Mindfulness per super mamme in cinque minuti 0
in Mente Psiche ed emozioni

Mindfulness per super mamme in cinque minuti

Ti è mai capitato di salire in macchina e arrivare a destinazione senza quasi ricordarti di avere guidato fino a lì? Alla maggior parte di noi è capitato. Questo è un esempio di come la nostra mente possa funzionare con il pilota automatico. Molte super mamme passano spesso la loro vita in questo modo: sovrappensiero, solo parzialmente coscienti e con la sensazione cronica di non essere nel presente. La pappa al bebè, i figli da portare a scuola o da aiutare con i compiti, le attività sportive o artistiche, i lavori di casa, la cena da preparare, i bambini da mettere a letto…
La pratica della meditazione mindfulness è di grande aiuto poiché è essenzialmente il contrario del pilota automatico, è la pratica di portare la nostra attenzione, intenzionalmente e con delicatezza, nel momento presente. È un modo di stare nel mondo e di percepirlo.

È di vitale importanza che tu metta in primo piano e difenda i tuoi cinque minuti di pratica meditativa ogni giorno.

meditazionemindfulnessQUANDO: Scegli un momento della giornata e fanne un’abitudine. Le abitudini si stabilizzano più facilmente se le sosteniamo con altre già consolidate. Per esempio, svegliati al mattino, lavati il viso, siediti a meditare e poi goditi la tua tazza di te o di caffè. Fai delle prove con il momento migliore della tua giornata. Per alcune il mattino presto, prima che in casa tutti comincino a muoversi, è il momento migliore. Altre mamme invece pensano che il momento del sonnellino dei bimbi o l’ora di andare a dormire sia la loro scelta vincente.
Purché tu riesca a stare sveglia, ciò che conta di più è che diventi parte integrante della tua routine giornaliera.

DOVE: Per quanto puoi, trova un luogo tranquillo dove non verrai interrotta. Stabilisci dei limiti chiari con te stessa e con la tua famiglia, tali per cui questo è un momento tuo che può essere interrotto soltanto in caso di emergenza. Naturalmente non possiamo controllare tutte le variabili: il cane dei vicini abbaierà, il telefono suonerà. Lascia che questi suoni diventino parte della tua meditazione.

PERCHÉ (sto facendo di nuovo questo?): Di sicuro arriverà il momento in cui ti chiederai perché ti prendi quei preziosi cinque minuti per stare seduta a non fare nulla. Ricordati che ti stai prendendo questo tempo per rinforzare il tuo cervello, proprio come fare una colazione nutriente aiuta la tua energia e sviluppa un corpo sano. Come non usciresti di casa al mattino senza avere mangiato (o almeno non dovresti farlo), cerca anche di non uscire senza avere praticato la mindfulness. Con il passare del tempo, quando non la praticherai ti mancherà e non vedrai l’ora di alimentartene di nuovo. Ne vale la pena e anche la tua famiglia ne beneficerà.

COME: Mindfulness è prestare attenzione al momento presente con convinzione e senza giudicare. Jon Kabat-Zinn la descrive molto bene, non solo come una mera presenza e attenzione ma come la “presenza del cuore”. Può anche essere considerata semplicemente come una forma di allenamento per rinforzare il cervello. La mindfulness ci spinge a prendere le distanze dal pilota automatico e a essere consapevoli di ciò che sta accadendo nel qui e ora in ogni istante della giornata.

Ecco un breve esempio di pratica mindfulness:

  • Prendi una sedia con la quale i tuoi piedi posino agevolmente a terra oppure siediti sul pavimento con dei cuscini, in modo che il sedere e i fianchi siano rialzati dal pavimento.
  • Fermati e diventa consapevole delle sensazioni nel tuo corpo con curiosità e accettazione. Puoi farlo scansionandolo lentamente, iniziando dai piedi e spostandoti verso la testa. Noti delle tensioni?
  • Adesso rilassa la pancia, nota che sale e scende mentre il respiro entra ed esce naturalmente. Quando la mente vaga (cosa che capita a tutti), nota dov’era (stava pianificando, ricordando, giudicando?) e semplicemente riporta con dolcezza l’attenzione sul respiro e ricomincia.
  • Congratulati con te stessa per avere ricavato il tempo, esserti seduta ed essere rimasta lì.
  • Continua la giornata inserendo delle pause consapevoli.

Summary
Mindfulness per mamme in cinque minuti
Article Name
Mindfulness per mamme in cinque minuti
Description
La pratica della meditazione mindfulness è di grande aiuto poiché è essenzialmente il contrario del pilota automatico, è la pratica di portare la nostra attenzione, intenzionalmente e con delicatezza, nel momento presente. È un modo di stare nel mondo e di percepirlo.
Author
Publisher Name
Edizioni Il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

Come combattere la depressione stagionale

Il narcisista: se lo conosci, lo eviti

Attenti ai manipolatori!

