L’importanza dei metodi di cottura 0
in Dieta e alimentazione

L’importanza dei metodi di cottura

La preparazione e la cottura degli alimenti svolgono un ruolo predominante in materia di salute. Le cucine tradizionali hanno spesso privilegiato cotture “sane”, cioè al vapore o in tegame, mentre i tempi moderni hanno fatto diventare di moda cotture più aggressive, come quella in pentola a pressione, la frittura o la griglia, che distruggono la maggior parte delle vitamine prima che queste abbiano il tempo di arrivare nel nostro piatto.

 

Gli errori di cottura

 

La griglia

I partecipanti a un simposio tenutosi a Tolosa nel 1981 hanno rivelato che una costoletta di montone cotta sul barbecue contiene una quantità di catrame cancerogeno equivalente a quello di mille sigarette! Il grasso che si scioglie a contatto con la brace genera una reazione chimica (pirolisi) che provoca la formazione di benzopirene e metilcolantrene (catrame), sostanze generate anche dalla combustione del tabacco, le quali tra l’altro vengono assorbite dalla carne o dal pesce in fase di cottura. Un buon modo di eliminare questo inconveniente è di utilizzare una griglia verticale, affinché i grassi colino senza alcun contatto con la brace o la resistenza.

 

Il microonde

Quando cuociamo un alimento al microonde e poi lo analizziamo, ci accorgiamo che dal punto di vista biochimico le vitamine non vengono distrutte più che dalla cottura nel forno tradizionale. Tuttavia, dal punto di vista biofisico constatiamo un radicale cambiamento della struttura: un campione di latte posto nel microonde per esempio non contiene più la proteina L-prolina nella sua forma assimilabile, perché si è trasformata in D-prolina, molto tossica per il sistema nervoso, il fegato e i reni.

 

La frittura

Quasi tutti gli oli in commercio, tranne l’olio extravergine d’oliva da prima spremitura a freddo, sono raffinati a caldo e sottoposti a una deodorizzazione mediante elevazione della temperatura da 120 a 250°C per varie ore. L’olio viene poi surriscaldato a casa per preparare fritti dolci o salati ed è a questo punto che compaiono le acroleine (aldeidi acriliche), sostanze tossiche irritanti per la pelle e le mucose, altamente lacrimogene, utilizzate come arma chimica durante la Prima guerra mondiale.

 

La pentola a pressione

La pentola a pressione sottopone gli alimenti a una pressione e quindi a una temperatura tale da renderli inassimilabili, per precipitazione dei sali minerali e distruzione delle vitamine. Inoltre, spesso perdono la loro consistenza e una parte del sapore. Molti usano questo metodo, perché sembra rapido. Ma è solo un’illusione. Infatti, il tempo di cottura inizia solo nel momento in cui la valvola comincia a ruotare, cioè dieci, quindici o addirittura venti minuti dopo l’accensione del fuoco! In questo arco di tempo, l’alimento si sarebbe già cotto al vapore.

 

L’alternativa sana: la cottura al vapore

La cottura al vapore non snatura gli alimenti. Al contrario, li priva delle loro tossine e di altre componenti nocive (una parte dei pesticidi). Elimina parecchi grassi dagli alimenti  e permette altresì di cucinare senza sale, perché rispetta i sali minerali che esaltano in maniera naturale il sapore degli alimenti.

La cottura al vapore è semplice: si riempie la vaporiera d’acqua tiepida o calda fino a metà capienza, mai di più. Si colloca poi la vaporiera su fuoco più vivo possibile, per portare quanto prima a ebollizione. Quando l’acqua bolle (mai a freddo), si dispongono gli alimenti nella pentola, sul cestello, per il tempo indicato dalla ricetta. Se il piatto prevede alimenti diversi, questi andranno posti nella vaporiera a turno, per evitare di mescolare i sapori.

La cottura al vapore possiede il vantaggio di essere rapida e di non produrre cattivi odori causati dalla distruzione degli alimenti. Le pietanze cotte al vapore sono vive, digeribili, saporite e buone per la salute, perché ricche di elettroni. Infine, per il piacere degli occhi e delle papille, questa modalità di cottura preserva il colore, la consistenza e il sapore degli alimenti.

 

Tratto da:

 

 

 

Image credits: kazoka/Shuterstock.com

 

 

Summary
L'importanza dei metodi di cottura
Article Name
L'importanza dei metodi di cottura
Description
La preparazione e la cottura degli alimenti svolgono un ruolo predominante in materia di salute. Le cucine tradizionali hanno spesso privilegiato cotture "sane", cioè al vapore o in tegame, mentre i tempi moderni hanno fatto diventare di moda cotture più aggressive, come quella in pentola a pres...
Author
Publisher Name
Edizioni il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

Il digiuno, un incontro con se stessi

Bambini e alimentazione veg: imparare ad apprezzare nuovi sapori

Carenza di minerali, una delle cause principali dell’acidosi

L’importanza della vitamina B12 per adulti e bambini veg

Carciofo crudo tutti i giorni per combattere la stanchezza e depurare

Ricette: il basilico

La crusca di avena – recensione su EcoCoaching

Le intolleranze alimentari, conferenza di Alessandro Targhetta

Ricette: il miglio

Il tè di gelsomino e la circolazione del Qi

Come conservare la nostra salute

Ricette: la colazione vegan

Intervista al dottor Luigi Torchio

Gluten Sensitivity: la sindrome da sensibilità al glutine

I benefici delle verdure fermentate: preparare i crauti

Ricette: la menta

Disintossicazione d’autunno

I germogli: perché consumarli e che benefici hanno

La dipendenza alimentare, una fame compulsiva

Frullati estivi per un pieno di energia

Ricette: le mandorle

Regole generali per un’alimentazione contro i funghi

Ricette: La melanzana

L’acrilammide, un veleno nascosto

Intervista a Pierre Dukan – parte II

…E dopo i cenoni, mi depuro!

