La chia, un piccolo seme dalle grandi virtù 0
in Benessere e bellezza Dieta e alimentazione Salute naturale

La chia, un piccolo seme dalle grandi virtù

La chia è una pianta che cresce nel deserto e appartiene alla famiglia della menta; il suo nome è Salvia hispanica L. Il seme è piccolo, con un lieve sapore di noci. Si tratta di un seme idrofilo, cioè assorbe acqua. Quando si bagna, l’involucro esterno comincia a gonfiarsi e assume un aspetto leggermente gelatinoso. È questa qualità (oltre al fatto che il 38% del seme è costituito da fibre) a consentirgli di dare un senso di sazietà (che a sua volta aiuta a perdere peso), tenendo nel contempo sotto controllo le voglie, riequilibrando i livelli glicemici e lenendo l’apparato digerente.

La chia è ricolma di antiossidanti, vitamine, minerali, fibre, aminoacidi, proteine e l’acido grasso omega-3 chiamato acido alfa-linolenico. Questo semino vanta così tanti benefici e aiuta così tanti problemi di salute che secondo molti è l’alimento funzionale più utile in circolazione.

 

Acidi grassi omega-3

Gli acidi grassi omega-3 sono molecole che l’organismo non produce da sé. Cionondimeno, sono essenziali per il buon funzionamento di un gran numero di sistemi organici. Esistono tre principali tipi di acidi grassi omega-3: l’acido alfa-linolenico (ALA), l’acido eicosapentaenoico (EPA) e l’acido docosaesaenoico (DHA). L’acido alfa-linolenico è l’unico acido grasso essenziale ed è il tipo di omega-3 presente nella chia.

L’alto contenuto di omega-3 della chia ha dimostrato di aiutare il corpo a perdere peso e mantenersi in forma, come pure a proteggerlo da vari problemi di salute, quali cardiopatie, ictus, tumori, disturbo infiammatorio intestinale e altre patologie autoimmuni come lupus e artrite reumatoide.

 

Proteine

La chia trabocca di proteine. Le proteine sono presenti in tutte le cellule viventi. Capelli e unghie sono principalmente costituiti da proteine. Le proteine costituiscono importanti componenti di ossa, muscoli, cartilagini, pelle e sangue. Il nostro corpo richiede una quantità relativamente grande di proteine e deve ricavarla dall’alimentazione, perché le proteine non vengono immagazzinate nell’organismo.

La chia non solo contiene proteine (un buon 21% della chia è costituito da questi macronutrienti), bensì contiene proteine complete, fatto insolito per un alimento vegetale. Ciò significa che l’organismo può utilizzare fino in fondo le proteine della chia così come sono. Il suo segreto è negli aminoacidi. La chia contiene tutti e otto gli aminoacidi essenziali che il corpo richiede per sfruttare fino in fondo le proteine: isoleucina, leucina, lisina, metionina, fenilalanina, treonina, triptofano e valina.

 

Vitamine e minerali

La chia è colma di vitamine e minerali, che aiutano a mantenere l’organismo ben nutrito e pieno di energia, in modo che possa essere efficiente al massimo senza far nascere voglie causate da carenze, le quali a loro volta rischiano di portare a scelte alimentari sbagliate e a un eccesso di cibo.

Tra i minerali contenuti nella chia troviamo: boro, calcio, rame, iodio, ferro, magnesio, manganese, molibdeno, fosforo, potassio, silicio, sodio, stronzio, zolfo e zinco. Le principali vitamine invece sono: Le principali vitamine sono: A, B1 (tiamina), B2 (riboflavina), C (acido ascorbico), E, colina e folati (acido folico). Contiene inoltre vitamina B3, B5, B6, B15, B17, D, K, inositolo e PABA.

