Sii ciò che sei, Ramana Maharshi – 1988 | 30 anni di Edizioni Il Punto d’Incontro 0
in Maestri e insegnamenti Spirito Spiritualità

Sii ciò che sei, Ramana Maharshi – 1988 | 30 anni di Edizioni Il Punto d’Incontro

Nel 1896 uno studente di sedici anni abbandonò la famiglia e, spinto da una costrizione interiore, lentamente si incamminò verso Arunachala, una santa montagna e centro di pellegrinaggio nel sud dell’India. Al suo arrivo gettò via tutto il denaro e i suoi pos­sessi e si abbandonò alla consapevolezza che gli si era improvvisamente rivelata: la sua reale natura era coscienza senza forma, immanente.
Il suo assorbimento in questa consapevolezza era così intenso che egli era completamente dimentico del suo corpo e del mondo; gli insetti divorarono alcune parti delle sue gambe, il suo corpo si debilitò, poiché raramente egli era abbastanza conscio da nutrirsi e i suoi capelli e le sue unghie crebbero a dismisura.
Dopo due o tre anni in questo stato cominciò un lento ritorno alla normalità fisica, un processo che continuò per parecchi anni. La sua consapevolezza di se stesso come coscienza non fu alterata da questo cambiamento fisico e rimase continua e non offuscata per il resto della sua vita. Secondo il linguaggio indù egli aveva “realizzato il Sé”; cioè egli aveva realizzato per diretta esperienza che nulla esisteva al di là di una indivisibile e universale coscienza che nella sua forma immanifesta veniva sperimentata come essere, o consapevolezza, e nella sua forma manifesta come l’apparizione dell’universo.

Normalmente questa consapevolezza viene generata solo dopo un lungo e arduo periodo di pratiche spirituali, ma in questo caso avvenne spontaneamente, senza sforzo o desiderio precedente. Venkataraman, lo studente di sedici anni, era solo nella stanza al piano superiore della casa di suo zio a Madurai (vicino alla punta meridionale dell’India), quando fu improvvisamente afferrato da una intensa paura della morte.
Nei successivi minuti egli attraversò un’esperienza di morte simulata durante la quale divenne consciamente consapevole per la prima volta che la sua reale natura era imperitura e che non aveva rapporto con la mente, il corpo o la personalità. Molte per­so­ne hanno descritto tali inaspettate esperienze, ma sono quasi sempre temporanee. Nel caso di Venkataraman l’esperienza fu permanente e irreversibile. Da quel momento la sua coscienza di essere una persona individuale cessò di esistere e in lui non funzionò mai più.
Venkataraman non disse a nessuno della sua esperienza e per sei settimane mantenne l’apparenza di un normale studente. Tuttavia trovò che fosse una posizione sempre più difficile da sostenere e alla fine del periodo di queste sei settimane egli abbandonò la sua famiglia e andò direttamente alla santa montagna di Arunachala. La montagna era stata a lungo considerata dagli indù come una manifestazione di Shiva, una divinità indù, e negli anni suc­cessivi Venkataraman disse spesso che fu il potere spirituale di Arunachala che provocò la sua realizzazione del Sé. Il suo amore per la montagna era cosí grande che dal giorno in cui arrivò nel 1896 fino alla sua morte nel 1950, non poté mai essere persuaso ad allontanarsi più di due miglia dalla sua base. Dopo alcuni anni di vita sui suoi pendii, la sua consapevolezza interiore cominciò a manifestarsi come un esteriore splendore spirituale. Questo splendore attrasse un piccolo cerchio di seguaci e, sebbene egli rimanesse silente per la maggior parte del tempo, intraprese la via dell’insegnamento.
Uno dei suoi primi seguaci, impressionato dall’evidente santità e saggezza del giovane uomo, decise di chiamarlo Bhaga­van Sri Ramana MaharshiBhagavan significa Signore o Dio, Sri è un titolo indiano onorifico, Ramana è una contrazione di Venkataraman e Maharshi significa “grande veggente” in San­scrito. Il nome trovò il favore degli altri suoi seguaci e divenne presto il titolo col quale venne conosciuto nel mondo.

Introduzione di:

 

 

Summary
Sii ciò che sei, Ramana Maharshi - 1988 | 30 anni di Edizioni Il Punto d'Incontro
Article Name
Sii ciò che sei, Ramana Maharshi - 1988 | 30 anni di Edizioni Il Punto d'Incontro
Description
Nel 1896 uno studente di sedici anni abbandonò la famiglia e, spinto da una costrizione interiore, lentamente si incamminò verso Arunachala, una santa montagna e centro di pellegrinaggio nel sud dell’India. Al suo arrivo gettò via tutto il denaro e i suoi pos­sessi e si abbandonò alla consapevolezza che gli si era improvvisamente rivelata: la sua reale natura era coscienza senza forma, immanente.
Author
Publisher Name
Edizioni Il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

Tiziano Terzani e “il trucco della candela”: la meditazione come via di conoscenza e di vera libertà

Intervista a don Miguel Ruiz e a don José Ruiz

Messaggio per tutto il mondo…

Con gli occhi dell’amore, trovi il rapporto perfetto

Preghiera della vecchiaia – Wintu

Il cuore dell’universo – meditazione

Se il fallimento fosse una possibilità? | Pema Chödrön

Tao Te Ching: il libro della Via

Ananda Moyi Ma

L’amore è l’opposto della paura

Tao Te Ching – capitolo I

Il sesso illuminato: respirare l’energia sessuale in un cerchio completo

Lo Zodiaco: l’Ariete

Camminare verso la Pace

Lo Zodiaco: l’Acquario

La via – Racconto zen

Conversazioni con Ramana Maharshi, dal diario di Annamalai Swami

Tiziano Terzani: la forza della verità – Presentazione

Meditazione camminata: presentazione e incontro con Volker Winkler

Don Miguel Ruiz: video della conferenza stampa a Milano 7/10/2012

Che tipo di messaggero sei?

