La dipendenza affettiva: quando l’amore fa soffrire 0
in Psiche ed emozioni Vita di coppia

La dipendenza affettiva: quando l’amore fa soffrire

Perché soffriamo per amore? In realtà, non è l’amore a farci soffrire. Ci sono così tante espressioni umane che si celano dietro la parola “amore” che finiamo per non essere più capaci di gestirlo e gli attribuiamo dei torti che non può generare. Ad esempio, una persona può credere di amare qualcuno, ma invece di esprimere amore esprime piuttosto:

  • il bisogno di controllare;
  • il bisogno di essere rassicurato dalla presenza dell’altro;
  • il bisogno di possedere le persone (i miei figli, mio marito, mia moglie, i miei amici);
  • il bisogno di essere occupato, distratto dall’altro;
  • il bisogno di avere ragione;
  • il bisogno di potere;
  • il bisogno di aiutare.

Tra queste forme “distorte” c’è la dipendenza affettiva, in cui l’oggetto della dipendenza è una relazione.

La dipendenza affettiva può assumere varie forme e manifestarsi in svariati tipi di relazione: parentale, amorosa o sessuale. La ritroviamo persino nei rapporti d’amicizia, al lavoro o nell’ambito di una terapia.

La caratterizza la subordinazione dell’uno nei confronti dell’altro. Si tratta quindi di rapporti malsani. Quando il bisogno d’amore è eccessivo, compulsivo e insaziabile, trascina la persona in un circolo vizioso che l’allontana da se stessa, senza per questo avvicinarla a un concreto e sano rapporto egualitario.

Le conseguenze della dipendenza affettiva sono una minor autostima e fiducia in se stessi o persino la solitudine e il rifiuto. Il dipendente affettivo vuole essere amato a ogni costo, senza sapere cosa significhi amare se stessi. Tenta di essere amato da qualcun altro. Sogna un amore che colmi l’immenso vuoto che lo pervade, anche se, in fondo, non crede di meritare di essere amato per quello che è.
Attenzione però: se fa soffrire non è amore.

Chi racconta bugie, chi ci vorrebbe diversi da come siamo, chi ci tiene sulle spine, dà buca agli appuntamenti, telefona poco, chi in sostanza fa più piangere che ridere, più infuriare che gioire è un soggetto che è meglio evitare di prendere in considerazione. Poco importa se si comporta così perché ha avuto un’infanzia infelice. Risolvere le questioni insolute della sua vita non è compito nostro. Sofferenza non è sinonimo d’amore.

Le persone sono un misto di qualità e difetti, hanno storie alle spalle che hanno fatto di loro ciò che sono, ma una cosa è certa: quando una persona è innamorata, vuole vedere il partner felice ed è contento di comportarsi in modo da farlo sentire bene.

E allora, come fare?

Un aiuto per superare questa tendenza al rapporto malsano può venire dal porsi all’ascolto delle proprie emozioni. Essere all’ascolto di sé per il dipendente affettivo, che spesso si sente confuso sul piano emotivo, è qualcosa da imparare. Quando le emozioni si manifestano in blocco e il dolore che le accompagna è forte, la paura fa in modo che tutto venga represso. Può succede che una situazione vissuta faccia talmente male che non si sa da quale parte iniziale per districare questo groviglio di emozioni e di pensieri.

Anni trascorsi a evitare le nostre emozioni però ci allontanano dai nostri bisogni, da ciò che siamo. Più prendiamo in considerazione i nostri sentimenti, più la comunicazione con noi stessi diventa buona, cosa che esercita ripercussioni favorevoli sul nostro modo di comunicare con chi ci sta vicino.

Benché ipersensibile ai bisogni e alle aspettative altrui, il dipendente affettivo non eccelle quando si tratta di comunicazione. Dato che dubita di se stesso, ha paura ad aprirsi e a esternarsi. Più invece impara conoscersi e a stimarsi, più va dritto al punto. Si creano così conversazioni più chiare con gli altri. La comunicazione è sempre meno inquinata dal filtro della dipendenza. Le persone riescono quindi a esprimersi in maniera autentica e ad ascoltarsi alla pari.

Prestandosi più attenzione, il dipendente affettivo sviluppa una migliore qualità d’ascolto e questo risana il suo rapporto, perché la comunicazione rappresenta il cemento di una relazione.

