Riconoscere la violenza psicologica 0
in Psiche ed emozioni

Riconoscere la violenza psicologica

Spesso molti di noi intendono con il termine violenza quel comportamento che, fisicamente, concretamente, attraverso l’aggressività, provoca delle lesioni corporee a un’altra persona.

Tuttavia, nell’ambito della dipendenza affettiva esistono altre forme di violenza che creano conseguenze a tratti anche peggiori della violenza fisica. Parliamo ad esempio della violenza economica (sfruttare una condizione di vantaggio economico per sottomettere la vittima), della violenza culturale (persone che per i propri scopi fanno sentire l’altro inferiore utilizzando la loro maggiore capacità culturale per sottometterli) e di quella psicologica.

Quest’ultima evidenzia un insieme di atteggiamenti che mirano a svalutare il più possibile l’altra persona e il modo di essere di quest’ultima. L’obiettivo principale è quindi quello di sottomettere anche in questo caso la persona per il soddisfacimento delle proprie necessità, utilizzando appieno le insicurezze e i punti deboli della vittima, sfruttando l’autostima bassa, mettendo in atto comportamenti non particolarmente eclatanti ma frequenti e soprattutto costanti nel tempo.

Chi attua una violenza psicologica è un esperto nell’utilizzo dell’umiliazione e dello svilimento, arrivando perfino ad atteggiamenti palesemente di disprezzo nei confronti della vittima.

Le critiche distrumiliazioneuttive (anche talvolta di tipo sessuale) sono un altro strumento preferito da questo genere di persone, che in tal modo vogliono indurre vergogna nella vittima, la quale spesso non riesce a reagire di fronte a queste situazioni. Ricordiamoci poi che
questi atteggiamenti possono raggiungere il loro apice attraverso le minacce, le intimidazioni e comunque tutti quei comportamenti che inducono un forte senso di disagio (angoscia) nelle persone che ne sono vittima (pensiamo al tipico esempio dello stalker che fa un uso ampio e abbondante di queste tecniche per indurre terrore nella vittima designata).

Obiettivo ultimo della violenza psicologica è di creare una situazione di massimo controllo nei confronti della vittima, facendo sì che la stessa si senta completamente dipendente dal compagno/a.

Le donne che sperimentano queste situazioni possono sentirsi imprigionate, impossibilitate a sfuggire dal loro “aguzzino”. Non di rado le violenze psicologiche possono indurre nelle vittime uno stato depressivo (a causa del protrarsi delle violenze e della sensazione di impotenza che provocano).

 

Tratto da:

 

 

Image credits: horseman82/Shutterstock.com

EAK MOTO/shutterstock.com

 

Summary
Riconoscere la violenza psicologica
Article Name
Riconoscere la violenza psicologica
Description
Nell'ambito della dipendenza affettiva esistono altre forme di violenza che creano conseguenze a tratti anche peggiori della violenza fisica.
Author
Publisher Name
Edizioni Il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

Le principali piante medicinali per attacchi di panico

L’adolescenza, un’identità in rivoluzione

Trasforma otto emozioni letali in emozioni sane – recensione su La mente mente

Come combattere la depressione stagionale

Cos’è lo stress e come ridurlo

Esercizio di sofrologia: dalla contrazione alla decontrazione

Stress? Impara a coccolarti e ritrova la tua serenità mentale

Esercizio di meditazione per superare un lutto

Come esprimere la collera in maniera costruttiva

Amore e dipendenza affettiva

La mente è il corpo

Mindfulness per super mamme in cinque minuti

La mente subconscia e il potere del cambiamento

L’ansia e la mente catastrofica

Perché incontro sempre l’uomo sbagliato?

Gli autosabotatori

I sogni ci comunicano informazioni preziose

I fantasmi di un amore passato

Concentrarsi sul presente: una vera e propria terapia di Mindfulness

Canto armonico, intervista e video di Roberto Laneri

Slow life: apprezzare il cammino, oltre che la meta

Quando ci mettiamo in gabbia da soli…

Ecco perché ingrassiamo quando siamo stressati

Che “emisfero” siamo?

Le nostre convinzioni possono guarirci?

Il significato psicosomatico delle malattie

Il perfezionismo: dal desiderio di far bene all’ossessione

Imparare a dire no

Simboli dei sogni: LE PARTI DEL CORPO

La forza delle emozioni

Insonnia e meditazione

IL CANTO ARMONICO di ROBERTO LANERI

Control freak: le personalità controllanti

In ordine di nascita: il primogenito

Il senso di colpa

I pensieri ci fanno ammalare?

Come si manifesta la depressione

La paura

Esercizio pratico di felinità: sorridi!

Innamorarsi sempre delle stesse persone: i copioni inconsci

Dimmi come mangi e ti dirò chi sei

Anche l’occhio vuole la sua parte

Come funziona l’intuizione

Saper riconoscere le proprie emozioni

Divieto di scarico!

Esercizio di respirazione per armonizzare gli emisferi cerebrali

L’interpretazione dei sogni

Un autosabotatore: il silenzio

Intervista a Nirodh Fortini

Avere successo in amore: elogio della vulnerabilità

L’arte della fusione con l’altro

Simboli dei sogni: GLI ANIMALI

Liberarsi dalle ripetizioni familiari negative

Simboli dei sogni: LA VITA E LA MORTE

San Patrizio: il trifoglio, il verde, il folletto e l’arcobaleno

Il lutto: perdita ed elaborazione

Viaggi nel tempo: realtà o illusione?

La dipendenza affettiva: quando l’amore fa soffrire

I sogni ricorrenti: cosa sono e il loro significato

Attenti ai manipolatori!

Scopri chi sei con gli archetipi della tua personalità

Il segreto delle guarigioni eccezionali

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.