Il sentiero dell’amore, il sentiero della paura

Meditare con i Mandala 3

Trova il tuo sorriso interiore

I chakra e i tre livelli di guarigione dell’uomo

Don Miguel Ruiz: la mia vita è una preghiera continua

I 36 stratagemmi

Capodanno cinese 2017: l’anno del Gallo

I pensieri sono amici

Numerologia: i numeri come chiavi del Codice dell’Anima

Amare ciò che è

Come l’ape ebbe il suo pungiglione (leggenda Cherokee)

Il saggio e la morte

Shakti, album antistress da colorare

Il viaggio di Maui sulla Terra

La padronanza dell’amore

Intervista a Don Miguel Ruiz: “L’arte tolteca della vita e della morte”

I cinque livelli dell’attaccamento – recensione su Nuove pagine

Canto della Notte dei Navajo

Il ritorno del guerriero di pace di Dan Millman

Lo Zodiaco: la Vergine

Lascia che ogni rapporto si sviluppi nel suo modo unico

Ebooklife.it: l’energia che fluisce libera porta armonia

Esiste la vita dopo la morte?

Lasciar cadere le maschere

Giveaway: Calendario pellerossa 2015

Gli obiettivi dell’io

Wallpaper: il reale non può essere distrutto

Sai Baba, il santo di Shirdi

Le esperienze di premorte

Sai che gli alberi parlano? 1992 | 30 anni di Edizioni il Punto d’Incontro

I sette veli: unità e separazione nella visione degli Indiani d’America

Lo Zodiaco: il Toro

Felicità – Racconto sufi

Lo Zodiaco: il Leone

Parole magiche per isolare e fermare la negatività

I defunti, anime amorevoli che non ci lasciano mai

Non siamo nati per soffrire

L’amore incondizionato per noi stessi | don Miguel Ruiz Jr.

Cos’è la meditazione trascendentale?

Capo Molti Trofei

Karma e reincarnazione

La pratica della meditazione e la rivoluzione della coscienza

La profondità e bellezza della Ribhu Gita

Videointervista a Gloria Germani, autrice di Tiziano Terzani: la forza della verità

La mia vita con i maestri himalayani, di Swami Rama

Storia di Pasqua

Preghiera per l’Amore di don Miguel Ruiz

Lo Zodiaco: i Gemelli

Meditare con i Mandala 2

Vajrapradama mudra: sicurezza di sé

Koan zen: la cultura interiore di Ta-t’zu

Storia zen: nessun attaccamento alla polvere

I cinque livelli dell’attaccamento – recensione su La mente mente

Perché si festeggia la Pasqua?

Insonnia e meditazione

La nostra destinazione è qui e ora

Lo Zodiaco: il Cancro

I cinque livelli dell’attaccamento, Don Miguel Ruiz Jr

Lo sciamano: guida e guaritore | Nicolás Pauccar Calcina

Il sesto senso

Conosci te stesso con i segreti dei tarocchi

Che cos’è la felicità?

Tantra yoga: sessualità e liberazione

Coloring book, gli album anti-stress da colorare

Lo Zodiaco: il Capricorno

Una leggenda pellerossa

Lo Zodiaco: lo Scorpione

Meditazione: nuovi studi scientifici ne dimostrano l’efficacia

Quando i defunti si manifestano

Lo Zodiaco: il Sagittario

Esercizio di consapevolezza con don Miguel Ruiz

Lo Zodiaco: la Bilancia

La libertà personale

L’amore in 10 frasi

Don Miguel Ruiz: preghiera per la Verità

La meditazione camminata, un esercizio di mindfulness da praticare ovunque

Giveaway: Amare ciò che è

Come attrarre la fortuna: la numerologia e il numero dell’Io

Il libro della vita di Jiddu Krishnamurti

La saggezza dimenticata dei “nonni”

Esercizio di meditazione per superare un lutto

La meditazione – Racconto indiano

I tarocchi: significato psicologico dell’Amante, arcano VI

L’addomesticamento secondo don Miguel Ruiz

Trasformare le esperienze in saggezza | La via del guerriero di pace

Apri il tuo scrigno

Meditare con i Mandala

Il bambino e il mago – recensione su La mente mente

Meditare con i Mandala 4

Il potere vibratorio della voce

L’uomo che non credeva nell’amore, di don Miguel Ruiz

I poteri dell’Arcangelo Gabriel e la sua invocazione

Il monaco che voleva solamente contemplare Buddha

Scienza e meditazione

Fantasmi

Nisargadatta Maharaj: l’illuminazione non esiste

Annamalai Swami: tutta la felicità viene dal Sé

Mudra, la danza delle mani

Le erbe purificanti degli Indiani d’America

Meditazione e risveglio spirituale

La Bhagavad Gita: un tesoro che trascende il tempo e lo spazio

Don Miguel Ruiz – L’umanità è malata

Tiziano Terzani, un saggio dei nostri tempi

Aiutare le anime ad andare verso la luce

Ecco i vincitori del giveaway del Calendario pellerossa 2015

Tecniche di visualizzazione: proteggersi dalle energie negative

Lo Zodiaco: i Pesci

Il significato del Solstizio d’Inverno

Prima della coscienza, Nisargadatta Maharaji | 30 anni con Edizioni Il Punto d’Incontro

Doris Lessing: testimonianze da un’anima forte

Ecco i vincitori del giveaway di Amare ciò che è

La Grazia del Guru 1986-2016 | 30 anni di Edizioni Il Punto d’Incontro

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.