Le diete iperproteiche: servono o no?

La medicina naturale: dieta sana e igiene di vita

Consigli per la salute, di Luigi Torchio: un aiuto dalla fitoterapia per dimagrire

Dieta vegana: salvaguardi la salute, riduci l’inquinamento, rispetti la natura e gli animali

Ricette: l’arancia

Ricette: il mais

Ricette: La noce

Ricette: il cavolfiore

Ricette: l’aglio

Zenzero – recensione su EcoCoaching

Perché mio figlio ha bisogno di una dieta vegetale e integrale? Conferenza di Nicla Signorelli

Bicarbonato di sodio: carta di identità

Ricette: la patata

La cura delle mele: rivitalizzare e disintossicare

La dieta metabolica: come e perché

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (terza parte)

Che cos’è l’equilibrio acido-base?

Gli antiossidanti: protezione naturale grazie a frutta e verdura

Ricette: Il miele

La clorofilla: un’alleata per la salute

L’allattamento al seno può contribuire allo sviluppo emotivo e sociale del bambino

Come far mangiare le verdure ai bambini

Ricette: gli asparagi

Siamo tutti disidratati?

Vegetarianismo: Carne insostituibile? Gli italiani non la pensano così!

Troppi antibiotici nel nostro corpo: mangi carne e ingerisci antibiotici

Ciò che non sai sul cibo e che potrebbe salvarti la vita: Stefano Momentè a SANA 2015

Frullati VS centrifugati: proprietà e differenze

La quinoa, superalimento con una marcia in più

Il reishi: storia e proprietà del fungo curativo per eccellenza

Ricette: L’ananas

Ricette: il radicchio

Ricette: lo zenzero

Intervista a Pierre Pellizzari

Una giornata “fruttaliana”

L’aglio, alleato della nostra salute

Scelte alimentari autorizzate

Ricette: le fragole

La chia, un piccolo seme dalle grandi virtù

La birra, protagonista del Saint Patrick’s Day

Ricette: l’albicocca

Intervista a Pierre Dukan – parte I

Dieta alcalinizzante è sinonimo di salute

L’eccezionale ricchezza nutritiva del lievito di birra

Regole e consigli per essicare al meglio frutta e verdura

La salute a tavola: i superalimenti

Intolleranze alimentari: il ruolo di frumento e latticini

Ricette: la banana

Ricette: il porro

Le otto cure rivitalizzanti – recensione su Bottega Scriptamanent

Vegan e senza glutine: è possibile?

Ricette: il sesamo

In forma per l’estate, senza dieta!

Raw food: il crudismo, delizioso amico della linea

Ricette: il peperone

Caffè: amico o nemico?

Gli inganni dell’industria alimentare: l’olio di palma

Ricette: l’uva

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (prima parte)

Il latte fa male?

La betulla: un prezioso alleato per la depurazione primaverile

La crusca d’avena e i suoi benefici per la salute

Ricette: la cipolla

Intestino sempre in forma

Ricette: l’orzo

Ricette: funghi curativi

Ricette: la barbabietola

La curcuma, una spezia-farmaco?

Ricette: il carciofo

Dimagrire con l’intestino

Ricette: il melograno

Salute e longevità: i segreti dei “popoli centenari”

L’indice glicemico ti rivela gli zuccheri nascosti

Ancora uno… e poi basta – recensione su L’angolo del personal coaching

Ricette: il finocchio

Formaggi vegan fatti in casa

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (quarta parte)

Il colesterolo: amico o nemico?

Ricette: la mela

Ricette senza glutine: focaccia alle olive

Frutta e semi oleaginosi, un concentrato di energia

Ricette: i piselli

Soia Edamame: buona, salutare e rigorosamente italiana

I formaggi vegan: presentazione e show cooking

Ricette: i fagioli

Lo zucchero, un dolce veleno

I pesticidi in frutta e verdura d’importazione

Come preparare il latte di riso in casa

Ricette: La zucchina

Il magico mondo delle spezie

Sesso, desiderio e alimentazione: 6 stimolanti naturali

Ricette: il prezzemolo

Cos’è e come si manifesta la sindrome del colon irritabile

Il cioccolato: gusto e salute

Alimenti fermentati per conservare i valori nutrizionali del cibo

Vegan senza glutine: Maria Alessandra Tosatti e Francesca Gregori a SANA 2016

La medicina nel piatto: le proprietà dello zenzero

Ricette: il pomodoro

Proteine vegetali, proteggono l’apparato cardiovascolare

Cellulite addio: un occhio all’alimentazione

Il sale marino, elisir di lunga vita

Storica decisione dello IARC: le carni rosse lavorate sono cancerogene come l’amianto

Goji, la bacca dalle straordinarie proprietà terapeutiche

Ricette vegetariane per la dieta Dukan

L’intolleranza al glutine nei bambini

Ricette: La castagna

Ricette: le fave

Alimenti acidificanti, alcalinizzanti e acidi

Una giornata del cavolo (riccio, però)

Ricette: la carota

Le alghe, verdure di mare amiche della linea

Come prepararsi al digiuno

Ricette: gli spinaci

Ricette: il sedano

Ricette: i ceci

Diventare vegani: a ciascuno la sua ricetta!

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (seconda parte)

Ricette: la rucola

La quinoa: ricette dolci

Ricette: La pera

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.