I tarocchi: significato psicologico dell’Amante, arcano VI 0
in Energie sottili Spirito

I tarocchi: significato psicologico dell’Amante, arcano VI

È frequente sentir dire o leggere che i tarocchi sono lo “specchio dell’anima”. È vero che la formula è trita e ritrita, ma ciò non la rende meno vera. In una prospettiva microcosmica, i tarocchi contengono la storia individuale di ciascuno, e quindi possono considerarsi rivelatori e specchio dell’anima.
Avventurandosi nelle profondità degli arcani, lo studioso parte alla scoperta di sé, in essi trovando manifestata la vita intera.

I tarocchi, nell’ambito delle arti simboliche, poggiano su due pilastri:

  • exoterico: i tarocchi possono essere considerati unicamente sotto il loro aspetto utilitario (pratica divinatoria);
  • esoterico: i tarocchi appaiono portatori di un messaggio filosofico e psicologico (strumento di analisi e di conoscenza di sé).

I tarocchi costituiscono anche una scuola di vita. Per chi viene iniziato ai loro misteri:

  • rivelano l’individuo a se stesso (aspetto psicologico del lavoro: acquisire la consapevolezza dei propri valori, condizionamenti, limiti, scoprire se stessi, alleggerire l’inconscio, conoscere se stessi);
  • rivelano la conoscenza universale (aspetto filosofico e spirituale: accedere a un altro livello di coscienza, aprirsi alle grandi correnti esoteriche, meditare sul senso della vita, rispondere alle domande esistenziali, conoscere il mondo);
  • rivelano gli altri (comprendere meglio i comportamenti individuali, analizzare una situazione data, alleviare le altrui preoccupazioni, conoscere gli altri).

tarocchiL’arcano VI: l’Amante

La postura fisica dell’Amante (gambe divaricate) allude a un’attività potenziale, ma non ancora sfruttata. La sua attitudine mostra l’indecisione sulla via da seguire, l’esitazione di fronte al cammino da intraprendere, l’incertezza relativa alle conseguenze dei propri atti. Il suo unico abito consiste in una corta tunica che alterna righe verticali blu, rosse e gialle. Questa colorazione ternaria evoca di certo la ricchezza, e presenta l’Amante provvisto delle qualità riflessive, dinamiche e solari provenienti da tali energie, ma evidenzia anche la disparità e la divisione che la molteplicità non manca di provocare finché non viene unificata. D’altra parte, ritroviamo questo stesso gioco di alternanze nei raggi del sole, quasi a indicare l’esistenza di un rapporto tra l’uomo e il cielo, riferimento discreto ai principi enunciati dall’ermetismo (ciò che è in basso è come ciò che è in alto).
La donna a destra nella carta, più giovane, presenta un aspetto avvenente, mentre quella a sinistra incarna l’austerità attraverso un corpo poco aggraziato. L’influenza cosmica è materializzata dall’angelo, il cui aspetto ricorda l’Eros greco o il Cupido romano. In questa prospettiva mitologica, l’angelo dell’arcano VI conferma la dimensione affettiva: lo scambio avviene su un registro sentimentale. In una prospettiva simbolica, l’arco evoca il ternario a livello delle sue componenti (arco, corda, freccia) e della sua messa in attività (tensione, espansione, rilascio).
Su un piano iniziatico, l’arcano VI descrive una tappa fondamentale nel percorso dell’essere umano. In quest’ottica esso incarna la scelta, più precisamente la scelta esistenziale, quella che fonda la natura umana. Ma se la scelta rappresenta la più grande libertà dell’uomo, è anche il suo più pesante fardello, in quanto si nutre di separazione, di abbandono e di dolore. Obbliga al superamento di sé, per quanto sofferto possa essere.
Qui non si tratta di esitazioni superficiali che possono esprimersi a proposito del modo di vestire in un certo giorno, o che concernono la marca di un prodotto o ancora ogni altra situazione nella quale l’indecisione è più artificiale e ingombrante che reale. No, la nozione esposta nell’arcano VI è grave e profonda. Più che la scelta di un oggetto o una persona, qui si tratta della scelta di una via.

