Cambio vita: mi trasferisco all’estero!

Cambio vita: mi trasferisco all’estero!

Gli astronauti non vanno sulla Luna perché odiano l’ossigeno, ma per la grande voglia di esplorare; allo stesso modo, chi decide di andare all’estero non lo deve fare perché odia il posto in cui si trova, ma perché ama quello in cui vorrebbe vivere. Questo concetto è di vitale importanza e va capito a fondo, perché la voglia di scappare e cambiare vita rischia di annebbiarci la vista e impedirci di giudicare in modo lucido quello che stiamo facendo. L’uomo tende infatti a dare maggior importanza agli aspetti che accondiscendono alla sua visione, trascurando quelli che la contraddicono, in modo da autoconvincersi della scelta che sta effettuando. Questo meccanismo è molto pericoloso, soprattutto quando si tratta di trasferirsi all’estero, un processo complicato e rischioso che ci cambierà completamente la vita. È meglio disilluderci che fare qualcosa in cui non crediamo veramente; la forza di una mente lucida, che sa ragionare al di sopra di ogni impulso emotivo, è la nostra unica àncora di salvezza.
È assolutamente necessario scrivere nero su bianco i motivi di questa scelta, ragionando poi sulla possibilità di agire sulla nostra condizione attuale al fine di migliorarla senza ricorrere a un cambiamento così drastico. L’organizzazione e la lungimiranza sono fondamentali; se non ne siamo dotati dobbiamo impegnarci e fare di tutto per svilupparle.

macchinaStrategie generali di trasferimento:

  • Se abbiamo la fortuna di conoscere qualcuno di cui possiamo veramente fidarci, che è già radicato da tempo in un determinato luogo ed è disposto ad aiutarci, allora è come se avessimo vinto al Superenalotto. Privilegiamo senza alcun ripensamento quel luogo: tutto sarà estremamente più semplice e, anche se non è la meta a cui ambivamo, è di gran lunga consigliato accontentarsi e ricominciare una nuova vita con più certezze, anziché essere in un luogo che amiamo di più ma completamente in balia di noi stessi.
  • In questa fase di preparazione dobbiamo studiare le norme, le leggi, l’economia, le usanze e anche la storia della nazione di nostro interesse. In questo compito internet è un valido alleato; ogni governo ha un sito ufficiale dove reperire tutte le informazioni che un immigrato deve conoscere.
  • Si deve affrontare questo cambiamento attraverso un percorso graduale. Un gesto di rottura o una fuga improvvisa, per quanto possiamo ritenerci convinti e determinati, è la strada più rapida in direzione del fallimento. Prima di ogni altra cosa dobbiamo iniziare a conoscere in modo sempre più profondo il luogo di nostro interesse e per farlo non abbiamo alternative: dobbiamo viverci per periodi sempre più lunghi. Zone del mondo che riteniamo meravigliose solo perché ci siamo stati in vacanza per un paio di settimane, infatti, potrebbero rivelarsi un vero e proprio inferno.
  • Se è vero che in molti paesi industrializzati vivere costa meno e vengono assicurate pensioni di buon livello, bisogna però capire se a fronte di tutto questo esistono servizi adeguati.
    Si parla di sanità, istruzione e trasporti, capisaldi irrinunciabili che possono garantire a noi e alla nostra famiglia il medesimo livello di sicurezza, cultura e comfort a cui siamo sempre stati abituati.
  • Andare all’estero, soprattutto se si ha famiglia, significa attuare un cambiamento che non coinvolge solo se stessi: se avessimo bisogno di cure serie il luogo dove vogliamo andare potrebbe fornircele? I nostri figli riceverebbero il medesimo grado d’istruzione che in Italia e, una volta cresciuti, qualora volessero rimpatriare, ne avrebbero la possibilità? I titoli di studio conseguiti permetterebbero loro di trovare lavoro e rifarsi una vita in un altro paese? L’istruzione e la sanità privata hanno costi sostenibili?

Tratto da: 

 

 

 

Summary
Cambio vita: mi trasferisco all'estero!
Article Name
Cambio vita: mi trasferisco all'estero!
Description
Gli astronauti non vanno sulla Luna perché odiano l’ossigeno, ma per la grande voglia di esplorare; allo stesso modo, chi decide di andare all’estero non lo deve fare perché odia il posto in cui si trova, ma perché ama quello in cui vorrebbe vivere.
Author
Publisher Name
Edizioni Il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche:

La forza delle emozioni
Sconfiggi la rassegnazione: videolezione con Rosario Alfano
La fisica del successo, di Natalie Reid
Una riflessione sul tempo: il passato
Il narcisista: se lo conosci, lo eviti
Loading Facebook Comments ...

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi richiesti sono segnati con*

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.