Cos’è lo stress e come ridurlo

I sogni ricorrenti: cosa sono e il loro significato

Apprezzare la solitudine

La comunicazione, il cemento della coppia

Che cos’è la mindfulness?

Perché incontro sempre l’uomo sbagliato?

Divieto di scarico!

Amore e dipendenza affettiva

Simboli dei sogni: LA VITA E LA MORTE

La fisica del successo, di Natalie Reid

Simboli dei sogni: GLI ANIMALI

IL CANTO ARMONICO di ROBERTO LANERI

Gli archetipi descrivono chi sei

Imparare a dire no

Mollo tutto e vado all’estero: intervista a Francesco Narmenni

In ordine di nascita: il primogenito

Esercizio di respirazione per armonizzare gli emisferi cerebrali

Stress? Impara a coccolarti e ritrova la tua serenità mentale

Control freak: le personalità controllanti

Siete allodole o gufi?

Un autosabotatore: il silenzio

L’amore fa soffrire?

Scarpe che parlano

Liberarsi dalle ripetizioni familiari negative

Intervista a Nirodh Fortini

L’ansia e la mente catastrofica

L’interpretazione dei sogni

Insonnia e meditazione

Ecco perché ingrassiamo quando siamo stressati

Il corpo e l’arte della seduzione

Gli autosabotatori

Esercizio di sofrologia: dalla contrazione alla decontrazione

Cambio vita: mi trasferisco all’estero!

Il rilassamento del corpo parte dal viso

Come si manifesta la depressione

Esercizio pratico di felinità: sorridi!

La paura

La dipendenza affettiva: quando l’amore fa soffrire

Affascinanti si nasce o si diventa?

Viaggi nel tempo: realtà o illusione?

La mente è il corpo

Il lutto: perdita ed elaborazione

Avere successo in amore: elogio della vulnerabilità

Simboli dei sogni: LE PARTI DEL CORPO

Canto armonico, intervista e video di Roberto Laneri

I pensieri ci fanno ammalare?

Il manifesto dell’abbondanza di Joe Vitale

Fare pace con il passato

Che “emisfero” siamo?

Le principali piante medicinali per attacchi di panico

Concentrarsi sul presente: una vera e propria terapia di Mindfulness

Il passo fondamentale: l’intenzione

Riconoscere la violenza psicologica

I fantasmi di un amore passato

Trasforma otto emozioni letali in emozioni sane – recensione su La mente mente

Dimmi come mangi e ti dirò chi sei

La coppia che scoppia

Le nostre convinzioni possono guarirci?

Il significato psicosomatico delle malattie

L’adolescenza, un’identità in rivoluzione

Fine di una relazione: la rabbia

Il senso di colpa

Il segreto delle guarigioni eccezionali

Slow life: apprezzare il cammino, oltre che la meta

Saper riconoscere le proprie emozioni

Come funziona l’intuizione

Il sesso e gli odori

L’arte della fusione con l’altro

I sogni ci comunicano informazioni preziose

Scopri chi sei con gli archetipi della tua personalità

La mente subconscia e il potere del cambiamento

Quando ci mettiamo in gabbia da soli…

San Patrizio: il trifoglio, il verde, il folletto e l’arcobaleno

Innamorarsi sempre delle stesse persone: i copioni inconsci

La forza delle emozioni

Come esprimere la collera in maniera costruttiva

Isopraxismo: il collante della coppia

L’interazione cervello-intestino: cosa dicono le più recenti ricerche

30 anni con Edizioni Il Punto d’Incontro

Fame emotiva: riconoscerla vuol dire evitarla

Anche l’occhio vuole la sua parte

Il perfezionismo: dal desiderio di far bene all’ossessione

Loading Facebook Comments ...

1 Commenti

  1. Che cos’è la mindfulness? | Liberi di Leggere

    […] Come definire dunque la mindfulness? Ne esistono molte definizioni formali – spirituali, secolari, scientifiche – ma tutte condividono alcuni temi comuni: intenzione, attenzione, accettazione e gentilezza. Il fondamento della pratica di mindfulness è il notare. Notare vuol dire prestare attenzione: quando notiamo qualcosa, ne diventiamo consapevoli e quindi siamo in grado di considerare più lucidamente ciò che sta accadendo. Come risultato, riusciamo a decidere quello che vogliamo fare dopo (Leggi anche: Mindfulness per super mamme in cinque minuti). […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.