Significato psicologico

L’Amante decide del suo futuro e insegna che l’errore non risiede nella cattiva scelta, ma nell’assenza di scelta.
Scegliere è difficile, perché il risultato genera sempre una perdita. La scelta si nutre di separazione, di dolore. Scegliere significa rinunciare, ma è grazie a questa rinuncia che l’Uomo progredisce.
L’arcano VI rappresenta anche l’esperienza amorosa: l’uomo di fronte alle aspirazioni del cuore. Anche l’amore si costruisce su una scelta nel modo di viverlo. In questa prospettiva, l’Amante incarna l’impegno o piuttosto la capacità o l’incapacità di impegnarsi, cioè di rispettare le decisioni prese.
Più precisamente, il sentimento appare qui nel suo aspetto sconvolgente. Non si tratta soltanto dell’amore gratificante, ma anche dell’amore scomodo, quando il cuore si divide, generando ferite affettive e psicologiche.
Più specificamente, l’Amante rappresenta l’individuo all’uscita dall’adolescenza, di fronte alla necessità di lasciare la madre per unirsi alla moglie. Dal punto di vista simbolico, quindi, la carta indica l’entrata nel mondo degli adulti. Infatti, l’attitudine a effettuare delle scelte usando del proprio libero arbitrio implica la nozione di maturità psicologica.
Il bambino non ha la responsabilità della scelta, delegata ai genitori che si incaricano di assicurare le decisioni che lo riguardano.
Ovviamente, al bambino viene lasciata una certa capacità decisionale, ma non si tratta della scelta esistenziale dell’Amante. È dunque attraverso la prima scelta, nel vero senso del termine, quale è definita nell’aspetto iniziatico della lama, che l’adolescente si evolve nell’adulto. Ciò nonostante, questo non significa che vi sia un’età per fare delle scelte, raggiunta la quale si diventa “grandi”. Vi sono individui che rimangono eternamente bambini e continuano a delegare ad altri questo potere di decisione, rimettendosi consciamente o inconsciamente nelle mani altrui o della sorte. Non usano la propria capacità di determinazione, che appare loro più come un fardello che come un potere. Sul piano psicologico, si parla allora di immaturità nella formazione dell’Ego.


Letture consigliate:

 

Summary
I tarocchi: significato psicologico dell'Amante, arcano VI
Article Name
I tarocchi: significato psicologico dell'Amante, arcano VI
Description
L’Amante decide del suo futuro e insegna che l’errore non risiede nella cattiva scelta, ma nell’assenza di scelta. Scegliere è difficile, perché il risultato genera sempre una perdita. La scelta si nutre di separazione, di dolore. Scegliere significa rinunciare, ma è grazie a questa rinuncia che l’Uomo progredisce. L’arcano VI rappresenta anche l’esperienza amorosa: l’uomo di fronte alle aspirazioni del cuore. Anche l’amore si costruisce su una scelta nel modo di viverlo. In questa prospettiva, l’Amante incarna l’impegno o piuttosto la capacità o l’incapacità di impegnarsi, cioè di rispettare le decisioni prese.
Author
Publisher Name
Edizioni Il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

Tao Te Ching – capitolo I

Come l’ape ebbe il suo pungiglione (leggenda Cherokee)

Ebooklife.it: l’energia che fluisce libera porta armonia

Annamalai Swami: tutta la felicità viene dal Sé

IL CANTO ARMONICO di ROBERTO LANERI

Il potere vibratorio della voce

Incontra i tuoi angeli

Samhain, sulle orme di Halloween

Karma e reincarnazione

Cristiano Tenca – Intervista

Fantasmi

Un aiuto magico per la nostra Terra

Scienza e meditazione

Gli alberi sacri dei Celti – terza parte

Felicità – Racconto sufi

Aiutare le anime ad andare verso la luce

Le esperienze di premorte

Il potere dei numeri

La profondità e bellezza della Ribhu Gita

Perché si festeggia la Pasqua?

Le entità: inconscio e magia, di Cristiano Tenca

Viaggi nel tempo: realtà o illusione?

La Bhagavad Gita: un tesoro che trascende il tempo e lo spazio

Storia di Pasqua

Il futuro è già scritto?

