Come esprimere la collera in maniera costruttiva 1
in Psiche ed emozioni

Come esprimere la collera in maniera costruttiva

Andare in collera è del tutto normale, giacché contribuisce all’equilibrio della persona e al suo rapporto con gli altri. Permette inoltre di evacuare i pensieri negativi e scaricare l’eccesso di energia, a lungo andare nocivo.

È utile sapersi arrabbiare quando la situazione lo esige. Nessuno ci obbliga ad accettare qualcosa che shutterstock_439098511giudichiamo inaccettabile. Adeguarsi, tacere, incassare non è una soluzione sana. Agire così non fa che accumulare un sacco di frustrazioni che rischiano di condurre, prima o poi, a vari disturbi nella vita. Attraverso la collera, possiamo esprimere la nostra indignazione e le rivendicazioni, come pure bisogni e delusioni.

Tuttavia, andare in collera troppo spesso o non riuscire a calmarsi non è un atteggiamento sano e occorre porvi rimedio. Esiste infatti un tipo di collera che potremmo definire “collera malsana” e che a livello fisico include accentuato aumento della frequenza cardiaca, aggressività, rabbia, agitazione e sensazione di essere sul punto di esplodere. La mente si confonde e non riusciamo a raccogliere le idee. Queste emozioni ci impediscono di pensare con chiarezza al motivo della nostra collera e di intraprendere un’azione costruttiva.

Tra i comportamenti messi in atto nella collera malsana troviamo:

 

  • Aggredire fisicamente l’altro (gli altri)
  • Aggredire verbalmente l’altro (gli altri)
  • Aggredire l’altro (gli altri) in maniera ostile/passiva
  • Prendersela con una persona estranea ai fatti, un animale o un oggetto
  • Ritirarsi con atteggiamento ostile
  • Cercare alleati contro l’altro (gli altri)

 

Quando invece proviamo una collera sana, siamo motivati ad affrontare la frustrazione o gli ostacoli al raggiungimento di uno stato d’animo equilibrato e all’intenzione di risolvere il problema. Se l’altra persona ha violato le nostre regole, ci ha mancato di rispetto o minacciato la nostra autostima, siamo stimolati a far valere le nostre ragioni in maniera ferma ma rispettosa.

Come fare dunque per passare da una collera malsana a una sana? Innanzitutto, agendo sul piano fisico.

Dopo aver riconosciuto la nostra collera, proviamo a respirare e relativizzare gli eventi. Quando siamo in collera, il cuore produce adrenalina, la quale aumenta la frequenza cardiaca. Il miglior sistema di controllo è la respirazione; respirando profondamente e con regolarità normalizziamo il ritmo cardiaco, la tensione si riduce e con essa il livello di adrenalina.

Fatto ciò, possiamo tentare di osservarci e di riflettere su ciò che penseremmo se vedessimo qualcuno adirarsi in una situazione analoga. In sostanza, si tratta di adottare il punto di vista di un osservatore, per prendere le distanze.

Altri metodi validi sono quello di darsi una rinfrescata o praticare jogging. Lo sport costituisce una buona valvola di sfogo; aiuta a esprimere l’eccesso di energia e facilita il ritorno a uno stato riflessivo sensato che permette di affrontare il problema a mente fredda.

Una volta agito sul piano fisico, possiamo tornare dall’altra persona (quella che è all’origine della collera) e cercare assieme una soluzione. Lo scambio è sempre il modo migliore di raggiungere un risultato. È importante obbligarsi ad ascoltare quanto gli altri hanno da dire e lasciarli finire senza interromperli. Occorre dare loro la possibilità di spiegarsi.

Per chi non riesce assolutamente a esprimersi, la scrittura costituisce una soluzione alternativa. Attenzione: la prima versione rischia di abbondare di aggettivi e giudizi affrettati. Una volta cessato l’iniziale sfogo, dunque, è preferibile redigere una seconda versione. A quel punto è importante analizzare i propri sentimenti, ciò che proviamo, che abbiamo vissuto al momento, che perdura ecc. Si tratta di portare alla luce la sofferenza dietro l’evento e metterla per iscritto. L’emozione alla base della collera è infatti proprio la sofferenza. C’è stata ingiustizia? Mi sono sentito sminuito, ignorato, incompreso, non all’altezza? Questa tappa è cruciale. Esprimere a parole le emozioni alla radice della collera farà scemare quest’ultima.

