Il controllo dell’umanità (e cosa possiamo fare) – parte 2 0
in Andrea Bizzocchi Disinformazione e attualità

Il controllo dell’umanità (e cosa possiamo fare) – parte 2

Cosa possiamo fare?

Veniamo a noi. Cosa possiamo fare per provare a vivere bene in un mondo sempre più difficile? Premesso che non credo si possa combattere i dominatori dell’universo con le loro armi (hanno tutto, assolutamente tutto, per vincere con la violenza, e difatti è proprio con quella violenza che stanno già “vincendo”), e premesso anche che le dinamiche di questo futuro sono comunque impossibili da dettagliare, io credo che il primo, fondamentale passo sia quello di giocare ad un altro gioco, il nostro gioco, di cui noi facciamo le regole.

Ad esempio non credo sia sensato guardare al futuro con speranza e come ad un qualcosa di positivo come si è fatto fino ancora a pochi anni fa. Mi pare molto più logico concentrarsi sul presente. Ovviamente questo è un cambio di prospettiva di difficile applicazione visto che veniamo da millenni di cultura che spinge sul futuro. Ma questo è solo un esempio.

Concretamente penso sia necessario dedicarsi con molto impegno e piena consapevolezza a ricostruire un senso di comunità e di famiglia (più o meno estesa), dove l’unità, la collaborazione e la condivisione superino, definitivamente e una volta per tutte (almeno tra noi comuni mortali) quella competizione a cui oggi come oggi, volente o nolente, chi più chi meno, siamo tutti costretti. Sostituire una volta per tutte il rispetto reciproco a quell’aggressività reciproca che caratterizza la nostra vita di oggi. Sostituire una volta per tutte l’aiuto reciproco a quel cercare di essere “più furbi” che caratterizza il mondo di oggi. In altre parole smettere di farsi la guerra tra noi (cioè tra “poveri”) quando questa guerra l’hanno mossa coloro che stanno in alto per sistemare una volta per tutte chi sta sotto.

In senso assoluto io non vedo la cosa come una tragedia. Si tratta essenzialmente di rimodellare i nostri pensieri e conseguentemente le nostre azioni su dinamiche diverse a quelle a cui siamo abituati. A ben vedere non è che il mondo e il modo in cui viviamo oggi ci facciano godere troppo. Vorrei far notare che la cosiddetta “crisi” che ha colpito milioni e milioni di persone, è una tragedia per molti (la stragrande maggioranza) ma non per tutti. C’è anche chi grazie alla crisi ha riscoperto stili di vita più semplici, naturali, solidali. C’è chi grazie alla crisi vive meglio. Chiedere la “ripresa” significa essenzialmente chiedere “di più” di quel mondo che ci ha ridotto come siamo.

Io credo che la nostra spiritualità, nelle sue svariate applicazioni concrete, sia ciò che in ultima analisi può fare la differenza tra il dramma e una vita degna di essere vissuta. I cambiamenti spirituali richiedono tempo e di sicuro non si inventano in quattro e quattr’otto, e dunque è bene intraprendere questo cammino sin da ora, senza azzuffarsi fino all’ultima briciola o all’ultimo osso lasciato cadere dall’alto dai padroni dell’Universo.

Da ultimo vorrei dire che trovo del tutto insensato manifestare, fare cortei, scioperi, petizioni via internet, addirittura continuare ad andare a votare. Dico, ma almeno smettiamola di farci prendere per il culo. Tutto quanto sopra non serve a nulla se non a dare alle masse l’illusione che qualcosa possa cambiare e con ciò tenerle ancora più docili. Lo sappiamo benissimo che le cose stanno così, perché se così non fosse avrebbero già vietato tutto quanto (e difatti questo è ciò che fanno, e anche con violenza estrema, quando qualcuno oltrepassa un dato limite).

È ora di entrare nello stato di idee che qualunque istituzione, nazionale e ancor più sovranazionale, qualunque, nessuna esclusa, non è lì per difenderci ma per difendere il Sistema e con ciò i suoi controllori. Non sono lì per noi ma contro di noi. Sono strumenti (e lo Stato è il primo tra questi) utilizzati dal potere costituito per tenerci sotto. Tutte le istituzioni servono a questo, nessuna esclusa. Bisogna metterselo in testa.

