Alimenti fermentati per conservare i valori nutrizionali del cibo 0
in Corpo Dieta e alimentazione

Alimenti fermentati per conservare i valori nutrizionali del cibo

Fermentare le verdure è un procedimento semplice e poco costoso al quale gli uomini si sono affidati per migliaia di anni. Poi, all’inizio del ventesimo secolo, le innovazioni tecnologiche cominciarono a promettere cose che non era possibile ottenere con i soli vasi di terracotta. I cibi in scatola possono rimanere su uno scaffale per anni. Mondare le verdure, inserirle in una busta e conservarle nel freezer: cosa c’è di più semplice? Niente contenitori da pulire o tempo da perdere per controllare ed eliminare tutte le impurità: era tutto molto moderno, pulito e sicuro.

EKunkel-FermentOpener_1Soltanto in anni più recenti i nutrizionisti hanno cominciato a capire come tutto quello sterilizzare e congelare eliminasse le vitamine e i sali minerali che rendevano le verdure adatte al nostro consumo, per non parlare del sapore. Ed ecco che arrivò, o per meglio dire tornò sulla scena la fermentazione.

Ora gli alimenti fermentati sono considerati artigianali, una combinazione tra uso di metodi tradizionali e conoscenze scientifiche per conservare colori, sapori e valori nutrizionali del cibo. La lattofermentazione è un modo ideale per conservare risorse abbondanti, mantenendone inalterati gli elementi nutritivi ed esaltandone il gusto.

La fermentazione preserva le verdure crude e senza calore, quindi esse conservano vitamine, sali minerali ed enzimi. Ma sapevi che spesso li aumentano? E gli organismi che consentono la fermentazione sono di per sé benefici. Ecco come aiuta la fermentazione:

  • preserva e aumenta il contenuto di vitamine B e C
  • rende più prontamente disponibili gli elementi nutritivi
  • aiuta la digestione
  • non richiede l’uso di conservanti chimici
  • rafforza il sistema immunitario

 

Kimchi di asparagi

In questa ricetta di “kimchi”, verdure e spezie vengono pressate intorno ai turioni di asparagi, quindi si aggiunge un po’ di salamoia per far sì che vi sia liquido sufficiente a mantenere tutto sommerso. Servi alcuni turioni accompagnati dalle verdure tagliuzzate come contorno fermentato, dal sapore pungente, per un piatto asiatico.

Ingredienti:

0,5-1 kg di turioni di asparagi, privati delle estremità legnose
½ tazza di carote grattugiate
½ tazza di rafano grattugiato (qualsiasi varietà)
1 cucchiaio di zenzero fresco grattugiato
4-5 spicchi d’aglio sbucciati e grattugiati
1 cucchiaio di peperoncino tritato o macinato
1-2 tazze di salamoia per cetrioli (4 litri di acqua non clorata per ¾ di tazza di sale marino non raffinato)
1 foglia di vite (facoltativa)

kimchi

Procedimento:

Taglia i turioni alla misura giusta per un barattolo o un vaso da un litro; una dozzina di centimetri dovrebbero essere sufficienti per lasciare spazio alla salamoia di governo.
Nel robot da cucina riduci in pasta carote, rafano, aglio e peperoncino, oppure grattugia tutto a mano e amalgama massaggiando.
Sistema i turioni in piedi nel barattolo, compattandoli bene e man mano riempiendo con la pasta gli spazi vuoti. Aggiungi la salamoia facendo in modo che ricopra completamente le punte degli asparagi. Copri tutto con la foglia di vite, se la usi, o con un pezzo di pellicola per alimenti per mantenere la pasta sotto la salamoia. Quando gli asparagi sono stretti insieme tendono a rimanere al loro posto, quindi non avrai bisogno di un peso, che potrebbe danneggiarne le cime delicate. Copri senza sigillare il vaso oppure usa il coperchio non avvitato per il barattolo. Tieni in frigorifero la salamoia eventualmente avanzata, che si manterrà per una settimana.
Metti il barattolo a fermentare su una lastra da forno, in un luogo fresco a vista e lontano dalla luce solare diretta, per 5-8 giorni. Durante questo periodo, tieni d’occhio il livello della salamoia ed eventualmente rabbocca con la soluzione tenuta da parte, per coprire. Potresti vedere della schiuma galleggiare: non è pericolosa, ma in caso di incertezza consulta l’appendice.
Gli asparagi sono pronti quando i turioni sono diventati color verde oliva spento e la salamoia si è intorbidita. In genere, noi non assaggiamo questo fermento se è in barattolo, perché è meglio mantenere ben compatte tutte le punte degli asparagi. Se però stai usando un vaso, puoi assaggiarli quando li trasferisci nei barattoli per la conservazione (o se pensi di consumarli presto). Gli asparagi dovrebbero essere gradevolmente aciduli, ma senza la forza dell’aceto, e più morbidi rispetto a quando erano freschi, come se fossero appena scottati.
Conserva in frigorifero in barattoli ermeticamente chiusi. Dopo circa un giorno controlla per accertarti che gli asparagi siano ancora sommersi, se necessario aggiungendo altra salamoia. Si manterranno in frigorifero per circa un anno. Il sapore si intensifica con il passare del tempo.

