Che cos’è e a cosa serve l’oil pulling 0
in Benessere e bellezza Yoga e ayurveda

Che cos’è e a cosa serve l’oil pulling

Il metodo che oggi conosciamo come oil pulling deriva da un’antica pratica ayurvedica secondo la quale sciacquare quotidianamente la bocca con l’olio aiuta ad avere denti e gengive forti ed elimina la formazione di batteri che normalmente si insidiano nel cavo orale. Eseguire l’oil pulling quotidianamente con l’olio riduce infatti la quantità dei batteri che causano la carie (Streptococcus mutans) e che di norma si trovano in saliva e placca.

Ma non è finita qui. Le virtù dell’oil pulling sembrano inoltre influire anche nella prevenzione e cura di molte altre malattie, apparentemente distanti dalla nostra bocca. Secondo l’ayurveda infatti l’oil pulling contribuirebbe a combattere malattie come bronchiti, emicranie, artriti, problemi cardiaci, epatici e renali. E non solo: anche disturbi del sangue, disfunzioni digestive, neurologiche e ormonali. Sono per di più riportati molti casi “particolari” di guarigione con l’uso costante dell’oil pulling. Tra questi: acufeni, rigidità articolare, insonnia, coliti, stanchezza, sinusiti, emicranie, miglioramento del sistema immunitario (riduzolio di coccoione delle malattie da raffreddamento), disturbi agli occhi ecc.

Come si svolge in pratica l’oil pulling? Si utilizza un olio puro, estratto a freddo: tradizionalmente olio di sesamo, ma sono stati registrati ottimi risultati anche con l’olio extravergine di oliva. Seguendo i principi della medicina ayurvedica, potremmo dire
che laddove c’è una presenza elevata di “calore” (quindi infiammazioni, sanguinamenti ecc.) è più appropriato l’utilizzo dell’olio di cocco, dalle virtù rinfrescanti.

La quantità di olio è di circa 15 ml (un cucchiaio), che va mantenuto in bocca per almeno dieci minuti (sino a che non diventa denso e vischioso) da una a tre volte al giorno, purché lontano dai pasti principali. È proprio il mattino, appena alzati (magari dopo aver pulito la lingua), il periodo in assoluto da preferire, perché è il momento della giornata in cui vengono attivati i maggiori meccanismi di depurazione. Dopo averlo tenuto in bocca, fatto passare tra i denti e in tutto il resto del cavo orale, l’olio va tassativamente sputato e non ingoiato. Nell’olio, infatti, possono essere presenti batteri e parassiti che non devono entrare nuovamente in circolo.

Per approfondire:

 

 

Image credits: hungryworks/Shutterstock.com
dewspliff/Shutterstock.com

 

Redazione

Summary
Usi e benefici dell'oil pulling
Article Name
Usi e benefici dell'oil pulling
Description
Il metodo che oggi conosciamo come oil pulling deriva da un’antica pratica ayurvedica secondo la quale sciacquare quotidianamente la bocca con l’olio aiuta ad avere denti e gengive forti ed elimina la formazione di batteri che normalmente si insidiano nel cavo orale.
Author
Publisher Name
Edizioni Il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

Purificarsi col respiro

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (quarta parte)

Kubera Mudra

Le erbe amiche del fegato

Farsi un tatuaggio: i significati

10 buone regole per esporsi al sole (per l’abbronzatura perfetta)

L’arte del riciclo

Consigli per la salute: difendersi dal caldo estivo con la fitoterapia, a cura di Luigi Torchio

Pran Mudra

I tipi costituzionali dell’Ayurveda: Kapha, il tipo Acqua

Il cioccolato, una miniera di benefici per la salute

La camminata veloce: la corretta andatura

Troppi antibiotici nel nostro corpo: mangi carne e ingerisci antibiotici

Mudra per la schiena

…E dopo i cenoni, mi depuro!

Lo yoga come gioco per bambini

La forza nel freddo | Wim Hof

Il colesterolo: amico o nemico?

Proteggere gli occhi davanti al computer

Siamo tutti disidratati?

