I “sopra” e i “sotto” 0
in Andrea Bizzocchi Disinformazione e attualità

I “sopra” e i “sotto”

Di Andrea Bizzocchi

In un mondo costellato di guerre di ogni tipo, a ben vedere c’è solo una guerra: quella che la classe dei “sopra”, in virtù del proprio strapotere politico-economico-tecnologico, muove a quella dei “sotto”. I “sotto” possono difendersi solamente prendendo coscienza dello stato dei fatti, unendosi tra loro e cambiando i paradigmi di vita per iniziare a vivere bene da adesso.

Scrivo a volte, con ciò attirandomi un subisso di critiche, che non sono gli Usa i responsabili della situazione di instabilità e guerra permanente in cui ci troviamo dall’inizio del nuovo millennio, e cioè dall’11 Settembre 2011 (secondo questa logica, i responsabili di tutto ciò sarebbero 19 maldestri highjackers di origine saudita). Gli Usa sono ovviamente responsabili per un lato ma non lo sono per l’altro, che è quello che ci interessa nella sede di questo articolo. Gli Usa, o meglio la loro potenza in primis negli armamenti e poi a seguire nella politica, economia, tecnologia, scienza, medicina, istruzione, intrattenimento, ecc., sono semplicemente uno strumento utilizzato per quello che è il fine ultimo: e cioè il controllo delle popolazioni. Gli Usa sono uno strumento che viene “venduto” (o imposto, a seconda dei casi) dietro il paravento dell’american dream, ovvero del paese modello a cui tutti gli altri dovrebbero ispirarsi per far diventare l’intero pianeta un grande Luna Park (che è appunto l’immagine che degli Usa viene “venduta”). A parte il fatto non secondario che in giro non c’è nessun Luna park se non un Luna Park dell’orrore, il punto che ci interessa è che gli Usa sono uno strumento nelle mani dei veri controllori del Sistema, che sono quegli stessi che hanno costruito questo paese pezzo per pezzo negli ultimi decenni. Quello degli Usa è una specie di imperialismo forzato. Diciamo che lavorano per interposta persona.

È evidente che non ci troviamo più, e sempre meno ci troveremo in futuro , di fronte a guerre tra Stati (la cui sovranità del resto, compresa quella degli Usa, è del tutto inesistente) o a guerre di religione o a guerre di qualunque altra classificazione classica; del resto anche le modalità classiche della guerra sono del tutto scomparse. Ci troviamo invece di fronte ad un vero e proprio conflitto di classe dove però ci sono solamente due classi: quelli che stanno sopra (che sono sempre meno e sempre più potenti) e quelli che stanno sotto (che sono sempre più e soprattutto sempre più alla mercé di quelli che stanno sopra). Tra i “sopra” e i “sotto” c’è una piramide di subclassi ovviamente, ma la costante è quella di un progressivo livellamento verso il basso e dunque di un annientamento programmatico dei ceti medi (compreso quello statunitense); ciò a cui stiamo assistendo in questi ultimi anni è molto rivelatore in questo senso. In buona sostanza si tratta della messa in atto delle politiche neoliberiste della scuola di Chicago la cui politica cardine è la progressiva distruzione dello stato sociale.

A tal pro il controllo dei media (radio, televisioni, giornali, internet) da parte dei “sopra” è assolutamente determinante, eppure ancora molti credono di vivere in un mondo “libero”. Nel migliore dei casi sono degli emeriti ingenui.La gente deve avere l’impressione della “libertà” e di potersi filare la propria vita da sé quando invece è l’esatto opposto; per questo il controllo dell’opinione pubblica e il suo condizionamento sono fondamentali e per questo il controllo dei media è fondamentale. Se non si ha almeno questa consapevolezza si può star certi di vivere una vita da schiavi senza neppure esserne con

Che gli Stati già non esistano più è un’evidenza inconfutabile. E se non esistono più, perché continuare a votare, ad accapigliarsi tra questo e quel partito, per questa o quella politica messa in atto dal governo di turno, a pagare tasse, ecc.? Dire che oggi le multinazionali (o meglio chi gli sta dietro) e gli organismi sovranazionali (o meglio chi gli sta dietro) condizionano pesantemente le decisioni degli Stati è un puro eufemismo. Fanno molto, molto di più. Decidono per filo e per segno quello che gli Stati devono e possono fare o non fare. Del resto sia le multinazionali che queste istituzioni sovranazionali posseggono e/o finanziano l’istruzione, la ricerca medica, la politica e tutto il resto. Si può ancora credere che lo fanno per il bene della gente? Continuare ad ascoltare quel beota di Renzi (o Obama o chiunque altro) significa non aver capito assolutamente niente di come stanno le cose e del funzionamento del meccanismo. I suddetti non decidono nulla se non quel quotidiano del tutto insignificante che serve a distrarre la gente dalla realtà e dal mondo che i “sopra” stanno costruendo. Continuare a votare, a leggere giornali, ad accapigliarsi su tutte le questioni che i media mettono in prima pagina, non serve a nulla se non a darci l’impressione che serva a qualcosa. Le menti dietro questi progetti di controllo globale sono altre, lontane, sconosciute e non vanno di certo a finire nella prima pagina di “Repubblica”, del “Fatto” o del “New York Times”. Il lato buono di questa storia (perché ogni cosa ha un suo lato buono) è che sempre più gente lo sta capendo e si impegna a diffondere questa consapevolezza.

