I filtri solari: abbronzarsi proteggendo la pelle 0
in Benessere e bellezza Salute naturale

I filtri solari: abbronzarsi proteggendo la pelle

Un po’ di sole è gradevole e molto salutare, ma troppo sole diventa il contrario. Quando siete all’aria aperta (e dovreste continuare a trascorrervi più tempo possibile) proteggetevi dalle radiazioni intense, secondo il periodo del giorno, della stagione e delle altre condizioni.

 

Che cosa sono i filtri solari e come agiscono?

Quando acquistate i solari protettivi, leggete accuratamente le etichette. L’ideale è che ci sia anche l’indicazione della funzione, per esempio filtro UV-A, filtro UV-B o entrambi (i filtri UV-C in genere non sono utili, perché questo tipo di radiazione viene trattenuto dall’atmosfera terrestre). Un prodotto con indicazioni precise è segno di serietà del produttore e merita la vostra fiducia.

Per la prima settimana di esposizione avrete bisogno di prodotti con filtro UV-B con alto fattore di protezione; per tutto il resto delle vacanze usate solari con filtro UV-A. Nella prima settimana infatti è elevato il rischio di scottature, provocate appunto solo dai raggi ultravioletti di tipo B; dopo ci proteggerà la melanina oramai presente nella nostra pelle, ma i raggi di tipo A farebbero invecchiare precocemente la pelle.

I filtri chimici assorbono i raggi solari e li trasformano, in modo simile a quanto fanno i melanociti nella nostra pelle; le sostanze anorganiche o minerali invece, come ossido di zinco, stearato di zinco, diossido di titanio, carbonato di magnesio, carbonato di calcio, caolino, bentonite e talco offrono una protezione fisica, non chimica. Esse riflettono i raggi come farebbe uno specchio, quindi li mandano lontani da noi. Pertanto sono meglio tollerate in quanto non reagiscono chimicamente con la superficie della nostra pelle.

 

Quanto sono davvero utili i filtri?
Sicuramente molto, ma comunque non al cento per cento. Vi è un crescente numero di pubblicazioni da parte di ricercatori, soprattutto statunitensi e australiani, secondo i quali i melanomi si possono formare nonostante l’uso di solari protettivi, se la pelle viene esposta ripetutamente a radiazioni solari eccessive. La conclusione: usate i solari con scrupolo e criterio, ma soprattutto esponetevi al sole nella giusta misura!

È da ricordare che gli alti fattori di protezione filtrano anche parte degli UV-A, rallentando l’invecchiamento cutaneo.

 

Il fattore di protezione
Quale fattore di protezione scegliere? Magari istintivamente scegliereste un fattore di protezione (FP) 15, perché vi consente di potervi esporre molto a lungo a luce, calore e sole. L’FP 15 garantisce certamente una più elevata protezione rispetto all’FP 6 o 10, ma non dovreste cullarvi per questo nella falsa sicurezza di potervi esporre al sole pieno per molte ore. È sufficiente che applichiate un prodotto un po’ frettolosamente e quindi non in modo omogeneo o abbondante e già l’FP si riduce a metà. Soprattutto, se la vostra crema non contiene un forte filtro UV-A, le lunghe esposizioni al sole comportano il rischio di un notevole invecchiamento prima del tempo.

Nella maggior parte dei casi conviene optare per un’applicazione abbondante (circa il doppio rispetto a un idratante) e per una regolare ripetizione. Decisamente meglio ancora è cercare l’ombra nelle ore calde della giornata.

Attenzione: se sopra un solare con FP 4 ne applicate un altro con FP 6, nella migliore delle ipotesi otterrete un FP 6, mai un 10. In realtà probabilmente avrete solo un FP 4, perché in pratica avete “diluito” l’altro solare.

 

“Protezione? Ma io voglio abbronzarmi!”

Questa è l’obiezione più frequente che (purtroppo e stranamente) ancor oggi circola. In realtà filtri solari e protettivi solari in genere non costituiscono affatto un impedimento per l’amata tintarella. Anzi, secondo il fattore di protezione trattengono una certa quantità di raggi UV-B o UV-A o persino di entrambi, ma appunto solo una parte. Anche con un fattore protettivo 15 vi abbronzate, e persino con l’uso del “total screen” una certa quantità di raggi ultravioletti riesce a penetrare fino alla pelle. Non è abbastanza per un colore caramello e non costituisce una protezione assoluta di fronte al “photoageing”, ma in ogni caso è sufficiente per poter godere per un po’ di tempo del piacevole calore del sole senza pagare con una dolorosa scottatura e per poter esibire anche una carnagione fresca.

 

Come applicare il solare?