 

Fibre

La chia contiene grandi quantità di fibre solubili e insolubili, che sono povere di calorie. Le fibre solubili si “ingrossano” in acqua. Una volta mescolate a un liquido, formano una sostanza simile a un gel e si gonfiano. Sono ottime per tenere sotto controllo i livelli di glucosio nel sangue e ridurre il colesterolo. Le fibre insolubili non si gonfiano né si dissolvono in acqua e attraversano l’apparato digerente più o meno nello stesso modo in cui vi sono entrate. Sono ottime per la salute intestinale, perché aiutano in caso di stipsi, emorroidi e tumore al colon-retto.

Due cucchiai di chia forniscono 8,25 g di fibre. Inoltre, dato che la chia è molto idrofila (assorbe acqua), si espande nello stomaco trasmettendo un piacevole senso di sazietà o pienezza. Inoltre, le fibre della chia aiutano l’intestino crasso a muoversi in maniera efficiente e agevole.

 

Fitonutrienti

La chia è nota per i suoi fitonutrienti, sostanze chimiche vegetali che racchiudono composti protettivi e preventivi delle malattie. I fitonutrienti presenti nella chia includono quercetina, campferolo, miricetina, acido clorogenico e acido caffeico. Hanno la funzione di proteggere la pianta da malattie, tagli, insetti, siccità, calura eccessiva, raggi ultravioletti e veleni o sostanze inquinanti nell’aria o nel terreno. In altre parole, fanno parte del sistema immunitario della pianta. E quanto fanno per la pianta possono farlo anche per noi.
I fitonutrienti aiutano a prevenire le malattie e hanno dimostrato di tenere lontane almeno quattro delle attuali cause principali di morte nei paesi occidentali: cancro, diabete, patologie cardiovascolari e ipertensione.

 

La chia in cucina

La chia in cucina è nel posto giusto. Facile da conservare e da usare, non richiede macinacaffè o altri elettrodomestici specifici. È versatile: può essere usata a qualsiasi temperatura. Ha un sapore neutro e i semi presentano una consistenza piacevole, quasi come la frutta secca.

Uno dei modi più comuni di beneficiare della chia è quello di consumarla cospargendola semplicemente su insalate e piatti pronti, incorporarla a bibite e frullati, aggiungerla a yogurt, porridge, zuppe e via dicendo.

Ovunque usiate frutta secca tritata, crusca o semi di lino, potete sostituirli con la chia. La chia si può consumare integra, perché il corpo assimila alla perfezione tutto il seme, oppure macinata o tritata e persino messa in ammollo a formare un gel. Può essere mescolata (integra o macinata) alla farina e usata per preparare pane, muffin, dolci, pizza ecc. Alcuni la aggiungono persino al gelato, come guarnizione simile a granella di nocciola!

 

Tratto da:

 

 

 

Image credits: Jarvna/Shutterstock.com

 

 

 

Summary
La chia, un piccolo seme dalle grandi virtù
Article Name
La chia, un piccolo seme dalle grandi virtù
Description
La chia è una pianta che cresce nel deserto e appartiene alla famiglia della menta; il suo nome è Salvia hispanica L. Il seme è piccolo, con un lieve sapore di noci. Si tratta di un seme idrofilo, cioè assorbe acqua. Quando si bagna, l’involucro esterno comincia a gonfiarsi e assume un aspetto leg...
Author
Publisher Name
Edizioni il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

Esercizio: la respirazione naturale

Le proprietà degli oli essenziali

Il fungo Reishi

La couperose o rosacea: cos’è e come si combatte

Gli inganni dell’industria alimentare: l’olio di palma

Le articolazioni e il loro significato psicologico: la spalla

Scelte alimentari autorizzate

Mudra, la danza delle mani

Il digiuno, un incontro con se stessi

L’aglio, alleato della nostra salute

Proteggere i capelli dal sole

Esercizio: tecnica veloce di automassaggio cinese

Ricette: il basilico

Il massaggio con gli oli essenziali

La corsa dolce, per un benessere a ogni età

L’importanza della masticazione alternata

L’importanza della vitamina B12 per adulti e bambini veg

I filtri solari: abbronzarsi proteggendo la pelle

Il canto è gioia, di Patrizia Saterini

Ricette: il pomodoro

Cure naturali per il raffreddore

Siamo tutti disidratati?

