Esci, se ne hai il coraggio 0
in Crescita personale Disinformazione e attualità

Esci, se ne hai il coraggio

Mi capita spesso di risalire il versante sud dell’imponente massiccio che s’innalza per oltre duemila metri sopra le casette del piccolo paese di montagna dove vivo. M’incammino sempre al mattino presto o forse dovrei dire ancora in piena notte, visto che alcune volte ho perfino bisogno di accendere il frontalino elettrico per scorgere il sentiero. Risalgo velocemente nel più completo silenzio, non incontro mai nessuno. Passo dopo passo il cielo schiarisce e la vegetazione cambia: prima il pino silvestre, poi i mughi e infine solo la nuda roccia.

 

È mio obiettivo preciso arrivare sulla vetta prima che il sole sorga, prima che il mondo apra gli occhi e incominci a macinare. Mentre mi allontano dalla civiltà, la immagino come una serie d’ingranaggi, alcuni grandi, altri piccoli, che girano e fanno un baccano che cresce senza limiti, fino a diventare insopportabile. Quando arrivo in cima mi sembra di essere sulla Luna. È chiaro quanto basta per avanzare senza inciampare, non c’è un alito di vento e la linea dell’orizzonte passa dal blu scuro al rosso fuoco in una manciata di gradi.

 

Mi siedo sempre nello stesso punto, un pennacchio di roccia che sporge su un precipizio che fa paura anche ai camosci più coraggiosi. Quattrocento metri di vuoto verticale che mi separano dalla prima rada boscaglia e altrettanti di foresta che corre ripida fino alle prime luci della città, dove inizia il lento risveglio della società dei consumi, che si prepara a un altro frenetico giorno di pazzia collettiva.

 

Ci vado soprattutto il lunedì, per ricordare a me stesso che le scelte, quelle vere, portano lontano e non solo fisicamente. Essere lassù prima che tutto inizi, così in alto da coprire l’intera superficie abitata con una sola mano, mi da l’impressione di poter bloccare quel flusso impazzito di macchine e corpi, di poter gridare a tutti: “Fermi! Non fatelo! Non vedete quello che sta accadendo? Mettetevi in salvo prima che il fiume della frenesia e della iper-produttività vi travolga!”.

 

Dura solo pochi istanti, come quasi tutte le emozioni veramente forti della vita, e ogni volta non serve a niente. Ogni volta il lamento della società cresce inesorabile, lo sento contorcersi tra il frastuono dei motori a scoppio e nel martellare delle fabbriche. È nei milioni di voci che comunicano attraverso i telefonini e nei pianti dei figli abbandonati negli asili nido, mentre andiamo a produrre il superfluo. Rimbalza tra le mura dei palazzi e, filtrato dagli scheletri metallici dei tralicci, finisce per diventare un tutt’uno: quel sordo sottofondo che ribolle, ondeggia e non ci abbandona mai.

 

È la colonna sonora della schiavitù moderna.

 

Alla fine arriva anche qui, quasi duemila metri più in alto, dove i primi raggi di sole stanno già illuminando le mie logore scarpe da trial e iniziano a scaldare le rocce. Laggiù è ancora buio, ma il motore della produttività se ne frega del sole, dei cicli giornalieri; se potesse spremerci ventiquattr’ore su ventiquattro, lo farebbe senza il minimo ripensamento, e alcune volte lo fa.

 

Prendo il panino al formaggio, dopo mille metri di dislivello tutto è più buono, anche l’umore. Mangio in fretta, il primo sole mi fa sempre venire una gran voglia di correre, stringo bene le cinghie dello zaino intorno al ventre e all’addome, deve essere aderente al corpo così non oscilla durante le falcate. Do un ultimo sguardo alla vallata, alla città che ormai galoppa a pieno ritmo e via! Corro diritto lungo il massiccio che si estende pianeggiante per dieci chilometri verso sud, nella direzione opposta alla grande città. Lo percorro seguendo un piccolo sentiero che in alcuni punti segna creste strettissime, una vera e propria fuga, nemmeno tanto simbolica.

 

Quando si corre lassù, con la testa sgombra da tutte le inutili preoccupazioni legate alla frenesia del quotidiano, gli orari da seguire, le consegne da rispettare, l’aspetto da curare, il linguaggio da moderare, è come se ci avessero esportato un grosso sasso dalla scatola cranica, un tappo che non permetteva ai pensieri e alle domande di circolare liberamente. La fatica libera la mente, è come se lo sforzo ci permettesse di uscire da uno stato di apnea perenne, di mettere la testa fuori dall’acqua e finalmente respirare. Ecco perché mi piace tanto correre, perché è in quella particolare condizione, lontani dal modo “normale” di vivere, che affiorano le domande più scomode, quelle che prima non trovavano spazio o non avevamo il tempo di porci.