Applicatelo sempre e solo su pelle pulita. Eventuali resti di creme “diluiscono” la protezione e/o riducono la capacità di assorbimento della pelle, che è già “satura”. Applicatelo inoltre 20-30 minuti prima di recarvi al sole. Questo è il tempo necessario perché i filtri chimici possano penetrare negli strati superficiali della pelle e sviluppare il loro effetto. Gli ossidi metallici agiscono subito, ma è sempre meglio applicarli già a casa. Chi mette i solari nella borsa da spiaggia per poi godersi con calma il rito dello spalmarsi o farsi spalmare tende a esporre la sua pelle già a un quarto d’ora di sole intenso: andare in spiaggia, raggiungere la postazione, sistemare le cose portate, cambiarsi e così via.

Spalmate, non frizionate! Durante i test di laboratorio l’FP viene calcolato spennellando o tamponando delicatamente il prodotto sulla pelle, con prudenza ma abbondantemente. Le frizioni potranno darvi la gradevole sensazione di un massaggio, ma rischiate di asportare nuovamente buona parte del protettivo appena applicato, oppure questo si distribuisce in modo poco uniforme.

Ripetete spesso l’applicazione: ogni due ore, se rimanete fermi sulla sdraio o sul lettino, più spesso se sudate o se il contatto con sedia, telo o vestiti potrebbe aver parzialmente rimosso la protezione. Inoltre, dopo ogni doccia o tuffo in piscina o nel mare, subito dopo ogni contatto con l’acqua (anche se avete usato prodotti waterproof o water resistant; che hanno comunque una durata limitata);
i raggi ultravioletti penetrano anche la superficie dell’acqua e raggiungono il vostro corpo mentre nuotate o persino mentre siete in immersione, quindi se rimanete a lungo nell’acqua applicate un solare waterproof almeno dieci minuti prima di immergervi, perchè si formi una pellicola protettiva sulla pelle. E ovviamente applicate nuovamente il solare appena usciti dall’acqua. Non lesinate!

 

Tratto da:

 

 

Summary
I filtri solari: abbronzarsi proteggendo la pelle
Article Name
I filtri solari: abbronzarsi proteggendo la pelle
Description
Un po’ di sole è gradevole e molto salutare, ma troppo sole diventa il contrario. Quando siete all’aria aperta (e dovreste continuare a trascorrervi più tempo possibile) proteggetevi dalle radiazioni intense, secondo il periodo del giorno, della stagione e delle altre condizioni. Che cosa sono i f...
Author
Publisher Name
Edizioni il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

L’esame della lingua nelle medicine orientali

Usi e benefici dell’olio di cocco

Dal russamento all’apnea del sonno: le conseguenze per la salute

Il digiuno, un incontro con se stessi

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (seconda parte)

Alimentazione e buonumore: mangiar sano per essere più felici

Come scegliere la scarpa giusta

Mudra per la schiena

10 buone regole per esporsi al sole (per l’abbronzatura perfetta)

L’argento colloidale: usi e proprietà

Il cioccolato, una miniera di benefici per la salute

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (quarta parte)

Il massaggio ayurvedico del piede

Guarire con le campane tibetane – recensione su La Stampa

La medicina di santa Ildegarda

Nati per spendere?

Come prepararsi al digiuno

Meditazione fisica per la salute dello stomaco e dell’intestino

Il canto è gioia, di Patrizia Saterini

La cura delle mele: rivitalizzare e disintossicare

La camminata veloce: la corretta andatura

Trattare l’allergia: il punto di vista della naturopatia

Consigli per la salute: difendersi dal caldo estivo con la fitoterapia, a cura di Luigi Torchio

Il lato positivo – recensione su Nuove pagine

Dieta alcalinizzante è sinonimo di salute

Disintossicarsi da metalli pesanti, tossine e inquinanti

Perdere peso, una questione di energia

Psoriasi e stress

Proteine vegetali, proteggono l’apparato cardiovascolare

Metodi naturali per curare allergie e intolleranze – recensione su La mente mente

La crusca d’avena e i suoi benefici per la salute

Le diete iperproteiche: servono o no?

Scrub zucchero, mandorle e miele

La colonna vertebrale: un centro energetico

Alimentazione e cancro: la dieta della prevenzione

10 motivi per cui scegliere di praticare la camminata veloce

Acqua e spazzolature: aiutiamo il corpo a disintossicarsi

La clorofilla: un’alleata per la salute

Le ore degli organi: guadagnare in salute e vitalità grazie ai ritmi corporei

Carciofo crudo tutti i giorni per combattere la stanchezza e depurare

Lo zucchero, un dolce veleno

Videointervista con Alida Dal Degan a SANA 2014

I sintomi delle infezioni fungine o della candida

Il lato positivo – recensione su L’angolo del personal coaching

Dimmi dove ti fa male e ti dirò perché – recensione su La mente mente

Che cos’è l’equilibrio acido-base?

La salute a tavola: i superalimenti

La “vera” deambulazione a piedi nudi: come si configura

Un massaggio rilassante

EBooklife: tutti gli ebook per il tuo benessere, e molto altro!

