Cos’è lo stress e come ridurlo 0
in Mente Psiche ed emozioni

Cos’è lo stress e come ridurlo

Lo stress si infiltra in tutte le dimensioni del nostro essere: corpo e mente. Quando diviene cronico, è riconosciuto come un agente insidioso del processo di invecchiamento umano o della malattia. I suoi effetti sono devastanti e numerosi, e vanno da un leggero malessere fino alla morte.

Cos’è esattamente lo stress?

Lo stress è l’insieme delle reazioni di un organismo soggetto a pressioni da parte del suo ambiente. Queste risposte dipendono spesso dalla percezione che l’individuo ha di tali pressioni subite. Non è tanto l’evento in sé, quanto il suo impatto sulla persona. Si tratta di una complessa sequenza di eventi che provocano risposte fisiologiche, biochimiche e psicosomatiche.
Lo stress differisce dall’ansia, dall’angoscia e dalla paura, che sono tutte emozioni. È un meccanismo di reazione che può indurre a sua volta emozioni diverse, tra cui l’ansia.
I fattori di aggravamento dello stress sono molto più numerosi di quanto non si immagini. Non è solo il fatto di rimanere bloccati nel traffico mattina e sera, di lavorare agli ordini di un capo esigente o essere circondati da bambini turbolenti. Ne possiamo individuare quattro grandi categorie: i fattori psicologici quali la collera, la paura e l’ansia; i fattori ambientali, quali l’esposizione ai prodotti chimici, alle infezioni, al rumore, alle vibrazioni di ogni sorta; i fattori metabolici come le carenze nutrizionali e, infine, tutti i fattori fisiologici come gli incidenti, il dolore, gli interventi chirurgici, l’esercizio fisico estremo e la mancanza di sonno.
Con tutte queste possibili cause, non c’è da sorprendersi se tutti viviamo più o meno in una situazione di stress continuo. Lo stress presenta spesso una connotazione negativa, perché lo associamo a emozioni come la paura, la collera, che ci turbano. Ciò nonostante, una grande gioia o un grande successo possono anch’essi provocare reazioni fisiologiche (tensione muscolare, pianto, spossatezza ecc.). È quello che definiamo stress buono (eustress), che è benefico, in opposizione allo stress nocivo (dystress). Se il livello di tensione è adeguato alla situazione, all’azione, risulta benefico. Lo stesso vale per lo stress che si prova prima di una competizione temporanea. È uno stress di breve durata, in cui l’adrenalina andrà ad aumentare per consentirci di essere ancora più performanti. Al contrario, lo stress mal gestito, sproporzionato o costantemente presente genera conseguenze fisiologiche e psicologiche che si traducono in malesseri e a volte in patologie.

Cosa possiamo fare per ridurre il nostro stress?

Innanzitutto e soprattutto cominciamo con il provare gratitudine per tutto quanto ci circonda. Un simile comportamento ci permette di vivere più intensamente nel momento presente, di vedere il lato positivo degli eventi e di apprezzare gli istanti privilegiati che ci è dato vivere.

respiroEsercizio di respirazione cosciente:
La respirazione cosciente diviene un modo molto efficace per combattere lo stress. La tecnica seguente, praticata anche solo per pochi minuti, vi consentirà di alleggerirvi del peso della giornata. Sedetevi con la schiena eretta. Prendete coscienza della vostra respirazione e mettete da parte i pensieri che vi agitano.
Iniziate con una respirazione addominale profonda. La respirazione addominale è importante, perché dinamizza di più il corpo e la mente, modulando in senso positivo il sistema nervoso parasimpatico. Respiriamo fin troppo spesso con il solo torace. E invece l’hara, il centro dell’energia situato nell’addome, trarrebbe grande vantaggio dall’essere dinamizzato dalla respirazione addominale. Immaginate che il vostro addome sia un palloncino che gonfiate e sgonfiate in maniera ritmica. Sentite l’aria che alternativamente ne entra e ne esce. (All’inizio la posizione supina con le mani sull’addome potrà facilitare l’esercizio del palloncino che si gonfia e si sgonfia).
Inspirate contando in silenzio fino a sette, fate una pausa di un secondo, espirate contando fino a sette, e fate una pausa di un secondo. Proseguite con questo ritmo per 5-10 minuti.
Si inspira e si espira sempre con il naso. Un’altra variante suggerisce di espirare con la bocca emettendo un debole “ha”. Contando fino a sette (secondo il vostro ritmo), mantenete l’attenzione sul conteggio, lasciando cadere automaticamente i pensieri che potranno perturbarvi. Siate indulgenti con voi stessi, perché è normale che dopo qualche secondo la vostra attenzione sia già altrove. Tornate al centro e proseguite.

