I pericoli dell’amalgama dentale 0
in Salute naturale

I pericoli dell’amalgama dentale

L’amalgama, una lega di vari metalli, è un composto omogeneo ampiamente impiegato soprattutto in passato per le otturazioni dentali. In particolare si usa l’amalgama d’argento, che contiene argento, mercurio (un’otturazione in amalgama contiene in media 2,5 grammi di mercurio) e altri materiali, per lo più stagno, rame e zinco. Ma si possono trovare anche tracce di nichel e cadmio.

Il mercurio e gli altri metalli pesanti vengono rilasciati dalle otturazioni in amalgama in vario modo. Il mercurio elementare può penetrare direttamente in ciò che rimane del dente otturato e nella vicina gengiva, oppure nella mandibola. I denti e certe zone della gengiva, allora, prendono una colorazione scura, perché si formano i cosiddetti “tatuaggi da amalgama”. Da lì il mercurio si diffonde in tutto il corpo.

Il distacco di particelle di amalgama dalle otturazioni può però anche essere la conseguenza di processi diversi, di natura meccanica, elettrochimica e chimica. Può trattarsi di un’abrasione molto lieve oppure del distacco di schegge relativamente grandi. In entrambi i casi, i frammenti di metallo vengono inghiottiti e quindi si diffondono nel corpo, come mercurio elementare, attraverso il tratto digerente.

Se poi in bocca sono presenti diversi materiali dentali metallici, fra i nostri denti si genera una specie di corrente. I metalli pesanti delle otturazioni vengono dunque ionizzati e gli ioni metallici si sciolgono nella saliva, venendo inghiottiti. Tramite il tubo digerente, gli ioni di mercurio finiscono nel sangue e quindi si diffondono ovunque nel corpo.

L’amalgama naturalmente reagisce anche con gli alimenti. Gli acidi intaccano chimicamente non solo lo smalto dentale, ma anche le otturazioni, generando ioni di mercurio. Lo stesso accade con i cibi dolci, perché i batteri presenti in bocca trasformano fin da subito parte dello zucchero in acidi, che poi reagiscono con l’amalgama. Inoltre, le reazioni chimiche si svolgono più rapidamente a una temperatura elevata. Ecco perché le bevande e i cibi caldi aumentano il rilascio di metalli pesanti dalle otturazioni.

Quella dovuta all’amalgama è una contaminazione cronica, silenziosa, che il corpo riesce anche a tollerare a lungo, manifestando solo qualche piccola crisi ogni tanto. I disturbi avvertiti variano a seconda dell’intensità e della durata dell’intossicazione. In genere sono aspecifici: si va dalle cefalee ai dolori cervicali, dai disturbi gastrointestinali ai disturbi nervosi. Se l’avvelenamento è a uno stadio avanzato, i denti cadono, i reni non svolgono più la loro funzione e si arriva a compromissioni nervose molto gravi. I problemi di salute dunque iniziano anni prima della comparsa dei sintomi più evidenti, cioè quelli che indicano uno stadio ormai avanzato di avvelenamento e che convincono la persona di trovarsi di fronte a una malattia grave.

Il presupposto necessario per qualsiasi terapia contro un’intossicazione da metalli pesanti è che cessi la contaminazione. Nel caso dell’amalgama, le otturazioni devono essere completamente rimosse. Vi consiglio caldamente di rivolgervi a un dentista esperto in materia e dotato di uno studio con tutta l’attrezzatura che serve. Polverizzare le otturazioni in amalgama con il trapano senza un’adeguata protezione, infatti, non fa altro che aumentare la contaminazione dell’organismo e può peggiorare ancora di più il quadro sintomatico! Il dentista dovrebbe usare una tripla protezione, ossia:

  1. Ricoprire tutta la bocca con una diga dentale, un quadrato di lattice che lascia scoperti solo i denti da curare. La diga funge da barriera contro i frammenti che inevitabilmente vengono dispersi in bocca mentre si rimuove l’amalgama. E impedisce anche che le schegge vengano inghiottite. Tuttavia, non mette al riparo dai vapori di mercurio.
  2. Per proteggersi da questi ultimi, si applica sul dente da curare un tubo dotato di cappuccio clean-up, in modo da aspirare i vapori direttamente alla fonte.
  3. Per essere sicuri di non inalare vapori tossici di mercurio, durante la rimozione bisognerebbe respirare tramite un sondino nasale o comunque proteggere le vie respiratorie in maniera adeguata. Naturalmente anche il dentista e l’assistente dovranno adottare misure protettive.

