Mindfulness in famiglia: meno crisi e più serenità! 1
in Mente Psiche ed emozioni

Mindfulness in famiglia: meno crisi e più serenità!

Sicuramente ti è capitato di vedere tuo figlio sperimentare un momento consapevole. Magari mentre è intento a costruire la torre più alta mai realizzata con i mattoncini Lego, sta raccontando una complicata storia sulle fate che vivono nel comodino accanto al letto o è concentrato sull’ascolto di ogni parola e nota di una canzone che gli piace. Oppure mentre si prepara a segnare un gol sul campo di calcio.
Anche se nessuno di questi momenti può sembrare particolarmente consapevole, in realtà lo sono. Quando tuo figlio concentra l’attenzione su una sola cosa, è profondamente impegnato e non giudica se stesso né desidera che qualcosa sia diverso, sta praticando la mindfulness, anche se non siede sul pavimento con le gambe incrociate e gli occhi chiusi.

bimboconmacchinineBenché ogni attività, dal fare le pulizie al lavarsi i denti, sia un’occasione per coltivare la consapevolezza intenzionale, esistono cinque specifiche attitudini, cinque modi di essere nel mondo, che sono fondamentali per praticarla.
Non sempre è facile dire se tuo figlio sia in un momento consapevole, ma vi sono cinque domande che puoi porre a te stessa per capirlo, in una sorta di mini-apprezzamento della situazione:

  • È concentrato su una sola cosa?
  • Mostra creatività in ciò che sta facendo, nel modo di valutare una situazione o di risolvere un problema?
  • È curioso riguardo a una sua esperienza, a una situazione difficile o alla prospettiva di qualcun altro?
  • È compassionevole verso se stesso o chiunque altro, inclusi gli animali e altri esseri viventi?
  • È silenzioso? Questa può essere una domanda insidiosa, perché alcuni bambini sono per natura più tranquilli di altri e potrebbero nascondere qualcosa, ma di solito si tratta di una qualità positiva.

Pertanto, cerca di riconoscere queste attitudiniconcentrazione, creatività, curiosità, compassione e silenzio – perché ciascuna di esse può indicare che tuo figlio sta sperimentando un momento consapevole.

Concentrazione

La concentrazione, ovvero la capacità di mantenere l’attenzione, è fondamentale per la consapevolezza e rappresenta una qualità che la maggior parte dei genitori vorrebbe che i figli possedessero in maggior misura. È anche una pratica, nel senso che quanto più la esercitiamo tanto più diventiamo abili.

Prova questo: giochi di concentrazione
Esistono diversi giochi e attività che aiutano i bambini a sviluppare tecniche di concentrazione, come giochi di memoria, puzzle, Jenga, figure nascoste (in cui cerchi oggetti celati in un’immagine più grande o qualcosa di disarmonico rispetto al resto), o attività manuali come realizzare all’uncinetto o colorare mandala, che spesso presentano disegni circolari e molte forme ripetitive.

bimbocreativoCreatività

Sebbene la creatività non rientri nella definizione formale della mindfulness, è talmente insita nell’esperienza dell’infanzia che vale la pena di includerla.
La creatività non riguarda soltanto l’arte, la musica o le costruzioni, anche se per molti bambini inizia così, ma è anche un nuovo modo di pensare nell’aula scolastica o di muoversi sul campo da gioco, oppure una maniera diversa di comportarsi con un membro della famiglia o un amico. Comunque si manifesti nei nostri figli, è nostro compito notare quando ciò avviene e sostenere il processo.

Prova questo: disegna i sentimenti
Ecco un modo fantastico per aiutare tuo figlio a cominciare a riconoscere e identificare i sentimenti. Puoi iniziare leggendo un libro sulle diverse emozioni e parlandone. Poi dagli un foglio di carta e qualche pennarello chiedendogli di raffigurarle, oppure traccia il contorno di un corpo invitandolo a indicare dove dimorano e come sono fatte. Cerca di non giudicare o correggerlo, e se avverti il bisogno di interrogarlo su ciò che sta disegnando, dire “Potresti spiegarmelo meglio?” è un buon punto di partenza.

Compassione

La compassione, ovvero la capacità di connettersi con l’esperienza di qualcuno che soffre e il desiderio di sostenerlo o aiutarlo, è un aspetto fondamentale dell’intenzione consapevole. Noi vogliamo che i nostri figli imparino a prendere le cose con calma e ad accettare ciò che avviene, così che possano andare avanti in maniera equilibrata, abile e compassionevole.

Prova questo: tutti commettiamo errori
Uno dei modi più efficaci per coltivare la compassione, sia verso noi stessi che verso altri, è ricordare che non siamo soli nella nostra imperfezione. Quando qualcosa va male – a te o a tuo figlio – cerca di condividere con lui uno dei tuoi errori, rammentandogli che tutti sbagliamo. Nessuno è perfetto e completamente accettabile. Questa semplice verità è fondamentale, eppure tanto difficile da tenere a mente.