Dieta vegana: salvaguardi la salute, riduci l’inquinamento, rispetti la natura e gli animali

Ricette: Il miele

Ricette: l’orzo

Geometria della guarigione – recensione su La mente mente

La salute passa anche dalla lingua – parte II

L’allattamento al seno può contribuire allo sviluppo emotivo e sociale del bambino

Le punture d’insetto

Ricette: il finocchio

Ricette: i fagioli

Nati per spendere?

Come conservare la nostra salute

Il tè di gelsomino e la circolazione del Qi

Intervista a Pierre Pellizzari

Tempo di esami: un aiuto per memoria e concentrazione

Il cioccolato: gusto e salute

L’arte del riciclo

Ricette: il cavolfiore

Vegan e senza glutine: è possibile?

Ricette: i piselli

Perché mio figlio ha bisogno di una dieta vegetale e integrale? Conferenza di Nicla Signorelli

Piante medicinali: i chiodi di garofano

EBooklife: tutti gli ebook per il tuo benessere, e molto altro!

Videointervista con Alida Dal Degan a SANA 2014

La crusca di avena – recensione su EcoCoaching

Perdere peso, una questione di energia

Disintossicazione d’autunno

Regole e consigli per essicare al meglio frutta e verdura

Farsi un tatuaggio: i significati

Una coccola per farti felice!

I piedi ci parlano

Raw food: il crudismo, delizioso amico della linea

Le erbe amiche del fegato

Labbra screpolate? Ecco un balsamo fai da te!

La medicina di santa Ildegarda

Ricette: il radicchio

Correre o camminare? Camminata veloce!

Rimedi per la cistite

Come affrontare le vampate in menopausa

Vegan senza glutine: Maria Alessandra Tosatti e Francesca Gregori a SANA 2016

Ricette: gli asparagi

Omeopatia per bambini: il raffreddore

Ricette: il porro

Dimagrire con l’intestino

Il latte fa male?

Pronto soccorso aromatico per gli sportivi

Un massaggio rilassante

Intervista al dottor Luigi Torchio

In forma per l’estate, senza dieta!

Soia Edamame: buona, salutare e rigorosamente italiana

Esercizi antirughe per il contorno occhi

Sesso, desiderio e alimentazione: 6 stimolanti naturali

Ricette: il miglio

I sintomi delle infezioni fungine o della candida

10 buone regole per esporsi al sole (per l’abbronzatura perfetta)

Stress e invecchiamento precoce: 4 consigli per combatterli

Ricette: L’ananas

L’argento colloidale: usi e proprietà

La betulla: un prezioso alleato per la depurazione primaverile

Formaggi vegan fatti in casa

Diventare vegani: a ciascuno la sua ricetta!

Le otto cure rivitalizzanti – recensione su Bottega Scriptamanent

Il miele: antibiotico naturale e molto altro

Luca Fortuna: estratto di semi di uva rossa, un elisir di salute

Disintossicarsi da metalli pesanti, tossine e inquinanti

Il lato positivo – recensione su Nuove pagine

Gluten Sensitivity: la sindrome da sensibilità al glutine

Le fusa del gatto, una frequenza guaritrice?

Intervista a Nirodh Fortini

Pelle e purificazione: la frizione a secco

Ricette: il sedano

Il massaggio californiano: l’arte del tocco

Psoriasi e stress

Ricette: le fragole

A cosa giochiamo oggi? Il rilassamento come gioco

Ricette: funghi curativi

Zenzero – recensione su EcoCoaching

Mani che guariscono: il Quantum-Touch

Ancora uno… e poi basta – recensione su L’angolo del personal coaching

La cura delle mele: rivitalizzare e disintossicare

Goji, la bacca dalle straordinarie proprietà terapeutiche

Trattare l’allergia: il punto di vista della naturopatia

Ricette: l’albicocca

Ricette senza glutine: focaccia alle olive

Come pulire la pelle secondo la Slow Cosmétique

10 motivi per cui scegliere di praticare la camminata veloce

Acqua e sale: rigenerarsi con il più naturale degli elementi

Naso chiuso addio!

