Esiste la vita dopo la morte? 0
in Spirito

Esiste la vita dopo la morte?

Tra le prove più convincenti di vita dopo la morte ci sono quelle fornite da persone che hanno avuto un’esperienza di premorte (EPM), in cui sono state riportate in vita quando erano sul punto di morire e ricordano cosa è accaduto loro mentre venivano rianimate e l’ECG stava diventando piatto.

Le EPM sono molto più comuni di quanto si possa pensare. Milioni di individui in tutto il mondo le hanno avute. In un importante studio pubblicato nel 2001 nella rivista medica The Lancet,* sono stati esaminati 344 pazienti cardiopatici che erano stati rianimati dopo un arresto cardiaco. 62 di essi (il 18 per cento) avevano avuto un’esperienza di premorte.

In base ai racconti, esistono vari livelli di EPM: uscire dal corpo, dirigersi verso una luce, emergere dall’“altra parte”. Molte persone descrivono con esattezza la procedura di rianimazione e riferiscono fedelmente le conversazioni del personale medico. Sembra che alcuni individui sperimentino il passaggio attraverso un tunnel prima di affacciarsi dall’altra parte. Altri incontrano parenti e amici deceduti da anni. Molti parlano anche della presenza di una fonte di luce intelligente che descrivono come un angelo o una figura religiosa.

Questo fatto è difficile da accettare per la comunità scientifica ortodossa. Come sappiamo, secondo l’idea convenzionale la coscienza è un prodotto di sostanze chimiche cerebrali, quindi esiste solo finché il cervello è vivo. In base a tale visione, quando l’elettroencefalogramma è piatto non possono esservi esperienza consce.

Ma con l’avvento di nuove ed efficaci tecniche di brain imaging, la nostra conoscenza del cervello sta cominciando a cambiare. Stiamo apprendendo che i nostri pensieri non sono causati dalla chimica cerebrale, ma al contrario sono essi che causano gran parte di ciò che avviene nel cervello. Non è una via a senso unico in cui sostanze chimiche producono pensieri ed emozioni. Per esempio, la fMRI (risonanza magnetica funzionale) mostra che alcune aree del cervello si illuminano quando pensiamo a una certa cosa. Si parla perfino di leggere la mente delle persone osservando quali zone si illuminano quando formulano particolari pensieri.

Anche se molti ritengono che la moderna ricerca non abbia dimostrato che la coscienza può esistere al di fuori del cervello, gli studi condotti sull’EPM indicano invece che è così. Quando il cervello muore, la coscienza non può più essere “ricevuta” da esso e dai cinque sensi, ma continua a percepire cose all’esterno del corpo. È per questo che tante persone sono in grado di osservare la procedura in corso per rianimarle.

Spesso un’EPM cambia completamente la persona. Nello studio sopra citato, i pazienti sono stati intervistati dopo la rianimazione, poi dopo due anni e poi di nuovo dopo otto anni. Per quasi tutti l’esperienza aveva un durevole effetto positivo. Tendevano a essere più estroversi, più disponibili, premurosi ed empatici verso gli altri, a lasciarsi maggiormente coinvolgere nelle faccende familiari, ad avere un senso più profondo del significato della vita, un maggiore interesse per la spiritualità e ad apprezzare di più le cose ordinarie. Inoltre, temevano molto meno la morte e credevano nell’aldilà assai più di prima. Si erano chiaramente evoluti in coscienza.

————–

*P. van Lommel, R. van Wees, v. Meyers e I. Ellferich, “Near-death experiences in survivors of cardiac arrest: a prospective study in the Netherlands”, in The Lancet, 2001, 358, pp. 2039-45.

