L’allattamento al seno può contribuire allo sviluppo emotivo e sociale del bambino 0
in Dieta e alimentazione

L’allattamento al seno può contribuire allo sviluppo emotivo e sociale del bambino

Il cibo ha un ruolo essenziale nella salute dell’intestino, del cervello e nell’interazione tra questi due organi vitali, e questo stretto rapporto inizia al momento della nascita. Oggi sappiamo che è in particolare il latte materno ad aiutare l’intestino del neonato a riempirsi del sano mix iniziale di microbi. E la composizione del latte dipende sostanzialmente dall’alimentazione della madre.

Le mamme hanno sempre saputo che il loro latte costituisce il cibo di gran lunga migliore per i figli. Ma l’allattamento al seno è in grado di modificare il dialogo intestino-microbiota-cervello per favorire il sano sviluppo dei fondamentali circuiti e sistemi cerebrali? A suggerire questa possibilità sono ricerche condotte a lungo termine su neonati allattati. Diversi studi longitudinali hanno seguito bambini nelle varie fasi della crescita, durante le quali gli scienziati misuravano le loro capacità cognitive e intellettuali. Questi studi hanno dimostrato che più a lungo il bambino riceve il latte materno, più grande diventa il suo cervello, un tratto associato a un migliore sviluppo cognitivo.

espressioni faccialiL’allattamento al seno può perfino migliorare lo sviluppo emotivo e sociale del bambino. In uno studio recente condotto da un team del Max Planck Institute for Human Cognitive and Brain Sciences di Lipsia, in Germania, i ricercatori hanno testato bambini di otto mesi che erano stati allattati esclusivamente al seno nelle prime fasi di vita, per verificare la loro capacità di riconoscere le emozioni dal linguaggio corporeo di una persona, raffigurato in immagini di individui che apparivano felici oppure mostravano espressioni di paura. I risultati sono stati sconcertanti: i bambini allattati più a lungo reagivano alle espressioni di gioia meglio di coloro che avevano ricevuto il latte materno per un tempo inferiore.

In che modo specifico l’allattamento al seno altera le regioni cerebrali responsabili dell’apprendimento di tali abilità? I risultati di uno studio tedesco suggeriscono che ciò avviene in parte attraverso l’azione dell’ossitocina, il cui rilascio nel cervello è provocato da una varietà di stimoli sensoriali: un tocco delicato, l’allattamento o certe sensazioni corporee causate da nutrienti. L’ormone viene rilasciato nel cervello sia della madre (dove stimola la produzione di latte) sia del figlio. L’ossitocina favorisce la formazione di un forte legame affettivo, che si rinsalda proprio durante l’allattamento.

Riconoscere emozioni di base come la gioia o la collera dalle espressioni facciali e dal linguaggio del corpo assicura ai bambini uno strumento fondamentale insostituibile per il loro sviluppo sociale ed emotivo.

Tratto da:

Image credits: Lifebrary/Shutterstock.com
Jana Guothova/Shutterstock.com

Summary
L'allattamento al seno può contribuire allo sviluppo emotivo e sociale del bambino
Article Name
L'allattamento al seno può contribuire allo sviluppo emotivo e sociale del bambino
Description
Studi hanno dimostrato che più a lungo il bambino riceve il latte materno, più grande diventa il suo cervello, un tratto associato a un migliore sviluppo cognitivo.
Author
Publisher Name
Edizioni Il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

I formaggi vegan: presentazione e show cooking

Caffè: amico o nemico?

Una giornata “fruttaliana”

Intervista a Pierre Dukan – parte I

Ricette: gli asparagi

Ricette: il finocchio

L’acrilammide, un veleno nascosto

Zenzero – recensione su EcoCoaching

Ricette: l’arancia

L’eccezionale ricchezza nutritiva del lievito di birra

Una giornata del cavolo (riccio, però)

Intervista a Pierre Pellizzari

Le alghe, verdure di mare amiche della linea

L’importanza dei metodi di cottura

Il cioccolato: gusto e salute

Lo zucchero, un dolce veleno

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (seconda parte)

Ricette: il prezzemolo

Diventare vegani: a ciascuno la sua ricetta!

La chia, un piccolo seme dalle grandi virtù

Bicarbonato di sodio: carta di identità

La crusca d’avena e i suoi benefici per la salute

Come conservare la nostra salute

Ricette: l’uva

Ricette: La melanzana

Carenza di minerali, una delle cause principali dell’acidosi

Scelte alimentari autorizzate

La betulla: un prezioso alleato per la depurazione primaverile

Regole generali per un’alimentazione contro i funghi

Formaggi vegan fatti in casa

Ricette vegetariane per la dieta Dukan

Ricette: il sesamo

Frullati estivi per un pieno di energia

Vegan e senza glutine: è possibile?