Dunque chi sono queste menti? Chi c’è dietro (e sopra) tutto questo? Possiamo genericamente indicare coloro che stanno sopra come una specie di cartello bancario/finanziario (che a cascata detiene poi anche tutti gli altri poteri) che accresce sistematicamente il proprio controllo attraverso la creazione di denaro dal nulla, denaro gravato di interessi che non esistono, accollandone poi il peso agli Stati, cioè alla società, cioè a coloro che stanno sotto. Per questo esistono il debito (pubblico, delle aziende, privato), per questo esistono le privatizzazioni (uno strumento di rapina delle popolazioni attraverso la leva del debito), per questo esistono le cicliche crisi economiche (che impoveriscono i poveri e arricchiscono i ricchi), per questo esiste la spada di Damocle dell’obbligo della crescita economica (altrimenti come si pagherebbero questi debiti che non esistono?).

La questione non è come comunemente si crede di accentramento di ricchezza (anche se ovviamente c’è anche quello) quanto piuttosto di accentramento di potere da parte di quei pochi “sopra”, accentramento di potere che contestualmente erode i diritti, anche i più semplici come quello alla Vita, dei “sotto”. E il potere, l’ho già scritto mille volte, è prima di tutto una forma mentis, una vera e propria mania di controllo (cioè una malattia, ma tant’è).

Se i “sotto” fanno sempre più fatica a vivere dunque, non è perché sempre più gli stanno venendo a mancare i mezzi concreti per farlo (ancora ne abbiamo e anche troppi se è per questo), ma semplicemente perché quelli “sopra” gli rendono la Vita sempre più difficile attraverso una infinità di modi (tasse e imposte varie, sempre più burocrazia, più leggi, più controllo, tanto per citarne alcuni). Insomma, inventano il gioco, ne fanno le regole, obbligano tutti a giocarci e cambiano le regole a loro piacimento quando gli vien comodo.

Vien da domandarsi: perché i “sopra” (che sono pochi, pochissimi. Qualche decina o centinaia direi) sono in grado di manifestare tanta potenza, mentre i “sotto” (che sono miliardi) non fanno che subire? Essenzialmente perché i “sopra” sono “malati” e trafficano senza sosta per controllare e dominare. È l’obiettivo della loro Vita, si alzano la mattina e vanno a dormire la sera con quel pensiero fisso in testa. Ne sono ssessionati. Sono dei veri “compulsivi” in questo senso. I “sopra” per di più, sono uniti da una visione e una comunità d’intenti, mentre i “sotto” sono perennamente divisi su tutto (dal partito per cui votare, alla squadra di calcio per cui ci si arriva ad ammazzarsi, ecc.). La storia della divisione su tutto è ovviamente pilotata dai “sopra” attraverso quella vecchia politica con cui si controllano la storia e i popoli da millenni: divide et impera. Nulla di nuovo sotto il sole.

A volte i “sotto”, perlomeno qualche “sotto”, provano a resistere ma non hanno effettive speranze di riuscirci perché nel momento in cui ci si provano si pongono automaticamente al di fuori della legge (che è fatta dai “sopra” e quindi per se stessi e contro i “sotto”). Tanto per dirne una vediamo il Movimento No Tav e le varie accuse, tra cui quelle di atti terroristici, ai suoi sostenitori. Bisogna capire che il terrorista è chi distrugge (anche se lo fa a norma di legge) e non chi fa qualcosa per cercare di evitare questa distruzione (e con ciò si pone contro la legge). La legge non è (non dovrebbe essere) giusta perché è legge, ma legge perché è giusta.