Trasformare le esperienze in saggezza | La via del guerriero di pace

I segreti del numero civico – parte 1

Il significato del Solstizio d’Inverno

Amuleti e talismani per attirare amore e prosperità

Lo Zodiaco: la Bilancia

Fai spazio al nuovo nella tua vita riordinando la casa!

La pratica della meditazione e la rivoluzione della coscienza

Lo Zodiaco: il Capricorno

Sii ciò che sei, Ramana Maharshi – 1988 | 30 anni di Edizioni Il Punto d’Incontro

Intervista a Gary Quinn

La cristalloterapia: curarsi con le pietre

La colonna vertebrale: un centro energetico

Tao Te Ching: il libro della Via

Parole magiche per isolare e fermare la negatività

Canto della Notte dei Navajo

L’amore incondizionato per noi stessi | don Miguel Ruiz Jr.

Messaggio per tutto il mondo…

Il cuore dell’universo – meditazione

Canto armonico, intervista e video di Roberto Laneri

Koan zen: la cultura interiore di Ta-t’zu

Gli alberi sacri dei Celti – seconda parte

Se il fallimento fosse una possibilità? | Pema Chödrön

Tantra yoga: sessualità e liberazione

Lo Zodiaco: la Vergine

I defunti, anime amorevoli che non ci lasciano mai

I segreti del numero civico – parte 2

I chakra e i tre livelli di guarigione dell’uomo

Apri il tuo scrigno

Lo Zodiaco: il Leone

Il saggio e la morte

Il sesso illuminato: respirare l’energia sessuale in un cerchio completo

Lo Zodiaco: i Pesci

Il ritorno del guerriero di pace di Dan Millman

La forza dei simboli di guarigione

Camminare verso la Pace

Il sesto senso

Prima della coscienza, Nisargadatta Maharaji | 30 anni con Edizioni Il Punto d’Incontro

Il sentiero dell’amore, il sentiero della paura

Quando i defunti si manifestano

I poteri dell’arcangelo Raphael

Il libro della vita di Jiddu Krishnamurti

Lo Zodiaco: i Gemelli

Lo Zodiaco: l’Ariete

Lo Zodiaco: lo Scorpione

Preghiera per l’Amore di don Miguel Ruiz

Superare i limiti della mente: il firewalking

I segreti del numero civico – parte 3

Tecniche di visualizzazione: proteggersi dalle energie negative

Ananda Moyi Ma

Capodanno cinese 2017: l’anno del Gallo

Messaggi dall’invisibile, di Sabrina Dal Molin

Lo Zodiaco: il Cancro

Gli alberi sacri dei Celti – prima parte

Conosci te stesso con i segreti dei tarocchi

Sai Baba, il santo di Shirdi

Gli Angeli sono il Ponte che ci aiuta a creare il Paradiso in Terra, di Rosana Liera

La meditazione – Racconto indiano

Mani che guariscono: il Quantum-Touch

Non siamo nati per soffrire

Storia zen: nessun attaccamento alla polvere

Il viaggio di Maui sulla Terra

Primavera, la rinascita della vita

Conversazioni con Ramana Maharshi, dal diario di Annamalai Swami

La nostra destinazione è qui e ora

Lo sciamano: guida e guaritore | Nicolás Pauccar Calcina

Lo Zodiaco: il Toro

Sai che gli alberi parlano? 1992 | 30 anni di Edizioni il Punto d’Incontro

Il potere dei sogni e la dermoriflessologia – recensione su Re Nudo

Numerologia: i numeri come chiavi del Codice dell’Anima

Come attrarre la fortuna: la numerologia e il numero dell’Io

Messaggio dall’invisibile, di Sabrina Dal Molin

Esiste la vita dopo la morte?

Lo Zodiaco: il Sagittario

L’amore in 10 frasi

I poteri dell’Arcangelo Gabriel e la sua invocazione

Il bambino e il mago – recensione su La mente mente

Intervista a Patrizia Saterini, musicista e autrice di Musica indiana

Creare un “giardino magico”

Il codice segreto del tuo nome – recensione su La mente mente

I sette corpi sottili, un ponte che conduce al Divino

Lo Zodiaco: l’Acquario

Conversazione con Cristiano Tenca

Vampiri umani e creature dall’aldilà

Allison DuBois, una medium straordinaria

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.