Come far mangiare le verdure ai bambini 0
in Dieta e alimentazione Ricette vegANDveg

Come far mangiare le verdure ai bambini

È un punto che accomuna tutti i bambini: c’è un momento in cui i bambini iniziano a presentare dei rifiuti verso alcuni alimenti. Di solito questo avviene dopo l’entrata a scuola, quando iniziano a confrontarsi con gli altri coetanei in modo più cosciente e iniziano a innescare i meccanismi di crescita personale che di solito sono volti all’imitazione e alla sperimentazione.

Capita così che di punto in bianco il nostro bambino faccia i “capricci” sul cibo: ciò che prima mangiava volentieri ora non lo vuole più e ciò che prima veniva servito senza problemi ora diventa un problema.

Tendenzialmente il grosso delle difficoltà sembra concentrarsi sul colore “verde”: tutto ciò che si presenta di verde, sia essa una foglia di insalata o una zucchina o un prezzemolo tritato, incontra resistenze incrollabili. Ecco quindi che le verdure, ma capita anche ai legumi, diventano gli alimenti più facilmente presenti nella lista nera dei nostri ragazzi.

Quindi che fare?

Innanzitutto, occorre prendere coscienza che questa è una reazione comune a tutti i bambini in crescita e non solo a nostro figlio.
Non è colpa di ciò che proponiamo o non proponiamo. Il cibo infatti, ci insegnano gli esperti sul campo, è vissuto come vero e proprio terreno di confronto e scontro e spesso è usato dai più piccoli come strumento per far emergere la propria personalità.

Ciò non toglie tuttavia che una modificazione dell’atteggiamento verso il cibo rappresenti a volte l’espressione di un disagio o di un bisogno riscontrato dal bambino nel momento di confronto con l’esterno, gli amici, la scuola, le stesse regole imposte in casa. Quindi lungi dal sottovalutare la situazione, i momenti di rifiuto più o meno prolungati meritano l’attenzione del genitore che a sua volta non deve far diventare il cibo un ricatto o peggio ancora un motivo di gratificazione.

La vera strategia in questi casi è mantenersi coerenti, con l’utilizzo di alcuni accorgimenti:

 

Il nostro esempio

In un momento di confronto la coerenza del genitore è tutto. Ribadire dunque con serenità che in casa si mangiano queste pietanze e servire costantemente verdure e legumi anche se non graditi a nostro figlio è un modo per ribadire la nostra posizione su un punto che riteniamo importante.

Eccezioni alla regola

Essere flessibili è la vera e unica regola fondamentale per superare questi rifiuti. Non succede nulla alla salute di nostro figlio se ogni tanto fa delle eccezioni consumando alimenti che ha visto dai compagni e dagli amici. L’intransigenza dei genitori può nel caso di rifiuti radicali portare al risultato opposto di quello sperato. Una posizione rilassata invece, sottolineando con il giusto equilibrio e modalità in base all’età del figlio che il cibo è solo cibo e non un quotidiano terreno di scontro, evita tensioni inutili e dannose.

 

Proporre regolarmente l’alimento rifiutato

Non sempre un rifiuto a un alimento è dettato realmente da un sapore sgradito. I gusti dei bambini sono variabili e transitori e se non si innesca qualcosa di più psicologico nel rapporto con il cibo è facile osservare come, dopo un po’ di tempo, i “no” possono diventare dei “sì”.

 

Dare nomignoli simpatici

Un sistema che ho trovato utile per aggirare alcuni rifiuti è dimenticare il nome ufficiale dell’alimento o del piatto inventandone un altro simpatico che meglio rispecchia il suo aspetto o il suo gusto o il suo profumo. Aiuta a sdrammatizzare il rifiuto e spesso a velocizzare la sua accettazione.

 

Associare gli alimenti ai momenti di festa

Presentare verdure e legumi inizialmente rifiutati durante una gita in famiglia, in vacanza o a casa della nonna (dove tutto piace sempre e comunque solo perché “a casa della nonna”) è un modo per legare questi cibi a momenti piacevoli trascorsi in famiglia e con i genitori. Se associazione deve esserci a un alimento, che questa sia almeno gradevole e propositiva, piuttosto che di discussione e tensione.

 

Mai troppi ingredienti tutti assieme

Ai bambini piacciono le cose semplici. Condire insieme troppi ingredienti nel tentativo di mascherare quelli imputati al rifiuto può andare bene una volta ma mai troppo a lungo. Imparare invece a sentire i gusti, sceglierli e apprezzarli è lo scopo dell’alimentazione su base vegetale, che può continuare nonostante alcuni rifiuti categorici.