 

Qual è il senso di tutto questo? Perché era così difficile comprendere che il tempo a nostra disposizione è limitato, che nessuno potrà mai restituirci i giorni, i mesi e gli anni che abbiamo buttando al vento lavorando come forsennati, senza un attimo di tregua, senza uno scopo. Siamo malati terminali, ci hanno già diagnosticato morte certa, cosa importa se tra una settimana o quarant’anni. Il tempo passa inesorabile e nessuno sa meglio di noi quanto rapidamente. Sembra ieri che andavamo a scuola e oggi ci ritroviamo genitori, con l’affitto da pagare e nessuna prospettiva futura. Cosa abbiamo fatto negli ultimi dieci anni che non fosse lavorare, pagare bollette e guardare la televisione? Abbiamo realizzato qualche progetto, coltivato le nostre passioni, dedicato tempo alle persone che amiamo? Possiamo dire di essere stati veramente uomini e donne, padroni della propria vita e artefici del proprio destino o ci siamo limitati a seguire il copione che qualcun altro aveva scritto per noi?

 

Ma la domanda più importante, la spiazzante somma di tutti i dubbi esistenziali in cui possiamo addentrarci è una sola: “Siamo felici?”.

 

La prima volta che me lo sono chiesto ero quassù. È stata la meraviglia a far affiorare quel pensiero; l’incredibile energia che ho provato nel constatare che, grazie alla mia determinazione, avevo raggiunto un luogo che un anno e venti chili prima consideravo inarrivabile. Non sapevo se fosse più sconvolgente realizzare di non essermi mai posto quella semplice domanda, o essermi accorto così tardi di essere profondamente infelice. Il raggiungimento della felicità, l’unico scopo della vita di ognuno, il traguardo verso il quale ogni giorno dovremmo far convergere gli sforzi, è l’ultimo pensiero di ogni essere umano che si definisca “civilizzato”. Prima vengono i soldi, il successo e la carriera lavorativa, perché sono quelli i veri traguardi. Essere ricchi mentre due miliardi di individui muoiono di fame e risalire la scala sociale passando sui cadaveri dei nostri colleghi, come se il ruolo di “capetto” del “gruppetto” fosse l’unica cosa a darci una dignità, come se fosse vita.

 

Non è lì che si fanno i conti con se stessi, non è integrati nella società che si diventa liberi, non è la dimensione del nostro ufficio a stabilire quanto valiamo come persone. La resa dei conti si gioca quassù, spogliati di ogni carica e distintivo, soli con noi stessi, obbligati a trovare una risposta a quelle domande che ci spaventano, che abbiamo paura di pronunciare proprio perché sappiamo che ci condannerebbero ad ammettere che fino a oggi abbiamo sbagliato strada, che siamo dei falliti.

 

Chi ha il coraggio esca della società e affronti se stesso, a tutti gli altri auguro di non svegliarsi mai.

 

Francesco Narmenni

www.smetteredilavorare.it

Summary
Esci, se ne hai il coraggio
Article Name
Esci, se ne hai il coraggio
Description
Mi capita spesso di risalire il versante sud dell’imponente massiccio che s’innalza per oltre duemila metri sopra le casette del piccolo paese di montagna dove vivo. M’incammino sempre al mattino presto o forse dovrei dire ancora in piena notte, visto che alcune volte ho perfino bisogno di accend...
Author
Publisher Name
Edizioni il Punto d'Incontro
Publisher Logo

You Might Also Like

Mollo tutto e vado all’estero: intervista a Francesco Narmenni

Alzarsi un’ora prima al mattino per essere più felici. Sì, ma come si fa?

Una riflessione sul tempo: il futuro

La forza delle emozioni

La paura

Nove comandamenti per vivere in un mondo difficile

Il debito pubblico in Italia

Nati per spendere?

Siamo alla frutta (ridendo ma non troppo)

Charlie Hebdo: un attentato false flag e l’insopportabile retorica della libertà

Giveaway: Il gioco dell’eroe

La “bontà” degli USA e la propaganda

Intervista a Emanuele Tessarolo, autore di Mental Aikido

Ritorno alla realtà

Analisi breve per capire come la finanza estrapola ricchezza dalla società (e come difendersi da essa)

Andrea Bizzocchi: video-intervista in redazione!