 

Tratto da:

 

 

 

Summary
Alimenti fermentati: per conservare i valori nutrizionali del cibo
Article Name
Alimenti fermentati: per conservare i valori nutrizionali del cibo
Description
La fermentazione preserva le verdure crude e senza calore, quindi esse conservano vitamine, sali minerali ed enzimi. Ma sapevi che spesso li aumentano? E gli organismi che consentono la fermentazione sono di per sé benefici.
Author
Publisher Name
Edizioni Il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

Le alghe, verdure di mare amiche della linea

Troppi antibiotici nel nostro corpo: mangi carne e ingerisci antibiotici

Ricette: formaggi vegan

Cure naturali per il raffreddore

Ricette vegetariane per la dieta Dukan

La salute a tavola: i superalimenti

Le intolleranze alimentari, conferenza di Alessandro Targhetta

Diventare vegani: a ciascuno la sua ricetta!

Naga Mudra

Kubera Mudra

Gluten Sensitivity: la sindrome da sensibilità al glutine

L’acrilammide, un veleno nascosto

Una giornata “fruttaliana”

La betulla: un prezioso alleato per la depurazione primaverile

Ricette: l’aglio

Il colesterolo: amico o nemico?

Dimagrire con l’intestino

L’eccezionale ricchezza nutritiva del lievito di birra

Frutta e semi oleaginosi, un concentrato di energia

Ricette: l’uva

Scrub zucchero, mandorle e miele

Ricette: il finocchio

Carciofo crudo tutti i giorni per combattere la stanchezza e depurare

Ricette: i fagioli

Un massaggio rilassante

Il potere creativo della sessualità

La chia, un piccolo seme dalle grandi virtù

Esercizio: la respirazione naturale

Ricette: funghi curativi

Carenza di minerali, una delle cause principali dell’acidosi

Dieta alcalinizzante è sinonimo di salute

Ricette: il sesamo

La dieta metabolica: come e perché

Una giornata del cavolo (riccio, però)

Alimentazione e cancro: la dieta della prevenzione

Intervista a Pierre Dukan – parte I

Pulizie naturali: LA CUCINA

Pulizie naturali: IL BAGNO

La dipendenza alimentare, una fame compulsiva

Ricette: la menta

Ricette: la rucola

Il cioccolato: gusto e salute

Siamo tutti disidratati?

Le punture d’insetto

Il magico mondo delle spezie

Ricette: il sedano

Ricette: le fave

Perché mio figlio ha bisogno di una dieta vegetale e integrale? Conferenza di Nicla Signorelli

Intervista al dottor Luigi Torchio

Frullati VS centrifugati: proprietà e differenze

La crusca d’avena e i suoi benefici per la salute

Alimenti acidificanti, alcalinizzanti e acidi

Ricette: La castagna

Le otto cure rivitalizzanti – recensione su Bottega Scriptamanent

La birra, protagonista del Saint Patrick’s Day

Il bisfenolo: c’è ancora pericolo?

Frullati estivi per un pieno di energia

L’importanza dei metodi di cottura

Ricette: l’orzo

La quinoa, superalimento con una marcia in più

La clorofilla: un’alleata per la salute

L’importanza della vitamina B12 per adulti e bambini veg

Ricette: le mandorle

Cellulite addio: un occhio all’alimentazione

Ricette: il cavolfiore

Ricette: il miglio

Regole e consigli per essicare al meglio frutta e verdura

Il massaggio californiano: l’arte del tocco

Pulizie domestiche: addio ai detersivi!

Scelte alimentari autorizzate

Ricette: la mela

…E dopo i cenoni, mi depuro!

Gli antiossidanti: protezione naturale grazie a frutta e verdura

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (prima parte)

I germogli: perché consumarli e che benefici hanno

L’aglio, alleato della nostra salute

I benefici delle verdure fermentate: preparare i crauti

La camminata veloce: la corretta andatura

Ricette: il pomodoro

Ricette: lo zenzero

Vegetarianismo: Carne insostituibile? Gli italiani non la pensano così!