Sei Vata, Pitta o Kapha? Scopri i tipi costituzionali dell’Ayurveda

Bicarbonato di sodio: carta di identità

Stress e invecchiamento precoce: 4 consigli per combatterli

Cos’è e come si manifesta la sindrome del colon irritabile

Che cos’è e come si svolge la respirazione pranayama

Il digiuno, un incontro con se stessi

Esercizi antirughe per il contorno occhi

Il cambio degli armadi: come vestire bello e sano

I filtri solari: abbronzarsi proteggendo la pelle

Pelle spenta? Illuminala con una maschera!

Le diete iperproteiche: servono o no?

A cosa giochiamo oggi? Il rilassamento come gioco

Il massaggio ayurvedico del piede

Naga Mudra

L’efficacia del Nordic Walking

L’idroterapia Kneipp, una fonte di benessere a portata di mano

Come affrontare le vampate in menopausa

Le articolazioni e il loro significato psicologico: la spalla

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (prima parte)

Latte e oli essenziali, per un bagno da regina!

L’eccezionale ricchezza nutritiva del lievito di birra

Yin Yoga, lo yoga dolce e i suoi benefici

Geometria della guarigione – recensione su La mente mente

Oli essenziali per combattere i chili di troppo

Le otto cure rivitalizzanti – recensione su Bottega Scriptamanent

La betulla: un prezioso alleato per la depurazione primaverile

Cosmesi e “lavaggio del cervello”: il parere della Slow Cosmétique

Dieta alcalinizzante è sinonimo di salute

Acqua e spazzolature: aiutiamo il corpo a disintossicarsi

EFT, tecniche di liberazione emozionale

Un massaggio rilassante

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (seconda parte)

L’esame della lingua nelle medicine orientali

Guarire con le campane tibetane – recensione su La Stampa

Videointervista con Alida Dal Degan a SANA 2014

Intestino sempre in forma

Come pulire la pelle secondo la Slow Cosmétique

La corsa dolce, per un benessere a ogni età

Proteggere i capelli dal sole

Il massaggio con gli oli essenziali

La dieta metabolica: come e perché

Le fusa del gatto, una frequenza guaritrice?

Perdere peso, una questione di energia

Carciofo crudo tutti i giorni per combattere la stanchezza e depurare

Acqua e sale: rigenerarsi con il più naturale degli elementi

La salute a tavola: i superalimenti

I difetti della vista: guarire si può, con la ginnastica oculare

Ganesha Mudra

10 motivi per cui scegliere di praticare la camminata veloce

Nati per spendere?

L’importanza di un buon sonno

La chia, un piccolo seme dalle grandi virtù

Scrub zucchero, mandorle e miele

Uttarabodhi Mudra

Regole generali per un’alimentazione contro i funghi

Labbra screpolate? Ecco un balsamo fai da te!

Proteine vegetali, proteggono l’apparato cardiovascolare

Mal di schiena? Dolori cervicali? Attenzione alla postura!

Ayurveda, la scienza dell’autoguarigione | 30 anni di Edizioni Il Punto d’Incontro

I piedi ci parlano

Ayurveda, purificazione con Kichadi

Bucce d’arancia: rifiuti o risorse?

Ancora uno… e poi basta – recensione su L’angolo del personal coaching

Le spezie, gustoso alleato anti-freddo (terza parte)

Esercizio di respirazione per armonizzare gli emisferi cerebrali

Gli oli essenziali: il fior di loto

La couperose o rosacea: cos’è e come si combatte

Alimentazione e buonumore: mangiar sano per essere più felici

La “vera” deambulazione a piedi nudi: come si configura

EBooklife: tutti gli ebook per il tuo benessere, e molto altro!

Il massaggio californiano: l’arte del tocco

Psoriasi e stress

Una coccola per farti felice!

I tipi costituzionali dell’Ayurveda: Pitta, il tipo Fuoco

Usi e benefici dell’olio di cocco

Mudra, la danza delle mani

Il canto è gioia, di Patrizia Saterini

Applicazioni pratiche di acqua e sale

Pelle e purificazione: la frizione a secco

Come scegliere la scarpa giusta

10 buoni motivi per esporsi al sole (abbronzatura a parte…)

I mudra: cosa sono e come si eseguono

Intervista a Gianna Tomlianovich

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.