I benefici delle verdure fermentate: preparare i crauti

Perché mio figlio ha bisogno di una dieta vegetale e integrale? Conferenza di Nicla Signorelli

Ricette: lo zenzero

Dimagrire con l’intestino

Ricette: il radicchio

Raw food: il crudismo, delizioso amico della linea

Ricette: le fave

Alimenti fermentati per conservare i valori nutrizionali del cibo

La medicina nel piatto: le proprietà dello zenzero

Ricette: la mela

I pesticidi in frutta e verdura d’importazione

Come preparare il latte di riso in casa

Intestino sempre in forma

Intolleranze alimentari: il ruolo di frumento e latticini

Carciofo crudo tutti i giorni per combattere la stanchezza e depurare

Il tè di gelsomino e la circolazione del Qi

Il digiuno, un incontro con se stessi

La birra, protagonista del Saint Patrick’s Day

Le intolleranze alimentari, conferenza di Alessandro Targhetta

In forma per l’estate, senza dieta!

La cura delle mele: rivitalizzare e disintossicare

Ciò che non sai sul cibo e che potrebbe salvarti la vita: Stefano Momentè a SANA 2015

Ricette: la cipolla

Vegetarianismo: Carne insostituibile? Gli italiani non la pensano così!

Intervista a Pierre Dukan – parte II

Ricette: Il miele

Ricette: la colazione vegan

L’intolleranza al glutine nei bambini

Cos’è e come si manifesta la sindrome del colon irritabile

Siamo tutti disidratati?

Ricette: le mandorle

Ricette: il cavolfiore

Proteine vegetali, proteggono l’apparato cardiovascolare

La medicina naturale: dieta sana e igiene di vita

Ricette: l’orzo

Come far mangiare le verdure ai bambini

L’importanza della vitamina B12 per adulti e bambini veg

Disintossicazione d’autunno

Il latte fa male?

Regole e consigli per essicare al meglio frutta e verdura

La crusca di avena – recensione su EcoCoaching

Il reishi: storia e proprietà del fungo curativo per eccellenza

Storica decisione dello IARC: le carni rosse lavorate sono cancerogene come l’amianto

Ricette: i fagioli

Consigli per la salute, di Luigi Torchio: un aiuto dalla fitoterapia per dimagrire

I germogli: perché consumarli e che benefici hanno

La quinoa, superalimento con una marcia in più

Ricette: il peperone

Ancora uno… e poi basta – recensione su L’angolo del personal coaching

Ricette: il miglio

La quinoa: ricette dolci

La salute a tavola: i superalimenti

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (terza parte)

Ricette: l’aglio

Ricette: la patata

Frullati VS centrifugati: proprietà e differenze

Ricette: i ceci

Alimenti acidificanti, alcalinizzanti e acidi

Il sale marino, elisir di lunga vita

…E dopo i cenoni, mi depuro!

Le diete iperproteiche: servono o no?

Ricette: La pera

L’indice glicemico ti rivela gli zuccheri nascosti

Salute e longevità: i segreti dei “popoli centenari”

Ricette: il sedano

Vegan senza glutine: Maria Alessandra Tosatti e Francesca Gregori a SANA 2016

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (prima parte)

L’aglio, alleato della nostra salute

Goji, la bacca dalle straordinarie proprietà terapeutiche

La clorofilla: un’alleata per la salute

Ricette: la carota

Ricette: La zucchina

Intervista al dottor Luigi Torchio

Ricette: La noce

Ricette: la barbabietola

Bambini e alimentazione veg: imparare ad apprezzare nuovi sapori

Dieta vegana: salvaguardi la salute, riduci l’inquinamento, rispetti la natura e gli animali

Ricette: la banana

La dieta metabolica: come e perché

Il magico mondo delle spezie

Ricette: L’ananas

Troppi antibiotici nel nostro corpo: mangi carne e ingerisci antibiotici

Ricette: il pomodoro

Ricette: il basilico

Gluten Sensitivity: la sindrome da sensibilità al glutine

Come prepararsi al digiuno

Ricette: la menta

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (quarta parte)

Ricette: le fragole

Ricette: La castagna

Ricette senza glutine: focaccia alle olive

Ricette: l’albicocca

Ricette: i piselli

Ricette: gli spinaci

Ricette: il mais

Che cos’è l’equilibrio acido-base?

Ricette: funghi curativi

Frutta e semi oleaginosi, un concentrato di energia

Dieta alcalinizzante è sinonimo di salute

Gli antiossidanti: protezione naturale grazie a frutta e verdura

Le otto cure rivitalizzanti – recensione su Bottega Scriptamanent

Gli inganni dell’industria alimentare: l’olio di palma

Soia Edamame: buona, salutare e rigorosamente italiana

La curcuma, una spezia-farmaco?

Cellulite addio: un occhio all’alimentazione

Ricette: il melograno

Sesso, desiderio e alimentazione: 6 stimolanti naturali

Il colesterolo: amico o nemico?

Ricette: la rucola

La dipendenza alimentare, una fame compulsiva

Ricette: il carciofo

Ricette: il porro

Loading Facebook Comments ...

1 Commenti

  1. L’importanza della vitamina B12 per adulti e bambini veg | Liberi di Leggere

    […] per la quale il bimbo non ha neppure la forza di succhiare e deglutire per alimentarsi. Pertanto, la mamma vegetariana che allatta deve integrare la vitamina B12 già dalla gravidanza, affinché il suo livello ematico sia tale da […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.