Tantra yoga: sessualità e liberazione

Tantra yoga: sessualità e liberazione

Le tradizioni spirituali dell’India – Induismo, Buddismo, Jainismo – enfatizzano la trasmutazione dell’energia sessuale, in quanto il sesso è l’energia nucleare dell’esistenza. Da qui nascono due tipi di approcci. Il primo è una tradizione di rinunciatari, in cui l’attività sessuale è volontariamente abbandonata. Il secondo è una tradizione di persone con famiglia che praticano la moderazione della sessualità.

tantra1La tradizione delle persone con famiglia può includere anche determinate pratiche di yoga sessuale, sebbene raramente queste corrispondano alle immagini che illustrano i moderni libri occidentali sul Tantra. Questa tradizione, inoltre, mira al sostentamento dell’ordine sociale attraverso il sistema della famiglia, e quindi pone in rilievo la purezza sessuale e la lealtà. Per quanto la tradizione della rinuncia sia generalmente considerata la più diretta, consentendo all’aspirante di concentrarsi unicamente sulla pratica, questa vale solo come regola generale. Molti grandi yogi provengono da tradizioni familiari; molti rishi vedici furono sposati ed ebbero figli. Secondo la tradizione indù, gli esseri umani possono vivere con una famiglia, espletare i loro impegni sociali e familiari e comunque ottenere la liberazione.

Sebbene la tradizione della rinuncia sia la più diretta, è certamente anche la più ardua e costituisce un’eccezione, piuttosto che una regola, presso tutte le culture e tutte le epoche, anche nelle ere cosiddette illuminate. È un sentiero particolarmente difficile nell’era moderna e in Occidente, dove non esiste alcuna tradizione culturale a suo sostegno. È bene sapere che lo Yoga non incoraggia mai alla repressione, bensì alla disciplina individuale, ricordandoci che non è necessario piegarci alle forze del desiderio.
Lo Yoga è parte di un processo organico di evoluzione superiore, grazie al quale arriviamo naturalmente a trascendere i nostri limiti, accedendo a uno stato di libertà e di profondo appagamento interiore. Lo Yoga non ci dice di abbandonare quello che ci procura felicità, piuttosto ci suggerisce di prendere in considerazione la fonte da cui proviene questa felicità. La vera felicità risiede nella coscienza, non in qualche forma, identità o attività materiale.

La tradizione Yoga non rifiuta l’energia sessuale, né la considera malvagia o qualcosa di cui vergognarsi. Il celibato è raccomandato, nel corso delle pratiche spirituali, per trasmutare l’energia che viene poi impiegata a un altro livello. In assenza di pratiche di meditazione, la tradizione Yoga considera dannoso il celibato, perché l’energia inutilizzata può creare ristagni, e causare numerosi problemi fisici ed emozionali. Senza una forma di controllo sull’energia sessuale, tuttavia, non è possibile avere il potere necessario all’esecuzione delle pratiche meditative più evolute.

 

Summary
Tantra yoga: sessualità e liberazione
Article Name
Tantra yoga: sessualità e liberazione
Description
Le tradizioni spirituali dell’India – Induismo, Buddismo, Jainismo – enfatizzano la trasmutazione dell’energia sessuale, in quanto il sesso è l’energia nucleare dell’esistenza. Da qui nascono due tipi di approcci. Il primo è una tradizione di rinunciatari, in cui l’attività sessuale è volontariamente abbandonata. Il secondo è una tradizione di persone con famiglia che praticano la moderazione della sessualità.
Author
Publisher Name
Edizioni Il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche:

Perché si festeggia la Pasqua?
Meditare con i Mandala
Se il fallimento fosse una possibilità? | Pema Chödrön
Lo sciamano: guida e guaritore | Nicolás Pauccar Calcina
Numerologia: i numeri come chiavi del Codice dell’Anima
Loading Facebook Comments ...

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi richiesti sono segnati con*

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.