È in questo senso che parlo di Stati Uniti “non responsabili” ma mero strumento di esecuzione e sempre in questo senso parlo di imperialismo forzato degli Usa. La cosa tra l’altro è immediatamente comprensibile se solo pensiamo che gli Usa sono tecnicamente in bancarotta ormai da tempo e vengono mantenuti in vita principalmente (ma non solo) attraverso l’imposizione della propria moneta al resto del mondo (o quasi) e dei prodotti bancario/finanziari delle sue grandi banche; guarda caso, sia il dollaro (la Fed) che le sue “grandi banche” sono nelle mani dei “sopra”. Sono dunque il signoraggio del dollaro, i derivati, le cartolarizzazioni, ecc. a rappresentare quel primario meccanismo di controllo che genera una specie di signoraggio mondiale che accentra il potere e il controllo nelle mani dei “sopra” e tiene sempre più sotto i “sotto”. Non sono gli Usa, gli Usa sono la facciata; è che ci c’è dietro.

Ma la sostanza di tutto questo discorso è però un’altra, e cioè che trovandoci tutti quanti immersi fino al collo in questo ginepraio e con prospettive poco allettanti per il futuro, io continuo a pensare che l’unico modo per vivere bene è pensare all’oggi e non al domani, sforzandosi di vivere senza paura (che è la forma principale di controllo) e anzi cercare di farlo a modo nostro e sfrontatamente (almeno per quello che possiamo), smettendo di farci la guerra tra noi “sotto”, cominciando a disobbedire alle regole dei “sopra” e contestualmente cercando di inventarsi un gioco di cui siamo noi a fare le regole. La questione diventa a questo punto di vivere con fiducia nella Vita e non con fiducia nel Sistema. In altre parole, smettere di credere nel Sistema e non chiederne sempre più (più economia, più leggi, più medicina, più, più, più) come a me pare che molti, tanti, troppi “sotto” stiano ancora facendo.

Ti potrebbero interessare anche:
Andrea Bizzocchi, Pecore da tosare
Andrea Bizzocchi, E io non pago!
Andrea Bizzocchi, Euroballe

Pecore da tosare

E io non pago

Euroballe

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Summary
I “sopra” e i “sotto”
Article Name
I “sopra” e i “sotto”
Description
Di Andrea Bizzocchi In un mondo costellato di guerre di ogni tipo, a ben vedere c’è solo una guerra: quella che la classe dei "sopra", in virtù del proprio strapotere politico-economico-tecnologico, muove a quella dei "sotto". I "sotto" possono difendersi solamente prendendo coscienza dello ...
Author
Publisher Name
Edizioni il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

La “bontà” degli USA e la propaganda

Charlie Hebdo: un attentato false flag e l’insopportabile retorica della libertà

Altro che “Je suis Paris”

Scelte alimentari autorizzate

Siamo alla frutta (ridendo ma non troppo)

“Smettere” di lavorare e assumersi la responsabilità della propria Vita – parte 1

Il debito pubblico, gli interessi, le bugie e Matteo Renzi

Andrea Bizzocchi: video-intervista in redazione!

Il controllo dell’umanità (e cosa possiamo fare) – parte 1

L’attitudine distruttiva della civiltà

Se l’economia reale (cioè la gente) perde, è sempre perché la finanza vince

Storica decisione dello IARC: le carni rosse lavorate sono cancerogene come l’amianto

Le “foreste” di Marte: Vedere per credere…

Esperimenti scientifici non autorizzati – recensione su Da Sapere

Gianluca Ferrara, Derubati di sovranità, le interviste

Euroballe – recensione su Archivio storico

Un villaggio di case sugli alberi in Piemonte è in continua espansione

Grazie alla crisi possiamo riprenderci la nostra vita

Derubati di sovranità, la recensione di Giovanni Acquati

I pesticidi in frutta e verdura d’importazione

Il controllo dell’umanità (e cosa possiamo fare) – parte 2

Il debito pubblico in Italia

Nove comandamenti per vivere in un mondo difficile

Il click dentro

Smettere di lavorare: il booktrailer

Gli inganni dell’industria alimentare: l’olio di palma

CONTRO IL LAVORO

L’acrilammide, un veleno nascosto

Scie chimiche: cosa sono?

La dittatura della finanza

La malattia e la salute sono la stessa cosa

Scoperte mediche non autorizzate: il booktrailer

Ritorno alla realtà

Esci, se ne hai il coraggio

Andrea Bizzocchi parla di signoraggio

Il nostro futuro tra democrazie, referendum e debiti pubblici

Derubati di sovranità, di Gianluca Ferrara

Analisi breve per capire come la finanza estrapola ricchezza dalla società (e come difendersi da essa)

Presentazione di Derubati di sovranità, il video

Marco Pizzuti – intervista a Esserciweb

Esperimenti scientifici non autorizzati – recensione su Mangialibri

Una società malata di morte non può amare la Vita

Grecia: sequestro casa e stipendio per chi non paga le tasse… l’Italia è la prossima?

La Fabbrica della “Salute” (si fa per dire)

“Smettere” di lavorare e assumersi la responsabilità della propria Vita – parte 2

La logica del dominio – Da dove viene e come superarla?

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.