CONTRO IL LAVORO

Sconfiggi la rassegnazione: videolezione con Rosario Alfano

La dittatura della finanza

Altro che “Je suis Paris”

Gli inganni dell’industria alimentare: l’olio di palma

Intervista a Nirodh Fortini

La leadership nel mondo degli indiani lakota

Marco Pizzuti – intervista a Esserciweb

Una società malata di morte non può amare la Vita

L’acrilammide, un veleno nascosto

La libertà personale

Il lato positivo – recensione su L’angolo del personal coaching

Carlo Scirocchi: L’evoluzione come terapia

Se l’economia reale (cioè la gente) perde, è sempre perché la finanza vince

Istruzioni mancanti sulla vita – recensione su La mente mente

Seminario AMARE CIÒ CHE È, The Work di Byron Katie

Il piccolo libro della vita

Aspettative: utili o dannose?

Il debito pubblico, gli interessi, le bugie e Matteo Renzi

L’arte del riciclo

Liberarsi dalle ripetizioni familiari negative

Smettere di lavorare: il booktrailer

Il primo animale a cui non fare del male è l’uomo…

Scoperte mediche non autorizzate: il booktrailer

L’addomesticamento secondo don Miguel Ruiz

Costellazioni familiari sistemiche: presentazione con Daniele Ronchi

Una riflessione sul tempo: il passato

L’attitudine distruttiva della civiltà

Cambio vita: mi trasferisco all’estero!

Aiutare gli adolescenti a sviluppare fiducia in se stessi

Gianluca Ferrara, Derubati di sovranità, le interviste

La logica del dominio – Da dove viene e come superarla?

Il codice segreto del tuo nome – recensione su La mente mente

Vivere relazioni sane: i segnali di riconoscimento positivi e negativi

Derubati di sovranità, di Gianluca Ferrara

Costruire la propria autostima

Euroballe – recensione su Archivio storico

L’empowerment: come riacquistare il controllo sulla propria vita

I pesticidi in frutta e verdura d’importazione

Il lato positivo – recensione su Nuove pagine

Il nostro futuro tra democrazie, referendum e debiti pubblici

La mente subconscia e il potere del cambiamento

Grecia: sequestro casa e stipendio per chi non paga le tasse… l’Italia è la prossima?

Il controllo dell’umanità (e cosa possiamo fare) – parte 2

Space clearing: anno nuovo, casa nuova!

Essere donna: riscoprire il vero potere femminile

Derubati di sovranità, la recensione di Giovanni Acquati

Amare ciò che è

Il potere dei numeri

Il senso di colpa

Vivere relazioni sane

Riconquistare la saggezza di vivere un giorno alla volta

Senso di appartenenza e libertà individuale

Il Ki delle nove stelle ti dice chi sei

Slow life: apprezzare il cammino, oltre che la meta

Esercizio di PNL: Creiamo la nostra ancora di fiducia

Un villaggio di case sugli alberi in Piemonte è in continua espansione

La Fabbrica della “Salute” (si fa per dire)

Quando ci mettiamo in gabbia da soli…

Esercizio di consapevolezza con don Miguel Ruiz

Esperimenti scientifici non autorizzati – recensione su Da Sapere

Scopri chi sei con gli archetipi della tua personalità

Ecco i vincitori del giveaway de Il gioco dell’eroe

Scie chimiche: cosa sono?

Il controllo dell’umanità (e cosa possiamo fare) – parte 1

L’inganno della crescita – Luca Mercalli

Gli autosabotatori

Storica decisione dello IARC: le carni rosse lavorate sono cancerogene come l’amianto

Gianluca Magi – Chi ti ha insegnato che nulla si può cambiare, voleva solo un altro schiavo

I “sopra” e i “sotto”

Andrea Bizzocchi parla di signoraggio

Gli errori sono nostri amici

L’amicizia

Presentazione di Derubati di sovranità, il video

Una riflessione sul tempo: il presente

Il click dentro

La malattia e la salute sono la stessa cosa

L’arte di dare e ricevere

L’amicizia tossica

Scelte alimentari autorizzate

“Smettere” di lavorare e assumersi la responsabilità della propria Vita – parte 2

EBooklife: tutti gli ebook per il tuo benessere, e molto altro!

“Smettere” di lavorare e assumersi la responsabilità della propria Vita – parte 1

Negoziare con gli altri: tutti i significati della parola NO

Grazie alla crisi possiamo riprenderci la nostra vita

Il manifesto dell’abbondanza di Joe Vitale

Intervista a Gary Quinn

Armonizza i tuoi spazi mentali con il feng shui interiore

Le “foreste” di Marte: Vedere per credere…

Un autosabotatore: il silenzio

Esperimenti scientifici non autorizzati – recensione su Mangialibri

Il risparmio è una condizione mentale: piccole strategie per risparmiare in modo “indolore”

Guarire l’ambiente, passo dopo passo

Loading Facebook Comments ...

1 Comments

  1. Bello, il contenuto di quest’articolo.
    Umilmente, vorrei fare un commento.
    Se vogliamo essere un po’ più felici, attenti alle parole… darsi dei “falliti” non ha senso, ed è controproducente. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.