Frutta e semi oleaginosi, un concentrato di energia

Frutta e semi oleaginosi, un concentrato di energia

La frutta oleaginosa ha un tenore di lipidi elevato, dal 50% al 60% circa e fornisce pressappoco 500, 600 calorie per 100 g (non è pertanto opportuno consumarne in quantità eccessiva). Essendo ricca di olio, è un alimento principalmente destinato al sistema neurosensoriale. Di fatto, cervello, sistema nervoso e pelle hanno un grande bisogno di acidi grassi essenziali, che si trovano nei grassi di questa frutta. Vediamo allora di conoscerla meglio.

 

Anacardi
Frutti dell’anacardio, gli anacardi sono originari del Brasile. Attualmente vengono coltivati in varie aree del pianeta, tra cui principalmente l’Africa. Ricchissimi di fosforo, magnesio e potassio, gli anacardi contengono anche ferro, calcio e zinco, nonché vitamina B ed E. Sono ricchissimi di acidi grassi monoinsaturi e vanno conservati al fresco, perché irrancidiscono presto. Attenzione, la loro digestione è lunga e laboriosa!

 

Arachidi
Le arachidi fanno anche parte della famiglia delle leguminose. Contengono all’incirca il 50% di grassi e sono piuttosto indigeste, a maggior ragione quando vengono tostate e salate. Ricche di protidi, sono però molto povere di fibre. Si tratta di un alimento assai energetico ma di digestione laboriosa. Attenzione all’allergia, che in alcuni casi può dimostrarsi molto grave.

 

Avocado
L’avocado è uno dei frutti oleaginosi tra i meno calorici (160 cal/100 g) ed è molto facile da digerire. Contiene acqua per il 60-70% ed è ricchissimo di potassio (630 mg/100 g), magnesio (41 mg/100 g) e zolfo (35 mg/100 g). L’avocado è ricco di vitamine idrosolubili (B, C e PP), ma soprattutto di vitamine liposolubili (A, D ed E). Viene molto utilizzato in cosmesi. Nella fattispecie, l’olio che ne è estratto viene incorporato a creme, lozioni e latte per la cura della pelle, perché la nutre e la idrata.

 

Carruba
Frutto del carrubo, la carruba sostituisce egregiamente il cioccolato, giacché non contiene teobromina. Inoltre, è ricca di calcio, pectina e zuccheri naturali. Contiene vitamina A e B. È molto meno grassa del cioccolato, perché arriva a circa il 2%, contro il 50% di quest’ultimo.

 

Mandorle
Le mandorle, frutti del mandorlo, sono apprezzate fin dalla notte dei tempi. Venivano infatti impiegate comunemente da Egizi, Mesopotamici, Greci, Romani e Galli, per citare alcune popolazioni. Ricche di potassio e di fosforo, sono anche apprezzabili fonti di calcio, ferro, magnesio, vitamina B ed E. Le mandorle sono un frutto energetico e un alimento per i nervi. Sono consumate dagli sportivi, perché una piccola quantità è sufficiente a dare parecchia energia.

 

Nocciole
Frutto del nocciolo, la nocciola viene coltivata in Cina da più di cinquemila anni. È ricca di minerali (calcio, magnesio, ferro, potassio, cloro, zolfo ecc.) e di vitamina A, B ed E. Tra tutta la frutta oleaginosa è quella che contiene più sostanze azotate (proteine: 15-16%) e la più facile da digerire. Assai nutriente, è anche energetica e vermifuga.

 

Noci
Frutto del noce, la noce è tra gli oleaginosi quella che racchiude più zinco e rame. Costituisce una buona fonte di minerali in generale e di vitamina A, B, C e P. I suoi grassi contengono all’incirca l’86% di acidi grassi insaturi, tra i quali anche omega-3. La noce è un buon vermifugo, un ottimo lassativo dolce e un antiparassitario. Ai vegetariani si consiglia di includerla nella loro alimentazione, perché è molto nutriente. La noce è altresì raccomandata in certi casi di dermatosi. È una fonte di melatonina naturale, il che la rende un alimento che regola i cicli del sonno e della veglia.

 

Semi di girasole
I popoli dell’America centrale utilizzano i semi di girasole da cinquemila anni. Assai nutrienti, sono ricchi di ferro, rame, fosforo e calcio, senza dimenticare la vitamina A, B, D ed E. Costituiscono una buona fonte di lecitina e pectina.

 

Semi di lino
Il lino è utilizzato fin dall’antichità per la fabbricazione di tessuti e l’alimentazione umana. Ricchissimi di fibre solubili e insolubili, i semi di lino sono anche un’ottima fonte di acidi grassi omega-3, fatto particolarmente raro nei vegetali.

 

Semi di sesamo
Se integri, i semi di sesamo sono una delle fonti alimentari di calcio più elevate. Sono ricchi di ferro, potassio, vitamina B ed E. Costituiscono inoltre una buona fonte di mucillagini (azione lassativa) e di lecitina. Vanno masticati bene, perché altrimenti rischiano di attraversare intatti il tubo digerente.

 

Tratto da:

 

 

 

Image credits: margouillat photo/Shutterstock.com

Summary
Frutta e semi oleaginosi, un concentrato di energia
Article Name
Frutta e semi oleaginosi, un concentrato di energia
Description
La frutta oleaginosa ha un tenore di lipidi elevato, dal 50% al 60% circa e fornisce pressappoco 500, 600 calorie per 100 g (non è pertanto opportuno consumarne in quantità eccessiva). Essendo ricca di olio, è un alimento principalmente destinato al sistema neurosensoriale. Di fatto, cervello, sis...
Author
Publisher Name
Edizioni il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche:

Ricette: la mela
Intervista al dottor Luigi Torchio
Ricette: il carciofo
Ricette: gli asparagi
Ricette vegetariane per la dieta Dukan
Loading Facebook Comments ...

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi richiesti sono segnati con*

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.