 

Per approfondire:

 

 

 

Image credits: Oleksandr Kavun/Shutterstock.com

 

 

 

 

 

Redazione

Summary
Come esprimere la collera in maniera costruttiva
Article Name
Come esprimere la collera in maniera costruttiva
Description
Andare in collera è del tutto normale, giacché contribuisce all’equilibrio della persona e al suo rapporto con gli altri. Permette inoltre di evacuare i pensieri negativi e scaricare l’eccesso di energia, a lungo andare nocivo.
Author
Publisher Name
Edizioni Il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

Scopri chi sei con gli archetipi della tua personalità

Ecco perché ingrassiamo quando siamo stressati

Esercizio di respirazione per armonizzare gli emisferi cerebrali

La paura

La schiena e i suoi significati psicosomatici

Attenti ai manipolatori!

Come funziona l’intuizione

Le principali piante medicinali per attacchi di panico

I pensieri ci fanno ammalare?

Slow life: apprezzare il cammino, oltre che la meta

I pensieri guidano i tuoi stati d’animo? “Mettili in riga” con la mindfulness!

Imparare a dire no

Il significato psicosomatico delle malattie

Mindfulness per super mamme in cinque minuti

L’adolescenza, un’identità in rivoluzione

I fantasmi di un amore passato

L’interpretazione dei sogni

Innamorarsi sempre delle stesse persone: i copioni inconsci

Avere successo in amore: elogio della vulnerabilità

Non solo corpo: i mudra per comunicare con efficacia

Trasforma otto emozioni letali in emozioni sane – recensione su La mente mente

Simboli dei sogni: LA VITA E LA MORTE

Messaggio alle donne: siete voi il tesoro che state cercando

Esercizio di sofrologia: dalla contrazione alla decontrazione

La mente subconscia e il potere del cambiamento

L’ansia e la mente catastrofica

In ordine di nascita: il primogenito

L’arte della fusione con l’altro

Mindfulness in famiglia: meno crisi e più serenità!

Anche l’occhio vuole la sua parte

Divieto di scarico!

Insonnia e meditazione

Liberarsi dalle ripetizioni familiari negative

Viaggi nel tempo: realtà o illusione?

Il segreto delle guarigioni eccezionali

Come combattere la depressione stagionale

Cos’è lo stress e come ridurlo

La dipendenza affettiva: quando l’amore fa soffrire

Quando ci mettiamo in gabbia da soli…

I sogni ricorrenti: cosa sono e il loro significato

Le nostre convinzioni possono guarirci?

Simboli dei sogni: GLI ANIMALI

Stress? Impara a coccolarti e ritrova la tua serenità mentale

Dimmi come mangi e ti dirò chi sei

Un autosabotatore: il silenzio

San Patrizio: il trifoglio, il verde, il folletto e l’arcobaleno

Concentrarsi sul presente: una vera e propria terapia di Mindfulness

Canto armonico, intervista e video di Roberto Laneri

Esercizio di meditazione per superare un lutto

L’intestino ci rende felici: perché una flora batterica sana fa bene anche all’umore

Il lutto: perdita ed elaborazione

Riconoscere la violenza psicologica

Il perfezionismo: dal desiderio di far bene all’ossessione

I sogni ci comunicano informazioni preziose

La mente è il corpo

Amore e dipendenza affettiva

Il senso di colpa

Come si manifesta la depressione

Saper riconoscere le proprie emozioni

Simboli dei sogni: LE PARTI DEL CORPO

Perché incontro sempre l’uomo sbagliato?

Il Toxoplasma, parassita che influenza il comportamento di uomini e topi

Metti un freno alla velocità

La forza delle emozioni

Che “emisfero” siamo?

Esercizio pratico di felinità: sorridi!

Intervista a Nirodh Fortini

Control freak: le personalità controllanti

IL CANTO ARMONICO di ROBERTO LANERI

Gli autosabotatori

Loading Facebook Comments ...

1 Commenti

  1. I sette veli: unità e separazione nella visione degli Indiani d’America | Liberi di Leggere

    […] sviluppiamo, impariamo a controllare o persino negare le nostre sensazioni. Questo velo, creato da sensazioni ed emozioni inespresse che non sono state guarite o liberate, maschera la nostra autentica […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.