Tratto da:

 

 

Summary
Cos'è lo stress e come ridurlo
Article Name
Cos'è lo stress e come ridurlo
Description
Lo stress si infiltra in tutte le dimensioni del nostro essere: corpo e mente. Quando diviene cronico, è riconosciuto come un agente insidioso del processo di invecchiamento umano o della malattia. I suoi effetti sono devastanti e numerosi, e vanno da un leggero malessere fino alla morte.
Author
Publisher Name
Edizioni Il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

La mente subconscia e il potere del cambiamento

Dimmi come mangi e ti dirò chi sei

Canto armonico, intervista e video di Roberto Laneri

Simboli dei sogni: LE PARTI DEL CORPO

Affascinanti si nasce o si diventa?

La coppia che scoppia

I sogni ricorrenti: cosa sono e il loro significato

Liberarsi dalle ripetizioni familiari negative

I pensieri ci fanno ammalare?

IL CANTO ARMONICO di ROBERTO LANERI

Il significato psicosomatico delle malattie

Esercizio di meditazione per superare un lutto

L’amore fa soffrire?

Esercizio di sofrologia: dalla contrazione alla decontrazione

Trasforma otto emozioni letali in emozioni sane – recensione su La mente mente

L’arte della fusione con l’altro

Il rilassamento del corpo parte dal viso

I sogni ci comunicano informazioni preziose

Amore e dipendenza affettiva

Il lutto: perdita ed elaborazione

L’ansia e la mente catastrofica

Il corpo e l’arte della seduzione

Il segreto delle guarigioni eccezionali

Ecco perché ingrassiamo quando siamo stressati

Siete allodole o gufi?

Perché incontro sempre l’uomo sbagliato?

Il sesso e gli odori

L’adolescenza, un’identità in rivoluzione

San Patrizio: il trifoglio, il verde, il folletto e l’arcobaleno

Avere successo in amore: elogio della vulnerabilità

Il senso di colpa

Divieto di scarico!

Stress? Impara a coccolarti e ritrova la tua serenità mentale

Un autosabotatore: il silenzio

Mollo tutto e vado all’estero: intervista a Francesco Narmenni

Che “emisfero” siamo?

Viaggi nel tempo: realtà o illusione?

Come esprimere la collera in maniera costruttiva

Apprezzare la solitudine

L’interazione cervello-intestino: cosa dicono le più recenti ricerche

La comunicazione, il cemento della coppia

Come funziona l’intuizione

La fisica del successo, di Natalie Reid

Scopri chi sei con gli archetipi della tua personalità

Anche l’occhio vuole la sua parte

La forza delle emozioni

Il perfezionismo: dal desiderio di far bene all’ossessione

Imparare a dire no

Mindfulness in famiglia: meno crisi e più serenità!

Attenti ai manipolatori!

Fare pace con il passato

Le principali piante medicinali per attacchi di panico

Che cos’è la mindfulness?

Gli archetipi descrivono chi sei

30 anni con Edizioni Il Punto d’Incontro

Simboli dei sogni: GLI ANIMALI

Innamorarsi sempre delle stesse persone: i copioni inconsci

La paura

L’interpretazione dei sogni

Esercizio pratico di felinità: sorridi!

Scarpe che parlano

Isopraxismo: il collante della coppia

Il passo fondamentale: l’intenzione

Come combattere la depressione stagionale

Fine di una relazione: la rabbia

Quando ci mettiamo in gabbia da soli…

La mente è il corpo

Intervista a Nirodh Fortini

Il manifesto dell’abbondanza di Joe Vitale

I fantasmi di un amore passato

Concentrarsi sul presente: una vera e propria terapia di Mindfulness

Esercizio di respirazione per armonizzare gli emisferi cerebrali

Fame emotiva: riconoscerla vuol dire evitarla

Cambio vita: mi trasferisco all’estero!

Insonnia e meditazione

Mindfulness per super mamme in cinque minuti

Control freak: le personalità controllanti

Come si manifesta la depressione

Saper riconoscere le proprie emozioni

Le nostre convinzioni possono guarirci?

Simboli dei sogni: LA VITA E LA MORTE

Il narcisista: se lo conosci, lo eviti

La dipendenza affettiva: quando l’amore fa soffrire

Riconoscere la violenza psicologica

Gli autosabotatori

Slow life: apprezzare il cammino, oltre che la meta

In ordine di nascita: il primogenito

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.