Variare forme e colori

Spesso cambiando abbinamento, condimento o semplicemente forma il cibo diventa più appetibile. In questo caso coinvolgere il bambino nella scelta potrebbe essere vincente, come preparare con lui alcuni piatti o trasformare una verdura in un delizioso sformato o merenda al parco.

 

Tratto da:

 

 

 

Summary
Come far mangiare le verdure ai bambini
Article Name
Come far mangiare le verdure ai bambini
Description
È un punto che accomuna tutti i bambini: c’è un momento in cui i bambini iniziano a presentare dei rifiuti verso alcuni alimenti. Di solito questo avviene dopo l’entrata a scuola, quando iniziano a confrontarsi con gli altri coetanei in modo più cosciente e iniziano a innescare i meccanismi di cre...
Author
Publisher Name
Edizioni il Punto d'Incontro
Publisher Logo

You Might Also Like

Ricette: il radicchio

Ricette: il tempeh

La curcuma, una spezia-farmaco?

Ricette: la carota

Ricette: Il miele

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (prima parte)

Ricette: il gazpacho

Fumanti, saporite e veloci: le zuppe invernali

Ricette: ravioli dolci ripieni al forno

Ricette: La castagna

Ricette: il porro

Ricette: il sedano

Ricette: la barbabietola

Ricette: il seitan

Cos’è e come si manifesta la sindrome del colon irritabile

Ricette: la banana

Il reishi: storia e proprietà del fungo curativo per eccellenza

Intestino sempre in forma

Ricette: il cavolfiore

Le intolleranze alimentari, conferenza di Alessandro Targhetta

Come preparare il latte di riso in casa

Come prepararsi al digiuno

La medicina nel piatto: le proprietà dello zenzero

Ricette: La noce

Cellulite addio: un occhio all’alimentazione

La dipendenza alimentare, una fame compulsiva

Ricette: la colazione vegan

Intervista a Pierre Pellizzari

I mille usi del tè verde

L’intolleranza al glutine nei bambini

Ricette: pasta fredda vegan

Che cos’è l’equilibrio acido-base?

La pizza, curiosità e ricette

La quinoa, superalimento con una marcia in più

…E dopo i cenoni, mi depuro!

Sesso, desiderio e alimentazione: 6 stimolanti naturali

In forma per l’estate, senza dieta!

Ancora uno… e poi basta – recensione su L’angolo del personal coaching

La medicina naturale: dieta sana e igiene di vita

Ricette: zuppe estive

Ricette: l’aglio

Le diete iperproteiche: servono o no?

Ricette: l’orzo

Caffè: amico o nemico?

L’importanza della vitamina B12 per adulti e bambini veg

Ricette: l’uva

Ricette: il rosmarino

La crusca d’avena e i suoi benefici per la salute

Biscotti per tutti i gusti!

Ricette: gli asparagi

Consigli per la salute, di Luigi Torchio: un aiuto dalla fitoterapia per dimagrire

Ricette: la zucca

Salute e longevità: i segreti dei “popoli centenari”

Troppi antibiotici nel nostro corpo: mangi carne e ingerisci antibiotici

Voglia di dolci e biscotti alle spezie?

Ricette: La zucchina

Ricette: il basilico

Ricette: il minestrone, una sinfonia di sapori

Una giornata “fruttaliana”

Ricette regionali: “risi e verze” (Veneto)

Ciò che non sai sul cibo e che potrebbe salvarti la vita: Stefano Momentè a SANA 2015

L’avocado, amico della linea e della bellezza

Ricette: il carciofo

Il digiuno, un incontro con se stessi

I germogli: perché consumarli e che benefici hanno

I benefici delle verdure fermentate: preparare i crauti

La cura delle mele: rivitalizzare e disintossicare

Scelte alimentari autorizzate

Il colesterolo: amico o nemico?

La clorofilla: un’alleata per la salute

Ricette: l’açaí

Ricette: il miglio

Carciofo crudo tutti i giorni per combattere la stanchezza e depurare

Ricette: il peperone

La birra, protagonista del Saint Patrick’s Day

Ricette: cocktail e aperitivi? Sì, ma sani e analcolici!

Gustose, calde e fragranti: le focacce salate

Ricette: un San Valentino allo zenzero

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (quarta parte)

Alimenti fermentati per conservare i valori nutrizionali del cibo

La chia, un piccolo seme dalle grandi virtù

Intervista a Pierre Dukan – parte I

Ricette: l’albicocca

Il sale marino, elisir di lunga vita

Ricette: gli gnocchi di zucca

Frutta e semi oleaginosi, un concentrato di energia

Come conservare la nostra salute

Capodanno cinese 2016: l’anno della Scimmia

L’allattamento al seno può contribuire allo sviluppo emotivo e sociale del bambino

La quinoa: ricette dolci

Il cioccolato: gusto e salute

Ricette: gelati e ghiaccioli raw

Ricette senza glutine: focaccia alle olive

Vegetarianismo: Carne insostituibile? Gli italiani non la pensano così!

