Che cos’è la mindfulness? 3
in Mente

Che cos’è la mindfulness?

Che cos’è la mindfulnemeditazione mindfulnessss? Fondamentalmente, la mindfulness è la presa di coscienza e l’accettazione di ciò che sta accadendo, il che a volte può implicare convivere con emozioni dolorose o difficili finché non passano, come finiranno per fare. È una pratica estremamente concreta che ci insegna a vedere con chiarezza gli altri e noi stessi, mettendoci in grado di compiere la scelta migliore in qualunque situazione (leggi anche: Concentrarsi sul presente: una vera e propria terapia di mindfulness).

Come definire dunque la mindfulness?
Ne esistono molte definizioni formali – spirituali, secolari, scientifiche – ma tutte condividono alcuni temi comuni: intenzione, attenzione, accettazione e gentilezza. Il fondamento della pratica di mindfulness è il notare. Notare vuol dire prestare attenzione: quando notiamo qualcosa, ne diventiamo consapevoli e quindi siamo in grarilassarsido di considerare più lucidamente ciò che sta accadendo. Come risultato, riusciamo a decidere quello che vogliamo fare dopo (Leggi anche: Mindfulness per super mamme in cinque minuti).

Quando prestiamo attenzione osservando quel che stiamo facendo, è meno probabile che commettiamo errori, posiamo sbadatamente oggetti, fraintendiamo situazioni, facciamo ipotesi sbagliate o reagiamo in maniera eccessiva a frangenti che forse non sono brutti come sembrano. Inoltre, cominciamo a vedere gli altri e noi stessi con chiarezza, valutiamo più accuratamente ciò che accade e quindi…
compiamo scelte migliori!
Offriamo così a noi stessi l’opportunità di rispondere adeguatamente a circostanze nuove o difficili. La consapevolezza ci aiuta a controllare meglio le nostre azioni, il che è possibile soltanto se notiamo quello che avviene.

 

La mindfulness in pratica
Mindfulness significa sostanzialmente uscire dalla nostra mente per tornare al momento attuale, a ciò che sta realmente accadendo qui e ora. Il modo più semplice e accessibile per farlo consiste nel concentrarci sul respiro. Come risultato, lasciamo andare preoccupazioni, timori, fantasticherie o desideri, sia pure per un attimo.
Non è possibile prestare contemporaneamente attenzione a entrambe le cose, e quando riusciamo a staccarci per un po’ da pensieri e sentimenti, vediamo con maggiore chiarezza quanto avviene intorno a noi. Quindi, solo per un momento, notate dove sentite il vostro respiro. Potrebbe essere sulla punta del naso, nelle narici, nel sollevarsi e abbassarsi del petto o nel movimento dell’addome. Non dovete fare nulla di speciale, soltanto prestare attenzione per un respiro o due. Si tratta di un importante primo passo in molti esercizi di mindfulness (ti potrebbe anche interessare: La meditazione camminata, un esercizio di mindfulness da praticare ovunque).

 

 

 

 

Arianna Bianchi

Ciao! Sono Arianna e per Edizioni Il Punto d’Incontro mi occupo di tutto (o quasi) ciò che riguarda la comunicazione… Ufficio stampa, social network, organizzazione eventi e chi più ne ha più ne metta!
Blogger per Liberi di Leggere, sono da anni anche operatrice shiatsu e da sempre studiosa e amante delle discipline orientali e bionaturali.

Summary
Che cos'è la mindfulness?
Article Name
Che cos'è la mindfulness?
Description
Che cos'è la mindfulness? Fondamentalmente, la mindfulness è la presa di coscienza e l’accettazione di ciò che sta accadendo, il che a volte può implicare convivere con emozioni dolorose o difficili finché non passano, come finiranno per fare. È una pratica estremamente concreta che ci insegna a vedere con chiarezza gli altri e noi stessi.
Author
Publisher Name
Edizioni Il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

La mente limpida è come l’acqua | Byron Katie

Il corpo e l’arte della seduzione

30 anni con Edizioni Il Punto d’Incontro

Cambio vita: mi trasferisco all’estero!

L’interazione cervello-intestino: cosa dicono le più recenti ricerche

Il sesso e gli odori

La frequenza del sì di Gary Quinn

Il passo fondamentale: l’intenzione

L’arte della fusione con l’altro

La fisica del successo, di Natalie Reid

Il rilassamento del corpo parte dal viso

Mollo tutto e vado all’estero: intervista a Francesco Narmenni

Rituali quotidiani per catturare l’attenzione dei bambini

Siete allodole o gufi?

Affascinanti si nasce o si diventa?

Fine di una relazione: la rabbia

Cos’è lo stress e come ridurlo

Fame emotiva: riconoscerla vuol dire evitarla

Slow life: apprezzare il cammino, oltre che la meta

La forza delle emozioni

La comunicazione, il cemento della coppia

Il manifesto dell’abbondanza di Joe Vitale

I sogni ricorrenti: cosa sono e il loro significato

Isopraxismo: il collante della coppia

Mindfulness per super mamme in cinque minuti

Scarpe che parlano

Mindfulness in famiglia: meno crisi e più serenità!

L’amore fa soffrire?

Apprezzare la solitudine

Gli archetipi descrivono chi sei

Esercizio pratico di felinità: sorridi!

Pensieri da ricordare per crescere un bambino felice

La coppia che scoppia

Il narcisista: se lo conosci, lo eviti

Le principali piante medicinali per attacchi di panico

Fare pace con il passato

Loading Facebook Comments ...

1 Commenti

  1. Metti un freno alla velocità - Liberi di Leggere

    […] 3. In ogni cosa che fai, rallenta e sii presente. Non affrettarti come se svolgessi faccende gravose. Tratta anche un evento ordinario, quale sparecchiare dopo cena, con un senso di curiosità o sacralità. In alcune tradizioni spirituali le faccende più banali, come pulire i bagni e lavare i pavimenti, vengono affidate solo agli studenti più progrediti. Questo perché capiscono che ogni momento contiene il seme e il dono della presenza, indipendentemente da quale attività stiano svolgendo (per aiutarti, puoi provare la mindfulness). […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.