Una volta effettuata in sicurezza la rimozione delle otturazioni in amalgama occorrerà procedere a un’accurata disintossicazione dell’organismo dal mercurio e da altri metalli pesanti. Non si tratta infatti semplicemente di rimuovere le otturazioni, cioè l’aspetto visibile del problema, ma soprattutto di mobilizzare i depositi invisibili, nascosti nel corpo, e di eliminare le sostanze tossiche senza procurare danni alla salute della persona. È pertanto necessario rivolgersi a un terapeuta di grande esperienza nel campo, che procederà alla mobilizzazione del mercurio (e degli altri metalli pesanti) dai depositi presenti nel corpo, svolgendo nel contempo un’azione di rinforzo e supporto per aiutare l’organismo a espellere le sostanze tossiche. Attenzione: la disintossicazione è un processo molto complicato, perché richiede competenze e strumenti che solo un professionista può avere.

 

Tratto da:

 

 

 

Redazione

Summary
I pericoli dell'amalgama dentale
Article Name
I pericoli dell'amalgama dentale
Description
L’amalgama, una lega di vari metalli, è un composto omogeneo ampiamente impiegato soprattutto in passato per le otturazioni dentali. In particolare si usa l’amalgama d’argento, che contiene argento, mercurio (un’otturazione in amalgama contiene in media 2,5 grammi di mercurio) e altri materiali, p...
Author
Publisher Name
Edizioni il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (quarta parte)

Le ore degli organi: guadagnare in salute e vitalità grazie ai ritmi corporei

La salute passa anche dalla lingua – parte II

Acqua e sale: rigenerarsi con il più naturale degli elementi

Il latte fa male?

Psoriasi e stress

Le articolazioni e il loro significato psicologico: la spalla

I difetti della vista: guarire si può, con la ginnastica oculare

Depurare il fegato in primavera

Dimagrire con l’intestino

L’idroterapia in casa: curarsi con l’acqua

Le proprietà degli oli essenziali

EFT, tecniche di liberazione emozionale

Esercizio: tecnica veloce di automassaggio cinese

Il lato positivo – recensione su L’angolo del personal coaching

L’importanza della masticazione alternata

Come affrontare le vampate in menopausa

Cos’è e come si manifesta la sindrome del colon irritabile

La medicina di santa Ildegarda

La clorofilla: un’alleata per la salute

Gluten Sensitivity: la sindrome da sensibilità al glutine

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (seconda parte)

Come prepararsi al digiuno

I sintomi delle infezioni fungine o della candida

L’argento colloidale: usi e proprietà

La colonna vertebrale: un centro energetico

Le alghe, verdure di mare amiche della linea

Acqua e spazzolature: aiutiamo il corpo a disintossicarsi

Il colesterolo: amico o nemico?

…E dopo i cenoni, mi depuro!

Alimentazione e cancro: la dieta della prevenzione

Pronto soccorso aromatico per gli sportivi

La salute passa anche dalla lingua – parte I

La corsa dolce, per un benessere a ogni età

L’indice glicemico ti rivela gli zuccheri nascosti

Luca Fortuna: estratto di semi di uva rossa, un elisir di salute

Le diete iperproteiche: servono o no?

