Le esperienze di premorte 0
in Energie sottili Spirito

Le esperienze di premorte

La coscienza umana può esistere in assenza di un cervello vivente?
Riguardo a questa domanda esistono prove attendibili fornite da persone che hanno avuto esperienze coscienti mentre il loro cervello era clinicamente morto. Persone che sono arrivate sulla soglia della morte ma sono tornate indietro. La loro esperienza cosciente è conosciuta come NDE o esperienza di premorte. Le NDE ci dicono che un’esperienza cosciente è possibile anche quando il cervello è temporaneamente non funzionante.
La sua momentanea disfunzione può capitare in casi di malattie gravi o di danni cerebrali, dove i segnali dell’attività del cervello cessano ma successivamente riprendono. Se il tempo passato senza le normali funzioni cerebrali non eccede la soglia critica di qualche secondo, il cervello è in grado di recuperare il suo abituale funzionamento. Allora la coscienza che era precedentemente associata a quel cervello può riemergere.
L’esperienza cosciente nel lasso di tempo in cui il cervello è clinicamente morto è un’anomalia. Non è spiegata dall’attuale paradigma materialista della scienza, che considera l’esperienza cosciente come un prodotto delle funzioni cerebrali. Tale paradigma sostiene che quando quelle funzioni cessano, cessa anche la coscienza che esse hanno generato.
Tuttavia, le evidenze fornite dai casi documentati di NDE dimostrano che non sempre la coscienza cessa quando il cervello è clinicamente morto. Non sempre c’è il ricordo dell’esperienza cosciente durante questo periodo critico, ma è sufficientemente frequente da risultare significativo: in alcune ricerche riguarda il venticinque per cento dei casi documentati. Inoltre, il ricordo è spesso genuino: si riferisce a cose ed eventi che una persona con delle funzioni cerebrali normali avrebbe sperimentato in un tempo e in un luogo dato.

mareggiataIl caso di Will Murtha
Un caso di NDE relativamente recente riguarda un giovane chiamato Will Murtha. Nell’autunno del 1999 Will decise di fare un giro in bicicletta lungo la diga marittima vicino a casa, a Dawlish, sulla costa meridionale dell’Inghilterra. La marea era estremamente alta quella sera e c’era un temporale. Le onde si schiantavano sulla parete protettiva a intervalli regolari. All’improvviso arrivò una grande onda che lo fece cadere dalla bicicletta. Si rialzò da terra ma in quel momento una seconda onda lo raggiunse e lo scaraventò in mare.
Dopo qualche secondo Will riuscì a risalire in superficie. Era un nuotatore esperto e, essendo uno sportivo semiprofessionista, era anche in forma. Eppure, mentre guardava in alto verso la diga, sapeva che uscire dall’acqua non sarebbe stato facile. Poi comprese che la marea l’avrebbe portato al largo. Si sentì trascinare nelle acque più profonde all’altezza dell’estuario del fiume Exe.
La notte si stava avvicinando e non c’era nessuno in vista. Le luci di Dawlish lampeggiavano ma nessuno stava guardando in mare aperto. Will sapeva di trovarsi nei guai. Gridò in cerca di aiuto ma invano. Iniziò a sentire i morsi dell’acqua ghiacciata. Poteva cercare di stare a galla fino all’esaurirsi delle sue forze ma non poteva fermare l’ipotermia. Sentì il freddo intenso penetrare in lui. Comprese che il suo corpo si stava spegnendo. Stava morendo.
Poi si sentì prendere da una forte sensazione di pace. Guardò in alto, verso uno stormo di gabbiani che giravano sopra di lui. Capì di essere una parte di loro e loro una parte di lui. Allora guardò indietro verso la diga che continuava ad allontanarsi e comprese che anche quella era una parte di lui. Realizzò che tutto era connesso come un’unica singola coscienza. Ci fu un bagliore di luce e il mare e il freddo scomparvero.
Si ritrovò a correre su una strada a East London. Era un caldo giorno d’estate e non stava prestando attenzione a nulla e a nessuno. Era tornato bambino. Per un secondo si sentì confuso, poi udì lo stridio dei freni. Alzò lo sguardo e vide la parte anteriore di un’automobile che si dirigeva verso di lui ad alta velocità. Non fece in tempo a spostarsi. Guardò oltre il cofano e vide il volto di una giovane donna che lo osservava sgomenta. Sentì un terribile tonfo e tutto diventò nero.
Poi si ritrovò nel corridoio della sua casa a Dawlish. Gli ci volle un attimo per capire che stava volteggiando vicino al soffitto. Bussarono alla porta. Vide sua moglie e le figlie percorrere il corridoio e aprire la porta d’ingresso. C’era un ufficiale di polizia. Lo ascoltò attentamente mentre spiegava che sulla spiaggia di Dawlish era stato ritrovato un corpo e che c’erano ragioni per credere che quel cadavere fosse del signor William Murtha.
La scena svanì e si ritrovò in acqua, in attesa di morire. Aveva sperimentato un flashback della sua infanzia, quando era stato travolto da un’automobile. Aveva dimenticato i dettagli ma aveva rivissuto quell’evento nei minimi particolari. Aveva anche condiviso la paura e il senso di colpa della donna che lo aveva investito. Sapeva perché non era riuscita a fermarsi in tempo: aveva notato una smagliatura nelle calze e si era distratta. Comprese di avere visto il futuro, o un futuro possibile se non fosse riuscito ad andare presto fuori dall’acqua. Fortunatamente, Will Murtha fu avvistato quella sera da qualcuno che stava guardando attraverso un telescopio. Venne estratto dall’acqua con le costole rotte e una grave ipotermia. Ma sopravvisse. I poliziotti non bussarono alla porta della sua casa per dare la notizia del decesso.