La salute a tavola: i superalimenti

Pelle spenta? Illuminala con una maschera!

Ricette: la cipolla

Frutta e semi oleaginosi, un concentrato di energia

Mudra per la schiena

Il magico mondo delle spezie

Ciò che non sai sul cibo e che potrebbe salvarti la vita: Stefano Momentè a SANA 2015

Come prepararsi al digiuno

Proteine vegetali, proteggono l’apparato cardiovascolare

Consigli per la salute, di Luigi Torchio: un aiuto dalla fitoterapia per dimagrire

Le intolleranze alimentari, conferenza di Alessandro Targhetta

La dipendenza alimentare, una fame compulsiva

Ricette: l’aglio

Intestino sempre in forma

Piante medicinali: il lampone

Alimenti acidificanti, alcalinizzanti e acidi

Frullati estivi per un pieno di energia

Dal russamento all’apnea del sonno: le conseguenze per la salute

Il massaggio ayurvedico del piede

La “vera” deambulazione a piedi nudi: come si configura

L’efficacia del Nordic Walking

Metodi naturali per curare allergie e intolleranze – recensione su La mente mente

Ricette: i ceci

Dimmi dove ti fa male e ti dirò perché – recensione su La mente mente

Depurare il fegato in primavera

Gli oli essenziali: il fior di loto

Alimentazione e buonumore: mangiar sano per essere più felici

L’idroterapia Kneipp, una fonte di benessere a portata di mano

Bicarbonato di sodio: carta di identità

EFT, tecniche di liberazione emozionale

Il cioccolato, una miniera di benefici per la salute

Consigli per la salute: difendersi dal caldo estivo con la fitoterapia, a cura di Luigi Torchio

Che cos’è e a cosa serve l’oil pulling

La crusca d’avena e i suoi benefici per la salute

La birra, protagonista del Saint Patrick’s Day

I formaggi vegan: presentazione e show cooking

I germogli: perché consumarli e che benefici hanno

La quinoa, superalimento con una marcia in più

Mal di schiena? Dolori cervicali? Attenzione alla postura!

I pesticidi in frutta e verdura d’importazione

La rodiola o rhodiola: tutte le proprietà del più potente rimedio antistress

L’esame della lingua nelle medicine orientali

Scrub zucchero, mandorle e miele

Meditazione fisica per la salute dello stomaco e dell’intestino

Una giornata del cavolo (riccio, però)

Caffè: amico o nemico?

Vegetarianismo: Carne insostituibile? Gli italiani non la pensano così!

I benefici delle verdure fermentate: preparare i crauti

Gli antiossidanti: protezione naturale grazie a frutta e verdura

La salute passa anche dalla lingua – parte I

Come preparare il latte di riso in casa

Ricette: la mela

Usi e benefici dell’olio di cocco

Ricette: l’uva

Ricette: la banana

La camminata veloce: la corretta andatura

Curarsi con la luce: il disturbo affettivo stagionale (SAD)

L’echinacea, fiore della salute

Troppi antibiotici nel nostro corpo: mangi carne e ingerisci antibiotici

Ricette: La melanzana

Le diluizioni in omeopatia

Intervista a Gianna Tomlianovich

Il cambio degli armadi: come vestire bello e sano

La quinoa: ricette dolci

Le ore degli organi: guadagnare in salute e vitalità grazie ai ritmi corporei

Guarire con le campane tibetane – recensione su La Stampa

L’eccezionale ricchezza nutritiva del lievito di birra

La dieta metabolica: come e perché

Il lato positivo – recensione su L’angolo del personal coaching

Ricette: il sesamo

Regole generali per un’alimentazione contro i funghi

Intolleranze alimentari: il ruolo di frumento e latticini

Ricette: l’arancia

Intervista a Pierre Dukan – parte II

Alimentazione e cancro: la dieta della prevenzione

Carciofo crudo tutti i giorni per combattere la stanchezza e depurare

Oli essenziali per combattere i chili di troppo

Il reishi: storia e proprietà del fungo curativo per eccellenza

Applicazioni pratiche di acqua e sale

Ricette: il melograno

Bambini e alimentazione veg: imparare ad apprezzare nuovi sapori

Carenza di minerali, una delle cause principali dell’acidosi

Una giornata “fruttaliana”

Le alghe, verdure di mare amiche della linea

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (quarta parte)

Ricette: la carota

…E dopo i cenoni, mi depuro!

