Ayurveda, la scienza dell’autoguarigione | 30 anni di Edizioni Il Punto d’Incontro 0
in Corpo Yoga e ayurveda

Ayurveda, la scienza dell’autoguarigione | 30 anni di Edizioni Il Punto d’Incontro

L’Ayurveda si sviluppò nelle menti in meditazione dei veggenti della Verità, i Rishi. Essi percepirono che la coscienza era energia manifestata nei cinque principi basilari, o elementi: l’Etere (spazio), l’Aria, il Fuoco, l’Acqua e la Terra. Il concetto dei cinque elementi fondamentali è il cuore della scienza ayurvedica.
I Rishi percepirono che all’inizio il mondo esisteva in uno stato di coscienza immanifesto. Da quello stato di coscienza unificata si manifestarono sottili vibrazioni del primordiale suono cosmico Om. Da quella vibrazione apparve per primo l’elemento Etere. Questo elemento etereo quindi cominciò a muoversi e i suoi movimenti sottili crearono l’Aria, che è Etere in azione. Il movimento dell’Etere produsse una frizione, e attraverso quella frizione fu generato il calore. Particelle di energia-calore si combinarono a formare intensa luce e da questa luce si manifestò l’elemento Fuoco.
Attraverso il calore del Fuoco, certi elementi eterei si dissolsero e si trasformarono in liquidi, manifestando l’elemento Acqua, e quindi si solidificarono per formare le molecole della Terra.
Così l’Etere si manifestò nei quattro elementi di Aria, Fuoco, Acqua e Terra.
Dalla Terra sono creati tutti gli esseri viventi organici, inclusi quelli del regno vegetale, come le erbe e i cereali, e del regno animale, incluso l’uomo. La Terra contiene anche le sostanze inorganiche che costituiscono il regno minerale. In questo modo, dal grembo dei cinque elementi viene generata tutta la materia.

ayuL’uomo è un microcosmo della natura, quindi i cinque elementi presenti in tutta la materia esistono anche all’interno di ogni individuo. Nel corpo umano ci sono molti spazi, che sono manifestazioni dell’elemento Etere, come per esempio quelli della bocca, del naso, del tratto gastrointestinale, dell’apparato respiratorio, dell’addome, del torace, dei capillari, dei vasi linfatici, dei tessuti e delle cellule.

Lo spazio in movimento è chiamato Aria. L’Aria è il secondo elemento cosmico, l’elemento del movimento. All’interno del corpo umano, l’Aria si manifesta negli ampi movimenti dei muscoli, nelle pulsazioni del cuore, nell’espansione e contrazione dei polmoni e nei movimenti delle pareti dello stomaco e degli intestini. Al microscopio, si può vedere perfino il movimento di singole cellule. La risposta a uno stimolo è il movimento di impulsi nervosi afferenti ed efferenti, che sono movimenti sensoriali e motori. Tutti gli impulsi del sistema nervoso centrale sono governati dall’Aria corporea.

Il terzo elemento è il Fuoco. La sorgente del Fuoco e della luce nel sistema solare è il Sole. Nel corpo umano la sorgente del Fuoco è il metabolismo. Il Fuoco lavora nell’apparato digerente. Nella materia grigia delle cellule del cervello, il Fuoco si manifesta come intelligenza. Il Fuoco attiva anche la retina, che percepisce la luce. Di conseguenza, la temperatura del corpo, la digestione, i processi del pensiero e la vista sono tutte funzioni del Fuoco corporeo. Tutti i sistemi metabolici ed enzimatici sono controllati da questo elemento.

L’Acqua è il quarto importante elemento del corpo. Essa si manifesta nelle secrezioni dei succhi gastrici e delle ghiandole salivari, nelle membrane mucose, nel plasma e nel citoplasma.
L’Acqua è assolutamente vitale per il funzionamento dei tessuti, degli organi e dei vari sistemi corporei. Per esempio, la disidratazione che viene provocata dalla diarrea e dal vomito deve essere curata immediatamente, per proteggere la vita del paziente. Dal momento che questo elemento è così vitale,
l’Acqua corporea è chiamata Acqua della Vita.

La Terra è il quinto e ultimo elemento del cosmo presente nel microcosmo. La vita è possibile su questo piano perché la Terra mantiene tutte le sostanze viventi e non viventi sulla sua solida superficie. Nel corpo, le strutture solide – ossa, cartilagini, unghie, muscoli, tendini, pelle, capelli – sono derivate dalla Terra.