Ricette senza glutine: focaccia alle olive

Intolleranze alimentari: il ruolo di frumento e latticini

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (seconda parte)

Ricette: il melograno

La medicina nel piatto: le proprietà dello zenzero

Bambini e alimentazione veg: imparare ad apprezzare nuovi sapori

Zenzero – recensione su EcoCoaching

Ricette: il radicchio

Il cioccolato, una miniera di benefici per la salute

Ricette: l’albicocca

L’indice glicemico ti rivela gli zuccheri nascosti

Ricette: il porro

Ricette: La melanzana

Salute e longevità: i segreti dei “popoli centenari”

Pran Mudra

La corsa dolce, per un benessere a ogni età

Disintossicarsi da metalli pesanti, tossine e inquinanti

Bicarbonato di sodio: carta di identità

Come prepararsi al digiuno

Ricette: il prezzemolo

Ricette: l’arancia

La cura delle mele: rivitalizzare e disintossicare

L’efficacia del Nordic Walking

Ricette: la carota

Proteine vegetali, proteggono l’apparato cardiovascolare

Giochi per cani “buoni o cattivi”

Regole generali per un’alimentazione contro i funghi

10 motivi per cui scegliere di praticare la camminata veloce

Soia Edamame: buona, salutare e rigorosamente italiana

Ayurveda, la scienza dell’autoguarigione | 30 anni di Edizioni Il Punto d’Incontro

Ricette: marmellate, sott’oli e chutney con la frutta e la verdura invernali

Le piante utili al giardiniere

I pesticidi in frutta e verdura d’importazione

Ricette: gli asparagi

L’allattamento al seno può contribuire allo sviluppo emotivo e sociale del bambino

Ricette: La zucchina

Lo zucchero, un dolce veleno

Cosa sono le onde elettromagnetiche?

Ricette: il peperone

Dermatite seborroica, forfora e capelli grassi, nemici di una chioma splendente

Il latte fa male?

Ciò che non sai sul cibo e che potrebbe salvarti la vita: Stefano Momentè a SANA 2015

Ricette: la barbabietola

Intervista a Pierre Dukan – parte II

EFT, tecniche di liberazione emozionale

Ricette: il basilico

Consigli per la salute, di Luigi Torchio: un aiuto dalla fitoterapia per dimagrire

Goji, la bacca dalle straordinarie proprietà terapeutiche

La medicina naturale: dieta sana e igiene di vita

Le diete iperproteiche: servono o no?

Attività per bambini da fare al coperto

Ancora uno… e poi basta – recensione su L’angolo del personal coaching

Come far mangiare le verdure ai bambini

10 buone regole per esporsi al sole (per l’abbronzatura perfetta)

Come preparare il latte di riso in casa

Vegan e senza glutine: è possibile?

Ricette: i piselli

Esercizio: tecnica veloce di automassaggio cinese

Come conservare la nostra salute

Fai ordine nella tua vita quando ti trasferisci

Il sale marino, elisir di lunga vita

Ricette: la cipolla

Ricette: la colazione vegan

Il cane: il corretto inserimento in famiglia

Storica decisione dello IARC: le carni rosse lavorate sono cancerogene come l’amianto

La quinoa: ricette dolci

Ricette: la banana

Ricette: il carciofo

Ricette: le fragole

Il digiuno, un incontro con se stessi

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (quarta parte)

La “vera” deambulazione a piedi nudi: come si configura

La curcuma, una spezia-farmaco?

Meditazione fisica per la salute dello stomaco e dell’intestino

La forza nel freddo | Wim Hof

Ricette: La pera

Raw food: il crudismo, delizioso amico della linea

Il reishi: storia e proprietà del fungo curativo per eccellenza

Cos’è e come si manifesta la sindrome del colon irritabile

Il tè di gelsomino e la circolazione del Qi

In forma per l’estate, senza dieta!

L’intolleranza al glutine nei bambini

Vegan senza glutine: Maria Alessandra Tosatti e Francesca Gregori a SANA 2016

Disintossicazione d’autunno

Ricette: L’ananas

Esercizio pratico di felinità

Ricette: La noce

Ricette: il mais

I mudra: cosa sono e come si eseguono

La crusca di avena – recensione su EcoCoaching

Che cos’è l’equilibrio acido-base?

Space clearing: ripulire la casa, ripulire la mente

Dal russamento all’apnea del sonno: le conseguenze per la salute

Intestino sempre in forma

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (terza parte)

Acqua e sale: rigenerarsi con il più naturale degli elementi

I formaggi vegan: presentazione e show cooking

Uttarabodhi Mudra

Omeopatia per bambini: il raffreddore

Ricette: gli spinaci

Ricette: i ceci

Gli inganni dell’industria alimentare: l’olio di palma

Pulizie naturali: il bucato

Ricette: la patata

Caffè: amico o nemico?

Dieta vegana: salvaguardi la salute, riduci l’inquinamento, rispetti la natura e gli animali

Ricette: Il miele

Intervista a Pierre Pellizzari

Le ore degli organi: guadagnare in salute e vitalità grazie ai ritmi corporei

10 buoni motivi per esporsi al sole (abbronzatura a parte…)

Ganesha Mudra

Formaggi vegan fatti in casa

Sesso, desiderio e alimentazione: 6 stimolanti naturali

Loading Facebook Comments ...

1 Commenti

  1. I germogli: perché consumarli e che benefici hanno | Liberi di Leggere

    […] e aminoacidi necessari al buon funzionamento delle cellule del nostro corpo. Contengono enzimi che permettono una digestione senza fatica, più rapida e più […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.