 

Tratto da:

 

 

 

Redazione

Summary
Esiste la vita dopo la morte?
Article Name
Esiste la vita dopo la morte?
Description
Tra le prove più convincenti di vita dopo la morte ci sono quelle fornite da persone che hanno avuto un’esperienza di premorte (EPM), in cui sono state riportate in vita quando erano sul punto di morire e ricordano cosa è accaduto loro mentre venivano rianimate e l’ECG stava diventando piatto. Le ...
Author
Publisher Name
Edizioni il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

Il sentiero dell’amore, il sentiero della paura

Il cuore dell’universo – meditazione

Lo Zodiaco: l’Ariete

Tao Te Ching – capitolo I

Lo sciamano: guida e guaritore | Nicolás Pauccar Calcina

Il libro della vita di Jiddu Krishnamurti

Il saggio e la morte

Koan zen: la cultura interiore di Ta-t’zu

Lo Zodiaco: il Cancro

Lo Zodiaco: i Pesci

Apri il tuo scrigno

Lo Zodiaco: il Capricorno

Karma e reincarnazione

I poteri dell’Arcangelo Gabriel e la sua invocazione

L’amore incondizionato per noi stessi | don Miguel Ruiz Jr.

Fantasmi

L’amore in 10 frasi

Messaggio per tutto il mondo…

Quando i defunti si manifestano

Storia zen: nessun attaccamento alla polvere

Lo Zodiaco: lo Scorpione

Prima della coscienza, Nisargadatta Maharaji | 30 anni con Edizioni Il Punto d’Incontro

Il monaco che voleva solamente contemplare Buddha

Il significato del Solstizio d’Inverno

Trasformare le esperienze in saggezza | La via del guerriero di pace

Non siamo nati per soffrire

Scienza e meditazione

Lo Zodiaco: l’Acquario

Aiutare le anime ad andare verso la luce

I tarocchi: significato psicologico dell’Amante, arcano VI

Annamalai Swami: tutta la felicità viene dal Sé

Le esperienze di premorte

Numerologia: i numeri come chiavi del Codice dell’Anima

La profondità e bellezza della Ribhu Gita

Il ritorno del guerriero di pace di Dan Millman

Ananda Moyi Ma

Racconto: un monaco riconosce l’illusione della vita

Felicità – Racconto sufi

Se il fallimento fosse una possibilità? | Pema Chödrön

Tecniche di visualizzazione: proteggersi dalle energie negative

Lo Zodiaco: i Gemelli

Il viaggio di Maui sulla Terra

Perché si festeggia la Pasqua?

Lo Zodiaco: la Vergine

I defunti, anime amorevoli che non ci lasciano mai

Storia di Pasqua

Il potere vibratorio della voce

Lo Zodiaco: la Bilancia

La pratica della meditazione e la rivoluzione della coscienza

La Bhagavad Gita: un tesoro che trascende il tempo e lo spazio

Conversazioni con Ramana Maharshi, dal diario di Annamalai Swami

Preghiera per l’Amore di don Miguel Ruiz

Capodanno cinese 2018: l’anno del Cane

La nostra destinazione è qui e ora

Il sesto senso

Come attrarre la fortuna: la numerologia e il numero dell’Io

Lo Zodiaco: il Sagittario

Come l’ape ebbe il suo pungiglione (leggenda Cherokee)

Tantra yoga: sessualità e liberazione

Canto della Notte dei Navajo

Tao Te Ching: il libro della Via

Sai Baba, il santo di Shirdi

Sii ciò che sei, Ramana Maharshi – 1988 | 30 anni di Edizioni Il Punto d’Incontro

Sai che gli alberi parlano? 1992 | 30 anni di Edizioni il Punto d’Incontro

Ebooklife.it: l’energia che fluisce libera porta armonia

Parole magiche per isolare e fermare la negatività

Esercizio di meditazione per superare un lutto

Conosci te stesso con i segreti dei tarocchi

Il sesso illuminato: respirare l’energia sessuale in un cerchio completo

La meditazione – Racconto indiano

I chakra e i tre livelli di guarigione dell’uomo

Lo Zodiaco: il Leone

Lo Zodiaco: il Toro

Capodanno cinese 2017: l’anno del Gallo

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.