 

Arianna Bianchi

Ciao! Sono Arianna e per Edizioni Il Punto d’Incontro mi occupo di tutto (o quasi) ciò che riguarda la comunicazione… Ufficio stampa, social network, organizzazione eventi e chi più ne ha più ne metta!
Blogger per Liberi di Leggere, sono da anni anche operatrice shiatsu e da sempre studiosa e amante delle discipline orientali e bionaturali.

Summary
Mindfulness in famiglia: meno crisi e più serenità!
Article Name
Mindfulness in famiglia: meno crisi e più serenità!
Description
Quando tuo figlio concentra l’attenzione su una sola cosa, è profondamente impegnato e non giudica se stesso né desidera che qualcosa sia diverso, sta praticando la mindfulness, anche se non siede sul pavimento con le gambe incrociate e gli occhi chiusi.
Author
Publisher Name
Edizioni Il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

Il manifesto dell’abbondanza di Joe Vitale

Intervista a Nirodh Fortini

Scopri chi sei con gli archetipi della tua personalità

Isopraxismo: il collante della coppia

Perché incontro sempre l’uomo sbagliato?

Concentrarsi sul presente: una vera e propria terapia di Mindfulness

Riconoscere la violenza psicologica

30 anni con Edizioni Il Punto d’Incontro

Imparare a dire no

Attenti ai manipolatori!

Esercizio di meditazione per superare un lutto

Fame emotiva: riconoscerla vuol dire evitarla

I sogni ci comunicano informazioni preziose

Simboli dei sogni: LA VITA E LA MORTE

Siete allodole o gufi?

Metti un freno alla velocità

Il lutto: perdita ed elaborazione

Le nostre convinzioni possono guarirci?

L’interazione cervello-intestino: cosa dicono le più recenti ricerche

Gli autosabotatori

La forza delle emozioni

La mente è il corpo

In ordine di nascita: il primogenito

Quando ci mettiamo in gabbia da soli…

Le principali piante medicinali per attacchi di panico

Il segreto delle guarigioni eccezionali

Stress? Impara a coccolarti e ritrova la tua serenità mentale

Simboli dei sogni: GLI ANIMALI

I pensieri ci fanno ammalare?

La coppia che scoppia

Scarpe che parlano

Come funziona l’intuizione

IL CANTO ARMONICO di ROBERTO LANERI

Rituali quotidiani per catturare l’attenzione dei bambini

La paura

Affascinanti si nasce o si diventa?

Ecco perché ingrassiamo quando siamo stressati

Fare pace con il passato

Avere successo in amore: elogio della vulnerabilità

Il Toxoplasma, parassita che influenza il comportamento di uomini e topi

Un autosabotatore: il silenzio

Divieto di scarico!

Cambio vita: mi trasferisco all’estero!

Esercizio di sofrologia: dalla contrazione alla decontrazione

Il senso di colpa

I fantasmi di un amore passato

San Patrizio: il trifoglio, il verde, il folletto e l’arcobaleno

Il sesso e gli odori

Slow life: apprezzare il cammino, oltre che la meta

Cos’è lo stress e come ridurlo

Control freak: le personalità controllanti

Come combattere la depressione stagionale

Anche l’occhio vuole la sua parte

Mindfulness per super mamme in cinque minuti

Come si manifesta la depressione

Simboli dei sogni: LE PARTI DEL CORPO

Il significato psicosomatico delle malattie

Apprezzare la solitudine

Viaggi nel tempo: realtà o illusione?

La schiena e i suoi significati psicosomatici

Canto armonico, intervista e video di Roberto Laneri

Gli archetipi descrivono chi sei

Il perfezionismo: dal desiderio di far bene all’ossessione

Insonnia e meditazione

Che cos’è la mindfulness?

Esercizio di respirazione per armonizzare gli emisferi cerebrali

L’ansia e la mente catastrofica

Mollo tutto e vado all’estero: intervista a Francesco Narmenni

Fine di una relazione: la rabbia

Esercizio pratico di felinità: sorridi!

Il corpo e l’arte della seduzione

Messaggio alle donne: siete voi il tesoro che state cercando

Amore e dipendenza affettiva

Il rilassamento del corpo parte dal viso

L’interpretazione dei sogni

La dipendenza affettiva: quando l’amore fa soffrire

L’arte della fusione con l’altro

I pensieri guidano i tuoi stati d’animo? “Mettili in riga” con la mindfulness!

L’adolescenza, un’identità in rivoluzione

Il narcisista: se lo conosci, lo eviti

L’amore fa soffrire?

Che “emisfero” siamo?

Pensieri da ricordare per crescere un bambino felice

L’intestino ci rende felici: perché una flora batterica sana fa bene anche all’umore

Saper riconoscere le proprie emozioni

La comunicazione, il cemento della coppia

Trasforma otto emozioni letali in emozioni sane – recensione su La mente mente

Come esprimere la collera in maniera costruttiva

I sogni ricorrenti: cosa sono e il loro significato

La mente subconscia e il potere del cambiamento

Non solo corpo: i mudra per comunicare con efficacia

Dimmi come mangi e ti dirò chi sei

Innamorarsi sempre delle stesse persone: i copioni inconsci

La fisica del successo, di Natalie Reid

Il passo fondamentale: l’intenzione

Liberarsi dalle ripetizioni familiari negative

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi i numeri rappresentati nel campo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.