Regole generali per un’alimentazione contro i funghi

L’efficacia del Nordic Walking

Dal russamento all’apnea del sonno: le conseguenze per la salute

Il miele: antibiotico naturale e molto altro

La betulla: un prezioso alleato per la depurazione primaverile

La dieta metabolica: come e perché

Dimmi dove ti fa male e ti dirò perché – recensione su La mente mente

Il cioccolato, una miniera di benefici per la salute

Il sale marino, elisir di lunga vita

L’intolleranza al glutine nei bambini

Applicazioni pratiche di acqua e sale

Un massaggio rilassante

L’aglio, alleato della nostra salute

Trattare l’allergia: il punto di vista della naturopatia

Intervista a Nirodh Fortini

La couperose o rosacea: cos’è e come si combatte

La respirazione naturale con la tecnica Alexander

La crusca d’avena e i suoi benefici per la salute

I filtri solari: abbronzarsi proteggendo la pelle

La chia, un piccolo seme dalle grandi virtù

Mal di schiena? Dolori cervicali? Attenzione alla postura!

L’idroterapia Kneipp, una fonte di benessere a portata di mano

L’echinacea, fiore della salute

Gli antinfiammatori naturali: combatti l’infiammazione con le piante

Siamo tutti disidratati?

Alimenti acidificanti, alcalinizzanti e acidi

I piedi ci parlano

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (prima parte)

Gli oli essenziali: il fior di loto

Disintossicarsi da metalli pesanti, tossine e inquinanti

Curarsi con la luce: il disturbo affettivo stagionale (SAD)

Piante medicinali: i chiodi di garofano

Rimedi per la cistite

Tempo di esami: un aiuto per memoria e concentrazione

Esercizio: la respirazione naturale

Correre o camminare? Camminata veloce!

Mudra per la schiena

Il reishi: storia e proprietà del fungo curativo per eccellenza

Proteggere gli occhi davanti al computer

Purificarsi col respiro

La medicina naturale: dieta sana e igiene di vita

L’esame della lingua nelle medicine orientali

La “vera” deambulazione a piedi nudi: come si configura

Frullati VS centrifugati: proprietà e differenze

La cura delle mele: rivitalizzare e disintossicare

La camminata veloce: la corretta andatura

Omeopatia per bambini: il raffreddore

Intervista a Pierre Pellizzari

La curcuma, una spezia-farmaco?

La medicina nel piatto: le proprietà dello zenzero

Caffè: amico o nemico?

Guarire con le campane tibetane – recensione su La Stampa

Gli antiossidanti: protezione naturale grazie a frutta e verdura

Dieta alcalinizzante è sinonimo di salute

Il fungo Reishi

La salute a tavola: i superalimenti

10 motivi per cui scegliere di praticare la camminata veloce

Piante medicinali: il lampone

Cure naturali per il raffreddore

Il cambio degli armadi: come vestire bello e sano

Le erbe amiche del fegato

Naso chiuso addio!

Esercizio di respirazione per armonizzare gli emisferi cerebrali

Il lato positivo – recensione su Nuove pagine

Oli essenziali per combattere i chili di troppo

Come scegliere la scarpa giusta

Le punture d’insetto

Lo zucchero, un dolce veleno

La forza nel freddo | Wim Hof

Lo yoga come gioco per bambini

Carenza di minerali, una delle cause principali dell’acidosi

La rodiola o rhodiola: tutte le proprietà del più potente rimedio antistress

Intervista a Gianna Tomlianovich

L’importanza di un buon sonno

Geometria della guarigione – recensione su La mente mente

Mani che guariscono: il Quantum-Touch

Metodi naturali per curare allergie e intolleranze – recensione su La mente mente

Meditazione fisica per la salute dello stomaco e dell’intestino

Che cos’è l’equilibrio acido-base?

Le diluizioni in omeopatia

Loading Facebook Comments ...

1 Commenti

  1. Il bisfenolo: c’è ancora pericolo? | Liberi di Leggere

    […] Il bisfenolo A (BPA) è un composto aromatico estrogeno-mimetico in grado di legarsi ai recettori alfa degli estrogeni. Si tratta di un prodotto utilizzato su vasta scala come monomero di policarbonati e resine epossidiche che rivestono numerose scatole di prodotti alimentari o lattine di bibite. Era persino utilizzato per rivestire l’interno dei biberon fino a qualche anno fa. Lo si ritrova altresì nelle resine epossidiche dell’amalgama per le otturazioni dentali. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.