Ricette: La melanzana

I formaggi vegan: presentazione e show cooking

Cenone vegan? Qualche idea per il menù

Frullati VS centrifugati: proprietà e differenze

La dieta metabolica: come e perché

Gli gnocchi e il Carnevale

Proteine vegetali, proteggono l’apparato cardiovascolare

Mangiare vegano fuori casa

Una giornata del cavolo (riccio, però)

Ricette: le mandorle

Intervista a Pierre Dukan – parte II

Ricette: i fagioli

Ricette: la rucola

Ricette: L’ananas

Ricette: i piselli

Ricette: menù di Pasqua

Regole e consigli per essicare al meglio frutta e verdura

Carnevale vegan!

Goji, la bacca dalle straordinarie proprietà terapeutiche

Ricette: l’arancia

L’indice glicemico ti rivela gli zuccheri nascosti

Ricette: marmellate, sott’oli e chutney con la frutta e la verdura invernali

Intolleranze alimentari: il ruolo di frumento e latticini

Ricette: il melograno

Ricette: torte vegan

Intervista al dottor Luigi Torchio

Gluten Sensitivity: la sindrome da sensibilità al glutine

Frullati estivi per un pieno di energia

Soia Edamame: buona, salutare e rigorosamente italiana

Ricette: la cipolla

Carenza di minerali, una delle cause principali dell’acidosi

Ricette: tiramisù vegan

Storica decisione dello IARC: le carni rosse lavorate sono cancerogene come l’amianto

Vegan e senza glutine: è possibile?

Ricette: la patata

Ricette: il pomodoro

Ricette: il picnic di Pasquetta

Il tè di gelsomino e la circolazione del Qi

Ricette: il cavolo nero

Il magico mondo delle spezie

La betulla: un prezioso alleato per la depurazione primaverile

Ricette: il mais

Siamo tutti disidratati?

L’aglio, alleato della nostra salute

Gli inganni dell’industria alimentare: l’olio di palma

Raw food: il crudismo, delizioso amico della linea

Ricette: i falafel

Disintossicazione d’autunno

Ricette: La pera

Bicarbonato di sodio: carta di identità

Ricette: gli spinaci

Zenzero – recensione su EcoCoaching

Ricette: fondant al cioccolato

L’importanza dei metodi di cottura

Ricette: le alghe

Ricette: la menta

Le otto cure rivitalizzanti – recensione su Bottega Scriptamanent

L’eccezionale ricchezza nutritiva del lievito di birra

Ricette: il prezzemolo

Dieta vegana: salvaguardi la salute, riduci l’inquinamento, rispetti la natura e gli animali

Ricette: le fragole

Dieta alcalinizzante è sinonimo di salute

Regole generali per un’alimentazione contro i funghi

L’acrilammide, un veleno nascosto

Le alghe, verdure di mare amiche della linea

I pesticidi in frutta e verdura d’importazione

Alimenti acidificanti, alcalinizzanti e acidi

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (terza parte)

Ricette: lo zenzero

Ricette: il sesamo

Formaggi vegan fatti in casa

Vegan senza glutine: Maria Alessandra Tosatti e Francesca Gregori a SANA 2016

Dimagrire con l’intestino

Ricette: funghi curativi

Bambini e alimentazione veg: imparare ad apprezzare nuovi sapori

Ricette vegetariane per la dieta Dukan

Ricette: la chia

Il pomodoro: la classica passata e altre ricette

Ricette: le fave

Perché mio figlio ha bisogno di una dieta vegetale e integrale? Conferenza di Nicla Signorelli

Ricette: la crusca d’avena

Ricette: il finocchio

Ricette: le lenticchie

Ricette: la mela

Ricette: insalate estive

Gli antiossidanti: protezione naturale grazie a frutta e verdura

Ricette: i ceci

Capodanno cinese 2015: l’anno della Capra

La crusca di avena – recensione su EcoCoaching

Diventare vegani: a ciascuno la sua ricetta!

La salute a tavola: i superalimenti

Biscotti e dolcetti: ricette per un Natale cruelty free

Lo zucchero, un dolce veleno

Il latte fa male?

Ricette: formaggi vegan

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (seconda parte)

Loading Facebook Comments ...

1 Comments

  1. Bambini e alimentazione veg: imparare ad apprezzare nuovi sapori | Liberi di Leggere

    […] dei principali vantaggi nel seguire una alimentazione vegetale e integrale è quello di non cedere facilmente alla monotonia dei pasti. Totalmente concentrate […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.