Bisognerà dunque ripartire da zero e difendere semmai quel territorio che abitiamo e che ci dà la Vita, difendere la famiglia (intesa in senso esteso), la comunità in cui viviamo. Difendere quel poco di margini di manovra che ancora ci sono rimasti cominciando a tirarsi fuori dal Sistema (e non a chiederne ancora di più), a disubbidire, a non riconoscere, a boicottare (in silenzio), a non pagare tasse, multe, ecc., insomma smetterla di sostenere tutto ciò che ci ruba la Vita. Non tanto, e comunque non solo, per cambiare l’ordine costituito quanto più semplicemente per vivere con dignità.

È ora di capire definitivamente che non si può chiedere il permesso a qualcuno, a nessuno, per vivere. E ricordarsi che si deve morire comunque. La preservazione della vita a tutti i costi ha un senso se questa vita è degna di essere vissuta. Oltrepassato quel limite non è più così. Proviamo tutti a cominciare a vivere davvero bene da adesso e soprattutto a farlo a modo nostro.

Con fiducia, buona Vita

Andrea Bizzocchi, 02 maggio 2015

Ti potrebbero interessare anche:
Andrea Bizzocchi, Pecore da tosare
Andrea Bizzocchi, E io non pago!
Andrea Bizzocchi, Euroballe

Pecore da tosare

E io non pago

Euroballe

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

You Might Also Like

Il debito pubblico, gli interessi, le bugie e Matteo Renzi

La dittatura della finanza

Nove comandamenti per vivere in un mondo difficile

Ritorno alla realtà

La “bontà” degli USA e la propaganda

La logica del dominio – Da dove viene e come superarla?

Derubati di sovranità, la recensione di Giovanni Acquati

Scoperte mediche non autorizzate: il booktrailer

Smettere di lavorare: il booktrailer

I pesticidi in frutta e verdura d’importazione

Una società malata di morte non può amare la Vita

L’acrilammide, un veleno nascosto

L’attitudine distruttiva della civiltà

Grecia: sequestro casa e stipendio per chi non paga le tasse… l’Italia è la prossima?

Storica decisione dello IARC: le carni rosse lavorate sono cancerogene come l’amianto

Siamo alla frutta (ridendo ma non troppo)

Esperimenti scientifici non autorizzati – recensione su Mangialibri

Marco Pizzuti – intervista a Esserciweb

Andrea Bizzocchi: video-intervista in redazione!

I “sopra” e i “sotto”

Le “foreste” di Marte: Vedere per credere…

Grazie alla crisi possiamo riprenderci la nostra vita

Scie chimiche: cosa sono?

Il controllo dell’umanità (e cosa possiamo fare) – parte 1

Analisi breve per capire come la finanza estrapola ricchezza dalla società (e come difendersi da essa)

Un villaggio di case sugli alberi in Piemonte è in continua espansione

Andrea Bizzocchi parla di signoraggio

“Smettere” di lavorare e assumersi la responsabilità della propria Vita – parte 1

CONTRO IL LAVORO

Il click dentro

“Smettere” di lavorare e assumersi la responsabilità della propria Vita – parte 2

La malattia e la salute sono la stessa cosa

Esperimenti scientifici non autorizzati – recensione su Da Sapere

Derubati di sovranità, di Gianluca Ferrara

La Fabbrica della “Salute” (si fa per dire)

Il nostro futuro tra democrazie, referendum e debiti pubblici

Se l’economia reale (cioè la gente) perde, è sempre perché la finanza vince

Euroballe – recensione su Archivio storico

Charlie Hebdo: un attentato false flag e l’insopportabile retorica della libertà

Altro che “Je suis Paris”

Presentazione di Derubati di sovranità, il video

Esci, se ne hai il coraggio

Il debito pubblico in Italia

Gli inganni dell’industria alimentare: l’olio di palma

Scelte alimentari autorizzate

Gianluca Ferrara, Derubati di sovranità, le interviste

Loading Facebook Comments ...

1 Comments

  1. Il controllo dell’umanità (e cosa possiamo fare) – parte 1 | Liberi di Leggere

    […] Continua>>> […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.