Tratto da:

 

 

Summary
Ayurveda, la scienza dell'autoguarigione | 30 anni di Edizioni Il Punto d'Incontro
Article Name
Ayurveda, la scienza dell'autoguarigione | 30 anni di Edizioni Il Punto d'Incontro
Description
L’Ayurveda si sviluppò nelle menti in meditazione dei veggenti della Verità, i Rishi. Essi percepirono che la coscienza era energia manifestata nei cinque principi basilari, o elementi: l’Etere (spazio), l’Aria, il Fuoco, l’Acqua e la Terra. Il concetto dei cinque elementi fondamentali è il cuore della scienza ayurvedica.
Author
Publisher Name
Edizioni Il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

Dal russamento all’apnea del sonno: le conseguenze per la salute

Videointervista con Alida Dal Degan a SANA 2014

10 buoni motivi per esporsi al sole (abbronzatura a parte…)

Dimagrire con l’intestino

EFT, tecniche di liberazione emozionale

Il massaggio californiano: l’arte del tocco

Il cioccolato, una miniera di benefici per la salute

Dermatite seborroica, forfora e capelli grassi, nemici di una chioma splendente

Cosa sono le onde elettromagnetiche?

Alimenti fermentati per conservare i valori nutrizionali del cibo

Pulizie domestiche: addio ai detersivi!

I tipi costituzionali dell’Ayurveda: Kapha, il tipo Acqua

Ricette: marmellate, sott’oli e chutney con la frutta e la verdura invernali

Dieta alcalinizzante è sinonimo di salute

Esercizio: tecnica veloce di automassaggio cinese

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (terza parte)

I tipi costituzionali dell’Ayurveda: Pitta, il tipo Fuoco

Purificarsi col respiro

Che cos’è e a cosa serve l’oil pulling

L’intolleranza al glutine nei bambini

Ricette: la colazione vegan

Alimentazione e cancro: la dieta della prevenzione

Fai ordine nella tua vita quando ti trasferisci

Che cos’è e come si svolge la respirazione pranayama

…E dopo i cenoni, mi depuro!

Sei Vata, Pitta o Kapha? Scopri i tipi costituzionali dell’Ayurveda

Pran Mudra

10 motivi per cui scegliere di praticare la camminata veloce

Il cioccolato: gusto e salute

I mudra: cosa sono e come si eseguono

Attività per bambini da fare al coperto

Il massaggio con gli oli essenziali

Cure naturali per il raffreddore

Scrub zucchero, mandorle e miele

La corsa dolce, per un benessere a ogni età

Acqua e sale: rigenerarsi con il più naturale degli elementi

Regole e consigli per essicare al meglio frutta e verdura

Space clearing: ripulire la casa, ripulire la mente

Naga Mudra

Kubera Mudra

Regole generali per un’alimentazione contro i funghi

Disintossicarsi da metalli pesanti, tossine e inquinanti

Disintossicazione d’autunno

Yin Yoga, lo yoga dolce e i suoi benefici

Ayurveda, purificazione con Kichadi

Il bisfenolo: c’è ancora pericolo?

L’esame della lingua nelle medicine orientali

Le ore degli organi: guadagnare in salute e vitalità grazie ai ritmi corporei

Il potere creativo della sessualità

La birra, protagonista del Saint Patrick’s Day

10 buone regole per esporsi al sole (per l’abbronzatura perfetta)

Uttarabodhi Mudra

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (seconda parte)

Esercizio pratico di felinità

Gluten Sensitivity: la sindrome da sensibilità al glutine

Il sale marino, elisir di lunga vita

La forza nel freddo | Wim Hof

Bicarbonato di sodio: carta di identità

Diventare vegani: a ciascuno la sua ricetta!

Le piante utili al giardiniere

Lo zucchero, un dolce veleno

Mudra per la schiena

Pulizie naturali: LA CUCINA

Ricette: formaggi vegan

Ganesha Mudra

Il cane: il corretto inserimento in famiglia

Omeopatia per bambini: il raffreddore

Pulizie naturali: IL BAGNO

Pulizie naturali: il bucato

Giochi per cani “buoni o cattivi”

Carenza di minerali, una delle cause principali dell’acidosi

Le punture d’insetto

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (quarta parte)

L’efficacia del Nordic Walking

La camminata veloce: la corretta andatura

Esercizio: la respirazione naturale

Un massaggio rilassante

La “vera” deambulazione a piedi nudi: come si configura

Siamo tutti disidratati?

Loading Facebook Comments ...

2 Commenti

  1. Usi e benefici dell’olio di cocco | Liberi di Leggere

    […] in poche parole, di una sorta di risciacquo orale eseguito con l’ausilio di un olio vegetale. La medicina ayurvedica consiglia perlopiù olio di sesamo o olio di […]

  2. Che cos’è e come si svolge la respirazione pranayama | Liberi di Leggere

    […] questa fase le due metà del corpo verranno alimentate di energia in modo separato. Nell’ayurveda le due metà rappresentano rispettivamente l’inerzia (tamas) e l’attività (rajas), ma possono […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.