradevole. Può trattarsi di un’espansione o una contrazione del torace, fino a un senso di malessere o una stretta all’addome: tutto dipende dalla situazione incontrata. Il nostro corpo è un messaggero straordinario per accedere al linguaggio intuitivo, con sensazioni fisiche accompagnate da sentimenti ed emozioni spesso intensi. Le persone predisposte a questo tipo d’intuizione cinestesica sono profondamente in contatto con le loro emozioni. Si dimostrano sensibilissime all’atmosfera di un luogo, di una stanza, perché entrano facilmente in simbiosi con l’ambiente. Analogamente, per osmosi possono avvertire lo stato di un’altra persona. Questa singolare sensibilità trasmette loro la capacità di “sentire” e avere fiuto.
  3. Infine, l’intuizione visiva si manifesta attraverso dei flash che si rivelano in maniera chiara alla mente. Questo terzo canale agisce come un radar che riceve un’informazione e riflette la nostra capacità di vedere. L’intuitivo visivo è in grado di vedere chiaramente delle immagini, dei simboli o delle scene. Questo tipo d’intuizione ci fa drizzare le antenne, cosa che favorisce il nostro accesso al discernimento e al linguaggio dei segni, alla preveggenza e quindi alla possibilità di anticipare. “Vediamo” i fatti prima che accadano. Abbiamo dunque la possibilità di giocare d’anticipo e, in certi casi, modificare o sistemare le cose prima che nella realtà si crei un fastidio. In un lampo, scansioniamo la situazione.

L’intuizione è un alleato importante. A chi sa ascoltarla facilita le scelte giuste, stimola la creatività e offre una comprensione immediata di una situazione complicata.

 

Tratto da:

 

 

 

 

 

Summary
Come funziona l'intuizione
Article Name
Come funziona l'intuizione
Description
Presentimento, fiuto, sesto senso, feeling, vocina interiore, istinto, intelligenza intuitiva; indipendentemente dal nome attribuito all’intuizione, ce ne serviamo senza esserne per forza di cose consapevoli. Il suo campo d’applicazione molto vasto ci consente di scoprire il significato di una dif...
Author
Publisher Name
Edizioni il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche:

La forza delle emozioni
La leadership nel mondo degli indiani lakota
I fantasmi di un amore passato
Sai comunicare in modo creativo?
Anche l'occhio vuole la sua parte
Loading Facebook Comments ...

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi richiesti sono segnati con*

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.