Intervista a Gianna Tomlianovich

Il fungo Reishi

Piante medicinali: i chiodi di garofano

Farsi un tatuaggio: i significati

La dieta metabolica: come e perché

Carenza di minerali, una delle cause principali dell’acidosi

Luca Fortuna: estratto di semi di uva rossa, un elisir di salute

Gli antinfiammatori naturali: combatti l’infiammazione con le piante

Troppi antibiotici nel nostro corpo: mangi carne e ingerisci antibiotici

L’idroterapia in casa: curarsi con l’acqua

Il sale marino, elisir di lunga vita

L’intolleranza al glutine nei bambini

I piedi ci parlano

La corsa dolce, per un benessere a ogni età

Il reishi: storia e proprietà del fungo curativo per eccellenza

Le proprietà degli oli essenziali

Intestino sempre in forma

L’indice glicemico ti rivela gli zuccheri nascosti

Gli oli essenziali: il fior di loto

Alimenti acidificanti, alcalinizzanti e acidi

Proteggere gli occhi davanti al computer

L’eccezionale ricchezza nutritiva del lievito di birra

Depurare il fegato in primavera

10 buoni motivi per esporsi al sole (abbronzatura a parte…)

Tempo di esami: un aiuto per memoria e concentrazione

Come pulire la pelle secondo la Slow Cosmétique

A cosa giochiamo oggi? Il rilassamento come gioco

Esercizio di respirazione per armonizzare gli emisferi cerebrali

La salute passa anche dalla lingua – parte II

Intervista a Pierre Pellizzari

Rimedi per la cistite

Oli essenziali per combattere i chili di troppo

Ancora uno… e poi basta – recensione su L’angolo del personal coaching

Il latte fa male?

Cos’è e come si manifesta la sindrome del colon irritabile

Il massaggio californiano: l’arte del tocco

L’importanza di un buon sonno

Le otto cure rivitalizzanti – recensione su Bottega Scriptamanent

Le punture d’insetto

Le fusa del gatto, una frequenza guaritrice?

Le alghe, verdure di mare amiche della linea

Proteggere i capelli dal sole

Intervista a Nirodh Fortini

Naso chiuso addio!

Purificarsi col respiro

I pericoli dell’amalgama dentale

La forza nel freddo | Wim Hof

Il cambio degli armadi: come vestire bello e sano

Piante medicinali: il lampone

Mal di schiena? Dolori cervicali? Attenzione alla postura!

La chia, un piccolo seme dalle grandi virtù

Cure naturali per il raffreddore

Frullati VS centrifugati: proprietà e differenze

Il colesterolo: amico o nemico?

Le articolazioni e il loro significato psicologico: la spalla

Cosmesi e “lavaggio del cervello”: il parere della Slow Cosmétique

L’efficacia del Nordic Walking

Latte e oli essenziali, per un bagno da regina!

Le erbe amiche del fegato

Geometria della guarigione – recensione su La mente mente

Pelle e purificazione: la frizione a secco

La couperose o rosacea: cos’è e come si combatte

Siamo tutti disidratati?

L’arte del riciclo

Stress e invecchiamento precoce: 4 consigli per combatterli

La medicina naturale: dieta sana e igiene di vita

Pronto soccorso aromatico per gli sportivi

Una coccola per farti felice!

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (prima parte)

Esercizio: tecnica veloce di automassaggio cinese

Come affrontare le vampate in menopausa

Correre o camminare? Camminata veloce!

La betulla: un prezioso alleato per la depurazione primaverile

Gluten Sensitivity: la sindrome da sensibilità al glutine

Dimagrire con l’intestino

…E dopo i cenoni, mi depuro!

Il miele: antibiotico naturale e molto altro

Che cos’è e a cosa serve l’oil pulling

Omeopatia per bambini: il raffreddore

Il massaggio con gli oli essenziali

Mani che guariscono: il Quantum-Touch

Pelle spenta? Illuminala con una maschera!

EFT, tecniche di liberazione emozionale

L’echinacea, fiore della salute

Regole generali per un’alimentazione contro i funghi

La medicina nel piatto: le proprietà dello zenzero

Caffè: amico o nemico?

Esercizio: la respirazione naturale

I difetti della vista: guarire si può, con la ginnastica oculare

La curcuma, una spezia-farmaco?

Gli antiossidanti: protezione naturale grazie a frutta e verdura

L’importanza della masticazione alternata

Bicarbonato di sodio: carta di identità

La rodiola o rhodiola: tutte le proprietà del più potente rimedio antistress

L’idroterapia Kneipp, una fonte di benessere a portata di mano

La salute passa anche dalla lingua – parte I

L’aglio, alleato della nostra salute

Labbra screpolate? Ecco un balsamo fai da te!

Curarsi con la luce: il disturbo affettivo stagionale (SAD)

Le diluizioni in omeopatia

Applicazioni pratiche di acqua e sale

Bucce d’arancia: rifiuti o risorse?

Esercizi antirughe per il contorno occhi

Acqua e sale: rigenerarsi con il più naturale degli elementi

Mudra, la danza delle mani

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.