Saper riconoscere le proprie emozioni 0
in Psiche ed emozioni

Saper riconoscere le proprie emozioni

Per avvertire un’emozione, in genere occorre dirsi qualcosa, vedere qualcosa, udire qualcosa o pensare a qualcosa. Le emozioni generano sensazioni diverse nel corpo: freddo, caldo, tensione, contrazione, distensione. Il respiro si modifica: più rapido, più lento, più profondo, più superficiale. Provate ad accentuare queste sensazioni per identificarle meglio. Constaterete senza dubbio che un aspetto prevale sugli altri. Utilizzatelo come segnale d’allarme: “Quando avvertirò calore in viso, starò in guardia…”, “Quando il respiro diventerà un po’ ansimante, dovrò fare attenzione…”, “Quando mi suderanno le mani, vorrà dire che temo mi stiano mentendo…”.

Viviamo le emozioni in funzione delle nostre credenze, le quali producono abitudini di pensiero. Queste, a loro volta, creano dei filtri che colorano gli avvenimenti. Pensate alle vostre tre canzoni preferite. Che emozioni suscitano? Canticchiate per intensificare queste emozioni: gioia, amore, romanticismo, nostalgia ecc. Perché sono gradevoli? Pensate ai vostri tre libri preferiti, ai tre film che vi piacciono di più, a tre amici, a tre momenti piacevoli. Quali sono le emozioni contenute in quello che, per voi, è il meglio della vita? O la cosa più significativa? Confrontate ciò che avvertite in due situazioni opposte: mi ha fatto infuriare/mi ha entusiasmato. Confrontate anche un’unica situazione che, a seconda del vostro umore, vi ha lasciato indifferenti, vi ha innervosito, vi ha divertito ecc. E ancora: raccontate in maniera coinvolgente una giornata banale, descrivete un comune oggetto come se si trattasse di una meraviglia e così via.

Potete anche confrontare le tre canzoni più orribili, i tre peggiori film, tre brutti momenti, tre persone che non vi piacciono. Oppure potete leggere il giornale con un tono brioso, declamare solennemente gli ingredienti di un pacchetto di biscotti, provare la gioia, l’entusiasmo, l’impazienza, la concitazione, la tenerezza ecc. Tutto questo permette di mettersi in ascolto delle proprie percezioni, per evitare almeno in parte le situazioni spiacevoli. Cosa più importante, consente di individuare le emozioni che ci frenano. Ad esempio, la paura di subire un rifiuto impedisce di chiedere, la paura di un’umiliazione fa evitare il conflitto, la paura della frustrazione impedisce il desiderio. Nella maggior parte dei casi, questi freni sono stati posti da lungo tempo ed è possibile rivederli uno per uno in modo da capire se oggi sono ancora utili.

Le nostre credenze non sono obiettive e tantomeno lo sono le nostre emozioni. Sì, siamo noi a influenzare le nostre emozioni. Al limite, si può dire che il mondo esterno è neutro. Siamo noi a tingerlo entrando in contatto con lui. A parte alcune situazioni assai penose (stanchezza, accumulo di problemi, salute ecc.), quasi tutte sono in genere gestibili. E persino nelle situazioni penose si verificano delle schiarite. Abbiamo a nostra disposizione uno scrigno, da cui tiriamo fuori ciò che ci sembra adatto. Certo, qualche emozione giunge dall’esterno, ma possiamo agire sul modo in cui la “filtriamo”. Non siamo impotenti e condannati a subire. Siamo liberi, responsabili in buona parte di ciò che proviamo.

 

Tratto da:

 

 

 

 

Redazione

Summary
Saper riconoscere le proprie emozioni
Article Name
Saper riconoscere le proprie emozioni
Description
Per avvertire un’emozione, in genere occorre dirsi qualcosa, vedere qualcosa, udire qualcosa o pensare a qualcosa. Le emozioni generano sensazioni diverse nel corpo: freddo, caldo, tensione, contrazione, distensione. Il respiro si modifica: più rapido, più lento, più profondo, più superficiale. Pr...
Author
Publisher Name
Edizioni il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

Non solo corpo: i mudra per comunicare con efficacia

Mindfulness in famiglia: meno crisi e più serenità!

Attenti ai manipolatori!

Metti un freno alla velocità

Simboli dei sogni: LA VITA E LA MORTE

Slow life: apprezzare il cammino, oltre che la meta

Gli autosabotatori

La dipendenza affettiva: quando l’amore fa soffrire

Riconoscere la violenza psicologica

Come funziona l’intuizione

L’adolescenza, un’identità in rivoluzione

Un autosabotatore: il silenzio

Perché incontro sempre l’uomo sbagliato?

Control freak: le personalità controllanti

Viaggi nel tempo: realtà o illusione?

Cos’è lo stress e come ridurlo

Divieto di scarico!

Esercizio di sofrologia: dalla contrazione alla decontrazione

San Patrizio: il trifoglio, il verde, il folletto e l’arcobaleno

I sogni ricorrenti: cosa sono e il loro significato

Imparare a dire no

I sogni ci comunicano informazioni preziose

Esercizio di meditazione per superare un lutto

Simboli dei sogni: GLI ANIMALI

Che “emisfero” siamo?

L’arte della fusione con l’altro

La mente subconscia e il potere del cambiamento

Messaggio alle donne: siete voi il tesoro che state cercando

Le paure: come affrontarle passo a passo

Quando ci mettiamo in gabbia da soli…

Intervista a Nirodh Fortini

Come esprimere la collera in maniera costruttiva

Innamorarsi sempre delle stesse persone: i copioni inconsci

Il lutto: perdita ed elaborazione

Anche l’occhio vuole la sua parte

Esercizio pratico di felinità: sorridi!

Esercizio di respirazione per armonizzare gli emisferi cerebrali

Concentrarsi sul presente: una vera e propria terapia di Mindfulness

La forza delle emozioni

Scopri chi sei con gli archetipi della tua personalità

Stress? Impara a coccolarti e ritrova la tua serenità mentale

La paura

Le principali piante medicinali per attacchi di panico

Mindfulness per super mamme in cinque minuti

I fantasmi di un amore passato

La mente è il corpo

Il significato psicosomatico delle malattie

Detox per la mente con la pratica del “tramonto digitale”

Il perfezionismo: dal desiderio di far bene all’ossessione

Trasforma otto emozioni letali in emozioni sane – recensione su La mente mente

Insonnia e meditazione

L’intestino ci rende felici: perché una flora batterica sana fa bene anche all’umore

Il segreto delle guarigioni eccezionali

Come si manifesta la depressione

Il senso di colpa

La schiena e i suoi significati psicosomatici

Come combattere la depressione stagionale

In ordine di nascita: il primogenito

I pensieri guidano i tuoi stati d’animo? “Mettili in riga” con la mindfulness!

Liberarsi dalle ripetizioni familiari negative

Amore e dipendenza affettiva

Il Toxoplasma, parassita che influenza il comportamento di uomini e topi

I pensieri ci fanno ammalare?

Ecco perché ingrassiamo quando siamo stressati

Le nostre convinzioni possono guarirci?

L’interpretazione dei sogni

L’ansia e la mente catastrofica

Canto armonico, intervista e video di Roberto Laneri

Dimmi come mangi e ti dirò chi sei

Simboli dei sogni: LE PARTI DEL CORPO

Avere successo in amore: elogio della vulnerabilità

IL CANTO ARMONICO di ROBERTO LANERI

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.