 

Per approfondire:

 

 

 

 

 

Image credits: PHOTOCREO Michal Bednarek/Shutterstock.com

 

 

Summary
La dipendenza affettiva: quando l'amore fa soffrire
Article Name
La dipendenza affettiva: quando l'amore fa soffrire
Description
La dipendenza affettiva può assumere varie forme e manifestarsi in svariati tipi di relazione: parentale, amorosa o sessuale. La ritroviamo persino nei rapporti d’amicizia, al lavoro o nell’ambito di una terapia.
Author
Publisher Name
Edizioni Il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

L’arte della fusione con l’altro

Come esprimere la collera in maniera costruttiva

Perché incontro sempre l’uomo sbagliato?

I sogni ricorrenti: cosa sono e il loro significato

Uomini e donne non collimano…?

Liberarsi dalle ripetizioni familiari negative

Con gli occhi dell’amore, trovi il rapporto perfetto

La comunicazione, il cemento della coppia

Innamorarsi sempre delle stesse persone: i copioni inconsci

La coppia che scoppia

Vivere relazioni sane

L’adolescenza, un’identità in rivoluzione

Cos’è lo stress e come ridurlo

Il segreto delle guarigioni eccezionali

I pensieri ci fanno ammalare?

L’uomo che non credeva nell’amore, di don Miguel Ruiz

Le principali piante medicinali per attacchi di panico

Ecco i vincitori del giveaway di Pronto soccorso cinematografico per cuori infranti

Gli abiti e l’arte della seduzione

Come combattere la depressione stagionale

Il corpo e l’arte della seduzione

Intervista a Nirodh Fortini

Esercizio pratico di felinità: sorridi!

Come funziona l’intuizione

Sesso, desiderio e alimentazione: 6 stimolanti naturali

Lo spazio interpersonale e la seduzione

Il lutto: perdita ed elaborazione

Gli autosabotatori

L’amore fa soffrire?

La comunicazione uomo-donna

I fantasmi di un amore passato

Esercizio di respirazione per armonizzare gli emisferi cerebrali

Ecco perché ingrassiamo quando siamo stressati

L’ansia e la mente catastrofica

I sogni ci comunicano informazioni preziose

Simboli dei sogni: LE PARTI DEL CORPO

Trasforma otto emozioni letali in emozioni sane – recensione su La mente mente

Un autosabotatore: il silenzio

Amore e dipendenza affettiva

Come far durare un amore nel tempo

Quando ci mettiamo in gabbia da soli…

Esercizio di meditazione per superare un lutto

Insonnia e meditazione

Il sesso e gli odori

A(mare) senza naufragare

Apprezzare la solitudine

Slow life: apprezzare il cammino, oltre che la meta

Isopraxismo: il collante della coppia

Saper riconoscere le proprie emozioni

La mente subconscia e il potere del cambiamento

Viaggi nel tempo: realtà o illusione?

Imparare a dire no

Mindfulness per super mamme in cinque minuti

Il perfezionismo: dal desiderio di far bene all’ossessione

L’interpretazione dei sogni

IL CANTO ARMONICO di ROBERTO LANERI

La forza delle emozioni

Dimmi come mangi e ti dirò chi sei

Concentrarsi sul presente: una vera e propria terapia di Mindfulness

Cenerentola (favola moderna)

Come ravvivare il fuoco della passione

Canto armonico, intervista e video di Roberto Laneri

Stress? Impara a coccolarti e ritrova la tua serenità mentale

Il cibo dell’amore: alimenti afrodisiaci

La paura

Accettarsi l’un l’altro, il segreto di un solido rapporto di coppia

Riconoscere la violenza psicologica

Giveaway: Pronto soccorso cinematografico per cuori infranti

Anche l’occhio vuole la sua parte

Le nostre convinzioni possono guarirci?

Simboli dei sogni: LA VITA E LA MORTE

Divieto di scarico!

Simboli dei sogni: GLI ANIMALI

In ordine di nascita: il primogenito

Avere successo in amore: elogio della vulnerabilità

La mente è il corpo

Esercizio di sofrologia: dalla contrazione alla decontrazione

Il senso di colpa

Il significato psicosomatico delle malattie

Scopri chi sei con gli archetipi della tua personalità

Come si manifesta la depressione

Scarpe che parlano

Che “emisfero” siamo?

Fine di una relazione: la rabbia

Control freak: le personalità controllanti

Attenti ai manipolatori!

Il viso e l’arte della seduzione

San Patrizio: il trifoglio, il verde, il folletto e l’arcobaleno

Uomini ir(resistibili)

Loading Facebook Comments ...

1 Commenti

  1. Amore e dipendenza affettiva | Liberi di Leggere

    […] dipendenza affettiva si nutre della paura dell’abbandono. Si alimenta del senso di colpa e della vergogna di sé. Trae […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.