 

Tratto da:

 

 

 

Redazione

Summary
Le esperienze di premonte
Article Name
Le esperienze di premonte
Description
La coscienza umana può esistere in assenza di un cervello vivente? Riguardo a questa domanda esistono prove attendibili fornite da persone che hanno avuto esperienze coscienti mentre il loro cervello era clinicamente morto.
Author
Publisher Name
Edizioni Il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

Esercizio di meditazione per superare un lutto

Superare i limiti della mente: il firewalking

Conosci te stesso con i segreti dei tarocchi

Il libro della vita di Jiddu Krishnamurti

Come l’ape ebbe il suo pungiglione (leggenda Cherokee)

Esiste la vita dopo la morte?

Conversazione con Cristiano Tenca

I poteri dell’Arcangelo Gabriel e la sua invocazione

Lo Zodiaco: l’Acquario

Il sesso illuminato: respirare l’energia sessuale in un cerchio completo

Numerologia: i numeri come chiavi del Codice dell’Anima

Lo Zodiaco: lo Scorpione

Non siamo nati per soffrire

Perché si festeggia la Pasqua?

Lo Zodiaco: i Gemelli

Viaggi nel tempo: realtà o illusione?

Apri il tuo scrigno

Lo Zodiaco: il Cancro

La pratica della meditazione e la rivoluzione della coscienza

Il monaco che voleva solamente contemplare Buddha

Il potere vibratorio della voce

Il potere dei numeri

Scienza e meditazione

La colonna vertebrale: un centro energetico

Tecniche di visualizzazione: proteggersi dalle energie negative

La cristalloterapia: curarsi con le pietre

L’amore incondizionato per noi stessi | don Miguel Ruiz Jr.

Felicità – Racconto sufi

Primavera, la rinascita della vita

Fantasmi

Racconto: un monaco riconosce l’illusione della vita

Il viaggio di Maui sulla Terra

Canto della Notte dei Navajo

Il bambino e il mago – recensione su La mente mente

Il saggio e la morte

Capodanno cinese 2017: l’anno del Gallo

Storia di Pasqua

L’amore in 10 frasi

Amuleti e talismani per attirare amore e prosperità

Lo Zodiaco: il Capricorno

La Bhagavad Gita: un tesoro che trascende il tempo e lo spazio

Lo Zodiaco: il Leone

Il sesto senso

Il futuro è già scritto?