Ricette: La pera

La medicina nel piatto: le proprietà dello zenzero

L’indice glicemico ti rivela gli zuccheri nascosti

La colonna vertebrale: un centro energetico

Ricette: la barbabietola

Cellulite addio: un occhio all’alimentazione

Latte e oli essenziali, per un bagno da regina!

Lo zucchero, un dolce veleno

L’intolleranza al glutine nei bambini

Intervista a Pierre Dukan – parte I

Alimenti fermentati per conservare i valori nutrizionali del cibo

La curcuma, una spezia-farmaco?

Come far mangiare le verdure ai bambini

La clorofilla: un’alleata per la salute

L’idroterapia in casa: curarsi con l’acqua

Ricette: la rucola

Ricette: il carciofo

Frullati VS centrifugati: proprietà e differenze

Ricette: il prezzemolo

Proteggere gli occhi davanti al computer

Ricette: La zucchina

Come scegliere la scarpa giusta

Ricette: La noce

Le diete iperproteiche: servono o no?

Ricette: La castagna

Il sale marino, elisir di lunga vita

Ricette: il peperone

Ricette: la colazione vegan

I difetti della vista: guarire si può, con la ginnastica oculare

Che cos’è l’equilibrio acido-base?

Il colesterolo: amico o nemico?

La forza nel freddo | Wim Hof

Ricette: le mandorle

Storica decisione dello IARC: le carni rosse lavorate sono cancerogene come l’amianto

Bucce d’arancia: rifiuti o risorse?

La medicina naturale: dieta sana e igiene di vita

Ricette: gli spinaci

Ricette: la patata

Salute e longevità: i segreti dei “popoli centenari”

L’importanza di un buon sonno

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (terza parte)

Gli antinfiammatori naturali: combatti l’infiammazione con le piante

Cosmesi e “lavaggio del cervello”: il parere della Slow Cosmétique

Acqua e spazzolature: aiutiamo il corpo a disintossicarsi

Cos’è e come si manifesta la sindrome del colon irritabile

Dieta alcalinizzante è sinonimo di salute

Ricette: la menta

Ricette vegetariane per la dieta Dukan

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (seconda parte)

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (prima parte)

Ricette: lo zenzero

L’acrilammide, un veleno nascosto

Ricette: il mais

10 buoni motivi per esporsi al sole (abbronzatura a parte…)

Ricette: le fave

I pericoli dell’amalgama dentale

Esercizio di respirazione per armonizzare gli emisferi cerebrali

L’importanza dei metodi di cottura

Purificarsi col respiro

Loading Facebook Comments ...

4 Commenti

  1. Ricette: la chia | Liberi di Leggere

    […] una calda e saporita crema di funghi? La ricetta che vi proponiamo ha una marcia in più: i semi di chia, ricchi di proteine, vitamine, minerali e acidi […]

  2. Tempo di esami: un aiuto per memoria e concentrazione | Liberi di Leggere

    […] chia è un piccolo seme dalle grandi virtù. È infatti ricchissima di omega-3, che nutrono il cervello […]

  3. Frullati VS centrifugati: proprietà e differenze | Liberi di Leggere

    […] fibre solubili, che si trovano in alimenti quali i semi di lino e di chia, l’avena e le mele, passano anch’esse senza essere digerite, ma formano un gel acquoso che […]

  4. Vegan e senza glutine: è possibile? | Liberi di Leggere

    […] dall’olio di lino, ottenuto dalla spremitura a freddo dei semi di lino. Anche noci e semi di chia contengono quantità significative di […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.