Pensieri da ricordare per crescere un bambino felice

Pensieri da ricordare per crescere un bambino felice

Tutti i genitori vogliono crescere figli felici. Ma cosa rende felice un bambino?

shutterstock_370033490Non sostituirti e non fare niente che possa fare lui

Una preoccupazione eccessiva per i figli fa spesso sentire gli adulti dei “buoni genitori”, perché l’essere coinvolti, anche se in modo intrusivo, è vissuto come sinonimo di amore e cura del figlio, e dà loro la percezione di poter prevenire eventuali errori e problemi.
In realtà, un tale atteggiamento può produrre proprio quegli effetti tanto temuti dall’ansia stessa. Un’ansia eccessiva infatti predispone ad aspettative negative e alimenta la paura dell’insuccesso nel piccolo, tanto da portare i genitori a sostituirsi ai figli decidendo o facendo per loro. Si instaura così un circolo vizioso dove i genitori, preoccupati eccessivamente delle difficoltà dei figli, tendono a proteggerli o a controllarli, riducendo l’acquisizione della loro autonomia, provocando così delle profezie che si autoavverano.

Non permettere ai figli di “sbagliare” non dà loro l’opportunità di sperimentare le loro capacità e i loro limiti. Si possono tutelare i figli lasciandoli liberi di sperimentare le loro abilità, sopportando il rischio di qualche sbaglio e insuccesso.

shutterstock_418212532Amare i figli richiede sostegno e salvaguardia, senza invadenza e controllo. Difficile è rispettare il limite tra un atteggiamento “dominante e controllante” e un atteggiamento “referente e disponibile”, dove una buona genitorialità è assicurata.
Oggi i genitori sono molto preoccupati della loro capacità genitoriale, temono di sbagliare e si domandano se sono adeguati. Per rassicurarli, ricordo il celebre pensiero di Winnicott, che sosteneva che i bambini non hanno bisogno di genitori perfetti, bensì di genitori “sufficientemente buoni”!

Comunica al bambino parlandogli in modo positivo

  • Una regola facile: non cominciare mai una frase partendo dal “non” (è la seconda volta che lo scrivo). Ci vuole un po’ di allenamento, ma poi anche tu ti abituerai a vedere il mondo da un’angolazione diversa.
  • Coltiva l’abilità di percepire selettivamente gli avvenimenti positivi. Durante la giornata succedono un’infinità di cose e sta a noi scegliere su quali focalizzare la nostra attenzione. Puoi stabilire un piccolo rituale prima di dormire, dove il bambino (e anche tu) elenca tutte le cose belle della giornata.

Tratto da:

0 comments

Leave your reply

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Related Posts