Tao Te Ching: il libro della Via

La meditazione – Racconto indiano

Il sentiero dell’amore, il sentiero della paura

Lo Zodiaco: la Vergine

Se il fallimento fosse una possibilità? | Pema Chödrön

Canto armonico, intervista e video di Roberto Laneri

I segreti del numero civico – parte 2

Ananda Moyi Ma

I sette corpi sottili, un ponte che conduce al Divino

Il codice segreto del tuo nome – recensione su La mente mente

Leggere la mano: il significato della linea del cuore

I segreti del numero civico – parte 1

Lo Zodiaco: i Pesci

Ebooklife.it: l’energia che fluisce libera porta armonia

L’energia delle pietre preziose per attirare fortuna e amore

Sai che gli alberi parlano? 1992 | 30 anni di Edizioni il Punto d’Incontro

Creare un “giardino magico”

Incontra i tuoi angeli

Messaggio per tutto il mondo…

IL CANTO ARMONICO di ROBERTO LANERI

Fai spazio al nuovo nella tua vita riordinando la casa!

Lo sciamano: guida e guaritore | Nicolás Pauccar Calcina

Allison DuBois, una medium straordinaria

Parole magiche per isolare e fermare la negatività

Mani che guariscono: il Quantum-Touch

Preghiera per l’Amore di don Miguel Ruiz

Gli alberi sacri dei Celti – seconda parte

Gli alberi sacri dei Celti – terza parte

La nostra destinazione è qui e ora

I chakra e i tre livelli di guarigione dell’uomo

Tantra yoga: sessualità e liberazione

Messaggi dall’invisibile, di Sabrina Dal Molin

Tao Te Ching – capitolo I

Cristiano Tenca – Intervista

Intervista a Patrizia Saterini, musicista e autrice di Musica indiana

Gli Angeli sono il Ponte che ci aiuta a creare il Paradiso in Terra, di Rosana Liera

Le rune e le formule magiche

Il potere dei sogni e la dermoriflessologia – recensione su Re Nudo

Camminare verso la Pace

I poteri dell’arcangelo Raphael

Sai Baba, il santo di Shirdi

Koan zen: la cultura interiore di Ta-t’zu

Intervista a Gary Quinn

Le entità: inconscio e magia, di Cristiano Tenca

Storia zen: nessun attaccamento alla polvere

Lo Zodiaco: l’Ariete

Un aiuto magico per la nostra Terra

Il ritorno del guerriero di pace di Dan Millman

Prima della coscienza, Nisargadatta Maharaji | 30 anni con Edizioni Il Punto d’Incontro

La profondità e bellezza della Ribhu Gita

I defunti, anime amorevoli che non ci lasciano mai

Lo Zodiaco: la Bilancia

I tarocchi: significato psicologico dell’Amante, arcano VI

Gli alberi sacri dei Celti – prima parte

Sii ciò che sei, Ramana Maharshi – 1988 | 30 anni di Edizioni Il Punto d’Incontro

Come attrarre la fortuna: la numerologia e il numero dell’Io

I segreti del numero civico – parte 3

Lo Zodiaco: il Toro

Messaggio dall’invisibile, di Sabrina Dal Molin

Racconto: La brama del monaco che divenne un pidocchio

Lo Zodiaco: il Sagittario

Annamalai Swami: tutta la felicità viene dal Sé

Capodanno cinese 2018: l’anno del Cane

I simboli di guarigione di Serge Kahili

Trasformare le esperienze in saggezza | La via del guerriero di pace

Vampiri umani e creature dall’aldilà

Samhain, sulle orme di Halloween

Quando i defunti si manifestano

Karma e reincarnazione

Il significato del Solstizio d’Inverno

Aiutare le anime ad andare verso la luce

Il cuore dell’universo – meditazione

Conversazioni con Ramana Maharshi, dal diario di Annamalai Swami

La forza dei simboli di guarigione

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.